Nicola Porro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nicola Porro (Roma, 27 settembre 1969) è un giornalista, conduttore televisivo e blogger italiano, vice-direttore vicario de Il Giornale[1] e da settembre 2016 conduttore di Matrix su Canale 5.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in economia e commercio all'Università La Sapienza di Roma, con un tesi in Tecnica industriale e commerciale, è giornalista professionista dal 1997.[2]

Ha lavorato per tre anni al quotidiano Il Foglio e ha condotto per una settimana Prima Pagina su Rai Radio 3.[3] Ha collaborato con il Corriere Economia, dove teneva una rubrica chiamata Visi Pallidi. Ha lavorato, all'inizio della carriera, a Mediaset per i programmi economici Re Mida e Quadrante economico ed ha fondato e diretto i programmi del canale di all-news finanziarie Cfn-Cnbc.[4]

Dal settembre 2011 al giugno 2013 ha condotto il programma In onda su La7 insieme a Luca Telese.[5]

Dopo il licenziamento da La7, nel luglio 2013 Porro passa a Rai 2 perché diventa il conduttore e autore del nuovo programma d'approfondimento Virus - Il contagio delle idee in onda in prima serata.

Nel 1994 è stato portavoce dell'allora Ministro degli Affari Esteri, Antonio Martino.

Da febbraio 2015 insegna Teorie e Tecniche del Linguaggio Giornalistico all'Università IULM di Milano.

Il 18 maggio 2016 comunica che Virus - Il contagio delle idee, dopo tre anni, è stato cancellato dal palinsesto dei programmi di Rai 2.

Il 21 giugno 2016 ufficializza il passaggio a Mediaset dal 1 luglio dello stesso anno. Preannuncia sul suo profilo facebook la cura e la conduzione di Matrix che andrà in onda per due volte alla settimana in seconda serata a partire dal mese di settembre 2016 su Canale 5.

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Mario Cervi, Nicola Porro, Sprecopoli. Tutto quello che non vi hanno mai detto sui nuovi sprechi della politica, Mondadori, 2007.
  • Nicola Porro, La disuguaglianza fa bene. Manuale di sopravvivenza per un liberista, La nave di Teseo, 2016

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sallusti arrestato al Giornale. La polizia lo scorta a casa ma lui "evade". Poi torna ai domiciliari, la Repubblica, 1º dicembre 2012. URL consultato il 12 ottobre 2013.
  2. ^ Annuario dei giornalisti italiani 2010 (PDF), annuariogiornalistiitaliani.it.
  3. ^ Conduttori di Prima Pagina, Radio 3.
  4. ^ Cfn, l'open day oggi a piazza Affari - MilanoFinanza.it
  5. ^ Partono i programmi d'informazione dell'autunno 2011: la novità di Santoro in primo piano | Prima Comunicazione

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN69002704 · BNF: (FRcb123438628 (data)