Antifemminismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il termine antifemminismo indica l'atteggiamento e la posizione ideologica di chi si oppone al femminismo in alcune o tutte le sue espressioni. In parte è sinonimo di maschilismo, fallocrazia e altri termini simili,[1] ma è stato usato con significato specifico in particolari periodi storici, in Italia, ad esempio nel periodo fascista.[2] In senso generale l'antifemminismo rappresenta la negazione delle istanze di pari trattamento sociale e politico fra sessi.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Oppositori al suffragio femminile negli USA all'inizio del XIX secolo

L'antifemminismo nacque storicamente come opposizione alle prime richieste femministe del XVIII e del XIX secolo[4] e si manifestò all'inizio per negare il suffragio femminile[5] (voluto dalle suffragette), l'ingresso delle donne negli istituti di istruzione superiore ed il loro accesso al mercato del lavoro. Negò il loro diritto di aderire ai sindacati, di far parte di giurie, di controllare le nascite e la loro sessualità.[6]

Il termine antifemminismo venne coniato nell'accezione moderna da Marianne Adelaide Hedwig Dohm nel suo Die Antifeministen nel 1902. Per la Hedwig Dohm gli antifemministi si dividono in quattro categorie:

  • I vecchi credenti, i conservatori, per i quali la religione è principalmente tradizione da difendere.
  • Gli attivisti per i diritti dell'uomo, che pongono meno enfasi sull'amore di Dio e si oppongono all'emancipazione delle donne con motivazioni più pratiche.
  • Gli egoisti pratici, che considerano l'emancipazione della donna dal punto di vista dei vantaggi o svantaggi che li potrebbero riguardare.
  • I cavalieri della Mater dolorosa, che si ritengono quasi angeli custodi col compito di difendere le donne dalle influenze negative.[7]

Un'organizzazione nota per le sue posizioni antifemministe è la statunitense Eagle Forum fondata nel 1972 con il nome di "STOP ERA" da Phyllis Schlaflyal al fine di impedire che venisse ratificato l'emendamento Equal Rights Amendment (ERA) che, se approvato, avrebbe dovuto rafforzare l'uguaglianza dei diritti senza distinzioni di sesso.[8]

Situazione attuale[modifica | modifica wikitesto]

Gli elementi sostanziali che riguardano l'antifemminismo sono rappresentati dalle riprovazioni nei confronti delle "discriminazioni positive" (come ad esempio i finanziamenti a favore dell'imprenditoria femminile previsti in molti paesi o i corsi e le varie iniziative dedicate alle sole donne, o alle quote rosa [9]), da alcune istanze inerenti al diritto di famiglia (come la custodia dei figli, la responsabilità legata alla paternità ed il mantenimento dei figli) e dalle critiche sulla disuguaglianza di trattamento nel sistema di giustiziario, quali l'equità nella condanna per reati simili.[10]

La condizione economica femminile ancora non prevede un equo trattamento economico nell'ambito lavorativo[11] e a parità di studio in Italia il reddito medio per le donne è inferiore rispetto a quello degli uomini, la disoccupazione femminile è maggiore e anche il corrispondente trattamento pensionistico assorbe solo il 44% della spesa nonostante le donne siano il 53% delle persone pensionate.[12][13]

David Benatar riconosce nel suo libro The Second Sexism che la discriminazione femminile è ancora un grave problema in tutto il mondo, ma sostiene che anche uomini e ragazzi possano essere soggetto di discriminazione sessista sostenendo che spesso le politiche sociali e dello stato incoraggino gli uomini, ma raramente le donne, al combattimento militare.[14]

Posizione delle donne[modifica | modifica wikitesto]

Diverse donne, sin dall'inizio, si dissociarono dalle richieste delle altre donne. La lega Women's National Anti-Suffrage League (WNASL), attiva in particolare tra il 1908 ed il 1918, si ispirò al punto di vista anti-suffragio nato in contrapposizione all'attivismo femminile già dal 1889.[15]

Spilla della Women's National Anti-Suffrage League 1908-1910

Alcune femministe sono state definite antifemministe (ad esempio: Camille Paglia, Christina Hoff Sommers, Jean Bethke Elshtain e Elizabeth Fox-Genovese) per le loro posizioni o ideologie.[16][17][18][19][20]

Antifemminismo e maschilismo[modifica | modifica wikitesto]

  • L'antifemminismo, come sopra ricordato, nasce come negazione delle istanze di pari trattamento sociale e politico fra sessi già a partire dal XVIII secolo.
  • Pure il maschilismo è una forma di sessismo, parte dalla presunta superiorità dell'uomo nei confronti della donna [21] ed è più vicino al mascolinismo[22] ed al machismo[23] anche se non va confuso con essi. Il termine divenne di uso comune negli anni 1960, in contrapposizione e per reazione al femminismo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Antifemminismo, in Treccani.it – Sinonimi e contrari, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 23 novembre 2016.
    «atteggiamento di chi è contrario al femminismo».
  2. ^ Renato Monteleone, p.200
  3. ^ wordreference
  4. ^ (EN) Lynne E. Ford, Encyclopedia of Women and American Politics, su books.google.it, Infobase Publishing, 12 maggio 2010, p. 36. URL consultato il 23 novembre 2016.
  5. ^ (EN) Elizabeth Robbins, The prisoners' banquet (PDF), su jsu.edu, Jacksonville State University, 1906, p. 34. URL consultato il 25 novembre 2016.
    «It is an argument for haste that should the Suffrage be granted to-morrow, the world may still have to wait for the generation that is to grow up in the exercise of public duty, before women can take the personal satisfaction in that so many men do».
  6. ^ Kimmel Aronson, pp.35,37
  7. ^ (DE) Hedwig Dohm, Die Antifeministen - Ein Buch der Verteidigung, su gutenberg.spiegel.de, Ferd. Dümmlers Verlagsbuchhandlung, Berlin, 1902. URL consultato il 23 novembre 2016.
    «Das Buch »Die Antifeministen« besteht zum Teil aus Aufsätzen, die im Lauf der letzten fünf Jahre in verschiedenen Journalen zum Abdruck gelangt sind».
  8. ^ Kolbert, Elizabeth. "Firebrand: Phyllis Schlafly and the Conservative Revolution." The New Yorker. Nov 7, 2005. pp. 134.
  9. ^ Costanza Rizzacasa d’Orsogna, Le paure degli uomini (e delle donne) alle radici del movimento antifemminista, su 27esimaora.corriere.it, RCS MediaGroup, 19 agosto 2014. URL consultato il 18 marzo 2017.
  10. ^ (EN) David B. Mustard, Racial, Ethnic, and Gender Disparities in Sentencing: Evidence from the U.S. Federal Courts, su journals.uchicago.edu, The University of Chicago. URL consultato il 25 novembre 2016.
  11. ^ Economies - Italiy di World Economic Forum
  12. ^ Donne e lavoro, Istat: “Stipendi maggiori per gli uomini e aumenta la disoccupazione tra le neo mamme” su Il Fatto Quotidiano
  13. ^ Istat, nel primo trimestre 2016 + 242 mila occupati rispetto al 2015. Disoccupazione stabile all'11,6%, scendono gli inattivi su L'Huffington Post
  14. ^ (EN) David Benatar, The Second Sexism: Discrimination Against Men and Boys (PDF), su gla.ac.uk, University of Glasgow, 2012. URL consultato il 25 novembre 2016.
    «By the term ‘second sexism’ Benatar means the wrongful discrimination against men and boys on the basis of sex, which he claims is unrecognized».
  15. ^ (EN) Julia Bush, The Women's National Anti‐Suffrage League, su oxfordindex.oup.com, Oxford University Press. URL consultato il 25 novembre 2016.
  16. ^ Judith Stacey, Is Academic Feminism an Oxymoron?, Signs, vol. 25, No. 4, Feminisms at a Millennium. (Summer, 2000), pp. 1189-1194.
  17. ^ Elizabeth Kamarck Minnich, Review, Feminist Attacks on Feminisms: Patriarchy's Prodigal Daughters, in «Feminist Studies», vol. 24, No. 1. (Spring, 1998), pp. 159-175.
  18. ^ BITCHfest: Ten Years of Cultural Criticism from the Pages of Bitch Magazine,by Margaret Cho (Foreword), Lisa Jervis (Editor), Andi Zeisler (Editor), 2006
  19. ^ "A Short History of "Feminist" Anti-Feminists", Slate magazine
  20. ^ Patai and Koertge, Professing Feminism: Education and Indoctrination in Women's Studies, (2003)
  21. ^ maschilismo[ma-schi-lì-smo] s.m.• Atteggiamento per cui l'uomo si reputa superiore alla donna in contesti sociali e privati. http://dizionari.corriere.it/dizionario_italiano/M/maschilismo.shtml
  22. ^ Treccani.mascolinismo
  23. ^ Treccani.machismo

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Esther Vilar, The manipulated man (Der Dressierte Mann), Toronto, Bantam Books, 1974, SBN IT\ICCU\BRI\0305418.
  • Renato Monteleone, Il Novecento : un secolo insostenibile : civiltà e barbarie sulla via della globalizzazione, prefazione di Enzo Collotti, Bari, Dedalo, 2005, ISBN 88-220-6280-9.
    «giudizi ed asserzioni di inequivocabile spirito antifemminista, diventano uno dei tratti specifici della mentalità e del costume fascista».
  • (EN) Michael Kimmel, Amy Aronson, Men and masculinities : a social, cultural, and historical encyclopedia, edited by Michael Kimmel and Amy Aronson, Santa Barbara, ABC -CLIO, 2004, ISBN 1576077748.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • antifemminismo, su garzantilinguistica.it, Garzanti. URL consultato il 23 novembre 2016.
  • antifemminismo, su wordreference.com, WordReference.com. URL consultato il 23 novembre 2016.
    «opposizione alle rivendicazioni di parità sociale e politica fra uomo e donna».
  • Annali della Fondazione Ugo La Malfa XXVI-2011, su books.google.it, Gangemi Editore, p. 146. URL consultato il 23 novembre 2016.
    «si veda ad esempio la riflessione su antifemminismo e razzismo in Anna Rossi-Doria».
Controllo di autoritàBNF: (FRcb135364834 (data)