Frank Calì

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Francesco Paolo Augusto Calì (o semplicemente Frank Calì o FrankieBoy; New York, 26 marzo 1965New York, 13 marzo 2019) è stato un mafioso statunitense, presunto appartenente alla famiglia Gambino. Viene considerato il mediatore tra Cosa nostra statunitense e Cosa nostra siciliana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sono stati rilevati contatti con Nicola Mandalà e Nicola Notaro della Famiglia di Villabate, Giovanni Nicchi della Famiglia di Pagliarelli, Vincenzo Brusca della Famiglia di Torretta.[1] Teneva rapporti anche con membri della 'ndrangheta di Siderno.[2] Ufficialmente amministrava società di import export di frutta.[3] Calì venne arrestato nel febbraio 2008 nell'operazione Old bridge insieme ad altri 62 presunti affiliati, con le accuse di racket, estorsione e associazione a delinquere.[4] Tra l'altro prima del suo arresto, veniva considerato come un uomo misterioso in quanto non c'erano sue foto e lo si sentiva solo nominare al telefono in alcune intercettazioni.[4]

Venne condannato in data 4 giugno 2008 per associazione a delinquere finalizzata all'estorsione; venne scarcerato il 6 aprile 2009. Da agosto 2015 veniva considerato il boss della famiglia Gambino, succeduto a Domenico Cefalù.[5] È morto nel marzo 2019 all'età di 53 anni, ucciso a colpi di arma da fuoco sotto la sua abitazione di Staten Island, New York[6].

Boss della famiglia Gambino[modifica | modifica wikitesto]


Salvatore D'Aquila
1909 - 1928

Al Mineo
1928 - 1930

Frank Scalice
1930 - 1931

Vincent Mangano
1931 - 1951

Albert Anastasia
1951 - 1957

Carlo Gambino
1957 - 1976

Paul Castellano
1976 - 1985

John Gotti
1985 - 2002

Peter Gotti
2002 - 2011

Domenico Cefalù
2011 - 2015 - 2019 - attualmente

Frank Calì
2015 - 2019

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie