Gene Gotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eugene Gotti

Eugene Gotti (New York City, 1946) è un mafioso statunitense di origini italiane. Legato alla famiglia Gambino ed importante trafficante di droga. È anche il fratello del più famoso boss John Gotti.

Background[modifica | modifica wikitesto]

Nato da John e Fannie Gotti, Gene ha quattro fratelli: il defunto capo della famiglia Gambino John Gotti, Peter Gotti, Richard V. Gotti e Vincent Gotti. Gene ha una moglie, Rosalie, tre figli e otto nipoti; la sua casa di famiglia si trova a Valley Stream, New York[1].

La sua affiliazione nella famiglia gambino risale al 1966. Dopo essere stato riconosciuto colpevole di furto, Gotti è stato incarcerato per tre mesi in un carcere federale. Fu condannato, ancora una volta, per possesso illegale di arma da fuoco, scontando 18 mesi di reclusione[1].

Crescita nella famiglia Gambino[modifica | modifica wikitesto]

Gene diventò di fatto membro attivo della famiglia nel 1976, lavorando con il fratello John nella South Ozone Park Crew.

Nei primi anni ottanta Gotti fu parte attiva in una vasta operazione di spaccio di droga, coadiuvato dai colleghi Charles Carneglia e Angelo Ruggiero, come lui uomini d’onore della famiglia, sotto la direzione del fratello John Gotti, vero leader e mente della Crew. Tuttavia lo spaccio di droga era, al tempo, un’attività espressamente vietata dal capofamiglia dei Gambino Paul Castellano; ovviamente quest’infrazione, oltre che molto redditizia, fu anche un guanto di sfida che Gotti lanciava alle vecchie gerarchie della famiglia.

Nel 1985, con l’assassinio di Castellano, e la consecutiva presa di potere di John Gotti, Gene fu designato quali nuovo capo della South Ozone Park Crew.

Secondo la testimonianza del pentito, e vice boss, Salvatore “Sammy the Bull” Gravano, Gene fu coinvolto in numerosi omicidi di mafia; tuttavia, nei successivi processi, Gotti non verrà mai incriminato per tali capi d’accusa.

Gene fu anche un fortunato giocatore d’azzardo, cosa che mandava in bestia il fratello John; raccontava sempre di come era capace di vincere alle corse puntando su un cavallo quotato nove ad uno mentre John perdeva centinaia di migliaia di dollari puntando sul football, cavalli e college basketball.

Il 13 marzo 1987 Gene e John furono assolti dall’accusa di racket federali, la quale comprendeva anche il gioco d’azzardo e l’omicidio[2].

Processo e detenzione[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 maggio 1989, dopo due procedimenti invalidati per errori giudiziari di forma, Gene fu condannato per contrabbando di eroina, traffico multi-milionario ed importantissimo per la famiglia Gambino. Il primo procedimento fu invalidato a causa del tentativo di influenzamento della composizione e delle decisioni della giuria, ed il secondo fu invalidato a causa dello stallo che si era venuto a verificare nei voti della giuria, non riuscendo a raggiungere un verdetto unanime. Tuttavia ci furono problemi anche durante il terzo procedimento dato che due giurati furono respinti, incluso un sostituto che aveva testimoniato di aver ricevuto minacce[3]. L'8 luglio 1989 Gene è stato condannato a 50 anni di reclusione in una prigione federale.

A seguito della sua condanna, Gene fu retrocesso nelle gerarchie della famiglia[4][5].

Gene Gotti attualmente è detenuto presso il Federal Correctional Institution di Pollock a Pollock in Louisiana, dove sta scontando la sua condanna dal 1989. La data del suo definitivo rilascio è prevista per il 14 settembre 2018, quando avrà 72 anni[6].

Cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

  • Gene Gotti è stato interpretato dall'attore Scott Cohen nel telefilm Gotti del 1996, prodotto dalla HBO.

Letture addizionali[modifica | modifica wikitesto]

  • Mob Star: The Story of John Gotti by Gene Mustain & Jerry Capeci del 2002, ISBN 0-02-864416-6.
  • Gotti: The Rise & Fall by Jerry Capeci del 1996, ISBN 0-451-40681-8.
  • Mafia Dynasty: The Rise & Fall of the Gambino Crime Family by John H. Davis del 1994, ISBN 0-06-109184-7.
  • Goombata: The Improbable Rise and Fall of John Gotti and His Gang by John Cummings and Ernest Volkman

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Selwyn Raab, Gotti's Brother Called Rising Star in Gambino Mob, New York Times, 16 febbraio 1988.
  2. ^ Leonard Buder, Gotti is aquited in conspiracy case involving the mob, New York Times, 14 marzo 1987.
  3. ^ Alison Gendar, Larry McShane, Intimidating jurors was the Gotti way, tapes reveal in Junior Gotti trial, Daily News, 15 ottobre 2009.
  4. ^ Marvine Howe, Gotti's Brother Is Sentenced To 50 Years, New York Times, 8 luglio 1989.
  5. ^ Thomas Morgan, Gene Gotti Guilty in Heroin and Racketeering Case, New York Times, 24 maggio 1989.
  6. ^ Inmate locator: Gene Gotti, bop.gov.
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie