Rapimento della Chiesa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nell'ambito dell'escatologia cristiana, il rapimento è il nome dato a una teoria teologica sulla realizzazione degli eventi descritti nell'Apocalisse di Giovanni professata, per lo più, da alcune componenti del mondo protestante.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Secondo questa dottrina, creduta in special modo dalle chiese evangeliche, Gesù Cristo scenderà dal cielo e porterà con sé tutti quelli nati di nuovo. Verranno trasportati simultaneamente ad incontrare il Signore nell'aria e, dopo aver subito una trasformazione del corpo, si uniranno ai credenti, precedentemente morti che nel contempo passeranno attraverso la prima Risurrezione. Riguardo al rapimento, fra i teologi evangelici c'è disaccordo se si verificherà prima o dopo la Tribolazione, un periodo di sette anni che precede la seconda venuta di Cristo sulla terra e anche se la durata della Tribolazione sarà di sette anni o solo di tre anni e mezzo.

Alcuni ritengono che la tribolazione di cui parla il Vangelo di Matteo (Capitolo 24), è già avvenuta nel 70 d.C. con la distruzione di Gerusalemme. Collegata al rapimento è la dottrina del millenarismo, secondo cui prima (per alcuni) o dopo (per altri) Satana e i suoi angeli saranno legati e Cristo e la sua chiesa regneranno sulla terra per mille anni, dopo di che verrà il Giudizio universale.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

cristianesimo Portale Cristianesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cristianesimo