Michael T. Flynn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Michael T. Flynn (2012)

Michael Thomas Flynn (Middletown (Rhode Island), 1958[1]) è un politico e militare statunitense, consigliere per la sicurezza nazionale del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump dal 22 gennaio 2017 al 13 febbraio 2017.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Tenente generale dell'United States Army,[2] ex direttore della Defense Intelligence Agency (DIA), ex comandante della Joint Functional Component Command for Intelligence, Surveillance and Reconnaissance (JFCC-ISR) ed ex membro del Military Intelligence Board, il 22 gennaio è stato nominato Consigliere per la sicurezza nazionale, ma il 13 febbraio 2017 si è dimesso dal ruolo in seguito a controversie su contatti avuti con l'ambasciatore russo a Washington prima di entrare in carica[3][4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Michael Flynn: Everything you need to know, abcnews.go.com, 18 luglio 2016. URL consultato il 18 febbraio 2017.
  2. ^ (EN) A damning view of US intelligence in Afghanistan, bbc.co.uk, 5 gennaio 2010. URL consultato il 18 febbraio 2017.
  3. ^ (EN) White House: Trump Forced National Security Adviser Resignation, voanews.com, 14 febbraio 2017. URL consultato il 18 febbraio 2017.
  4. ^ Usa, si dimette il consigliere per la sicurezza nazionale Michael Flynn, lastampa.it, 14 febbraio 2017. URL consultato il 18 febbraio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN106838505 · LCCN: (ENno2010000832 · GND: (DE1113110422