Michael T. Flynn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Michael T. Flynn
Michael T Flynn.jpg
Michael Flynn nel 2012

25º Consigliere per la sicurezza nazionale
Durata mandato 20 gennaio 2017 –
13 febbraio 2017
Presidente Donald Trump
Predecessore Susan Rice
Successore Herbert Raymond McMaster

Director of the Defense Intelligence Agency
Durata mandato 24 luglio 2012 –
7 agosto 2014
Presidente Barack Obama
Predecessore Ronald Lee Burgess Jr.
Successore David R. Shedd (provvisorio)

Dati generali
Firma Firma di Michael T. Flynn

Michael Thomas Flynn (Middletown (Rhode Island), 1958[1]) è un politico e militare statunitense, consigliere per la sicurezza nazionale del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump dal 20 gennaio al 13 febbraio 2017.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Flynn, Tenente generale dell'United States Army,[2] ex direttore della Defense Intelligence Agency (DIA), ex comandante della Joint Functional Component Command for Intelligence, Surveillance and Reconnaissance (JFCC-ISR) ed ex membro del Military Intelligence Board, il 22 gennaio è stato nominato Consigliere per la sicurezza nazionale, ma il 13 febbraio 2017 si è dimesso dal ruolo in seguito a controversie su contatti avuti con l'ambasciatore russo a Washington prima di entrare in carica.[3][4]

La carriera militare di Flynn includeva un ruolo chiave nel mettere a punto la strategia antiterrorismo degli Stati Uniti e smantellare le reti di insorti in Afghanistan e in Iraq, e gli furono assegnate numerose missioni di combattimento, operazioni convenzionali e operazioni speciali di intelligence.[5][6][7] Era stato nominato dal presidente Barack Obama diciottesimo direttore della Defense Intelligence Agency, che diresse dal luglio 2012 al suo ritiro dall'esercito nell'agosto 2014.[8]
Dopo aver lasciato l'esercito, ha fondato il Flynn Intel Group, che ha fornito servizi di intelligence ad aziende e governi, compresi quelli in Turchia.[9][10]
Flynn è stato per poco tempo consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Donald Trump, dal 20 gennaio al 13 febbraio 2017.[11] Si è dimesso dopo che sono emerse notizie che aveva ingannato il Vice Presidente Mike Pence sulla natura e il contenuto delle sue comunicazioni con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergey Kislyak.[12][13] Il mandato di Flynn di soli 24 giorni è stato il più breve nella storia dell'ufficio.[14][15] Il 27 aprile 2017, l'ispettore generale del Pentagono ha annunciato un'indagine per verificare se Flynn avesse accettato denaro da governi stranieri senza la necessaria approvazione.[16] Flynn inizialmente si è rifiutato di consegnare i documenti citati al Select Committee on Intelligence del Senato, invocando il quinto emendamento contro l'autoincriminazione, ma è stato elaborato un compromesso con il Committee.[17][18] Il 1º dicembre 2017, Flynn si è presentato davanti al tribunale federale per formalizzare un accordo con il Consigliere speciale Robert Mueller per dichiararsi colpevole di un solo crimine: di avere "intenzionalmente e consapevolmente" reso "false, inventate e fraudolente dichiarazioni" all'FBI.[19] Ha confermato la sua intenzione di collaborare con l'inchiesta del Consiglio Speciale.

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Michael Thomas Flynn è nato e cresciuto a Middletown, Rhode Island,[6] uno dei nove figli[20] di Helen Frances (Andrews), che lavorava nel settore immobiliare, e Charles Francis Flynn, un banchiere di provincia.[21][22][23][24][25] Entrambi i suoi genitori sono di origine irlandese.[26]

Michael Flynn si è laureato presso l'Università di Rhode Island con un Bachelor of Science in Management Science nel 1981 e si era laureato militare distinto al Training Corps Reserve Officers. Ha inoltre conseguito un Master in Business Administration in Telecomunicazioni presso la Golden Gate University, un Master in Arte e Scienza Militare presso l'United States Army Command and General Staff College e un Master of Arts in Sicurezza nazionale e Studi strategici presso il Naval War College.[8]

Flynn ha studiato presso il Military Intelligence Officer Basic Course, la Ranger School, il Military Intelligence Officer Advanced Course, l'Army Command and General Staff College, la School of Advanced Military Studies e il Naval War College.[8]

Carriera militare[modifica | modifica wikitesto]

Esercito degli Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

Il Generale Stanley McChrystal e Flynn in Afghanistan, 2010

Flynn fu assunto nell'esercito degli Stati Uniti come sottotenente del servizio segreto militare, nel 1981.[8] I suoi incarichi militari comprendevano più visite a Fort Bragg, nel North Carolina, con l'82ª Divisione aviotrasportata, 18º corpo aviotrasportato e il Joint Special Operations Command, dove partecipò all'invasione di Grenada e all'Operazione Uphold Democracy ad Haiti.[27] Ha anche lavorato con la 25a divisione di fanteria presso Schofield Barracks, Hawaii, presso il Joint Readiness Training Center di Fort Polk, in Louisiana, e l'Army Intelligence Center di Fort Huachuca, in Arizona.[8] Flynn è stato assistente capo dello staff, G2, XVIII Airborne Corps a Fort Bragg, North Carolina, dal giugno 2001 e direttore dell'intelligence presso la Joint Task Force 180 in Afghanistan fino al luglio 2002. Ha comandato la 111a Military Intelligence Brigade dal giugno 2002 al giugno 2004[8] ed è stato direttore dell'intelligence per il Comando delle operazioni speciali congiunte dal luglio 2004 al giugno 2007, in Afghanistan (Operazione Enduring Freedom) e la Guerra in Iraq (Operation Iraqi Freedom). Ha lavorato come direttore dei servizi segreti del Comando Centrale degli Stati Uniti da giugno 2007 a luglio 2008, come direttore dei servizi segreti dello Stato maggiore congiunto da luglio 2008 a giugno 2009, quindi direttore dei servizi segreti della International Security Assistance Force in Afghanistan dal giugno 2009 a ottobre 2010.[8][28]

Defense Intelligence Agency[modifica | modifica wikitesto]

Flynn parla durante il cambio di direzione alla Defense Intelligence Agency nella Joint Base Anacostia–Bolling a Washington, DC.
Flynn con Martin Dempsey e Ashton Carter (11 giugno 2013).

Nel settembre 2011, Flynn è stato promosso generale di divisione e assegnato come vice direttore dell'Intelligence Nazionale presso la direzione. Il 17 aprile 2012, il presidente Barack Obama ha nominato Flynn 18º direttore della Defense Intelligence Agency.[29][30] Flynn ha assunto il comando della DIA a luglio del 2012.[31] Contemporaneamente divenne comandante del Joint Functional Component Command for Intelligence, Surveillance and Reconnaissance (JFCC ISR) e presidente del Military Intelligence Board (MIB).

Nell'ottobre del 2012, Flynn ha annunciato l'intenzione di pubblicare il suo documento "VISION2020: Accelerating Change Through Integration", un esame dei cambiamenti che riteneva necessari in futuro per la DIA.[32][33]

Collocamento a riposo dall'esercito[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 aprile 2014, Flynn ha annunciato il suo ritiro effettivo entro la fine dell'anno, circa un anno prima di quanto era stato programmato per lasciare il suo ruolo. Secondo quanto riferito, è stato effettivamente costretto ad abbandonare la DIA dopo essersi scontrato con i superiori per il suo presunto stile di gestione caotico e per la visione dell'agenzia.[34][35][36][37] In una e-mail privata che è stata divulgata online, Colin Powell disse di aver sentito nella DIA (a quanto pare dal successivo direttore della DIA Vincent R. Stewart) che Flynn venne licenziato perché era "offensivo con lo staff, non ascoltava, lavorava contro le regole, la sua era una cattiva gestione, ecc."[36] Secondo il New York Times, Flynn mostrava una relazione poco coerente con i fatti, portando i suoi subordinati a riferirsi alle ripetute e discutibili affermazioni di Flynn come "i fatti di Flynn".[38]

Secondo quanto dichiarato da Flynn in un'ultima intervista come direttore della DIA, si sentiva come una voce solitaria nel pensare che gli Stati Uniti erano meno sicuri dalla minaccia del terrorismo islamico nel 2014 di quanto non fosse prima degli attacchi dell'11 settembre; continuò a credere di essere stato messo in pensione per aver messo in discussione la voce pubblica dell'amministrazione Obama che Al Qaida era vicino alla sconfitta.[39] Il giornalista Seymour Hersh scrisse che "Flynn aveva confermato [a Hersh] che la sua agenzia aveva inviato un flusso costante di avvertimenti riservati... sulle terribili conseguenze del rovesciamento del presidente siriano Assad". Flynn raccontò che la sua agenzia stava producendo rapporti di intelligence che indicavano che gli islamisti radicali erano la forza principale dell'insurrezione siriana e "che la Turchia guardava da un'altra parte per quello che riguardava la crescita dello Stato islamico all'interno della Siria".

Secondo Flynn, questi rapporti "hanno avuto un enorme opposizione dall'amministrazione Obama", che gli sembrava "non volesse sentire la verità". Secondo l'ex funzionario della DIA, W. Patrick Lang : "Flynn è incorso nell'ira della Casa Bianca insistendo nel dire la verità sulla Siria... l'hanno cacciato via. Non voleva stare zitto."[40] In un'intervista ad Al Jazeera, Flynn criticò l'amministrazione Obama per il ritardo nel sostenere l'opposizione in Siria, consentendo così la crescita di Al Nusra e di altre forze estremiste: "quando non capisci e aiuti qualcuno, troverà altri mezzi per raggiungere i suoi obiettivi" e che "avremmo dovuto fare molto prima questo sforzo, ecco, di quello che abbiamo fatto."[41]

Flynn si ritirò dall'esercito degli Stati Uniti con 33 anni di servizio il 7 agosto 2014.[42]

Dopo il pensionamento[modifica | modifica wikitesto]

Società di consulenza[modifica | modifica wikitesto]

Flynn, con suo figlio Michael G. Flynn, gestivano la Flynn Intel Group Inc, che forniva servizi di intelligence alle imprese e ai governi prima di chiudere nel 2016.[43][9] La società era stata fondata nell'autunno 2014 e riprese l'attività a giugno 2015 come Delaware General Corporation Law.[43]

Flynn è stato pagato più di 65 000 $ da società collegate alla Russia nel 2015, tra cui 11 250 $ da entrambe le Volga-Dnepr e dalla filiale statunitense di Kaspersky.[43][44] Altri clienti includevano Palo Alto Networks, Francisco Partners, Brainwave Science e Adobe Systems.[43] Mentre lavorava come consulente, Flynn è stato membro di numerose organizzazioni, tra cui GreenZone Systems, Patriot Capital, Brainwave, Drone Aviation e OSY Technologies.[45][43][46] Le società controllate dal Flynn Intel Group comprendevano FIG Cyber Inc, con a capo Timothy Newberry e FIG Aviation.[45][47]

Agente straniero[modifica | modifica wikitesto]

Nel luglio 2016, Flynn ha parlato a una riunione di ACT!for America in un momento in cui il tentativo di colpo di stato in Turchia del 2016 contro il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan era ancora in corso. Parlò favorevolmente dei partecipanti al colpo di stato, dicendo che Erdoğan aveva allontanato la Turchia dalla laicità, spingendola verso l'islamismo, e che i partecipanti al golpe volevano che la Turchia fosse vista come una nazione laica, un obiettivo "per cui valeva la pena battersi".[48]

Entro la fine di settembre 2016, la società di consulenza di Flynn è stata assorbita da Inovo BV, una società di proprietà di Kamil Ekim Alptekin, presidente del Consiglio degli affari turco-americano, ed è una branca del Foreign Economic Relations Board of Turkey (DEIK).[49][50][51][52][53]

L'8 novembre (giorno delle elezioni negli Stati Uniti), un editoriale scritto da Flynn è stato pubblicato da The Hill, in esso chiedeva il sostegno degli Stati Uniti per il governo di Erdoğan e criticava l'oppositore del regime, Fethullah Gülen, sostenendo che Gülen era a capo di una "vasta rete globale" "che si adattava" alla descrizione di una pericolosa rete di terrore dormiente.[54][55][56] A quel tempo, Flynn non rivelò che la sua società di consulenza aveva ricevuto fondi da una impresa con legami con il governo turco.[57] Dopo che i legami di Flynn erano stati divulgati da The Daily Caller, Politico e altri, il direttore di The Hill aggiunse una nota all'articolo di Flynn, affermando che Flynn aveva omesso di rivelare di essere stato ingaggiato in quel momento in un "lavoro di consulenza che potrebbe aver aiutato il governo della Turchia", che la sua azienda aveva ricevuto pagamenti da una società con stretti legami con il governo turco, o che la compagnia aveva rivisto la bozza del redattore prima che fosse presentata a The Hill.[54]

L'8 marzo 2017, Flynn si era registrato al Dipartimento di giustizia come agente straniero per una cifra di 530 000 $ per attività di lobbying prima del giorno delle elezioni. [58] Questo lavoro era stato fatto per conto di una società con sede in Olanda che avrebbe potuto aver lavorato per il governo turco.[58]

Il 24 marzo 2017, l'ex direttore della CIA James Woolsey ha dichiarato che nel settembre 2016 Flynn, mentre lavorava per la campagna presidenziale di Trump, aveva partecipato a un incontro in un hotel di New York con funzionari turchi tra cui il ministro degli esteri Mevlut Cavusoglu e il ministro dell'energia Berat Albayrak, genero del presidente della Turchia Recep Tayyip Erdogan e avevano discusso di rapire Fethullah Gülen e di rimandarlo in Turchia, scavalcando il processo legale di estradizione dagli Stati Uniti.[59]

Flynn ha partecipato a una riunione sulla sicurezza nazionale con l'allora candidato Trump nello stesso periodo in cui Flynn lavorava per clienti stranieri, il che solleva preoccupazioni etiche e conflitti di interesse.[60][61] Flynn è stato pagato almeno 5 000 $ per il servizio come consulente per un progetto russo-statunitense per costruire 40 reattori nucleari in tutto il Medio Oriente, e l'omissione di Flynn di rivelare questo fatto è stato segnalato dai membri della Camera dei Rappresentanti Elijah Cummings ed Eliot Engel come possibile violazione della legge federale.[62][63]

Partecipazione alla cena di gala di Russia Today[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 dicembre 2015, Flynn ha partecipato a una cena di gala a Mosca in onore di RT (ex "Russia Today"), un organo di stampa in lingua inglese di proprietà del governo russo, sul quale ha fatto apparizioni semi-regolari come analista dopo essersi ritirato dal servizio del governo degli Stati Uniti.[64]

Alla cena Flynn sedeva accanto al presidente russo Vladimir Putin, inducendo il giornalista Michael di Politico a riferire che "in un momento di semi-ostilità tra Stati Uniti e Russia, la presenza di una figura così importante al tavolo di Putin sorprese" i funzionari statunitensi.[65][66][44] Come parte dei festeggiamenti, Flynn ha tenuto un discorso sugli affari mondiali per il quale è stato pagato almeno 45 000 $.[64] Flynn ha giustificato il pagamento di RT in un'intervista con Michael Isikoff.[66]

Il 1º febbraio 2017, membri democratici di rango in sei comitati della Camera hanno inviato una lettera al Segretario alla Difesa James Mattis, chiedendo un'indagine del Dipartimento della Difesa sui legami di Flynn con RT.[67] I legislatori hanno espresso preoccupazione per il fatto che Flynn avesse violato la clausola sui compensi ricevuti da stranieri della Costituzione accettando denaro da RT.[67] The Foreign Emoluments Clause, Article I, Section 9, Clause 8 of the United States Constitution.[67]

Un rapporto del 2017 della United States Intelligence Community indicava la RT come "principale mezzo di propaganda internazionale del Cremlino" e affermava che RT America era stata creata come un'organizzazione non profit autonoma "per evitare il Foreign Agents Registration Act".[68][69]

Come ufficiale dell'intelligence militare in pensione, a Flynn fu richiesto di ottenere il permesso dal Dipartimento della Difesa e dal Dipartimento di Stato prima di ricevere denaro da governi stranieri. A quanto pare Flynn non chiese l'approvazione prima dell'intervento a RT, e non segnalò il pagamento quando chiese il rinnovo del suo nulla osta di sicurezza due mesi più tardi.[64] Glenn A. Fine, l'ispettore generale del Dipartimento della Difesa, confermò che stava indagando su Flynn.[44]

Elezioni presidenziali americane del 2016[modifica | modifica wikitesto]

Flynn partecipa a una manifestazione della campagna per l'allora candidato presidenziale repubblicano Donald Trump, nell'ottobre 2016

Essendo già stato consultato sulla sicurezza nazionale da Carly Fiorina e da altri candidati, tra cui Scott Walker, Ben Carson, Ted Cruz e Donald Trump,[70] a Flynn fu chiesto a febbraio 2016 di fare il consulente nella campagna di Trump.[71]

Nel luglio 2016 venne riferito che era considerato il candidato alla vicepresidenza di Trump; Flynn ha poi confermato di aver presentato i documenti da vagliare per la campagna e, anche se era un democratico registrato, era disposto ad accettare la candidatura alla vicepresidenza repubblicana se scelto.[72][73] Tuttavia Trump ha invece scelto il governatore dell'Indiana Mike Pence.

Come uno dei relatori principali durante la prima notte della Convention nazionale repubblicana del 2016, Flynn ha descritto ciò che il Los Angeles Times ha riportato come un discorso "appassionato", in cui affermava: "Siamo stanchi dei discorsi vuoti di Obama e della sua retorica sconsiderata... Questo, questo ha fatto sì che il mondo non avesse rispetto per la parola dell'America, né temesse la nostra forza ";[74] ha accusato Obama di aver scelto di nascondere le azioni di Osama bin Laden e dello Stato Islamico[75] Flynn ha continuato a criticare la correttezza politica e si è unito alla folla in un canto di "U-S-A! U-S-A!". Durante i canti ha detto a quelli del pubblico: "Fatti coinvolgere! Questo è per il nostro paese."[74][76]

Durante il discorso, Flynn lanciò un violento attacco alla candidata democratica Hillary Clinton. Ha guidato la folla nei canti di "Rinchiudiamola!"; durante uno di quei canti, ha incoraggiato la folla a continuare, dicendo: "Accidenti! Completamente giusto! Non c'è niente di sbagliato in questo![39] Ha chiesto alla Clinton di ritirarsi dalla gara, dicendo che "se avessi fatto un decimo di quello che ha fatto, oggi sarei in prigione".[77][78] Ha ripetuto nelle successive interviste che doveva essere "rinchiusa".[70] Durante la campagna per Trump, anche Flynn si riferiva alla Clinton come al "campo nemico".[77] Sei giorni dopo il discorso, Flynn ha scatenato una polemica ritwittando[79] osservazioni antisemitiche, di cui in seguito si è scusato e ha sostenuto non erano intenzionali.[80] Durante la campagna elettorale, Flynn ha usato Twitter per pubblicare collegamenti a storie negative su Clinton, come la teoria della cospirazione del Pizzagate.[81] Una volta Flynn si era opposto al waterboarding e ad altre tecniche estreme di interrogatorio che ora sono state bandite; tuttavia, secondo un articolo del Washington Post dell'agosto 2016, a un certo punto, nel contesto dell'apparente apertura di Trump al ripristino di tali tecniche, disse che "sarebbe riluttante a fare scelte fuori discussione".[77] Nel maggio 2016, un giornalista di Al Jazeera ha chiesto a Flynn se sostenesse il piano dichiarato di Trump di "espellere [le] famiglie"[82][83] di persone sospettate di essere coinvolte nel terrorismo. In risposta, Flynn dichiarò: "Dovrei vedere le circostanze di quella situazione".[77] In un'intervista con Al Jazeera, Flynn ha criticato la dipendenza degli Stati Uniti dai droni che considerava una "strategia fallimentare", affermando che "i risultati sono continui investimenti nel conflitto. Più armi diamo, più bombe facciamo cadere, col risultato... di alimentare il conflitto".[84][85]

Consigliere per la sicurezza nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Flynn, il generale Joseph F. Dunford, il presidente del Joint Chiefs of Staff, il generale Joseph Votel e il generale Raymond A. Thomas alla base aerea di MacDill (6 febbraio 2017)

Il 10 novembre 2016, il presidente Obama ha messo in guardia il presidente eletto Trump contro l'assunzione di Flynn.[86] Durante il loro incontro nello Studio Ovale due giorni dopo le elezioni, Obama ha espresso "profonda preoccupazione" per l'assunzione di Flynn in un posto di sicurezza nazionale delicato e di alto livello.[87]

Il 18 novembre 2016, Flynn ha accettato l'offerta di Trump per la posizione di consigliere per la sicurezza nazionale.[88] Prima della sua nomina, fonti dei media, tra cui il Washington Post e l'Associated Press, avevano già criticato le sue strette relazioni con la Russia,[89][90][91][65][66] e la sua accettazione di teorie del complotto anti-Clinton e notizie false nella campagna presidenziale del 2016.[81][92]

Nel dicembre 2016, Flynn incontrò Heinz-Christian Strache, leader del partito di estrema destra Partito della Libertà Austriaco (FPÖ), alla Trump Tower di New York.[93] L'incontro attirò l'attenzione perché l'FPÖ era stato fondato da ex-nazisti nel 1950, e perché Strache aveva recentemente firmato un accordo di cooperazione con il partito al governo di Vladimir Putin Russia Unita. Nella campagna elettorale Trump si rifiutò di commentare l'incontro.[93]

Il 29 dicembre 2016, Flynn parlò con l'ambasciatore russo Sergey Kislyak, lo stesso giorno in cui l'amministrazione Obama aveva annunciato misure di ritorsione in risposta all'interferenza nella campagna presidenziale statunitense del 2016 da parte del governo russo. La conversazione telefonica a quanto si dice sarebbe stata sentita con sospetto dai consiglieri di Obama che erano stati informati sul suo contenuto dall'FBI come un possibile accordo segreto tra la squadra dirigente subentrante e Mosca, cosa che avrebbe potuto violare il quiescente Logan Act che impedisce ai cittadini non autorizzati di negoziare con potenze straniere nelle controversie con gli Stati Uniti.[94][95][96] Il giorno dopo la segnalazione di David Ignatius, il Portavoce della Casa Bianca subentrante di Trump, Sean Spicer disse che la conversazione era avvenuta il 28 dicembre e che quindi non avrebbe potuto toccare le misure di rappresaglia o la risposta della Russia; Spicer in seguito dovette correggersi sulla data della conversazione.[97]

Il 4 gennaio 2017, Flynn informò Don McGahn, poco prima di diventare consigliere della Casa Bianca, che era sotto inchiesta per il suo lavoro con la Turchia.[98] Dieci giorni prima della cerimonia di insediamento di Donald Trump, Flynn disse all'allora Consigliere per la sicurezza nazionale Susan Rice di non procedere con un'invasione pianificata di Raqqa ma di usare le Unità di Protezione Popolare dei curdi.[99] La decisione di Flynn avrebbe ritardato la campagna, che aveva richiesto sette mesi di pianificazione, di molti altri mesi, ma era coerente con le obiezioni turche di servirsi delle truppe curde.[100]

Il sostituto procuratore generale Sally Yates, nella testimonianza dell'8 maggio davanti alla sottocommissione per il crimine e il terrorismo del comitato giudiziario del Senato, disse che l'FBI aveva interrogato Flynn, il 24 gennaio 2017. Sulla base dei risultati di quell'interrogatorio, ha fatto una richiesta "urgente" di incontrare McGahn.[101] Si è incontrata con lui il 26 gennaio e di nuovo il 27 gennaio.[102] Informò McGahn che Flynn era "compromesso" e probabilmente ricattabile dai russi. La Yates disse a McGahn che Flynn aveva ingannato Pence e altri funzionari dell'amministrazione sulla natura della sua conversazione con l'ambasciatore russo.[103][104][89][105] Ha aggiunto che la "condotta di fondo" di Flynn, che non poteva descrivere a causa della segretazione, "era problematica in sé e per sé", dicendo che" (Flynn) era molto più di un funzionario della Casa Bianca che imbroglia un altro".[102][101] L'ex Segretario della Difesa degli Stati Uniti Robert Gates ha definito la possibilità di Flynn di essere ricattato "un'esagerazione".[106] pur riconoscendo che la sua falsa affermazione era "un problema... di cui vorrei parlare al presidente".

Il 22 gennaio 2017, il The Wall Street Journal ha riferito che Flynn era sotto inchiesta da parte di agenti del controspionaggio statunitense per le sue comunicazioni con funzionari russi.[107] L'8 febbraio 2017, Flynn ha negato categoricamente di aver parlato a Kislyak nel dicembre 2016 delle sanzioni imposte alla Russia dall'amministrazione Obama; tuttavia, il giorno successivo, i funzionari dell'intelligence USA hanno messo a disposizione un resoconto che indicava che tali discussioni avevano effettivamente avuto luogo.[108] In seguito a questa rivelazione, il portavoce di Flynn ha rilasciato una dichiarazione secondo cui Flynn "ha dichiarato che mentre non aveva alcun ricordo di aver discusso delle sanzioni, non poteva essere certo che l'argomento non fosse mai venuto fuori".[109]

Licenziamento e inchiesta[modifica | modifica wikitesto]

Lettera di dimissioni di Michael T. Flynn

Il 13 febbraio 2017, Flynn rassegnò le dimissioni da Consigliere per la sicurezza nazionale, in seguito a notizie sui suoi rapporti con l'ambasciatore russo Sergey Kislyak e ulteriori informazioni sul fatto che avesse ingannato il vicepresidente su di essi.[110] Il mandato di 24 giorni di Flynn come consigliere per la sicurezza nazionale è stato il più breve nei 63 anni di storia dell'ufficio.[15] Le comunicazioni che ha avuto con l'ambasciatore russo sono state desecretate e fatte trapelare alla stampa.[111] Commentando le dimissioni di Flynn, il 14 febbraio il segretario della Casa Bianca, Sean Spicer, ha dichiarato: "Siamo arrivati a un punto non basato su un problema legale, ma basato su un problema di fiducia, in cui un livello di fiducia tra il presidente e il generale Flynn si è eroso fino al punto in cui sentiva di dover cambiare... Il problema qui era che il presidente arrivò al punto in cui la relazione del generale Flynn - ingannando il vicepresidente e gli altri, o la possibilità che avesse dimenticato i dettagli critici di questa importante conversazione aveva creato una massa critica e una situazione insostenibile. Ecco perché il Presidente ha deciso di chiedere le sue dimissioni, e le ha ottenute."[112]

Lo stesso giorno (14 febbraio), il presidente Trump ha incontrato il direttore dell'FBI James Comey nello Studio ovale e, a quanto riferito, gli ha detto "Spero che tu possa vedere il modo di lasciar andare Flynn" aggiungendo "che è un bravo ragazzo."[113] Comey successivamente testimoniò che: "Avevo capito che il Presidente chiedeva di interrompere qualsiasi indagine su Flynn in relazione a dichiarazioni false sulle sue conversazioni con l'ambasciatore russo in dicembre... Non ho capito se il presidente parlasse di una più ampia indagine sulla Russia o di possibili collegamenti alla sua campagna".[114] La correttezza, e persino la legittimità, di queste parole che Trump avrebbe detto a Comey su Flynn sono diventate oggetto di un considerevole dibattito pubblico.[115] Diversi mesi dopo aver licenziato Flynn, Trump ha anche licenziato Comey, cosa che Comey ha attribuito alle indagini sulla Russia dell'FBI.[116] Flynn si era offerto di testimoniare all'FBI o al comitato del Senato e dell'Intelligence della Camera relativamente all'indagine russa in cambio dell'immunità dall'azione penale.[117]

Tuttavia, il Select Committee on Intelligence del Senato ha respinto l'offerta di Flynn di testimoniare in cambio dell'immunità.[118] Flynn inizialmente ha rifiutato di rispondere a un mandato di comparizione del Comitato di Intelligence del Senato, invocando il quinto emendamento contro l'autoincriminazione, ma lui e il comitato hanno successivamente raggiunto un compromesso.[44][18] L'ispettore generale del Pentagono sta anche esaminando se Flynn abbia accettato denaro da governi stranieri senza la necessaria approvazione.[16]

Il 5 novembre 2017, NBC News ha riferito che Robert Mueller aveva prove sufficienti per le accuse contro Flynn e suo figlio; Michael G. Flynn.[119] Il 10 novembre, il Wall Street Journal ha riferito che Flynn era sotto inchiesta da parte di Mueller per aver presumibilmente pianificato un rapimento e una consegna extra - giudiziaria del religioso turco Fethullah Gülen alla Turchia.[120][121] Il 22 novembre, NBC News ha riferito che il socio d'affari Bijan Kian di Michael T. Flynn è oggetto dell'indagine di Mueller.[122] La NBC ha anche riferito che un uomo d'affari turco di nome Reza Zarrab, sentito l'anno scorso dalle autorità statunitensi a Miami sulle violazioni delle sanzioni iraniane e sulle accuse di riciclaggio di denaro, sta offrendo prove contrarie.[123][124]

Il 23 novembre 2017, venne riferito che gli avvocati di Flynn avevano notificato al team legale di Trump che non potevano più discutere sulle indagini di Mueller, suggerendo che Flynn avrebbe potuto cooperare con il pubblico ministero o negoziare un accordo.[125][126][127]

Patteggiamento e ammissione di reato[modifica | modifica wikitesto]

Ammissione di reato di Flynn

Il 1º dicembre 2017, il consulente speciale Robert Mueller ha acconsentito a un patteggiamento in cui Flynn si è dichiarato colpevole di aver "intenzionalmente e consapevolmente" fatto "dichiarazioni false, fittizie e fraudolente" all'FBI per quanto riguardava le conversazioni con l'ambasciatore russo. In particolare, Flynn è accusato di aver falsamente affermato di non aver chiesto all'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergey Kislyak, il 29 dicembre 2016, di "astenersi dall'escalation della situazione in risposta alle sanzioni che gli Stati Uniti avevano imposto contro la Russia lo stesso giorno."[128] Flynn si è dichiarato colpevole lo stesso giorno e ha riconosciuto di aver collaborato all'inchiesta di Mueller.[129] Flynn dichiarò:

(EN)

« It has been extraordinarily painful to endure these many months of false accusations of "treason" and other outrageous acts... Such false accusations are contrary to everything I have ever done and stood for. But I recognize that the actions I acknowledged in court today were wrong, and, through my faith in God, I am working to set things right.[130] »

(IT)

« È stato straordinariamente doloroso sopportare questi mesi di false accuse di "tradimento" e altri atti oltraggiosi... Tali false accuse sono contrarie a tutto ciò che ho sempre fatto e sostenuto. Ma ammetto che le azioni che oggi ho dichiarato in tribunale erano sbagliate e, con la mia fede in Dio, sto lavorando per sistemare le cose. »

Dopo le ammissioni di Flynn, a suo figlio, Michael G. Flynn, non è stato fatto alcun addebito.[131]

Il reporter di Bloomberg Eli Lake ha ipotizzato in un suo articolo che Jared Kushner, il membro anziano del "transition team" di Trump, ha descritto nei documenti di giustificazione di Flynn che a Flynn era stato consigliato di contattare funzionari di governi stranieri, inclusa la Russia, chiedendo loro di ritardare o votare contro la risoluzione delle Nazioni Unite sulla questione degli insediamenti israeliani, contrariamente alla posizione dell'amministrazione Obama, ancora in carica, di sostegno alla risoluzione.[132][133] Molti altri mezzi di comunicazione hanno aderito all'ipotesi sulle potenziali imminenti accuse penali ai membri dello staff del Presidente eletto Trump e potenzialmente al Presidente eletto stesso, a causa del patteggiamento di Flynn e della volontà di collaborare con l'inchiesta Mueller sull'interferenza russa nelle elezioni del 2016.

Opinioni politiche[modifica | modifica wikitesto]

Flynn è un democratico iscritto, cresciuto in una "famiglia convinta democratica".[134] Tuttavia, è stato un oratore principale durante la prima notte della Convention nazionale repubblicana del 2016,[74] ed era un sostituto e consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Donald Trump.

Durante un'intervista del 10 luglio 2016 nella trasmissione This Week della ABC News, su richiesta della conduttrice Martha Raddatz sulla questione dell'aborto, Flynn ha dichiarato: "Le donne devono essere in grado di scegliere".[134][135] Il giorno dopo, su Fox News, Flynn disse di essere un "democratico pro-vita".[136]

Flynn è stato membro del consiglio di amministrazione di ACT! for America,[137] e vede la fede musulmana come una delle cause alla radice del terrorismo islamista.[38] Ha descritto l'Islam come un'ideologia politica e un cancro.[38][138] Una volta ha twittato che "la paura dei musulmani è RAZIONALE"[137] e includeva un collegamento video che sosteneva che l'Islam voleva "l'80% delle persone rese schiave o sterminate".[139] Inizialmente favorevole alla proposta di Trump di vietare ai musulmani di entrare negli Stati Uniti, Flynn in seguito ha dichiarato ad Al Jazeera che un divieto generalizzato era impraticabile e ha chiesto invece di "controllare" le persone provenienti da paesi come la Siria.[137] Flynn ha dichiarato che gli Stati Uniti "dovrebbero estradare Fethullah Gülen " in Turchia e "lavorare costruttivamente con la Russia" in Siria.[40][140] Nel 2016, ha detto di aver visto personalmente le foto di cartelli nella zona di confine sud-occidentale che erano in arabo per aiutare i musulmani a entrare illegalmente negli Stati Uniti. Un funzionario del National Border Patrol Council ha risposto che l'organizzazione non era a conoscenza di tali segnali.[141]

Scritti[modifica | modifica wikitesto]

Flynn è stato coautore di un rapporto, nel gennaio 2010, per il Center for a New American Security, intitolato Fixing Intel: A Blueprint for Making Intelligence Relevant in Afghanistan .[142] Quel rapporto, che è diventato importante,[143] sosteneva che le agenzie di intelligence statunitensi "devono aprire le loro porte a chiunque sia disposto a scambiare informazioni, compresi gli afghani e le ONG, nonché l'esercito americano e i suoi alleati".[144]

Flynn è anche autore di The Field of Fight: Come possiamo vincere la guerra globale contro l'Islam radicale e i suoi alleati, in collaborazione con Michael Ledeen, che è stato pubblicato dalla St. Martin's Press nel 2016.[145] Nel recensire il libro, Will McCants della Brookings Institution descriveva la visione del mondo di Flynn come una confusa combinazione di neoconservatorismo (un'insistenza a distruggere ciò che considera un'alleanza di tirannie, dittature e regimi islamisti radicali) e il realismo (disponibilità a lavorare con tiranni "amici"), anche se ha riconosciuto che ciò potrebbe essere dovuto al fatto che il libro aveva due autori.[146]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Michael Flynn: Everything you need to know, abcnews.go.com, 18 luglio 2016. URL consultato il 18 febbraio 2017.
  2. ^ (EN) A damning view of US intelligence in Afghanistan, bbc.co.uk, 5 gennaio 2010. URL consultato il 18 febbraio 2017.
  3. ^ (EN) White House: Trump Forced National Security Adviser Resignation, voanews.com, 14 febbraio 2017. URL consultato il 18 febbraio 2017.
  4. ^ Usa, si dimette il consigliere per la sicurezza nazionale Michael Flynn, lastampa.it, 14 febbraio 2017. URL consultato il 18 febbraio 2017.
  5. ^ (EN) Craig Whitlock e Greg Miller, Trump’s national security adviser shared secrets without permission, files show, The Washington Post, 14 dicembre 2016. URL consultato l'8 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il ).
  6. ^ a b (EN) Alana Abramson, Michael Flynn: Everything You Need to Know, ABC News, 18 luglio 2016. URL consultato l'8 gennaio 2018 (archiviato il 18 gennaio 2017).
  7. ^ {(EN) Claudette Roulo, Rogers Lauds Retiring Defense Intelligence Agency Chief, U.S. Department of Defense - DoD News, Defense Media Activity, 7 agosto 2014. URL consultato l'8 gennaio 2018 (archiviato il 18 settembre 2018).
  8. ^ a b c d e f g (EN) Lieutenant General Michael T. Flynn, USA, Defense Intelligence Agency. URL consultato l'8 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 3 agosto 2014).
  9. ^ a b (EN) Jessica McBride, Michael Flynn: 5 Fast Facts You Need to Know, Heavy, Inc., 17 novembre 2016. URL consultato l'8 gennaio 2018 (archiviato il 24 gennaio 2017).
  10. ^ (EN) Peter Baker e Matthew Rosenberg, Michael Flynn Was Paid to Represent Turkey’s Interests During Trump Campaign, The New York Times, 10 marzo 2017. URL consultato l'8 gennaio 2018 (archiviato il 25 marzo 2017).
  11. ^ (EN) Maggie Haberman, Matthew Rosenberg, Matt Apuzzo e Glenn Thrush, Michael Flynn Resigns as National Security Adviser, The New York Times, 13 febbraio 2017. URL consultato l'8 gennaio 2018 (archiviato il 30 dicembre 2017).
  12. ^ (EN) Greg Miller, Adam Entous e Ellen Nakashima, National security adviser Flynn discussed sanctions with Russian ambassador, despite denials, officials say, The Washington Post, 9 febbraio 2017. URL consultato il 10 gennaio 2018 (archiviato il 10 gennaio 2018).
  13. ^ (EN) Jacob Pramuk, Trump: I fired Flynn because of what he told Pence, CNBC, 16 febbraio 2017. URL consultato il 10 gennaio 2018 (archiviato il 16 febbraio 2017).
  14. ^ (EN) Michael Flynn, On Michael Flynn’s Tenure as National Security Advisor, The Quantitative Peace, 14 febbraio 2017. URL consultato il 10 gennaio 2018 (archiviato il 15 febbraio 2017).
  15. ^ a b (EN) Derek Hawkins, Flynn sets record with only 24 days as national security adviser. The average tenure is about 2.6 years, The Washington Post, 14 febbraio 2017. URL consultato il 10 gennaio 2018 (archiviato il 10 gennaio 2018).
  16. ^ a b (EN) Jonathan Landay, Pentagon probes Trump's ex-adviser Flynn over foreign payments, Reuters, 27 aprile 2017. URL consultato il 10 gennaio 2018 (archiviato il 1º maggio 2017).
  17. ^ (EN) Brian Naylor e Mary Louise Kelly, Flynn Takes The 5th, Refuses To Turn Over Documents To Senate Panel, National Public Radio, 22 maggio 2017. URL consultato l'11 gennaio 2018 (archiviato il 1º gennaio 2018).
  18. ^ a b (EN) Flynn turns over documents to Senate panel probing Russia, Trump, CBS News, 7 giugno 2017. URL consultato l'11 gennaio 2018 (archiviato il 7 giugno 2017).
  19. ^ (EN) Jeremy Herb, Katelyn Polantz, Evan Perez e Marshall Cohen, Flynn pleads guilty to lying to FBI, is cooperating with Mueller, CNN, 1º dicembre 2017. URL consultato l'11 gennaio 2018 (archiviato il 1º gennaio 2018).
  20. ^ (EN) Caroline John, Lori Flynn: 3 Facts to Know about Michael Flynn’s Wife, EarnTheNecklace, 31 marzo 2017. URL consultato il 12 gennaio 2018 (archiviato il 19 settembre 2017).
  21. ^ (EN) Jan Wenzel, Saluting A Family Legacy, University of Rhode Island, 10 aprile 2009. URL consultato il 12 gennaio 2018 (archiviato il 23 febbraio 2017).
  22. ^ (EN) James J. Gillis, Brothers in arms - Siblings from Middletown have rare distinction of both achieving rank of Army general, The Newport Daily News, 24 settembre 2011. URL consultato il 12 gennaio 2018 (archiviato il 31 marzo 2017).
  23. ^ (EN) James J. Gillis, Brothers in arms - Siblings from Middletown have rare distinction of both achieving rank of Army general, The Newport Daily News, 24 settembre 2011. URL consultato il 12 gennaio 2018 (archiviato il 31 marzo 2017).
  24. ^ (EN) Recent Losses in the REALTOR Family - Helen Flynn - Founder and Principal Broker of Flynn Real Estate in Middletown, RI, Rhode Island Association of REALTORS and State-Wide Multiple Listing Service, Inc.. URL consultato il 12 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 10 luglio 2016).
  25. ^ (EN) Newport Mercury from Newport, Rhode Island, Newspapers.com by Ancestry, 10 maggio 1946. URL consultato il 12 gennaio 2018 (archiviato il 2 dicembre 2017).
  26. ^ (EN) Jonathan Gornall e Seth Jacobson, Hubris: the fall of General Mike Flynn, The National, 2 dicembre 2017. URL consultato il 12 gennaio 2018 (archiviato il 2 dicembre 2017).
  27. ^ (EN) Gal Perl Finkel, PRESIDENT-ELECT TRUMP – THE ‘WEST WING’ LESSON, The Jerusalem Post, 20 novembre 2016. URL consultato il 13 gennaio 2018 (archiviato il 2 febbraio 2017).
  28. ^ (EN) Mark Mardell, A damning view of US intelligence in Afghanistan, BBC, 5 gennaio 2010. URL consultato il 14 gennaio 2018 (archiviato il 2 dicembre 2016).
  29. ^ (EN) Flynn to head DIA; more general moves announced, Army Times. URL consultato il 18 aprile 2012.
  30. ^ (EN) Spencer Ackerman, MILITARY INTELLIGENCE GADFLY WILL LEAD ALL MILITARY INTELLIGENCE, Wired, 17 aprile 2012. URL consultato il 14 gennaio 2018 (archiviato il 3 agosto 2017).
  31. ^ (EN) Cheryl Pellerin, Panetta: Under Burgess, DIA Evolved Into Global Agency, U. S. Department of Defense, 24 luglio 2012. URL consultato il 14 gennaio 2018 (archiviato il 12 febbraio 2017).
  32. ^ (EN) Charles Hoskinson, DIA maps out new structure to address 'persistent conflict', Defense Systems, 10 ottobre 2012. URL consultato il 14 gennaio 2018 (archiviato il 3 agosto 2017).
  33. ^ (EN) Charles S. Clark, Intelligence community must adapt to era of vast data, study says, Government Executive, 30 novembre 2012. URL consultato il 14 gennaio 2018 (archiviato il 3 febbraio 2013).
  34. ^ (EN) Robert Burns, Top 2 Pentagon intelligence officials quitting, su Yahoo, Associated Press, 1º maggio 2014. URL consultato il 15 gennaio 2018 (archiviato il 17 maggio 2017).
  35. ^ (EN) Greg Miller e Adam Goldman, Head of Pentagon intelligence agency forced out, officials say, The Washington Post, 30 aprile 2014. URL consultato il 15 gennaio 2018 (archiviato il 1º maggio 2014).
  36. ^ a b (EN) Dan Lamothe, Michael Flynn, Trump's military adviser, says Colin Powell’s emails include 'really mean things', The Washington Post, 15 settembre 2016. URL consultato il 15 gennaio 2018 (archiviato il 24 gennaio 2017).
  37. ^ (EN) Ryan Devereaux, AN INTERVIEW WITH MICHAEL T. FLYNN, THE EX-PENTAGON SPY WHO SUPPORTS DONALD TRUMP, the intercept, 13 luglio 2016. URL consultato il 15 gennaio 2018 (archiviato il 31 ottobre 2017).
  38. ^ a b c (EN) Matthew Rosenberg e Maggie Haberman, Michael Flynn, Anti-Islamist Ex-General, Offered Security Post, Trump Aide Says, The New York Times, 17 novembre 2016. URL consultato il 15 gennaio 2018 (archiviato il 7 gennaio 2018).
  39. ^ a b (EN) James Kitfield, How Mike Flynn Became America’s Angriest General, Politico Magazine, 16 ottobre 2016. URL consultato il 15 gennaio 2018 (archiviato il 7 gennaio 2018).
  40. ^ a b (EN) Seymour M. Hersh, Military to Military - Seymour M. Hersh on US intelligence sharing in the Syrian war, in London Review of Books, vol. 38, nº 1, 7 gennaio 2016, pp. 11-14, ISSN 0260-9592 (WC · ACNP). URL consultato il 15 gennaio 2018 (archiviato il 22 dicembre 2017).
  41. ^ (EN) Transcript: Michael Flynn on ISIL, Al Jazeera, 13 gennaio 2016. URL consultato il 18 gennaio 2018 (archiviato il 1º gennaio 2018).
  42. ^ (EN) Lt. Gen. Flynn retires from DIA, 33-year Army career, Defense Intelligence Agency, 26 febbraio 2017. URL consultato il 18 gennaio 2018 (archiviato il 26 febbraio 2017).
  43. ^ a b c d e (EN) Nicholas Confessore, Matthew Rosenberg e Danny Hakim, How Michael Flynn’s Disdain for Limits Led to a Legal Quagmire, The New York Times, 18 giugno 2017. URL consultato il 19 gennaio 2018 (archiviato l'8 gennaio 2018).
  44. ^ a b c d (EN) Mark Mazzetti e Mathew Rosenberg, Michael Flynn Misled Pentagon About Russia Ties, Letter Says, The New York Times, 22 maggio 2017. URL consultato il 19 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 18 gennaio 2018).
  45. ^ a b (EN) Stephen Braun e Robert Burns, Michael Flynn, fired once by a president, now resigns to another, CTV News, 14 febbraio 2017. URL consultato il 20 gennaio 2018 (archiviato il 14 febbraio 2017).
  46. ^ (EN) David Kocieniewski e Peter Robinson, Trump Aide Partnered With Firm Run by Man With Alleged KGB Ties, Bloomberg News, 23 dicembre 2016. URL consultato il 19 gennaio 2018 (archiviato il 6 gennaio 2017).
    «Brainwave sta cercando di sviluppare un mercato per la sua tecnologia innovativa ma ampiamente contestata chiamata "impronta digitale del cervello" che cerca di valutare l'onestà di un soggetto interrogato attraverso una scansione cerebrale. Flynn è stato inserito nel consiglio di amministrazione della società per aiutare a vendere il prodotto alla difesa e alle forze dell'ordine, ha detto il presidente di Brainwave Krishna Ika in un'intervista.».
  47. ^ (EN) Matea Gold, The mystery behind a Flynn associate’s quiet work for the Trump campaign, The Washington Post, 4 maggio 2017. URL consultato il 20 gennaio 2018 (archiviato il 9 agosto 2017).
  48. ^ (EN) Act! Cleveland Meeting General Michael Flynn 7-15-16, YouTube. URL consultato il 21 gennaio 2018.
  49. ^ (EN) Isaac Arnsdorf, Trump adviser linked to Turkish lobbying, Politico, 14 novembre 2016. URL consultato il 21 gennaio 2018 (archiviato il 1º gennaio 2016).
  50. ^ (EN) Borzou Daragahi, The Man At The Center Of This Trump Scandal Wants To Clear His Name, BuzzFeed News, 20 giugno 2017. URL consultato il 21 gennaio 2018 (archiviato il 20 giugno 2017).
  51. ^ (EN) Nebil İlseven, The "Hidden" That Never Was, Reflections Turkey. URL consultato il 21 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 30 marzo 2017).
  52. ^ (EN) Ayhan Simsek, Support for Muslim Brotherhood isolates Turkey, Deutsche Welle, 21 agosto 2013. URL consultato il 21 gennaio 2018 (archiviato il 29 marzo 2017).
  53. ^ (EN) Ömer Taşpınar, Turkey: The New Model?, The Brookings Institution, 25 aprile 2012. URL consultato il 21 gennaio 2018 (archiviato il 6 febbraio 2017).
  54. ^ a b (EN) Michael T. Flynn, Our ally Turkey is in crisis and needs our support, The Hill, 8 novembre 2016. URL consultato il 22 gennaio 2018 (archiviato il 10).
  55. ^ (EN) Jessica Schulberg, Trump’s National Security Adviser Changed His Mind About Turkey Coup Attempt After His Firm Got Involved, HuffPost, 22 novembre 2016. URL consultato il 25 gennaio 2018 (archiviato il 12 gennaio 2018).
  56. ^ (EN) Natasha Bertrand, 'You don't haul somebody overseas': Ex CIA director says Michael Flynn may have gone too far in a meeting with Turkish officials, Business Insider, 24 marzo 2017. URL consultato il 25 gennaio 2018 (archiviato il 12 novembre 2017).
  57. ^ (EN) Michael Rubin, Michael Rubin: Trump team’s first ethics scandal, Newsweek, 16 novembre 2016. URL consultato il 25 gennaio 2018 (archiviato il 19 novembre 2016).
  58. ^ a b (EN) Stephen Braun e Chad Day, Former Trump aide Flynn says lobbying may have helped Turkey, Associated Press, 8 marzo 2017. URL consultato il 28 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale l'8 marzo 2017).
  59. ^ (EN) James V. Grimaldi, Dion Nissenbaum e Margaret Coker, Ex-CIA Director: Mike Flynn and Turkish Officials Discussed Removal of Erdogan Foe From U.S., The Wall Street Journal, 24 marzo 2017. URL consultato il 25 gennaio 2018 (archiviato il 3 gennaio 2018).
  60. ^ (EN) Michael Isikoff, Michael Flynn, Trump’s reported pick for national security adviser, sat in on intel briefings — while advising foreign clients, Yahoo!, 18 novembre 2016. URL consultato il 25 gennaio 2018 (archiviato il 2 gennaio 2017).
  61. ^ (EN) Ken Dilanian, Flynn Attended Intel Briefings While Taking Money to Lobby for Turkey, NBC News, 11 marzo 2017. URL consultato il 25 gennaio 2018 (archiviato il 10 marzo 2017).
  62. ^ (EN) Jonathan Landay, Democrats probe whether Flynn pushed nuclear project as Trump aide, Reuters, 23 settembre 2017. URL consultato il 25 gennaio 2018 (archiviato il 13 settembre 2017).
  63. ^ (EN) Billy House, Flynn Omitted a Saudi Nuclear Project in Filing, Democrats Say, Bloomberg, 13 settembre 2017. URL consultato il 25 gennaio 2018.
  64. ^ a b c (EN) Emmarie Huetteman e Matthew Rosenberg, Pentagon Inquiry Seeks to Learn if Flynn Hid Foreign Payment, The New York Times, 27 aprile 2017. URL consultato il 25 gennaio 2018 (archiviato il 1º maggio 2017).
  65. ^ a b (EN) Michael Crowley, The Kremlin’s Candidate, [[[Politico (quotidiano)|Politico]], maggio/giugno 2016. URL consultato il 26 gennaio 2018 (archiviato il 27 aprile 2016).
    «In the 2016 election, Putin’s propaganda network is picking sides.».
  66. ^ a b c (EN) Michael Isikoff, Top Trump adviser defends payment for Russian speaking engagement, Yahoo!, 18 luglio 2016. URL consultato il 26 gennaio 2018 (archiviato il 19 luglio 2016).
  67. ^ a b c
  68. ^ (EN) Background to “Assessing Russian Activities and Intentions in Recent US Elections”: The Analytic Process and Cyber Incident Attribution (PDF), OFFICE OF THE DIRECTOR OF NATIONAL INTELLIGENCE, 6 January 2017. URL consultato il 26 gennaio 2018 (archiviato il 12 gennaio 2017).
  69. ^ (EN) Philip Ewing, 5 Things On Michael Flynn, Russia And Donald Trump, National Public Radio, 10 febbraio 2017. URL consultato il 26 gennaio 2018 (archiviato il 10 febbraio 2017).
  70. ^ a b (EN) Dana Priest, Trump adviser Michael T. Flynn on his dinner with Putin and why Russia Today is just like CNN, The Washington Post, 15 agosto 2016. URL consultato il 26 gennaio 2018 (archiviato il 14 settembre 2016).
  71. ^ (EN) Zack Beauchamp, Michael Flynn, the retired general on Donald Trump's VP shortlist, explained, Vox Media, 9 luglio 2016. URL consultato il 26 gennaio 2018 (archiviato il 10 luglio 2016).
  72. ^ (EN) Robert Costa, A curveball in Trump's Veep search: He's seriously considering a retired general, The Washington Post. URL consultato il 26 gennaio 2018 (archiviato il 27 gennaio 2018).
  73. ^ (EN) John Santucci e Alana Abramson, Donald Trump Vetting Gen. Michael Flynn for Potential VP Pick, ABC News, 9 luglio 2016. URL consultato il 26 gennaio 2018 (archiviato il 10 luglio 2016).
  74. ^ a b c (EN) David S. Cloud e Christine Mai-Duc, Retired Army Gen. Michael Flynn delivers fiery speech to emptying convention hall, in Los Angeles Times (Los Angeles), Tribune Company, 18 luglio 2016. URL consultato il 27 gennaio 2018 (archiviato il 20 luglio 2016).
  75. ^ (EN) David Blasdale, REVERSE REDACTED: Michael Flynn speech highlights, REGATED, 19 luglio 2016. URL consultato il 27 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 24 luglio 2016).
  76. ^ (EN) Kristen East, Republican National Convention 2016 schedule of speakers, Politico, 17 luglio 2016. URL consultato il 27 gennaio 2018 (archiviato il 19 liglio 2016).
  77. ^ a b c d (EN) He was one of the most respected intel officers of his generation. Now he's leading 'Lock her up' chants, The Washington Post, 16 agosto 2016. URL consultato il 27 gennaio 2018 (archiviato il 24 agosto 2016).
  78. ^ (EN) Stephen Dinan, Michael Flynn calls for Hillary Clinton to quit race, go to prison, The Washington Times, 18 luglio 2016. URL consultato il 27 gennaio 2018 (archiviato il 20 luglio 2016).
  79. ^ ritwittare, Vocabolario Treccani. URL consultato il 27 gennaio 2018.
    «ritwittare (retwittare) v. tr. Copiare e diffondere il tweet postato da un altro utente sulla sua pagina di Twitter».
  80. ^ (EN) Kristen East, Flynn retweets anti-Semitic remark, Politico, 24 luglio 2016. URL consultato il 27 gennaio 2018 (archiviato il 25 luglio 2016).
  81. ^ a b (EN) Andrew Kaczynski, On Twitter, Michael Flynn interacted with alt-right, made controversial comments on Muslims, shared fake news, CNN, 18 novembre 2016. URL consultato il 27 gennaio 2018 (archiviato il 3 dicembre 2017).
  82. ^ (EN) Trump on Beating ISIS: 'You Have to Take Out Their Families', Fox News, 2 dicembre 2015. URL consultato il 27 gennaio 2018 (archiviato il 12 dicembre 2015).
  83. ^ (EN) Sam Stein, Trump Says He Never Pledged To Kill Family Members Of Terrorists, HuffPost, 9 marzo 2016. URL consultato il 27 gennaio 2018 (archiviato il 10 marzo 2016).
  84. ^ (EN) Murtaza Hussain, Retired General: Drones Create More Terrorists Than They Kill, Iraq War Helped Create ISIS, The Intercept, 16 luglio 2015. URL consultato il 27 gennaio 2018.
  85. ^ (EN) Transcript: Michael Flynn on ISIL, Al Jazeera. URL consultato il 27 gennaio 2018 (archiviato il 1º gennaio 2018).
  86. ^ (EN) Edward-Isaac Dovere e Matthew Nussbaum, Obama warned Trump about Flynn, officials say, Politico, 8 maggio 2017. URL consultato il 28 gennaio 2018 (archiviato il 18 novembre 2017).
  87. ^ (EN) Michael D. Shear, Obama Warned Trump About Hiring Flynn, Officials Say, The New York Times, 8 maggio 2017. URL consultato il 28 gennaio 2018 (archiviato il 28 gennaio 2018).
  88. ^ (EN) Eric Bradner, Sara Murray e Ryan Browne, Trump offers Flynn job of national security advisor, CNN, 18 novembre 2016. URL consultato il 28 gennaio 2018 (archiviato il 18 novembre 2016).
  89. ^ a b (EN) Adam Entous, Ellen Nakashima e Philip Rucker, Justice Department warned White House that Flynn could be vulnerable to Russian blackmail, officials say, The Washington Post. URL consultato il 31 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 14 febraio 2017).
  90. ^ (EN) Adam Entous, Ellen Nakashima e Philip Rucker, Justice Department warned White House that Flynn could be vulnerable to Russian blackmail, officials say, The Washington Post, 13 febbraio 2017.
  91. ^ (EN) Julie Pace, Top Trump aide in frequent contact with Russia’s ambassador, Associated Press, 14 gennaio 2017. URL consultato il 28 gennaio 2018 (archiviato il 19 febbraio 2017).
  92. ^ (EN) Bryan Bender e Andrew Hanna, Flynn under fire for fake news, Politico, 5 dicembre 2016. URL consultato il 28 gennaio 2018 (archiviato il 6 dicembre 2016).
  93. ^ a b (EN) Alison Smale, Austria's Far Right Signs a Cooperation Pact With Putin's Party, The New York Times, 19 dicembre 2016. URL consultato il 28 gennaio 2018.
  94. ^ (EN) Peter Baker, Glenn Thrush, Maggie Haberman e Julie Hirschfeld, Flynn's Downfall Sprang From 'Eroding Level of Trust', The New York Times, 14 febbraio 2017. URL consultato il 28 gennaio 2018.
  95. ^ (EN) Clare Foran, What Is the Logan Act and What Does It Have to Do With Flynn?, The Atlantic, 15 febbraio 2017. URL consultato il 28 gennaio 2018 (archiviato il 15 febbraio 2017).
  96. ^ (EN) Veronica Stracqualursi, Explaining the Logan Act that Dems say Mike Flynn may have violated, ABC News, 15 febbraio 2017. URL consultato il 28 gennaio 2018 (archiviato il 15 febbraio 2017).
  97. ^ (EN) Tamara Keith e Domenico Montanaro, Trump Team: Adviser Spoke To Russia Official The Day U.S. Sanctions Were Announced, National Public Radio, 14 gennaio 2017. URL consultato il 28 gennaio 2018 (archiviato il 21 gennaio 2017).
  98. ^ (EN) Matthew Rosenberg e Mark Mazzetti, Trump Team Knew Flynn Was Under Investigation Before He Came to White House, The New York Times, 17 maggio 2017. URL consultato il 29 gennaio 2018.
  99. ^ (EN) Vera Bergengruen, Flynn stopped military plan Turkey opposed – after being paid as its agent, McClatchy DC, 5 giugno 2017. URL consultato il 29 gennaio 2018 (archiviato l'11 giugno 2017).
  100. ^ (EN) Adam Entous, Greg Jaffe e Missy Ryan, Obama’s White House worked for months on a plan to seize Raqqa. Trump’s team took a brief look and decided not to pull the trigger., The Washington Post, 2 febbraio 2017. URL consultato il 29 gennaio 2018 (archiviato il 23 aprile 2017).
  101. ^ a b (EN) WXIA Staff, Sally Yates warned White House Michael Flynn was vulnerable to Russian blackmail, WXIA-TV, 8 maggio 2017. URL consultato il 30 gennaio 2018.
  102. ^ a b (EN) Julian Borger, Mike Flynn at risk of Russian blackmail, Sally Yates warned White House, The Guardian, 9 maggio 2017. URL consultato il 30 gennaio 2018 (archiviato il 10 maggio 2017).
  103. ^ (EN) Matt Apuzzo e Emmarie Huetteman, Sally Yates Tells Senators She Warned Trump About Michael Flynn, The New York Times, 8 maggio 2017. URL consultato il 31 gennaio 2018 (archiviato il 9 maggio 2017).
  104. ^ (EN) Adam Entous, Ellen Nakashima e Philip Rucker, Justice Department warned White House that Flynn could be vulnerable to Russian blackmail, officials say, The Washington Post. URL consultato il 31 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 14 febraio 2017).
  105. ^ (EN) Yates says Flynn could have been ‘blackmailed,’ Clapper knocks collusion narrative, Fox News Channel, 8 maggio 2017. URL consultato il 31 gennaio 2018 (archiviato l'8 maggio 2017).
  106. ^ (EN) Kathryn Watson, Robe rt Gates says Flynn blackmail fears are "kind of a stretch", CBS, 14 maggio 2017. URL consultato il 31 gennaio 2018 (archiviato il 16 maggio 2017).
  107. ^ (EN) Carol E. Lee, Devlin Barrett e Shane Harris, U.S. Eyes Michael Flynn’s Links to Russia, The Wall Street Journal, 22 gnnaio 2017. URL consultato il 31 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 23 gennaio 2017).
  108. ^ (EN) Greg Miller, Adam Entous e Ellen Nakashima, National security adviser Flynn discussed sanctions with Russian ambassador, despite denials, officials say, The Washington Post, 9 febbraio 2017. URL consultato il 31 gennaio 2018 (archiviato il 10 febbraio 2017).
  109. ^ (EN) Chris Cillizza, Just how much trouble is Michael Flynn in?, The Washington Post, 10 febbraio 2017. URL consultato il 31 gennaio 2018 (archiviato il 10 febbraio 2017).
  110. ^ (EN) Maggie Haberman, Matthew Rosenberg, Matt Apuzzo e Glenn Thrush, Michael Flynn Resigns as National Security Adviser, The New York Times, 13 febbraio 2017. URL consultato il 1º febbraio 2018.
  111. ^ (EN) Michael Crowley, Susan Rice becomes the target of conservative attacks over Flynn unmasking, Politico, 4 aprile 2017. URL consultato il 1º febbraio 2018 (archiviato il 1º febbraio 2018).
    «Secondo quanto riferito, il nome di Flynn era tra quelli non segretati e in seguito fu fatto trapelare ai media, rivelando i contatti che aveva avuto con l'ambasciatore russo a dicembre, fatto che gli è costato il lavoro dopo che è diventato chiaro che li aveva mal riferiti ai colleghi della Casa Bianca.».
  112. ^ Press Briefing by Press Secretary Sean Spicer, 2/14/2017, #12 Archiviato il 15 febbraio 2017 in Internet Archive. The White House: Office of the Press Secretary, February 14, 2017.
  113. ^ (EN) Michael S. Schmidt, Comey Memo Says Trump Asked Him to End Flynn Investigation, The New York Times, 16 maggio 2017. URL consultato il 1º febbraio 2018 (archiviato il 16 maggio 2017).
  114. ^ (EN) Ken Dilanian, Comey to Testify He Assured Trump He Was Not Personally Under Investigation, NBC, 7 giugno 2017. URL consultato il 2 febbraio 2018 (archiviato il 7 giugno 2017).
  115. ^ (EN) Masood Farivar, Can Trump Be Indicted for Obstruction of Justice?, VOA news, 10 giugno 2017. URL consultato il 2 febbraio 2018 (archiviato il 10 giugno 2017).
  116. ^ (EN) Mythili Sampathkumar, Comey testimony: The five biggest things we learnt from his damning Senate hearing on Trump, The Independent, 9 giugno 2017. URL consultato il 2 febbraio 2018 (archiviato il 9 giugno 2017).
  117. ^ (EN) Shane Harris, Carol E. Lee e Julian E. Barnes, Mike Flynn Offers to Testify in Exchange for Immunity, The Wall Street Journal, 30 marzo 2017. URL consultato il 2 febbraio 2018 (archiviato il 30 marzo 2017).
  118. ^ (EN) Ken Dilanian e Kasie Hunt, Michael Flynn’s Immunity Request Rejected By Senate Intelligence Committee, NBC, 1º aprile 2017. URL consultato il 2 febbraio 2018 (archiviato il 31 marzo 2017).
  119. ^ (EN) Ken Dilanian e Kasie Hunt, Michael Flynn’s Immunity Request Rejected By Senate Intelligence Committee, NBC, 1º aprile 2017. URL consultato il 2 febbraio 2018 (archiviato il 31 marzo 2017).
  120. ^ (EN) James V. Grimaldi, Shane Harris e Aruna Viswanatha, Mueller Probes Flynn’s Role in Alleged Plan to Deliver Cleric to Turkey, The Wall Street Journal, 10 novembre 2017. URL consultato il 2 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 10 novembre 2017).
  121. ^ (EN) Doina Chiacu e Bernadette Baum, Flynn lawyer denies reports of quid pro quo plan to deliver cleric to Turkey, Reuters, 10 novembre 2017. URL consultato il 3 gennaio 2018 (archiviato il 20 novembre 2017).
    «Il consigliere speciale Robert Mueller sta indagando sul fatto che Michael Flynn, il primo consigliere per la sicurezza nazionale del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, sia coinvolto in un presunto piano per sequestrare il religioso musulmano e consegnarlo alla Turchia in cambio di milioni di dollari, come riferito dal Wall Street Journal di venerdì.».
  122. ^ (EN) Julia Ainsley, Mike Flynn business partner Bijan Kian now subject of Mueller probe, NBC News, 22 novembre 2017. URL consultato il 3 gennaio 2018 (archiviato il 23 novembre 2017).
  123. ^ (EN) Nil Köksal, Who is Reza Zarrab? Turkish-Iranian gold trader may be working with Mueller investigation of Michael Flynn - Reza Zarrab was arrested in the U.S. In 2016, CBC News, 25 novembre 2017. URL consultato il 3 gennaio 2018 (archiviato il 4 dicembre 2017).
  124. ^ (EN) Carol E. Lee e Julia Ainsley, Mueller Probing Possible Deal Between Turks, Flynn During Presidential Transition, NBC News, 10 novembre 2017. URL consultato il 3 gennaio 2018 (archiviato il 10 dicembre 2017).
  125. ^ (EN) Michael S. Schmidt, Matt Apuzzo e Maggie Habermannov, A Split From Trump Indicates That Flynn Is Moving to Cooperate With Mueller, The New York Times, 23 novembre 2017. URL consultato il 3 gennaio 2018.
  126. ^ (EN) Sophie Tatum e Evan Perez, Flynn's lawyers no longer sharing information with Trump's legal team, CNN, 24 novembre 2017. URL consultato il 3 gennaio 2018 (archiviato il 21 gennaio 2018).
  127. ^ (EN) Dave Lawler, New sign Flynn may be planning to cooperate with Mueller, Axios, 23 novembre 2017. URL consultato il 3 gennaio 2018 (archiviato il 3 febbraio 2018).
  128. ^ (EN) Tucker Higgins e Dan Mangan, Michael Flynn, Trump's ex-national security adviser, pleads guilty to lying to the FBI; now cooperating with Russia probe, CNBC, 1º dicembre 2017. URL consultato il 3 gennaio 2018 (archiviato il 1º gennaio 2018).
  129. ^ (EN) Michael D. Shear e Adam Goldman, Michael Flynn Pleads Guilty to Lying to the F.B.I. and Will Cooperate With Russia Inquiry, The New York Times, 1º dicembre 2017. URL consultato il 3 gennaio 2018.
  130. ^ (EN) Brian Ross, Matthew Mosk e Josh Margolin, Flynn prepared to testify that Trump directed him to contact Russians about ISIS, confidant says, ABC News, 1º dicembre 2017. URL consultato il 3 gennaio 2018 (archiviato il 2 dicembre 2017).
  131. ^ (EN) Carol D. Leonnig, Adam Entous, Devlin Barrett e Matt Zapotosky, Michael Flynn pleads guilty to lying to FBI on contacts with Russian ambassador, The Washington Post, 1º dicembre 2017. URL consultato il 3 gennaio 2018 (archiviato il 1º gennaio 2018).
  132. ^ (EN) Eli Lake, Kushner Is Said to Have Ordered Flynn to Contact Russia, Bloomberg, 1º dicembre 2017. URL consultato il 4 febbraio 2018 (archiviato il 1º gennaio 2018).
  133. ^ (EN) Melissa Quinn, Jared Kushner directed Michael Flynn to contact Russian government in Dec. 2016: Report, The Washington Examiner, 1º dicembre 2017. URL consultato il 4 febbraio 2018 (archiviato il 1º dicembre 2017).
  134. ^ a b (EN) Daniella Diaz, Flynn voices abortion views at odds with Republican platform, CNN, 10 luglio 2016. URL consultato il 4 febbraio 2018 (archiviato il 10 luglio 2016).
  135. ^ (EN) Adam Kelsey, Possible Trump VP Pick Flynn Supports Abortion Rights: 'Women Have to Be Able to Choose', ABC News, 10 luglio 2016. URL consultato il 4 febbraio 2018 (archiviato l'11 luglio 2016).
  136. ^ (EN) Jennifer Griffin, Trump VP short-lister Flynn clarifies abortion stance, says he's 'pro-life', Fox News Channel, 11 luglio 2016. URL consultato il 4 febbraio 2018 (archiviato l'11 luglio 2016).
  137. ^ a b c (EN) Mariam Khan, Donald Trump National Security Adviser Mike Flynn Has Called Islam 'a Cancer', ABC News, 18 novembre 2016. URL consultato il 4 febbraio 2018 (archiviato il 18 novembre 2016).
  138. ^ (EN) Ismat Sarah Mangla, Islam is a “malignant cancer”: The hateful rhetoric of Trump’s new national security adviser, Quartz, 18 novembre 2016. URL consultato il 5 febbraio 2018 (archiviato il 19 novembre 2016).
  139. ^ (EN) Donald Trump's national-security team takes shape: Jim Mattis would be a reassuring choice; Mike Flynn is an alarming one, The Economist. URL consultato il 5 febbraio 2018 (archiviato il 27 novembre 2016).
  140. ^ (EN) David E. Sanger, Donald Trump Likely to End Aid for Rebels Fighting Syrian Government, The New York Times, 11 novembre 2016. URL consultato il 5 febbraio 2018.
  141. ^ (EN) Andrew Kaczynski, Michael Flynn once claimed Arabic signs on southern border guide 'radicalized Muslims' into US, CNN, 10 dicembre 2016. URL consultato il 5 febbraio 2018 (archiviato il 10 dicembre 2016).
  142. ^ (EN) Major General Michael T. Flynn, Captain Matt Pottinger e Paul D. Batchelor, Fixing Intel: A Blueprint for Making Intelligence Relevant in Afghanistan (PDF), Center for a New American Security, gennaio 2010. URL consultato il 6 gennaio 2018 (archiviato il 19 novembre 2016).
  143. ^ (EN) Mark Landler e Jane Perlez, A Veteran and China Hand Advises Trump for Xi’s Visit, The New York Times, 4 aprile 2017. URL consultato il 7 gennaio 2018.
  144. ^ (EN) Peter Mitchell, Top Trump adviser defends Aust dealings, Australian Associated Press, 21 novembre 2016. URL consultato il 7 gennaio 2018 (archiviato il 21 novembre 2016).
  145. ^ Lieutenant General (Ret.) Michael T. Flynn e Michael Ledeen, The Field of Fight: How We Can Win the Global War Against Radical Islam and Its Allies, New York, St. Martin's Press, 2016, ISBN 9781250106223, OCLC 932050937.
    Visualizzazione limitata su Google Libri: (EN) The Field of Fight: How We Can Win the Global War Against Radical Islam and Its Allies, St. Martin's Press. URL consultato il 7 febbraio 2018.
  146. ^ (EN) William McCants, Realist or neocon? Mixed messages in Trump advisor’s foreign policy vision, Brookings Institution, 19 luglio 2016. URL consultato il 7 gennaio 2018 (archiviato il 20 luglio 2016).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN106838505 · LCCN (ENno2010000832 · GND (DE1113110422