Consigliere per la sicurezza nazionale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il consigliere del Presidente per gli affari di sicurezza nazionale (National Security Advisor in inglese, abbreviato NSA, o talvolta ANSA, per evitare confusione con la sigla della National Security Agency), è il principale consulente del Presidente degli Stati Uniti d'America su questioni di sicurezza nazionale.

Questa figura giuridica, creata da Eisenhower nel 1953, svolge il suo ruolo all'interno dell'Ufficio esecutivo del Presidente per conto del Consiglio per la Sicurezza Nazionale. In situazione di crisi, il National Security Advisor opera direttamente dalla Casa Bianca, aggiornando il presidente su tutti gli ultimi avvenimenti critici.

Il consigliere per la sicurezza nazionale viene nominato dal Presidente, senza conferma da parte del Senato degli Stati Uniti. Come tali, essi non sono connessi alla politica burocratica dei dipartimenti di stato e della difesa, e sono quindi in grado di offrire una consulenza indipendente. Il potere e il ruolo di consigliere per la sicurezza nazionale varia da amministrazione ad amministrazione.

Elenco dei Consiglieri per la sicurezza nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Trump. Flynn lascia travolto da bufera, spunta Petraeus, su ansa.it. URL consultato il 14 febbraio 2017.
  2. ^ Trump:via Flynn,arriva il gen.McMaster, su rainews.it. URL consultato il 21 febbraio 2017.
Controllo di autoritàGND: (DE2110870-5
Politica Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di politica