John Fitzgerald Kennedy Jr.

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
John Fitzgerald Kennedy Jr.

John Fitzgerald Kennedy Jr. chiamato anche John John (Washington, 25 novembre 1960Martha's Vineyard, 16 luglio 1999) è stato un avvocato e giornalista statunitense.

È famoso soprattutto per essere stato il figlio minore del presidente John Kennedy e di Jacqueline Kennedy Onassis, e per aver fondato la rivista George. È morto insieme alla moglie Carolyn Bessette e alla cognata in seguito ad un incidente aereo, su un aeroplano che lui stesso pilotava al largo delle coste di Martha's Vineyard.

La giovinezza[modifica | modifica wikitesto]

Nato 17 giorni dopo l'elezione di suo padre alla presidenza, John F. Kennedy, Jr., è stato sotto i riflettori sin dalla più tenera età, avendo trascorso la sua prima infanzia nella Casa Bianca. Il nomignolo "John-John" deriva da un malinteso del reporter che non aveva capito che Kennedy stava chiamando (ripetendo il nome "John" due volte in rapida successione) suo figlio.

Suo padre venne assassinato il 22 novembre 1963, tre giorni prima del suo compleanno. Il saluto di John F. Kennedy, Jr. alla bara del padre durante il funerale (avvenuto il giorno del suo terzo compleanno) divenne un'immagine icona degli anni sessanta.

John Jr. crebbe nell'Upper East Side di Manhattan. Nonostante fosse ancora ragazzo, veniva spesso fotografato e citato con il suo soprannome nonostante questo non fosse stato mai usato in famiglia.

Dopo la morte del padre, sua madre si risposò con il magnate greco Aristotele Onassis. La relazione durò dal 1968 al 1975, quando Onassis morì. Il suo patrigno non giocò un particolare ruolo nella vita di John. Dai tre agli otto anni ricoprì il ruolo di figura paterna lo zio Robert F. Kennedy che fu vicino a Jackie, John e Caroline dopo la morte del fratello.

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

John F. Kennedy, Jr. frequentò la Collegiate School a New York per i primi dieci gradi, e in seguito si diplomò alla Phillips Academy. In seguito Kennedy si iscrisse alla Brown University ricevendo nel 1983 il diploma di laurea bachelor in storia. Durante il periodo universitario, Kennedy è stato membro della Phi Psi, un ramo ora inattivo dell'associazione Phi Kappa Psi. Nel 1989 si laureò in giurisprudenza alla New York University School of Law. Fu bocciato per due volte prima di passare al terzo tentativo.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Kennedy parlò durante il Congresso del Partito Democratico del 1988 ad Atlanta. Divenne in seguito avvocato, attivo a New York tra il 1989 e il 1993. Nel 1995 fondò la rivista George, un mensile dove vennero pubblicati alcuni scoop sulla famiglia Kennedy e che cessò le pubblicazioni subito dopo la morte del fondatore. Nel 1987 fu eletto uomo vivente più sexy dalla rivista "People" .

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Dagli anni ottanta fino alla morte, John Kennedy è stato un personaggio molto in vista a Manhattan. Il 21 settembre 1996 sposò Carolyn Bessette a Cucumberland Island in Georgia. Prima del suo matrimonio ebbe relazioni con Madonna e Daryl Hannah.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 luglio 1999, all'età di 38 anni, Kennedy è morto assieme alla moglie e alla cognata Lauren Bessette, perché l'aereo che stava pilotando, N9253N, un Piper Saratoga II HP, precipitò nella notte nell'Oceano Atlantico. L'aereo era partito dall'aeroporto della contea di Essex per raggiungere l'isola di Martha's Vineyard dove la famiglia Kennedy possiede una casa nella quale si sarebbe tenuto il matrimonio della cugina Rory Kennedy, per questo posticipato. J. Kennedy era un pilota con alle spalle 310 ore di volo, di cui solo 55 in volo notturno e 36 con il Piper Saratoga, aveva infatti portato a termine metà dei corsi di addestramento da pilota e non aveva ancora ricevuto il brevetto per pilotare in condizioni atmosferiche avverse. L'indagine della National Transportation Safety Board non ha trovato prove che l'incidente sia avvenuto per un malfunzionamento e ha concluso che la probabile causa sia stata l'incapacità del pilota nel mantenere il controllo dell'aereo. Ulteriori cause dell'incidente la poca luce e le cattive condizioni atmosferiche[1].

Durante la cerimonia funebre del 23 luglio, lo zio di Kennedy, il senatore democratico del Massachusetts Edward Kennedy, disse che «...speravamo che questo John Kennedy si sarebbe pettinato i capelli quando sarebbero diventati grigi, con la sua adorata Carolyn al suo fianco. Ma, come suo padre, gli si è dato tutto tranne una lunga vita». E quanto al matrimonio del nipote, ricordò ciò che aveva detto sulla presidenza del fratello: entrambi durarono 1000 giorni. Il presidente degli Stati Uniti, Bill Clinton, suo amico, era presente alla cerimonia ed ordinò di ammainare a mezz'asta la bandiera in cima alla Casa Bianca in onore di John F. Kennedy Jr.

Secondo un ordine del presidente, le navi da guerra della marina statunitense assistettero alle ricerche dell'aereo precipitato. Col permesso del segretario della Difesa William Cohen, è stata celebrata una cerimonia funebre sulla nave della marina USS Briscoe. Le spoglie di Kennedy, della moglie e della cognata furono cremate e in seguito le ceneri furono sparse nell'Oceano Atlantico dalla costa dell'isola Martha's Vineyard[2].

La famiglia Kennedy ha risarcito la famiglia Bessette[3], per evitare una possibile azione legale relativa all'incidente.

Alla morte di John Kennedy Jr. è stata associata, come al tempo della morte del padre, una teoria del complotto[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) NTSB Releaseas Final Report on Investigation of Crash of Aircraft Piloted by John F. Kennedy, Jr, ntsb.gov, 6 luglio 2000. URL consultato il 30 novembre 2014.
  2. ^ (EN) Kennedy, Bessettes buried at sea, usatoday.com, 23 luglio 1999accesso=30 novembre 2014.
  3. ^ (EN) Carolyn Bessette, lifetimetv.co.uk. URL consultato il 30 novembre 2014.
  4. ^ (EN) Web of conspiracy surrounds JFK Jr's death, theguardian.com, 21 luglio 1999. URL consultato il 30 novembre 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN73930660 · LCCN: (ENn93067737 · ISNI: (EN0000 0000 3211 7044 · GND: (DE119187752 · BNF: (FRcb12366658m (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie