Walter Kirn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Walter Kirn nel 2015

Walter Kirn (Akron, 3 agosto 1962) è uno scrittore statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel 1962 a Akron, nell'Ohio[1], vive e lavora a Livingston, nel Montana[2].

Laureatosi all'Università di Princeton nel 1983 e all'Università di Oxford due anni dopo[3], nel 1990 ha esordito nella narrativa con la raccolte di 13 racconti My Hard Bargain[4].

In seguito ha pubblicato sette opere fornendo il soggetto per due pellicole, Thumbsucker nel 2005[5] e Tra le nuvole nel 2009[6].

Saggista e critico letterario oltre che romanziere, suoi articoli sono apparsi sul New York Times Magazine, GQ, Vogue ed Esquire[7].

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • My Hard Bargain: Stories (1990)
  • She Needed Me (1992)
  • Thumbsucker (1999)
  • Tra le nuvole (Up in the Air, 2001), Milano, Rizzoli, 2001 traduzione di Maria Baiocchi e Anna Tagliavini ISBN 978-88-17-03788-4.
  • Mission to America (2005)
  • The Unbinding (2006)
  • Lost in the Meritocracy: The Undereducation of an Overachiever (2009)
  • Blood Will Out (2013)

Adattamenti cinematografici[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Pagina dedicata all'autore, su goodreads.com. URL consultato il 7 maggio 2020.
  2. ^ (EN) Raccolta di racconti dello scrittore, su theatlantic.com. URL consultato il 7 maggio 2020.
  3. ^ (EN) Vita e opere, su encyclopedia.com. URL consultato il 7 maggio 2020.
  4. ^ (EN) Michael Harris, Fiction: My Hard Bargain by Walter Kirn, su latimes.com, 11 novembre 1990. URL consultato il 7 maggio 2020.
  5. ^ (EN) A. O. Scott, A Teenager With an Embarrassing Habit Finds Transformation Through Ritalin, su nytimes.com, 16 settembre 2005. URL consultato il 7 maggio 2020.
  6. ^ (EN) Leigh Singer, Jason Reitman: 'I became a man making Up in the Air', su theguardian.com, 24 maggio 2010. URL consultato il 7 maggio 2020.
  7. ^ (EN) Profilo dello scrittore, su sites.ewu.edu. URL consultato il 7 maggio 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN85467631 · ISNI (EN0000 0001 1075 0444 · LCCN (ENn88151537 · GND (DE123131359 · BNF (FRcb129395303 (data) · NLA (EN42088089 · NDL (ENJA01186101 · WorldCat Identities (ENlccn-n88151537