Sputnik (agenzia di stampa)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sputnik
Sputnik logo.svg
Paese Russia Russia
Lingua Inglese, arabo, spagnolo, tedesco, italiano, portoghese, spagnolo, cinese, giapponese, coreano, vietnamita, turco, svedese, lituano
Tipo All-news
Data di lancio 10 novembre 2014
Editore Rossiya Segodnya (interamente posseduto e gestito dal governo russo)
Sede principale Mosca
Sito sputniknews

Sputnik (ex Voice of Russia e RIA Novosti)[1] è un'agenzia di stampa, un sito di notizie e un'emittente radiofonica russa governativa. Con sede a Mosca, Sputnik ha uffici editoriali regionali a Washington, Cairo, Pechino, Londra, Edimburgo.[2]

Secondo diverse fonti d'informazione occidentali, l'agenzia di stampa avrebbe lo scopo d'influenzare l'opinione pubblica straniera e migliorare la reputazione della Russia nel mondo (ciò anche facendo leva sui pregiudizi e sulla disinformazione).[3][4][5][6][7][8][9]

Attualmente Sputnik gestisce diversi siti internet di notizie, con report e commenti, in oltre 30 lingue tra cui italiano, inglese, spagnolo, polacco, serbo, ed altre lingue. I siti Web ospitano inoltre oltre 800 ore di materiale radiofonico ogni giorno e il suo servizio di news funziona tutto 24 ore su 24.[10][11][12] Insieme alla sua ordinaria programmazione Sputnik produce anche saggi fotografici, live streaming, infografiche e sondaggi di opinione pubblica.[13][14]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

RIA Novosti è stata l'agenzia di stampa internazionale della Russia fino al 9 dicembre 2013, quando RIA Novosti entrò in liquidazione e da essa venne creata l'agenzia di stampa internazionale russa Rossija Segodnja (per volontà di un ordine esecutivo del Presidente russo Vladimir Putin). Dmitrij Kiselev, un anchorman del canale Russia-1, fu nominato presidente della nuova agenzia.[15][16][17]

Sputnik è stato lanciato il 10 novembre 2014 da Rossija Segodnja, interamente posseduto e gestito dal governo russo. Sputnik ha il compito di sostituire l'agenzia di stampa RIA Novosti e Voice of Russia (che costituivano il servizio di trasmissione radiofonica internazionale del governo russo dal 1993 al 9 novembre 2014) sul palcoscenico internazionale.[14]

Servizio radio[modifica | modifica wikitesto]

La testata dispone anche di un servizio radiofonico che trasmette in decine di lingue in tutto il mondo.[18]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Propaganda politica e disinformazione[modifica | modifica wikitesto]

Sputnik è spesso al centro di critiche dato il notevole numero di fake news presenti nella testata e per le notizie, seppure veritiere, esposte in una maniera distorta e/o volutamente incompleta.[19][20][21][22]

Durante le elezioni presidenziali francesi del 2017 la testata ha sostenuto (senza prove) l'omosessualità dell'allora candidato all'Eliseo Emmanuel Macron[23] nonché il fatto che egli avesse un amante; questo con lo scopo di aiutare la sua avversaria Marine Le Pen[24] (maggiormente propensa a sostenere le posizioni del Cremlino in ambito di politica estera).[25][26][27]

Teorie del complotto[modifica | modifica wikitesto]

La testata ha anche promosso diverse teorie del complotto[28][29][30], come quella delle scie chimiche.[31][32][33]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Putin dissolves RIA Novosti news agency. URL consultato il 19 novembre 2017.
  2. ^ (EN) Reporter says ‘Russian propaganda outlet’ pushed him to cover conspiracy theory at the center of a White House lawsuit. URL consultato il 19 novembre 2017.
  3. ^ Kremlin's 'Sputnik' Newswire Is the BuzzFeed of Propaganda, su Foreign Policy. URL consultato il 19 novembre 2017.
  4. ^ (EN) Sputnik: Propaganda in Orbit | CEPA, su cepa.org. URL consultato il 19 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 16 agosto 2017).
  5. ^ (EN) Neil MacFarquhar, A Powerful Russian Weapon: The Spread of False Stories, in The New York Times, 28 agosto 2016. URL consultato il 19 novembre 2017.
  6. ^ Russia, la guerra fredda del giornalismo. "I cronisti di Sputnik sono i nostri soldati!" - Il Fatto Quotidiano, in Il Fatto Quotidiano. URL consultato il 20 novembre 2017.
  7. ^ Come funziona Sputnik News Italia - Il Post, in Il Post, 18 febbraio 2017. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  8. ^ My Life at a Russian Propaganda Network, in POLITICO Magazine. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  9. ^ (RU) Москва выигрывает «информационную войну», in Новая газета - Novayagazeta.ru. URL consultato il 14 agosto 2018.
  10. ^ (EN) Scots outlet for Russian news agency, in BBC News, 10 agosto 2016. URL consultato il 19 novembre 2017.
  11. ^ (EN) Sputnik Launches 24/7 News Coverage in Chinese, 2 dicembre 2014. URL consultato il 19 novembre 2017.
  12. ^ (EN) Matthew Hilburn, Russia's New World Broadcast Service is 'Sputnik', in VOA. URL consultato il 19 novembre 2017.
  13. ^ (EN) Sputnik launched to news orbit: Russia’s new intl media to offer alternative standpoint, in RT International. URL consultato il 19 novembre 2017.
  14. ^ a b (EN) Sputnik, International News Agency and Radio Sputnik Launches Photobank, su sputniknews.com. URL consultato il 19 novembre 2017.
  15. ^ (EN) Russia country profile, 6 marzo 2012. URL consultato il 20 novembre 2017.
  16. ^ (RU) Указ о мерах по повышению эффективности деятельности государственных СМИ, in Президент России. URL consultato il 20 novembre 2017.
  17. ^ Путин ликвидировал РИА Новости. URL consultato il 20 novembre 2017.
  18. ^ (EN) Sputnik, About Us, su sputniknews.com. URL consultato il 2 gennaio 2018.
  19. ^ AGI - Agenzia Giornalistica Italia, Le fake news entrano in campagna elettorale. C'è davvero un Russiagate italiano?, su Agi. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  20. ^ Enrico Forzinetti, Google contro la disinformazione: «Russia Today e Sputnik fuori dalle News», in Corriere della Sera. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  21. ^ (EN) Sputnik News of being 'Kremlin propaganda machine', in The Independent, 11 febbraio 2017. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  22. ^ (EN) Kenneth Rapoza, Fake News In Russia: 'Obama Threatens Sanctions Due To Russia's Role In Syria', in Forbes. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  23. ^ "Macron è un gay psicopatico". L'accusa del quotidiano più popolare in Russia al neopresidente, in L’Huffington Post, 11 maggio 2017. URL consultato il 2 gennaio 2018.
  24. ^ Sputnik, Le Pen: l’unica minaccia per l’Europa è la guerra fredda contro la Russia, su it.sputniknews.com. URL consultato il 2 gennaio 2018.
  25. ^ (EN) Max de Haldevang, Russia is really doing its damnedest to defeat Macron and make Le Pen president of France, in Quartz. URL consultato il 2 gennaio 2018.
  26. ^ Ex-French Economy Minister Macron Could Be 'US Agent' Lobbying Banks' Interests - Sputnik International, su sputniknews.com, 30 dicembre 2017. URL consultato il 2 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 30 dicembre 2017).
  27. ^ AsiaNews.it, RUSSIA-FRANCIA ‘Arrivano i russi’ anche nelle elezioni francesi. Russia Today e Sputnik denunciano Emmanuel Macron, su www.asianews.it. URL consultato il 2 gennaio 2018.
  28. ^ (EN) The Seth Rich Conspiracy Theory, in Snopes.com, 25 maggio 2017. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  29. ^ (EN) Caitlin Dickerson, How Fake News Turned a Small Town Upside Down, in The New York Times, 26 settembre 2017. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  30. ^ (EN) Chobani coverage is a reminder of one company’s experience with Breitbart, in mcclatchydc. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  31. ^ La Nasa ammette di spruzzare i cittadini con scie chimiche velenose - Sputnik Italia, su it.sputniknews.com, 12 settembre 2017. URL consultato il 27 dicembre 2017 (archiviato dall'url originale il 12 settembre 2017).
  32. ^ La nuova sperimentazione militare: la manipolazione del clima - Sputnik Italia, su it.sputniknews.com, 7 ottobre 2017. URL consultato il 27 dicembre 2017 (archiviato dall'url originale il 7 ottobre 2017).
  33. ^ Scie chimiche, litio e condivisioni non verificate - BUTAC - Bufale un tanto al chilo, in BUTAC - Bufale un tanto al chilo, 14 settembre 2017. URL consultato l'11 aprile 2018 (archiviato il 20 febbraio 2018).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]