Paul Pogba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paul Pogba
Pogba (cropped).jpg
Paul Pogba nel 2012, capitano della Nazionale Under-19 della Francia all'Europeo di categoria.
Dati biografici
Nome Paul Labile Pogba
Nazionalità Francia Francia
Altezza 186[1] cm
Peso 80[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Squadra Juventus Juventus
Carriera
Giovanili
1999-2006
2006-2007
2007-2009
2009-2012
Roissy-en-Brie Roissy-en-Brie
Torcy Torcy
Le Havre Le Havre
Manchester Utd Manchester Utd
Squadre di club1
2011-2012 Manchester Utd Manchester Utd 3 (0)
2012- Juventus Juventus 59 (11)
Nazionale
2008-2009
2010
2010-2011
2011-2012
2012-
2013-
Francia Francia U-16
Francia Francia U-17
Francia Francia U-18
Francia Francia U-19
Francia Francia U-20
Francia Francia
17 (1)
10 (2)
6 (1)
12 (4)
13 (4)
8 (1)
Palmarès
 Campionato mondiale Under-20
Oro Turchia 2013
 Europei di calcio Under-19
Bronzo Estonia 2012
 Europei di calcio Under-17
Bronzo Liechtenstein 2010
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 14 aprile 2014

Paul Labile Pogba (Lagny-sur-Marne, 15 marzo 1993) è un calciatore francese, centrocampista della Juventus e della Nazionale francese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

La sua famiglia emigrò in Francia dalla Guinea.[2] Ha due fratelli maggiori, i gemelli Florentin e Mathias, anche loro calciatori.[3]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

È un incontrista ambidestro che possiede forza atletica, abilità nel pressing e personalità, caratteristiche che gli permettono di catturare palloni e vincere contrasti[2] – soprattutto grazie alle sue lunghe gambe, paragonate da molti ai tentacoli di una piovra, che gli hanno fatto guadagnare l'appellativo di Polpo Paul (in assonanza con l'omonimo cefalopode).[4]

Dotato anche di visione di gioco, è capace di organizzare la manovra d'attacco e di accompagnarla, fornendo l'ultimo passaggio ai finalizzatori dell'azione oppure inserendosi lui stesso negli spazi.[2] Dimostra inoltre precisione balistica nel tiro da fuori area.[5] La sua posizione preferita è quella di regista davanti alla difesa, ma grazie alla sua mobilità in mezzo al campo sa ben proporsi anche come mezzala.[3][6]

Fisicamente paragonabile a Patrick Vieira,[4][7] a livello atletico è agile e rapido nei movimenti,[2][3] esibendo un mix tra fisicità ed efficacia; dimostra inoltre pulizia nei tocchi di palla e tempismo nei contrasti, il tutto unito a una buona dose di carisma e personalità in campo.[8] È considerato uno dei maggiori talenti europei della sua generazione.[9][10]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

A sei anni i suoi genitori lo portarono a giocare nel Roissy-en-Brie. La società calcistica del Torcy lo prende in squadra nel 2006 dopo aver superato un provino, ma rimarrà solo un anno prima di passare al vivaio del Le Havre che lo preleva a titolo gratuito. Pogba guida l'Under-16 del Le Havre fino alla finale scudetto persa contro il Lens.[2]

Manchester United[modifica | modifica sorgente]

Nel 2009 si trasferisce alla società inglese del Manchester United. Il Le Havre denuncia in seguito alla FIFA delle irregolarità nella trattativa, sostenendo che lo United, per convincere la famiglia del giocatore, aveva promesso loro una casa e quasi novantamila sterline; in seguito la società francese (che deve contemporaneamente fronteggiare un caso simile anche col Torcy) decide di chiudere il contenzioso accordandosi col Manchester per un conguaglio in denaro.[2]

Voluto da Alex Ferguson, viene così inserito nelle giovanili dello United.[2] Con l'Under-18 risulta decisivo per la conquista dell'FA Youth Cup,[11] realizzando una rete contro il Chelsea in semifinale,[12] e giocando poi anche le finali contro lo Sheffield United. Con la squadra riserve colleziona invece 12 presenze, 3 gol e 5 assist.[2]

Il 20 settembre 2011 esordisce in prima squadra, nella vittoria per 3-0 contro il Leeds United in Football League Cup.[13] In campionato, fa il suo debutto il 31 gennaio 2012 nella sfida vinta contro lo Stoke City,[2] mentre quattro giorni dopo è il turno della prima presenza nelle coppe europee, scendendo in campo contro l'Athletic Bilbao nel ritorno degli ottavi di Europa League.[8] Quando sembra pronto per lui un posto nell'organico della prima squadra, il ritorno al calcio giocato di Paul Scholes (che pochi mesi prima si era ritirato dall'attività agonistica) lo relega ai margini della rosa:[14] desideroso di giocare, entra in rotta col tecnico Ferguson, scegliendo di non rinnovare coi Red Devils e di svincolarsi al termine della stagione; peraltro, un infortunio alla caviglia pone fine in anticipo alla sua ultima annata in Inghilterra.[8]

Juventus[modifica | modifica sorgente]

Pogba in azione in maglia bianconera nel 2012

Il 3 agosto 2012 viene ufficializzato il suo approdo alla squadra italiana della Juventus a parametro zero, club con il quale firma un contratto quadriennale;[15] sceglie la maglia numero 6.[16]

Fa il suo esordio da titolare in Serie A il 22 settembre 2012, nel successo casalingo dei bianconeri 2-0 sul ChievoVerona.[17] Inizialmente acquistato in prospettiva come alter ego di Andrea Pirlo, durante le prime uscite Pogba si afferma nel ruolo di mezzala e, nonostante la giovane età, si guadagna in breve un proprio spazio nell'organico del club.[6] Il 2 ottobre successivo debutta in Champions League, subentrando nei minuti finali contro lo Shakhtar Donetsk,[18] e il 20 dello stesso mese sigla la sua prima rete in maglia bianconera, nella vittoria interna di campionato per 2-0 contro il Napoli.[19]

Utilizzato dal tecnico Antonio Conte sempre più frequentemente, il 19 gennaio 2013 arriva la prima doppietta, che apre le marcature nel 4-0 in campionato all'Udinese.[20] Le prestazioni offerte dal giocatore nel prosieguo della stagione, portano l'allenatore a modificare il modulo di gioco della squadra per poter schierare il francese con continuità nel centrocampo bianconero.[21] Il 5 maggio, dopo la vittoria sul Palermo per 1-0, arriva, con tre giornate d'anticipo, il secondo scudetto consecutivo per la Juventus[22] e il primo per Pogba, che si afferma come la maggiore rivelazione stagionale della formazione torinese;[23] nella stessa partita viene espulso per uno sputo ad Aronica, rimediando una squalifica di tre giornate che gli fa terminare anzitempo la sua prima vera annata da professionista,[24] nella quale totalizza 37 presenze e 5 reti tra campionato e coppe.

Nella prima gara ufficiale della stagione 2013-2014, la gara di Supercoppa italiana contro la Lazio, Pogba viene eletto miglior giocatore della finale,[25] col francese che subentra nel corso del primo tempo e apre le marcature nel 4-0 che consegna il trofeo ai bianconeri.[26] In campionato, il 29 settembre è suo il gol che decide il derby di Torino.[27] Al termine dell'anno solare, viene premiato con l'European Golden Boy come miglior giovane calciatore d'Europa.[28] In quello nuovo, il 20 febbraio 2014 debutta in Europa League coi colori bianconeri, segnando al contempo la sua prima rete nella manifestazione al Trabzonspor, nella partita di andata dei sedicesimi di finale conclusasi 2-0 per la Juventus.[29]

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Pogba nel 2013, all'esordio con la Nazionale maggiore francese.

Pogba ha indossato per la prima volta la maglia dei Bleus nel 2008 con l'Under-16, di cui viene eletto capitano ancora prima del debutto. Dopo la rottura contrattuale col Le Havre, la Federazione transalpina nel 2009 lo priva della fascia.[senza fonte] Nel 2010 fa il suo debutto con l'U-17, con cui partecipa al campionato europeo di categoria chiuso dai giovani francesi al terzo posto (a pari merito con la Turchia). Nello stesso anno, con l'arrivo del commissario tecnico Pierre Mankowski, prima gli viene riconsegnata la fascia di capitano,[senza fonte] e poi fa il suo debutto anche nell'U-18. L'anno successivo veste per la prima volta la maglia dell'U-19, con cui nel 2012 ottiene un altro terzo posto (stavolta assieme all'Inghilterra) all'Europeo di categoria.

Nel 2013 è il capitano della Francia U-20[2] che trionfa in Turchia al campionato mondiale di categoria: si tratta del primo titolo per i transalpini nella storia della competizione. Nel corso del torneo, Pogba va a segno dal dischetto nella sfida dei quarti contro l'Uzbekistan[30] e, nella finale del 13 luglio contro i pari età dell'Uruguay, realizza il primo dei tiri di rigore con cui i giovani Bleuets vincono il titolo mondiale,[31][32] venendo al contempo eletto miglior giocatore della manifestazione.[31][33]

Qualche mese prima, il 14 marzo viene convocato per la prima volta in Nazionale maggiore da Didier Deschamps, per le gare di qualificazione ai Mondiali 2014;[34] esordisce da titolare il 22 del mese, nella partita interna vinta 3-1 contro la Georgia.[35][36] Sigla poi il suo primo gol con la Nazionale maggiore il 10 settembre 2013, realizzando l'ultima rete francese nel successo dei Bleus 4-2 in casa della Bielorussia.[37]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Statistiche aggiornate al 14 aprile 2014.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2011-2012 Inghilterra Manchester United PL 3 0 FACup+CdL 0+3 0 UCL+UEL 0+1 0 CS 0 0 7 0
2012-2013 Italia Juventus A 27 5 CI 2 0 UCL 8 0 SI 0 0 37 5
2013-2014 A 32 6 CI 0 0 UCL+UEL 6+6 0+1 SI 1 1 44 8
Totale Juventus 59 11 2 0 20 1 1 1 81 13
Totale carriera 62 11 5 0 21 1 1 1 88 13

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Juventus: 2012-2013
Juventus: 2012,[38] 2013

Competizioni giovanili[modifica | modifica sorgente]

Manchester United: 2010-2011

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Pogba Paul, juventus.com. URL consultato l'11 settembre 2013.
  2. ^ a b c d e f g h i j Stefano Chioffi, Pogba già prenota un posto nella Juve in corrieredellosport.it, 20 febbraio 2012. URL consultato il 10 aprile 2012.
  3. ^ a b c Chi è Paul Pogba in ilpost.it, 22 ottobre 2012. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  4. ^ a b Massimiliano Nerozzi, Pogba fa festa ballando: “Mai così felice” in lastampa.it, 1º novembre 2012.
  5. ^ Andrea Schianchi, Juventus, Pogba tira come Rivelino. Le sassate con l'Udinese sono pepite in gazzetta.it, 20 gennaio 2013.
  6. ^ a b Riccardo Pratesi, Pogba, il nuovo che avanza. Il top player Juve è lui? in gazzetta.it, 21 ottobre 2012. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  7. ^ Vieira incorona Pogba, “È più forte di me” in lastampa.it, 18 aprile 2013.
  8. ^ a b c Christian Giordano, Il polpo Paul in Guerin Sportivo, gennaio 2014, pp. 14-19.
  9. ^ Pogba, no al Manchester: vado alla Juve! in calciomercato.com, 30 aprile 2012.
  10. ^ Marco Conterio, La carica dei 101: nei migliori giovani di Don Balon anche Niang e Pogba in tuttomercatoweb.com, 13 novembre 2012. URL consultato il 13 novembre 2012.
  11. ^ (EN) Man Utd beat Sheffield Utd to FA Youth Cup final trophy in bbc.co.uk, 23 maggio 2011. URL consultato il 10 aprile 2012.
  12. ^ (EN) FAYC: Chelsea 3 Man Utd 2 in manutd.com, 10 aprile 2012. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  13. ^ Pier Luigi Giganti, Carling Cup, lo United vola, L'Arsenal ritrova la vittoria in gazzetta.it, 20 settembre 2011. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  14. ^ Alessandro Grandesso, Calcio, Juve. Pogba: "Basta errori, voglio il Pallone d'oro" in gazzetta.it, 28 maggio 2012.
  15. ^ Ufficiale, Pogba alla Juventus in juventus.com, 3 agosto 2012. URL consultato il 4 agosto 2012.
  16. ^ Juventus, i numeri di maglia 2012/2013 in legaseriea.it. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  17. ^ Riccardo Pratesi, Juve inarrestabile: Chievo k.o. Decide ancora Quagliarella in gazzetta.it, 22 settembre 2012. URL consultato il 23 settembre 2012.
  18. ^ Diego Costa, Juventus-Shakhtar 1-1, i bianconeri stentano in Europa in repubblica.it, 2 ottobre 2012. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  19. ^ Riccardo Pratesi, La Juve cambia e vince. Ora è prima da sola a +3 in gazzetta.it, 20 ottobre 2012. URL consultato il 21 ottobre 2012.
  20. ^ Riccardo Pratesi, Juventus-Udinese 4-0: super Pogba in gazzetta.it, 19 gennaio 2013. URL consultato il 19 gennaio 2013.
  21. ^ Riccardo Pratesi, Juventus, col nuovo modulo difesa imbattuta. E dopo il Bayern 3 vittorie in gazzetta.it, 29 aprile 2013.
  22. ^ Riccardo Pratesi, Juventus, scudetto bis: 1-0 sul Palermo. Conte sale ancora sul tetto della Serie A in gazzetta.it, 5 maggio 2013.
  23. ^ Mario Sconcerti, Vidal, Pogba, difesa e ricambi efficaci. Così la Juve di Conte ha costruito il bis in corriere.it, 5 maggio 2013.
  24. ^ Juventus, tre giornate di squalifica per Pogba in sportmediaset.mediaset.it, 6 maggio 2013.
  25. ^ Pogba migliore in campo in Supercoppa TIM in legaseriea.it, 19 agosto 2013.
  26. ^ Maurizio Nicita, Supercoppa, Juventus super: 4-0 alla Lazio con gol di Pogba, Chiellini, Lichtsteiner e Tevez in gazzetta.it, 18 agosto 2013.
  27. ^ Massimiliano Nerozzi, Pogba e polemiche: il derby alla Juve in lastampa.it, 29 settembre 2013.
  28. ^ Guido Vaciago, Pogba vince il Golden Boy: "Darò tutto per la Juve" in tuttosport.com, 4 dicembre 2013.
  29. ^ Riccardo Pratesi, Europa League, Juventus-Trabzonspor 2-0, Osvaldo e Pogba a segno in gazzetta.it, 20 febbraio 2014.
  30. ^ Carlo Pizzigoni, Mondiali U20, Francia e Uruguay in semifinale. Fuori Uzbekistan e Spagna in gazzetta.it, 6 luglio 2013.
  31. ^ a b Carlo Pizzigoni, Mondiale Under 20, Pogba campione. Ma tra Francia e Uruguay servono i rigori: 4-1 in gazzetta.it, 13 luglio 2013.
  32. ^ (EN) France triumph after shootout drama in fifa.com, 13 luglio 2013. URL consultato il 19 luglio 2013.
  33. ^ (EN) Top honours to captain Pogba in fifa.com, 14 luglio 2013. URL consultato il 19 luglio 2013.
  34. ^ Francia, Pogba convocato con la nazionale maggiore in tuttosport.com, 14 marzo 2013. URL consultato il 14 marzo 2013.
  35. ^ Vladimiro Cotugno, 3-1 Francia, Pogba titolare in tuttosport.com, 22 marzo 2013. URL consultato il 23 marzo 2013.
  36. ^ (FR) France 3-1 Georgie, le résumé, Elimin. CM Europe - 5e journée Gr. I in lequipe.fr, 22 marzo 2013. URL consultato il 26 marzo 2013.
  37. ^ (FR) Emery Taisne, Les Bleus reviennent de loin in lequipe.fr, 10 settembre 2013.
  38. ^ In rosa ma non convocato.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]