Carlo Gesualdo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo Gesualdo
Carlo Gesualdo
Principe di Venosa
In carica 1596-1613
Altri titoli Conte di Conza
Signore di Gesualdo
Nascita Venosa, 8 marzo 1566
Morte Gesualdo, 8 settembre 1613
Luogo di sepoltura Chiesa del Gesù Nuovo (Napoli)
Dinastia Gesualdo
Padre Fabrizio II Gesualdo
Madre Geronima Borromeo
Coniugi Maria d'Avalos
Eleonora d'Este
Figli Emanuele, Alfonsino
Religione Cattolicesimo

Carlo Gesualdo, noto come Gesualdo da Venosa (Venosa, 8 marzo 1566Gesualdo, 8 settembre 1613), è stato un compositore italiano.

Appartenente alla nobile famiglia napoletana dei Gesualdo, fu principe di Venosa, conte di Conza e signore di Gesualdo.

Il suo nome però è legato alla musica: eccelse, infatti, nella musica polifonica, fu compositore di madrigali e di musica sacra. È considerato uno dei principali innovatori del linguaggio musicale[1] e, da alcuni, il più importante madrigalista del suo tempo.[2] Furono suoi maestri di musica Pomponio Nenna, Stefano Felis, Scipione Stella ed altri eccellenti musicisti dell'epoca.

Ebbe un grande peso sulla scena musicale a lui contemporanea e, a partire dal XX secolo, ispirò, oltre ad alcuni compositori moderni, anche la realizzazione di fiction e drammi musicali. Accanto alla sua carriera artistica, Gesualdo acquistò anche la triste fama di assassino, dopo aver ucciso la sua prima moglie (nonché cugina) Maria d'Avalos e il suo amante Fabrizio Carafa.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Gli inizi[modifica | modifica sorgente]

Stemma della famiglia Gesualdo

Il principe Carlo Gesualdo nacque a Venosa l'8 marzo 1566, come testimoniato da due lettere custodite presso la Biblioteca Ambrosiana di Milano da Fabrizio II e Geronima Borromeo, sorella di San Carlo Borromeo. Seguì a Napoli severi studi ai quali fu avviato dal padre, discreto letterato e noto mecenate, molto legato ai Gesuiti. All'età di diciannove anni Gesualdo pubblicò il primo mottetto "Ne reminiscaris Domine delicta nostra".

Grande appassionato di caccia, fu musicista raffinatissimo, innovatore ed eccezionale precursore della musica moderna "onorato e ossequiato dagli uomini di cultura di mezzo mondo". Nel 1586 sposò la cugina Maria d'Avalos, nata da Carlo conte di Montesarchio, e da Sveva Gesualdo. Il matrimonio avvenne a Napoli il 28 maggio del 1586 con dispensa del Papa Sisto V, nella chiesa di S. Domenico Maggiore, che era situata vicino al palazzo dove abitava la famiglia Gesualdo. Carlo aveva vent'anni e Maria ventiquattro. Dal matrimonio nacque Emanuele.

Un giorno Maria conobbe il duca d'Andria e conte di Ruvo Fabrizio Carafa di cui si innamorò, benché questi fosse sposato con Maria Carafa e padre di quattro figli. I due superavano ogni ostacolo pur di incontrarsi e non seppero uscire dal ruolo di amanti predestinati. I due continuarono ad incontrarsi, perfino in casa Gesualdo, nell'attesa di una vendetta che, ormai, entrambi sapevano potersi avverare, in quanto covata e meditata dal principe.

L'omicidio[modifica | modifica sorgente]

Il 16 ottobre 1590 il principe avvertì Maria che, insieme ad alcuni suoi servi, sarebbe andato a caccia nel bosco degli Astroni, restando lontano per due giorni. Questa era solo l'ultima parte di un piano già preparato in ogni minimo dettaglio dal principe stesso. Nella notte fra martedì 16 e mercoledì 17 ottobre 1590 i due amanti vennero colti in flagrante adulterio nella camera da letto di Maria e barbaramente trucidati.

Furono probabilmente le interessate delazioni che imponevano l'obbligo di "vendicare" col sangue l'offesa fatta al suo nome che spinsero il principe Carlo a compiere il delitto di Palazzo San Severo. Non è da escludere, comunque, l'eventualità che quel delitto potesse essere anche la conseguenza di oscure trame ordite contro il suo casato, in quegli anni assai potente e mal visto dal corrotto mondo della nobiltà napoletana.[3] Le circostanze lo giustificavano dal punto di vista della legge e del costume del tempo, tanto che il viceré Miranda, dal quale Carlo si recò immediatamente a dare notizia personalmente dell'accaduto, lo esortò ad allontanarsi da Napoli non per sfuggire alla legge, ma per non esasperare il risentimento delle famiglie degli uccisi.

La fuga[modifica | modifica sorgente]

Carlo fuggì da Napoli e si rifugiò nell'inaccessibile ed inespugnabile castello-fortezza di Gesualdo. Il processo venne archiviato il giorno dopo la sua apertura

« per ordine del Viceré stante la notorietà della causa giusta dalla quale fu mosso don Carlo Gesualdo Principe di Venosa ad ammazzare sua moglie e il duca d'Andria[4] »

Carlo rimase a Gesualdo finché non si fu accertato che il risentimento delle famiglie dei d'Avalos e dei Carafa si fosse sedato. In questo periodo, per sentirsi sicuro da eventuali attacchi di forze nemiche, per avere un orizzonte più libero e vasto, si ritiene che abbia ordinato il taglio del bosco di querce e di abeti che ammantavano di verde la collina prospiciente il castello.

Dopo tre anni e quattro mesi dal duplice assassinio si reca, accompagnato da suo cognato Ferdinando Sanseverino conte di Saponara, dal conte Cesare Caracciolo e dal musico Scipione Stella, a Ferrara per unirsi di nuovo in matrimonio con Eleonora d'Este.

Il rapporto con Casa d'Este[modifica | modifica sorgente]

L'interesse al matrimonio era soprattutto di casa d'Este; infatti Alfonso II mirava ad ottenere l'appoggio dello zio di Carlo, il potente cardinale decano Alfonso Gesualdo, probabilmente futuro Papa, nella speranza, risultata poi vana, che il suddetto cardinale intervenisse a favore della Casa d'Este qualora il ducato di Ferrara, per mancanza di eredi, fosse dovuto essere riannesso al dominio della Chiesa.

Al principe e al suo seguito andò incontro il conte Alfonso Fontanelli inviato dal duca di Ferrara Alfonso Il d'Este. All'occhio acuto ed ironico del diplomatico di casa d'Este e dilettante di musica il principe Gesualdo apparve

« di aspetto poco imponente, piuttosto accigliato, meridionalmente indolente, e pieno di affettazioni di grandezza e di galanteria di gusto spagnolesco. Si anima per discorrere con irrefrenabile loquacità di musica e di caccia; si sforza dovunque vada di far eseguire ed eseguire egli stesso musica, pronto se manchi un cantore a partecipare all'esecuzione dei propri madrigali, dei quali discorre diffusamente, additando all'interlocutore i passi più notevoli per invenzione o artifizio; ama suonare il liuto e la chitarra spagnola e lo fa con gran maestria e con intensità espressiva sottolineata dal continuo atteggiare e muoversi.[5] »

Il rapporto del diplomatico-musicista traccia di Gesualdo un ritratto più vivo rispetto alla sbiadita immagine di donatore assistito dalla figura dello zio Carlo Borromeo che appare nella pala d'altare della chiesa di S. Maria delle Grazie di Gesualdo. Il 21 febbraio 1594 sposò Eleonora d'Este, cugina del duca di Ferrara Alfonso II. Eleonora donò allo sposo un'opera d'arte: un'armatura cavalleresca mirabilmente cesellata dal più grande maestro armaiolo dell'epoca Pompeo della Casa, che oggi è esposta al museo di Konopiste, vicino a Praga.

Da Ferrara gli sposi passarono a Venezia. Di qui per mare raggiunsero a metà agosto Barletta, per condursi a Gesualdo. Durante la sua dimora a Gesualdo il principe si occupava molto di caccia e di musica. Poiché Eleonora era incinta, nel dicembre dello stesso anno 1594 ritornarono a Ferrara dove rimasero per circa due anni. A Ferrara Carlo non riuscì a legare con l'Accademia musicale più aristocratica ed esclusiva del tempo che non gli permise di recitare il ruolo di "primo attore".

Ritorno a Gesualdo[modifica | modifica sorgente]

Gesualdo decise di ritornare a Napoli, lasciando a Ferrara la moglie e il piccolo Alfonsino che da lei aveva avuto. Temendo, però, ancora la vendetta delle potenti famiglie d'Avalos e Carafa, si ritirò definitivamente, nel mese di giugno del 1596, nel castello di Gesualdo, fatto ristrutturare tempo addietro. Il castello aveva perso il rude aspetto di fortezza ed era divenuto una bellissima dimora, capace di accogliere una fastosa corte canora, radunata nel vago e vano tentativo di emulare quella di Ferrara.

Durante questo lungo periodo (diciassette anni), più di un terzo della vita di Carlo, Gesualdo godette della magnificenza del principe che, per cercare la pace dell'anima e il perdono di Dio, fra tante altre opere, fece edificare tre chiese e due conventi: uno per i Domenicani e uno per i Cappuccini. Nel castello fece realizzare un teatro per la rappresentazione delle sue opere ed una stamperia per la pubblicazione dei testi musicali. Grazie alla sua presenza il castello di Gesualdo divenne uno tra i più importanti centri musicali del tempo, frequentato da appassionati e letterati (tra questi anche Torquato Tasso).

Il principe morì, all'età di 47 anni, l'8 settembre 1613, nel suo castello: fu sepolto nella cappella di famiglia della chiesa del Gesù Nuovo e Niccolò Ludovisi gli succedette nei feudi.

Storia di una tela[modifica | modifica sorgente]

Giovanni Balducci, Pala del Perdono, 1609, olio su tela, Chiesa di Santa Maria delle Grazie, Gesualdo (AV)

Il convento dei Cappuccini comprende invece un edificio (gravemente danneggiato dal sisma del 23 novembre 1980, ristrutturato ed inaugurato il 6 giugno 2004), un grande giardino e la chiesa di S. Maria delle Grazie nella quale si trova l'imponente tela intitolata "Il perdono di Carlo Gesualdo", attribuita a Giovanni Balducci del 1609.

La tela è stata restaurata ed è stata riportata a Gesualdo (Italia) nella suddetta chiesa al suo originario posto. Nella tela si osserva ad un lato l'immagine del principe che, in ginocchio, con le mani congiunte in atto di preghiera e, accompagnato dallo zio cardinale Carlo Borromeo (poi santo), chiede perdono per il duplice assassinio a Cristo giudicante con l'intercessione della Vergine, di S. Michele, S. Francesco, S. Domenico, S. Caterina e della Maddalena. Di fronte al principe vi è la moglie Eleonora d'Este, anch'ella in ginocchio, in atto di preghiera. A centro è raffigurato con le ali di un angioletto, il piccolo Alfonsino, morto nel 1600 in tenera età. Allargando l'orizzonte si può ritenere che la tela votiva raffiguri la richiesta di perdono per tutta l'umanità peccatrice, così come il principe musicista nel 1585 scriveva nel suo primo mottetto Ne reminiscaris, Domine, delicta nostra (Perdona, Signore, i nostri peccati).

Alcuni particolari interessanti sono venuti alla luce dopo il restauro. Il quadro finalmente ha il vero autore: Giovanni Balducci da Firenze. Eleonora d'Este era stata coperta con abito da monaca e la Maddalena era vestita con abito accollato. Ora Eleonora è vestita "alla spagnola" e la Maddalena ha un vestito scollato. Tutto ciò era dovuto alle conseguenze del Concilio di Trento e della Controriforma che non consentiva di tenere nelle chiese figure poco riverenti al luogo sacro. Non sappiamo chi è stato il braghettone de Il perdono di Carlo Gesualdo, a differenza di quello del Giudizio Universale di Michelangelo, ma non possiamo giustificare che nel suo operare abbia coperto, fra l'altro, la firma del vero autore della tela votiva.

La musica[modifica | modifica sorgente]

Nell'ambiente gesualdino fatto di pace, serenità, di aria pulita e profumata, di panorami vastissimi e di boschi rigogliosi, il principe poté dedicare molto del suo tempo alla musica, per cui oltre ai 4 libri di Madrigali già pubblicati, compose altri 2 libri che fece stampare nel 1611 a Gesualdo nella tipografia che il tipografo Gian Giacomo Carlino installò nel castello. Compose inoltre altri Mottetti, un libro di Responsori, un Benedictus, un Miserere, un libro di Sacrae Cantiones a cinque voci e uno a sei voci composte "con artifizio singolare e per sommo diletto degli animi induriti".

Si è commesso, e molti continuano a commettere l'errore di interpretare la musica di Gesualdo in termini autobiografici, limitati ad alcuni episodi, in particolare al tradimento ed all'assassinio della prima moglie. Egli fu certamente uno spirito introverso, tormentato e malinconico; la vita non gli diede molte gioie e lo colpì con sofferenze fisiche e psichiche, con delusioni, con perdite dolorose. Ma non bisogna dimenticare che Carlo era secondogenito[6] e che aveva avuto una rigida educazione religiosa e musicale.

Inoltre era nipote di due cardinali, di cui uno poi santo, e il padre, discreto letterato e amante della musica, era molto legato ai Gesuiti ed era mecenate dei musici napoletani più famosi di quel tempo. Pertanto a parte ogni movente di pia espiazione occorre vedere nella musica di Gesualdo l'artista ardito e manierista. Il suo genio musicale, i suoi estremi rivolgimenti cromatici, le sue stupefacenti invenzioni artistiche (i cui procedimenti, però, si fondano sulle classiche leggi del contrappunto antico) consentono alla sua musica eccelsa di dire quello che non possono dire semplicemente le parole, tanto da meritare il titolo di Principe dei musici. Gesualdo non come il primo dei barocchi, quindi, ma come l'ultimo dei rinascimentali.

Eredità[modifica | modifica sorgente]

Il castello di Gesualdo, residenza del principe

Gesualdo ebbe una grande influenza su diversi compositori della sua era, come Sigismondo d'India, Antonio Cifra, Michelangelo Rossi, Giovanni de Macque, Scipione Dentice e Girolamo Frescobaldi.[7][8][9] Scipione Cerreto disse di lui: «È un raro suonatore di molti strumenti e del liuto in special modo. Nelle composizioni è superiore a tutti i musici suoi contemporanei. Tiene a sue spese molti suonatori e compositori e cantanti. Se questo signore fosse vissuto all'epoca dei Greci, gli avrebbero fatto una statua di marmo e d'oro».[10]

Venne quasi dimenticato dopo il Rinascimento ma ritornò ad essere una fonte d'ispirazione a partire dal XX secolo. Igor Stravinsky, ammiratore di Gesualdo, arrangiò il madrigale Beltà, poi che t'assenti per lo spettacolo Monumentum pro Gesualdo (1960) del New York City Ballet; Alfred Schnittke e Brett Dean scrissero rispettivamente le opere Gesualdo (1993) e Carlo (1997) in onore del compositore venosino. Altre opere a lui dedicate sono Tenebrae Super Gesualdo (1972) di Peter Maxwell Davies, Maria di Venosa di Francesco d'Avalos(1992)Gesualdo (1998) di Franz Hummel, Tenebre (1997) e The Prince of Venosa (1998) di Scott Glasgow, Gesualdo (2010) di Marc-André Dalbavie e Richard Millet. Peter Eötvös, che considera Gesualdo colui che influenzò i suoi madrigali,[11] diede pubblica lettura del testo di un suo madrigale, dopo aver ricevuto il Leone d'oro alla carriera il 24 settembre 2011.[12] Salvatore Sciarrino riarrangiò diversi madrigali nel disco Sciarrino, Gesualdo, Fedele: Fuoco e Ghiaccio (2002).

Franco Battiato ha dedicato al compositore il brano Gesualdo da Venosa, contenuto nell'album L'ombrello e la macchina da cucire (1995). Anna Calvi sostiene che «scrisse musica nel XVI secolo che fu così progressista ed estrema che nessuno è riuscito a ricreare il suo stile fino al XX secolo» e che rappresenta una sua grande ispirazione.[13] Nel 1995, il regista Werner Herzog ha diretto un documentario incentrato sulla sua vita, Tod für fünf Stimmen (Morte per cinque voci), con la partecipazione di Milva. La pellicola è stata trasmessa sulla rete tedesca ZDF.

Nel 2009 il regista Luigi Di Gianni gli ha dedicato un film dal sapore documentaristico, Carlo Gesualdo. Appunti per un film, girato nei luoghi in cui il principe visse e con la testimonianza del compositore e direttore d'orchestra Francesco d’Avalos, discendente di Maria, la moglie infedele.

Gesualdo e il Jazz italiano[modifica | modifica sorgente]

L'arrangiatore Corrado Guarino e il sassofonista livornese Tino Tracanna hanno dedicato a Gesualdo il cd Gesualdo pubblicato nel 1998 per la Splas(h) [14] . Il Cd contiene brani di Gesualdo presi dal I, IV e VI libro dei Madrigali e composizioni di Guarino e Tracanna. Inoltre Bruno Tommaso, uno dei maggiori jazzisti europei, ha composto una lunga suite di 13 brani ispirata alla vita e alle vicende di Gesualdo dal titolo Original Soundtrack for Charles and Mary, pubblicato dalla Onyx di Matera [15].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ AA. VV., La piccola Treccani, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, 1995, p.286
  2. ^ Grace O'Brien, The golden age of Italian music, Hyperion Press, 1980, p.136
  3. ^ Giovanni Savignano, Intrighi, Carlo Gesualdo tra musica, amore e morte, 2010
  4. ^ Antonio Vaccaro, Carlo Gesualdo, principe di Venosa, Osanna, 1998, p.69
  5. ^ Nino Pirrotta, in DEUMM, sezione Le Biografie, vol. III, UTET, 1986, p.174
  6. ^ Al riguardo si veda l'albero genealogico riportato nel libro Michele Zarrella, Carlo Gesualdo il suo albero genealogico e la sua città, Civitatis Iesualdinæ, 1995
  7. ^ Brian Mann, The madrigals of Michelangelo Rossi, University of Chicago Press, 2002, p.10
  8. ^ Howard Mayer Brown, Louise K. Stein, Music in the Renaissance, Prentice Hall, p.350
  9. ^ Denis Arnold, The New Grove Italian baroque masters: Monteverdi, Frescobaldi, Cavalli, Corelli, A. Scarlatti, Vivaldi, D. Scarlatti, Macmillan, 1984, p.85
  10. ^ Antonio Vaccaro, Carlo Gesualdo, principe di Venosa, Osanna, 1998, p. 7.
  11. ^ Balint Andras Varga, Three Questions for Sixty-Five Composers, University Rochester Press, 2011, p. 71.
  12. ^ Peter Eötvös, una carriera da Leone, labiennalechannel.org. URL consultato il 28 novembre 2011.
  13. ^ Ultimate Cult Hero: Gesualdo. Chosen by Anna Calvi, nme.com. URL consultato il 28 novembre 2011.
  14. ^ con Maria Pia De Vito (voce), Tino Tracanna (sax), Claudio Pontiggia (corno), Riccardo Parrucci (flauto), Gloria Merani (violino), Alessandro Franconi (viola), Filippo Burchietti (v.cello), Paolino Dalla Porta (c.basso), Francesco Petreni (batteria), Fulvio Maras (perc), Splasc(h) Records CDH677.2, Arcisate, 1998.
  15. ^ con Riccardo Parrucci (flauto), Fabrizio Desideri (sax e clarinetti), Marco Bartalini (tromba), Rossano Emili (clarinetto basso), Gloria Merani e Marco Domenichelli (violino), Flaminia Zanelli (viola), Elisabetta Casapieri (v.cello), Marco Cattani (chit.), Giacomo Riggi (vibrafono), Nino "Swing" Pellegrini (c.basso), Paolo Corsi (batteria) e Andrea Pellegrini (pianoforte), OnyxJazzClub Etichetta Discografica, CDONYX025, Matera, febbraio 2013

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Antonio Vaccaro, Carlo Gesualdo Principe di Venosa, Edizioni Osanna, Venosa, Prima edizione 1982. ISBN 88-8167-197-2.
  • Ewald Reder, Il Principe Carlo Gesualdo (1566-1613), Florian Noetzel Verlag, Heinrichshofen-Bucher, Wilhelmshaven, 2012. ISBN 978-3-7959-0949-9.
  • Giovanni Savignano, Intrighi, Carlo Gesualdo tra musica, amore e morte, Angri (SA), Ed. Gaia, ilibridellaleda, 2010-2011. ISBN 978-88-97005-07-0.
  • Salvatore La Vecchia, La Giostra del principe - Il dramma di Carlo Gesualdo (Prefazione di Ruggero Cappuccio), Atripalda (AV), Mephite Editore, 2010. ISBN 978-88-6320-063-8
  • Rocco Brancati, Bios athanatos - Carlo Gesualdo principe di Venosa 1566-1613..., Milano, Ed. XXI Secolo, 1997.
  • Annibale Cogliano, Carlo Gesualdo omicida fra storia e mito. Napoli: Edizioni Sscientifiche Italiane, 2006. ISBN 88-495-1232-5.
  • Annibale Cogliano, Carlo Gesualdo. Il principe l'amante e la strega. Napoli: Edizioni Sscientifiche Italiane, 2005. ISBN 88-495-0876-X.
  • Annibale Cogliano, Inventario - Centro Studi e Documentazione Carlo Gesualdo Avellino: Elio Sellino Editore, 2004.
  • The Concise Edition of Baker's Biographical Dictionary of Musicians, 8th ed. Revised by Nicolas Slonimsky. New York, Schirmer Books, 1993. ISBN 0-02-872416-X
  • Glenn Watkins, Gesualdo: The Man and His Music. 2nd edition. Oxford, 1991. ISBN 0-19-816197-2.
  • The New Grove Dictionary of Music and Musicians, ed. Stanley Sadie. 20 vol. London, Macmillan Publishers Ltd., 1980. ISBN 1-56159-174-2.
  • Gustave Reese, Music in the Renaissance. New York, W.W. Norton & Co., 1954. ISBN 0-393-09530-4.
  • Alfred Einstein, The Italian Madrigal. Princeton, 1949.
  • Cecil Gray, Philip Heseltine, Carlo Gesualdo, Musician and Murderer. London, St. Stephen's Press, 1926.
  • Pietro Misuraca, Carlo Gesualdo da Venosa, principe dei musici , Palermo, L'Epos, 2000. 88-8302-144-4.
  • Giovanni Iudica, Il Principe dei Musici , Sellerio Editore, Palermo, 1997 (edizione riveduta)
  • Glenn Watkins, The Gesualdo Hex: Music, Myth, and Memory. W. W. Norton & Company, Inc. New York. ISBN 978-0-393-07102-3.
  • Michele Zarrella,Il principe dei musici Carlo Gesualdo l'albero genealogico e la sua città, a cura della Pro-Loco Civitatis Iesualdinæ, 1995, 1996, 2002.
  • Franco Chimenti, La notte dei madrigali, a cura del Liceo Scientifico "Renato Caccioppoli" di Scafati, Artgrafiche VIMA srl Scafati 2007.
  • Dora Liguori, "Carlo Gesualdo - Principe di Venosa, Principe dei musici", Florestano Edizioni.
  • Sandro Naglia, Il processo compositivo in Gesualdo da Venosa: un'interpretazione tonale. Roma, IkonaLiber, 2012. ISBN 978-88-97778-06-6.
  • Anna Maria Riviello, Rocco Brancati, Antonio De Lisa, "Gesualdo di Venosa", Decanter, 2/3, 2004.
  • Luigi Sisto, Mutio Effrem e la corte del Principe di Venosa a Gesualdo, in La Musica del Principe. Studi e prospettive per Carlo Gesualdo, Atti del Convegno di Studi (Venosa-Potenza 2003) a c. di L. Curinga, Lucca, LIM, 2008, pp.
  • Luigi Sisto, Gesualdo, Florimo, D'Arienzo: continuità o modernità ritrovata?, in All'ombra principesca, Atti del Convegno di Studi (Taurasi-Gesualdo 2003), a c. di P. Mioli, Lucca, LIM, 2005, pp.
  • Luigi Sisto, I liutai tedeschi a Napoli tra Cinque e Seicento. Storia di una migrazione in senso contrario, Roma, Istituto Italiano per la Storia della Musica, 2010 (Cap. V "La committenza").
  • Luigi Sisto, Carlo Gesualdo da Venosa e la trasmissione dell'arciliuto nell'Italia meridionale (testo della relazione tenuta nell'ambito della Med-Ren Music Conference, Firenze-Certaldo 2013), Philomusica on-line, Rivista del Dipartimento di Scienze Paleografiche e Musicali dell'Università di Pavia, Pavia University Press, 2013, pp.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 102315314 LCCN: n79110488