Cadenza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Cadenza (disambigua).

La cadenza è una formula armonico-melodica, tipicamente consistente nella successione di due (o più) accordi, che conclude un brano musicale, o una sua frase o sezione. Nel linguaggio musicale le cadenze hanno un ruolo per certi versi paragonabile a quello della punteggiatura nell'espressione verbale.

In alcune forme musicali, come l'aria d'opera o il concerto solistico, la cadenza conclusiva del brano era talora espansa in un lungo assolo di carattere virtuosistico, spesso improvvisato dall'esecutore: da ciò l'uso del termine "cadenza", al di fuori dello stretto contesto della teoria musicale, anche per denotare un lungo inciso solistico che precede la conclusione di un brano.

Armonia tonale[modifica | modifica sorgente]

Essa è uno dei momenti più importanti di una composizione in quanto permette di stabilire pienamente la tonalità, dà coerenza alla struttura formale del brano e costituisce un momento di alta espressività. Può essere paragonata al punto che conclude una frase ma bisogna ricordare che esistono cadenze che possono essere più o meno incisive e possono venir usate per creare un effetto di pausa temporanea o definitiva.

Con l'affermarsi del sistema tonale la cadenza acquistò la funzione a ribadire la tonalità, attraverso precise successioni accordali.

Cadenza autentica o perfetta[modifica | modifica sorgente]

I gradi più importanti per la definizione della tonalità di un brano sono il V ed il I (la sensibile dell'accordo di dominante deve risolvere sempre sulla tonica dando un accentuato senso di conclusione). La loro successione dà origine alla formula di cadenza più nota: la cadenza autentica. Le cadenze autentiche possono essere ulteriormente suddivise in perfette o imperfette, a seconda del loro grado di "perfezione", cioè di conclusività. Le cadenze perfette sono quelle che terminano con la nota tonica al soprano; se, invece, conclude con la terza o la quinta della triade di tonica, la cadenza si dice imperfetta.

Esempio di cadenza autentica perfetta (V-I)

La formula della cadenza autentica (V-I) può essere estesa includendo il IV od il II grado (sia nello stato fondamentale che in primo rivolto) ed inserendo anche la quarta e sesta di cadenza avente funzione di appoggiatura doppia sull'accordo di dominante. In base a ciò si possono avere due formule assai forti dal punto di vista armonico:

  • II-I (in secondo rivolto)-V-I
  • IV-I (in secondo rivolto)-V-I

Altre formule usabili sono:

Tre formule meno comuni sono:

  • VI-V-I
  • III-V-I
  • I-V-I

L'accordo di tonica conclusivo, volendo, può essere ornato o tramite un'appoggiatura od un ritardo. Un'altra variante consiste nel prolungare l'accordo di dominante mentre il basso intona la tonica sia fungendo come appoggiatura sia per permettere una risoluzione più in là.

Cadenza evitata[modifica | modifica sorgente]

La cadenza evitata presuppone una modulazione e si verifica quando il V di una tonalità passa al V di una nuova tonalità. Da qui il nome di cadenza evitata dato che il V "evita" la risoluzione al I per passare direttamente al V di una nuova tonalità. Questo tipo di cadenza crea una sonorità imprevedibile ed una forte sensazione di movimento alla ricerca di una risoluzione conclusiva.

Esempio di cadenza imperfetta (V-I in primo rivolto)

A differenza della cadenza autentica imperfetta, la cadenza evitata non è in grado di concludere un brano.

Cadenza sospesa[modifica | modifica sorgente]

La cadenza sospesa è quella che termina sull'accordo di dominante allo stato fondamentale. Rispetto alla precedente indica una pausa debole, temporanea.
Il più delle volte il V grado viene preceduto dal IV o dal II ma anche dal I (utile l'uso della quarta e sesta di cadenza come elemento sottolineativo) o dal VI.

Esempio di cadenza sospesa (I-V)

Spesso la cadenza sospesa viene utilizzata in caso si abbiano due frasi musicali parallele (od anche due periodi tra loro diversi). In tal caso la prima frase chiude con la cadenza sospesa e la seconda con quella autentica.

Cadenza plagale[modifica | modifica sorgente]

Consiste nell'uso della successione IV-I e viene spesso usata dopo una cadenza autentica per marcarne ancora di più il ruolo conclusivo ma può anche essere inserita da sola. Può essere preceduta dal VI o dal I grado.

Esempio di cadenza plagale (IV-I)

A conclusione di un brano in tonalità maggiore il IV grado può venir anche utilizzato nella sua forma minore e ciò serve a conferire una coloratura molto particolare.

Cadenza d'inganno[modifica | modifica sorgente]

Si basa sulla cadenza perfetta ma al posto del finale di I grado ne viene utilizzato un altro. In base a ciò possono esistere molte cadenze d'inganno con differente efficacia. La tonalità non viene smarrita in quanto è sufficiente l'accordo di dominante per definirla appieno (ed anzi, nella cadenza plagale la definizione tonale è assai incisiva). La progressione più nota è quella V-VI che conferisce un forte senso di sorpresa.

Esempio di cadenza d'inganno (V-VI)

Una cadenza d'inganno crea un momento di sospensione che determina un aumento d'interesse verso la composizione in quanto la sensazione di una conclusione viene disattesa ed inoltre fa sì che il compositore possa aggiungere una o due frasi che chiudano il tutto.

Cadenza frigia[modifica | modifica sorgente]

Si tratta di una cadenza tipicamente barocca che consiste nella progressione, in un brano di tonalità minore, IV (in primo rivolto)-V ove quest'ultimo è nella forma maggiore. In genere è usata come conclusione di un movimento lento.

Esempio di cadenza frigia (IV in primo rivolto-V)

Il nome deriva dal movimento discendente di un semitono del basso che si ritiene sia una derivazione delle cadenze, di tipo II-I, della musica medioevale nel modo frigio.

Cadenza imperfetta[modifica | modifica sorgente]

La cadenza imperfetta è caratterizzata dalla presenza della progressione V-I in cui il I grado o il V sono allo stato di rivolto. Ciò determina la perdita di parte del carattere conclusivo della cadenza autentica indicando una pausa solo transitoria. In questi casi, in effetti, la conclusione arriva successivamente.

Esempio di cadenza imperfetta

Un effetto poco conclusivo lo si può anche ottenere, volendo, utilizzando l'accordo di tonica allo stato fondamentale ma facendo cantare al soprano la 3^ mediante.

Cadenze in battere o in levare[modifica | modifica sorgente]

Questa differenziazione si basa sul tempo in cui cade l'ultimo accordo della cadenza. Se si tratta di un tempo forte si ha la cadenza in battere, altrimenti si tratta di una cadenza in levare.

Esempio di cadenza (perfetta) in battere
Esempio di cadenza in levare

Ogni tipo di cadenza armonica può essere sia in battere che in levare.

Cadenza piccarda[modifica | modifica sorgente]

Consiste nel concludere una composizione basata sul modo minore sull'accordo del I grado con la terza innalzata. In questa maniera la composizione basata sul modo minore conclude su un accordo perfetto maggiore anziché su quello perfetto minore; questo crea nell'ascoltatore come un bagliore di luce o di speranza sull'ultimo accordo che, essendo maggiore, è in contrasto con la sonorità triste e malinconica propria del modo minore. Il termine tierce de Picardie (terza piccarda) per indicare questa formula fu usato per la prima volta da J.J. Rousseau nel Dictionnaire de musique (1767). La motivazione di questa scelta linguistica risiedeva nel fatto che la suddetta formula cadenzale era usata (ancora ai tempi di Rousseau) nella musica da chiesa. Nella regione della Piccardia si faceva musica in numerose cattedrali, da qui - secondo lo stesso Rousseau - il nome tierce de Picardie.[1]


In realtà, nel corso dei secoli XVI e XVII era una prassi pressoché sistematica quella di concludere un brano in tonalità minore con l'accordo maggiore: a quell'epoca la terza minore era considerata una consonanza imperfetta (quindi non sufficientemente conclusiva), e risultava particolarmente calante nel temperamento mesotonico allora in uso (che invece aveva terze maggiori perfettamente consonanti).

Cadenze nella polifonia pre-rinascimentale[modifica | modifica sorgente]

Cadenza di Landini[modifica | modifica sorgente]

Esempio di Cadenza di Landini

È spesso indicata come "cadenza di Landini" la formula di cadenza usata tipicamente nella polifonia dei secoli XIV e XV. A quel tempo un accordo finale poteva contenere solo l'ottava e la quinta della fondamentale poiché la terza non era considerata una consonanza. Nella forma più tipica di questa cadenza, illustrata in figura, la voce superiore raggiunge la fondamentale con la successione VII grado (sensibile, spesso ribattuta) - VI grado - VIII grado. La voce più grave scende dal II al I grado, mentre l'eventuale voce intermedia, sale dal IV al V grado. Secondo le regole della musica ficta, occorre alterare il IV grado per evitare il tritono con il VII grado della voce alta, e per questa ragione si parla talvolta di doppia sensibile[2]. La stessa formula melodica si applica anche, nella stessa epoca, alle cadenze frigie.

Il nome "cadenza di Landini" in riferimento alla discesa melodica del Cantus fino al sesto grado prima della finalis'[3], fu coniato dal musicologo tedesco A.G. Ritter nel 1884, che ne descrisse la struttura nel contesto dell'analisi della ballata Non arà mai pietà di Francesco Landini[4]. Landini sembra in effetti essere il primo compositore ad aver dato forma a questa cadenza[5] che fu largamente usata dai compositori europei fino alla generazione di Guillaume Dufay e Gilles Binchois, e occasionalmente ancora dai principali compositori franco-fiamminghi delle generazioni successive (incluso Josquin Desprez).

Cadenza borgognona[modifica | modifica sorgente]

Le ultime quattro battute del rondeau "J'atendray tant qu'il vous playra" di Guillaume Dufay (1397-1474), esempio di "cadenza borgognona"

Una formula alternativa a quella illustrata nella sezione precedente fu talora usata nella prima metà del XV secolo, soprattutto dai compositori della Scuola di Borgogna (gli esempi più tipici si ritrovano nelle opere profane di Dufay e Binchois): in questa formula, prima della risoluzione la voce di contratenor viene a trovarsi sul V grado della scala, ma all'ottava inferiore. Come nell'esempio precedente, fra le altre due voci (cantus e tenor) una sale per semitono alla fondamentale, l'altra scende dal II al I grado. Se la voce di contratenor salisse a sua volta alla fondamentale con un salto di quarta, si troverebbe all'unisono con il tenor, e nell'accordo finale mancherebbe la quinta: i compositori borgognoni preferivano quindi far salire il contratenor al V grado, con un salto d'ottava. Questo schema fu poi abbandonato nella scrittura polifonica a quattro voci, che divenne prevalente nella seconda metà del XV secolo: in quel caso la quinta nell'accordo finale può essere raggiunta dal contratenor altus, mentre il bassus termina sulla fondamentale, all'unisono con il tenor o un'ottava sotto: si ottiene così lo schema classico di cadenza perfetta (V-I) che si affermò definitivamente nel corso del Rinascimento.

La cadenza vocale o strumentale[modifica | modifica sorgente]

Opera lirica e concerto[modifica | modifica sorgente]

Nell'opera il termine cadenza indica un passaggio melodico, anche esteso e pressoché privo di accompagnamento, utilizzato poco prima della conclusione del brano.

Fino alla fine del XVIII secolo le cadenze delle arie d'opera erano quasi sempre scritte o improvvisate dai cantanti che le eseguivano. In seguito i compositori provvedettero a scrivere le cadenze vocali per esteso, ma i cantanti non smisero di modificarle o riscriverle. È celebre la lunghissima cadenza col flauto nell'aria della pazzia di Lucia di Lammermoor di Gaetano Donizetti, forse composta dal soprano Teresa Brambilla e comunque assente nell'originale donizettiano. Nel corso del XX secolo i cantanti d'opera abdicarono quasi del tutto a tale ruolo di compositori aggiunti, ma in cambio si assistette ad un curioso fenomeno di codificazione di ciò che in origine costituiva un momento improvvisativo, o almeno estemporaneo, dell'evento musicale: l'editore Ricordi pubblicò le cadenze (e le variazioni) raccolte ed elaborate dal maestro Luigi Ricci, che i cantanti presero ad usare regolarmente in luogo di quelle delle partiture originali. Solo negli ultimi decenni del secolo la filologia ha cominciato ad aver ragione di questa tradizione.

Per quanto riguarda le cadenze strumentali, nei concerti per strumento solista e orchestra celebre è quella di Johann Sebastian Bach nel suo Concerto Brandeburghese n. 5 nel quale, verso la fine del primo tempo, l'orchestra tacet e il clavicembalo solista esegue un brano virtuosistico; viene considerata il primo esempio di cadenza nei concerti solistici. In Germania viene introdotto in partitura attraverso il termine Kadenz.

In questa accezione, la kadenz si riallaccia al precedente significato armonico in quanto si svolgeva in questi termini:

  • l'orchestra si portava sul V grado della tonalità armonizzato con quarta e sesta (accordo di Tonica in 2° rivolto)
  • questo era il "segnale d'inizio" della cadenza solistica e del tacet dell'orchestra, la quale, da qui in poi, assiste in silenzio all'improvvisazione del solista
  • ultimo segnale era costituito dal trillo su armonia di Dominante, che il solista eseguiva poco prima di cadenzare sull'accordo di Tonica; contemporaneamente l'orchestra riprendeva a suonare e concludeva il brano.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Articolo del Dictionnaire de musique di Rousseau relativo alla tierce de Picardie. URL consultato l'11 settembre 2012.
  2. ^ Vincent Arlettaz, "Musica ficta: une histoire des sensibles du XIIIe au XVIe siècle", Madraga 2000, p.255.
  3. ^ M.T. Rosa-Ballenzani, "La cadenza alla Landini", in "Col dolce suon che da te piove", SISMEL ed. Galluzzo, 1999 p. 141-143.
  4. ^ David Fallows, voce "Landini cadence" sul New Grove Dictionary of Music and Musicians.
  5. ^ Anna Chiappinelli, "La dolce Musica Nova di Francesco Landini", Sidereus Nuncius, 2007.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica