Sincope (musica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La sincope in musica è un particolare effetto ritmico e/o armonico.

Esempio di sincope

La sincope ritmica[modifica | modifica sorgente]

Sincope è una denominazione attribuita ad un particolare ritmo prodotto dallo spostamento dell'accento ritmico della battuta. L'accento ritmico si sposta, cioè, dal tempo forte o da una parte forte del tempo a un tempo debole o a una parte debole del tempo. I suoni dunque iniziano su un tempo debole (o una parte debole della battuta) e si prolungano sul tempo forte, o sulla parte forte successiva. Il ritmo sincopato è stato usato in contesti musicali varie volte, un esempio ne è la musica ska[1] e il reggae di Bob Marley, il quale usava questo tipo di ritmo per ogni sua canzone[2]

Vari tipi di sincope

Normalmente questo particolare effetto si presenta graficamente nel seguente modo: nota di una certa durata - una o più note di durata doppia - nota di durata uguale alla prima (un esempio può essere: croma - semiminima - croma).

Bisogna prestare particolare attenzione ai ritmi composti (6/8, 9/8 ecc..) e alle loro suddivisioni, poiché in molti casi vi si presenta una figurazione ritmica che, in un tempo semplice potrebbe essere sincopata, mentre in un tempo composto non lo è affatto.

La grafia ricorda quella della sincope ma si tratta invece di un normale ritmo non contrametrico

Nella teoria musicale si usa distinguere la sincope in quattro tipi:

  • regolare - quando la figurazione ritmica sincopata è composta da note di valore uguale e quindi lo spostamento dell'accento è sempre, appunto, uguale e regolare;
  • irregolare - quando la figurazione ritmica sincopata è composta da note di valore diverso che danno luogo ad uno spostamento d'accento sempre diverso e irregolare;
  • semplice - quando si verifica un solo spostamento d'accento;
  • composta - quando avviene lo spostamento di più accenti. La sincope composta è anche detta andamento sincopato.

L'esecuzione della sincope nel solfeggio[modifica | modifica sorgente]

Normalmente quando si solfeggia una figurazione sincopata si tende a commettere un errore che sembra insignificante ma non lo è affatto. Quando si esegue la sincope senza prestare particolarmente attenzione si accentua in maniera evidente la nota che si prolunga dal tempo debole al tempo forte, questo è un errore che va assolutamente evitato (a meno che non sia espressamente indicato di eseguirla in questo modo).

Per capire come si esegue la sincope si può tenere presente il seguente esempio:

Una battuta di 4/4 contenente una figurazione ritmica sincopata

Il controtempo (o contrattempo)[modifica | modifica sorgente]

Controtempo

Il controtempo (o contrattempo) è un contrasto ritmico prodotto dall'alternarsi di pausa sul tempo forte e nota sul punto debole.[3] È un effetto particolare simile alla sincope (non è quindi una sincope).

Nel controtempo il suono inizia sul tempo debole e viene successivamente troncato da un silenzio (pausa musicale). Questo particolare effetto si può avere sia nei tempi semplici che in quelli composti.

La sincope armonica[modifica | modifica sorgente]

Esempio di sincope armonica Media:Sincope armonica.MID

La sincope armonica è un particolare effetto che interessa gli accordi; essa avviene quando vi è il medesimo accordo a cavallo di battuta, o in altri casi in cui gli accordi sono disposti in modo da creare anche sincope ritmica.

La sincope veniva considerata un cattivo effetto dai teorici dell'armonia classica e quindi veniva definita (e viene considerato tuttora nello studio dell'armonia classica) un errore. Tuttavia vi sono vari esempi nella storia della musica in cui appare tale effetto.[senza fonte]

C'è un caso particolare in cui non si può parlare di sincope armonica: quando la composizione inizia in arsi (in levare) nella battuta precedente e il medesimo accordo si presenta anche nella tesi (in battere) della battuta successiva non si parla di sincope armonica. Johann Sebastian Bach nei suoi corali ci dà molti esempi di questo incipit.[senza fonte]

La sincope nel jazz[modifica | modifica sorgente]

La costruzione ritmica nella musica jazz molto spesso è basata su interi periodi sincopati; qui si può parlare di procedimento sincopato o andamento sincopato.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ska nell’Enciclopedia Treccani
  2. ^ Reggae Musica : Nat Geo Music
  3. ^ Controtempo in Treccani.it - Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Pasquale Bona - Metodo completo per la divisione / Bona; appunti di teoria musicale a cura di Aldo Rossi Firenze Ed. Ricordi 1996 - ISMN - M041321295.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica