Manna (Bibbia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Manna
La raccolta della Manna(di James Tissot ca. 1896-1902)
La raccolta della Manna
(di James Tissot ca. 1896-1902)
Origini
Altri nomi Manna loroli
Luoghi d'origine Israele Israele
Egitto Egitto
Regioni Penisola del Sinai
Neghev
Diffusione deserto
Dettagli
Categoria contorno
Ingredienti principali Melata
Psilocybe cubensis
Enteogeno
Orniello
Varianti pane
 

Manna (in ebraico: מן?) o al-Mann wa al-Salwa (in arabo: المَنّ و السلوى, curdo gezo, fārsì گزانگبین), a volte o arcaicamente scritto mana, è una sostanza commestibile che, secondo la dottrina abramitica, Dio somministrò agli Israeliti durante le loro peregrinazioni nel deserto, dopo l'uscita e la liberazione dalla schiavitù in Egitto; la manna iniziò a scendere dal cielo quando il popolo d'Israele stava avvicinandosi al Monte Sinai per ricevere la Torah.

Secondo i più, nella Qabbalah, la manna non era soggetta agli "accidenti" secondo il "principio della generazione e corruzione"[1] per quanto riguarda la sua eccellenza:

« ...della Volontà divina... »

Testo e commento religioso[modifica | modifica wikitesto]

« E, evaporato lo strato di rugiada, apparì sulla superficie del deserto qualcosa di minuto, di granuloso, fine come brina gelata in terra. A tal vista i figli d'Israele si chiesero l'un l'altro: «Che cos'è questo?» perché non sapevano che cosa fosse. E Mosè disse loro: «Questo è il pane che il Signore vi ha dato per cibo. Ecco ciò che ha prescritto in proposito il Signore: ne raccolga ognuno secondo le proprie necessità, un omer a testa, altrettanto ciascuno secondo il numero delle persone coabitanti nella tenda stessa così ne prenderete». Così fecero i figli di Israele e ne raccolsero chi più chi meno. Misurarono poi il recipiente del contenuto di un 'òmer; ora colui che ne aveva molto non ne ebbe in superfluo e colui che ne aveva raccolto in quantità minima non ne ebbe in penuria; ciascuno insomma aveva raccolto in proporzione delle proprie necessità »   (Esodo 16.16-18)

I Rabbini del Talmud commentano così: ...ché non di "solo pane" "vive l'uomo".

Quando Dio si apprestava a far scendere la manna dal cielo essa illuminava l'atmosfera spirituale delle tappe affrontate dal popolo d'Israele nel deserto: l'origine celeste della manna favoriva questa manifestazione. Non potendo raccoglierla durante il Sabato (giorno che secondo la tradizione ebraica è destinato al riposo), Dio donava una doppia razione di manna ogni Venerdì affinché bastasse anche per il Sabato; in ricordo di ciò gli appartenenti alla religione ebraica devono preparare i pasti del Sabato con almeno due pagnotte chiamate Challot: esse vengono custodite all'interno di due panni di stoffa, uno al di sopra ed uno sotto, per ricordare anche lo strato di rugiada che ricopriva sotto e sopra questo cibo celeste. I Chakhamim insegnano che ogni Ebreo che assaggiava la manna poteva percepire e gustare un sapore diverso da quello degli altri Ebrei: si parla di gusti di altri cibi da loro desiderati ed assaporati mangiando la sola manna. Il residuo della manna che si scioglieva si diffondeva poi nell'acqua in modo che il gusto della carne degli animali selvatici che si abbeveravano di quell'acqua rendesse noto agli altri popoli che la assaggiavano del cibo fornito da Dio agli Ebrei.

Il tosafista Rashbam ricorda che dopo molto tempo gli Ebrei si impegnarono a lavorare la manna e renderla differente proprio come avviene per le noci, in principio mature e dolci ma poi oleose se lavorate: ciò non piacque a Dio che avrebbe preferito se gli Ebrei ne avessero mantenute inalterate le qualità. Yisaschar Bnei ricorda che i malati del popolo ebraico, usciti dall'Egitto, vennero guariti appena cibatisi della manna. Un Midrash racconta che pietre preziose scendevano dal cielo assieme alla manna. Una porzione di manna venne inserita nell'Arca dell'alleanza da Aronne su ordine di Mosè. La tradizione vuole che la manna torni con l'era messianica.[2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Biblica/canonica[modifica | modifica wikitesto]

La manna è descritta nel Libro dell'Esodo e nei Numeri come bianca e simile alla brina
Secondo un altro passo del Libro dell'Esodo, la manna sarebbe bianca come semi di coriandolo (sebbene i semi di coriandolo siano giallo-marroni)

Nella Bibbia ebraica (Tanakh) la manna è descritta due volte: una volta in Esodo 16:1-36 con una narrazione completa, un'altra volta in Numeri 11:1-9 quale parte di una narrazione separata. Nella descrizione del Libro dell'Esodo, la manna viene presentata come "cosa sottile, a forma di fiocco" come brina al suolo.[3] È descritta nel Libro dei Numeri come posatasi insieme alla rugiada durante la notte;[4] Esodo aggiunge che la manna era paragonabile alla brina come dimensioni,[3] similmente doveva essere raccolta prima che si sciogliesse a causa del calore del sole,[5] ed era di colore bianco come il seme del coriandolo.[6] Numeri la descrive di apparenza paragonabile al bdellio,[7] aggiungendo che gli Israeliti la macinavano e impastavano facendone focacce, che poi venivano cotte e avevano il sapore di pasta all'olio.[8] Esodo afferma che la manna cruda sapeva di pane fatto col miele.[6] Gli Israeliti furono istruiti di consumare solo la manna che avevano raccolto ciascun giorno. La rimanenza di manna messa in serbo per il giorno successivo "fece i vermi e si imputridì":[9] ci fu un'eccezione il giorno prima dello Shabbat (Giorno della Preparazione), quando venne raccolto il doppio della manna, che non si imputridì durante la notte, poiché Esodo 16:23-24 afferma "Questo è quello che ha detto il Signore: «Domani è un giorno solenne di riposo: uno shabbat sacro al Signore; fate cuocere oggi quello che avete da cuocere, e fate bollire quello che avete da bollire; tutto quel che vi avanza, riponetelo e conservatelo fino a domani». Essi dunque lo misero da parte fino all’indomani, come Mosè aveva ordinato, e quello non imputridì e non fu infestato dai vermi."

Islam[modifica | modifica wikitesto]

La parola manna appare tre volte nel Qurʾān. Viene narrato nella hadith Sahih Muslim che il profeta Maometto pronunciò "I tartufi sono parte della 'manna' che Allah mandò al popolo di Israele mediante Mosè ed il succo è medicina per gli occhi."[10]

Identificazione[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni biblisti hanno proposto che la manna sia imparentata col termine egiziano mennu, che significa "cibo".[11] All'inizio del XX secolo, gli arabi della penisola del Sinai vendevano resine dall'albero tamerice come man es-simma, che grosso modo significa "la manna celeste ".[12] Gli alberi di tamerice (particolarmente la Tamarix gallica) erano una volta abbastanza estesi in tutto il Sinai meridionale e la loro resina è simile a cera, si fonde al sole, è dolce ed aromatica (come il miele) e ha un colore giallo sporco, alquanto simile alle descrizioni bibliche della manna.[13][14] Tuttavia, tale resina è composta principalmente da zucchero, quindi pare improbabile che abbia fornito un'alimentazione sufficiente ad una popolazione per sopravvivere lunghi periodi di tempo,[13] e sarebbe stato molto difficile impastarla per farne delle focacce.[14]

Formica nera con una bolla trasparente di melata prodotta da un afide verde
Coccoidee coperte da secrezioni seree

Nel resoconto biblico, il nome "manna" si dice derivi dalla domanda man hu, che apparentemente significa "Cos'è?";[15] questa è forse un'etimologia aramaica, non una ebraica.[14] Man è forse una parola imparentata col termine arabo man, che significa pidocchio delle piante e man hu quindi significherebbe "questo è un pidocchio della pianta",[14] che si adatta ad una diffusa identificazione moderna della manna, la secrezione cristallizzata di alcune cocciniglie.[14][16] Nell'ambiente di un deserto, tale melata si asciuga rapidamente a causa dell'evaporazione del suo contenuto acquoso, diventando un solido appiccicoso che poi assume un colore biancastro, giallastro o marrone;[14] la melata di tale forma è considerata una leccornia nel Medio Oriente ed è un'ottima fonte di carboidrati.[16] In particolare, esiste una cocciniglia che si nutre dalle tamerice, la "cocciniglia della manna tamerice" (Trabutina mannipara), che è tra le prime candidate della manna biblica.[17][18]

Un albero di tamerice nel deserto del Levante

Un certo numero di etnomicologi, tra cui Terence McKenna,[19] hanno asserito che la maggioranza delle caratteristiche della manna sono simili a quelle dei funghi Psilocybe cubensis, noti focolai di insetti e che si decompongono rapidamente. Questi funghi particolari producono una quantità di molecole che assomigliano a neurotrasmettitori umani, e appaiono inizialmente come fibre minuscole (miceli) che sono simili alla brina. La psilocibina, la molecola psicoattiva primaria del fungo "Psilocybe cubensis", produce esperienze "spirituali", con "significati personali e sensazioni spirituali interiori" quando testate su pazienti che successivamente descrivono le proprie esperienze.[20] In uno studio del 2006 sulla psilocibina, un terzo dei partecipanti ha riferito che l'esperienza è stata il singolo momento spiritualmente più significativo della loro vita e più di due terzi hanno riferito che sia stata tra le primi cinque esperienze più spiritualmente significative. Un effetto collaterale del consumo di Psilocibina è la perdita di appetito.[21] Speculazione che la manna sia un enteogeno, descritto anche nel libro postumo di Philip K. Dick intitolato La trasmigrazione di Timothy Archer, è confortata da un contesto più ampio quando la si confronta con le lodi del soma nel vedismo Ṛgveda Saṃhitā, quelle del teonanácatl in Messico, il sacramento del peyote presso la Chiesa Nativa Americana, e la santa ayahuasca usata nei riti delle chiese União do Vegetal e Santo Daime.[22]

Etnomicologi, archeologi e antropologi hanno inoltre notato la chiara somiglianza tra il nome azteco dei funghi di psilocibina, "la carne degli dei", e quello di Mosè per descrivere la manna, "Il Pane del Signore".[23] tale paragone viene spesso enfatizzato nel contesto della dottrina della "civiltà perduta" di Graham Hancock, che sostiene che la religione moderna può rintracciare le sue origini a migliaia di anni fa, risalendo fino alle tradizioni presacerdotali sciamaniche appartenenti alla "cultura della madre".[24] Più in generale, la connessione manna-teonanácatl è stata citata quale evidenza di un contatto transoceanico precolombiano.[25]

Altre identificazioni della manna di minore supporto sono quella che la identifica con una specie kosher di cavalletta,[26] o quella che fosse la linfa di alcune piante succulente (come quelle del genere Alhagi, che hanno un effetto di soppressione dell'appetito).[27]

Potenziali discrepanze[modifica | modifica wikitesto]

Schema dell'"ipotesi documentale" o "teoria delle quattro fonti".
'J': tradizione Jahvista
'E': tradizione Elohista
'D': tradizione Deuteronomista
'P': tradizione Codice Sacerdotale
'R': "Redattore" che ha compilato le fonti
* include la maggior parte del Levitico
† include la maggior parte del Deuteronomio
‡ "Deuteronomic History (Storia deuteronomica)": Giosuè, Giudici, Samuele 1&2, Re 1&2

Alcuni critici delle forme postulano descrizioni contrastanti della manna come derivante da tradizioni diverse, con la descrizione in Numeri presa dalla tradizione Jahvista (J) e la descrizione in Esodo dalla successiva tradizione Sacerdotale (P).[28][29] Il Talmud babilonese afferma che le differenze nella descrizione erano dovute al differente sapore che variava a secondo di chi la mangiava, simile a miele per i bambini piccoli, a pane per gli adolescenti, a olio per i più.[30] Similmente, la letteratura rabbinica classica rettifica la questione se la manna cadesse prima o dopo la rugiada, sostenendo che la manna fosse inserita tra due strati di rugiada, una caduta prima della manna e l'altra dopo.[12]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

La manna proviene dal cielo, secondo la Bibbia,[31] ma le sue varie identificazioni sono naturalistiche. Nella Mishnah, la manna considerata una sostanza sovrannaturale, creata al crepuscolo del sesto giorno della Creazione,[32] e assicurata di essere pura, prima del suo arrivo, dallo spazzare del terreno da un vento del nord e piogge successive.[33] Secondo la letteratura rabbinica classica, la manna era stata macinata in un mulino celeste per l'utilizzo dei giusti, ma parte di essa fu assegnata anche agli empi e lasciata che se la macinassero da soli.[12]

Uso e funzione[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni passi della Bibbia narrano che, fintantoché non raggiunsero Canaan, gli Israeliti mangiarono solo manna durante il soggiorno nel deserto,[34] nonostante la disponibilità di latte e carne dal bestiame col quale viaggiavano e vari riferimenti a provviste di farina e olio in sezioni della narrazione.[12]

Come una sostanza commestibile naturale, la manna avrebbe dovuto produrre residui alimentari, ma nella letteratura rabbinica classica si afferma che, essendo una sostanza soprannaturale, la manna non producesse rifiuti corporei, con nessuna conseguente defecazione da parte degli Israeliti fino a qualche decennio successivo, quando la manna aveva cessato di cadere.[35] La scienza medica moderna riporta che la mancanza di defecazione per un così lungo periodo di tempo avrebbe potuto causare gravi problemi intestinali, soprattutto quando altri alimenti vennero ad essere nuovamente consumati. Gli scrittori rabbinici classici sostengono che gli Israeliti si lamentassero per la mancanza di defecazione, essendo preoccupati per potenziali problemi intestinali.[35]

Molti vegetariani cristiani asseriscono che Dio avesse originalmente voluto che l'essere umano non mangiasse carne ma solo piante, le quali non muovendosi non implicano "uccisione" e quindi peccato: la manna, sostanza non di carne, viene citata in supporto di tale teoria.[36] Inoltre, quando il popolo si lamentò e vollero carne, Dio diede loro carne in forma di quaglie, ma a quanto pare alcuni si lamentarono ancora, mentre altri avidamente raccolsero le quaglie. "Avevano ancora la carne fra i denti e non l'avevano ancora masticata, quando lo sdegno del Signore si accese contro il popolo e il Signore percosse il popolo con una gravissima piaga."[37]

Il cibo non era il solo uso della manna: una fonte rabbinica classica afferma che l'odore fragrante della manna fosse utilizzato in un profumo israelita.[12].

Oggi, la produzione di manna estratta dalla linfa del frassino da manna (Fraxinus ornus) è tradizionalmente svolta in Sicilia (nella zona del Parco delle Madonie, situato nella Sicilia settentrionale) dagli agricoltori siciliani e la maggior parte viene inviata all'estero. La manna è usata in molti prodotti (dolci, torte, ma anche profumi) e per questo motivo costa circa 80 euro al chilo (2013). I medici raccomandano spesso manna al posto dello zucchero tradizionale (o sostituti chimici), soprattutto per i pazienti che hanno problemi di diabete, perché contiene bassi livelli di glucosio e sostanze naturali.[38]

Raccolta[modifica | modifica wikitesto]

La raccolta della Manna (Musée de la Chartreuse, Douai, ca. 1460-1470)

Esodo afferma che ogni giorno un omer di manna veniva raccolto per ciascun membro di famiglia (circa 3,64 litri),[39] e potrebbe implicare che ciò avvenisse indipendentemente da quanto sforzo era stato messo nella sua raccolta;[40] un midrash attribuito a Rabbi Tanhuma narra che, sebbene molti fossero abbastanza diligenti da andare nei campi a raccogliere la manna, altri si sdraiavano pigramente per terra e prendevano la manna allungando le mani.[41] Il Talmud asserisce che questo fattore venisse usato per risolvere le dispute sulla proprietà degli schiavi, poiché la quantità di omer di manna che ciascuna famiglia poteva raccogliere indicava quante persone facevano legittimamente parte di data famiglia;[42] gli omer di manna per schiavi rubati potevano essere raccolti solo dai legittimi proprietari e quindi i legittimi proprietari si ritrovavano con quantità d'avanzo.[42]

Secondo il Talmud, la manna veniva trovata nei pressi delle case di coloro con una forte fede in Dio e lontano dalle case di coloro con dubbi;[42] in verità, un midrash classico narra che la manna era intangibile ai gentili, che inevitabilmente se la vedevano svanire tra le mani.[43] Il Midrash Tanhuma sostiene che la manna si sciogliesse, formasse rigagnoli liquidi, venisse bevuta da animali, speziasse la carne delle bestie e fosse quindi mangiata indirettamente dai gentili, questo essendo quindi l'unico modo in cui i gentili potevano assaporare la manna.[44] Nonostante questi accenni a distribuzioni irregolari, la letteratura rabbinica classica esprime l'opinione che la manna cadesse in grandi quantità ogni giorno. Si ritiene che la manna venisse distribuita su un'area di oltre 2000 cubiti quadrati, per un totale tra i 50 e i 60 cubiti in altezza, abbastanza per nutrire gli Israeliti per 2000 anni[12] e che si potesse vedere dai palazzi di ogni re dell'Est e dell'Ovest,[45] probabilmente un'affermazione metaforica.

Shabbat[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Shabbat.

Secondo certe interpretazioni rabbiniche,[46] lo Shabbat fu istituito la prima settimana in cui apparve la manna.[47] Afferma che il doppio della manna fosse disponibile alla mattina del sesto giorno della settimana e niente manna si potesse trovare il settimo giorno;[48] sebbene la manna si imputridisse e si infestasse di vermi dopo una sola notte,[9] la manna che veniva raccolta al sesto giorno rimaneva fresca fino alla seconda notte.[49] Mosè dichiarò che la doppia porzione del Giorno di Preparazione dovesse essere consumata allo Shabbat;[47] e che Dio lo aveva istruito anche affinché nessuno dovesse lasciare il proprio posto durante Shabbat,[50] cosicché il popolo potesse riposarsi durante tale giorno.[51]

I critici delle forme considerano che questa parte della narrazione della manna fosse stata estratta dalla tradizione Jahvista e Sacerdotale, con la tradizione Jahvista che enfatizza il riposo durante lo Shabbat, mentre la tradizione Sacerdotale assume semplicemente che lo Shabbat esiste[52], sottintendendo come il significato di "Shabbat" fosse già noto.[14][53] Questi critici ritengono tale parte della narrazione della manna una storia eziologica supernatura concepita per spiegare l'origine dell'osservanza dello Shabbat, osservanza che in realtà era probabilmente pre-mosaica.[14]

Durata della somministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Esodo narra che gli Israeliti consumarono manna per 40 anni, iniziando dal quindicesimo giorno del secondo mese (15 di Iyar),[54] ma che poi cessò di cadere quando ebbero raggiunto una terra abitata e si avvicinarono ai confini di Canaan (abitata dai cananei).[55] I critici delle forme attribuiscono questa variante all'opinione che ciascuna interpretazione della cessazione della manna derivi da una tradizione diversa; la "terra abitata" viene attribuita alla tradizione Sacerdotale (P) ,[14][53] e "i confini del paese di Canaan" alla tradizione Jahvista (J), o ad un'ipotetica redazione successiva che sincronizzi il resoconto con quello del Libro di Giosuè,[14][53] che sostiene che la manna cessò di cadere il giorno dopo il festival annuale di Pesach (il 14 di Nisan), quando gli Israeliti ebbero raggiunto Galgala.[56] La durata che va dal 15 Iyar al 14 Nisan, presa letteralmente, è di 40 anni meno un mese.

Esiste inoltre un disaccordo tra gli scrittori rabbinici classici su quando la manna cessò, soprattutto in luce del fatto che continuò dopo la morte di Mosè per ulteriori 40 giorni, 70 giorni, o 14 anni;[57] in verità, secondo Joshua ben Levi, la manna cessò di apparire nel momento che Mosè spirò.[12]

Nonostante l'eventuale cessazione dell'erogazione di manna, Esodo afferma che ne rimase una piccola quantità in un vaso o urna, che venne tenuta nel Tabernacolo "davanti alla Testimonianza" (forse adiacente all'Arca dell'Alleanza),[58] il testo indica che il Signore incaricò Mosè di farlo e che ne venne delegato Aronne.[59] La Lettera agli Ebrei afferma che l'urna fu riposta all'interno dell'Arca.[60] Le fonti rabbiniche classiche ritengono che l'urna fosse d'oro; alcuni dicono che rimase lì soltanto fino alla generazione dopo Mosè, e altri che sopravvisse almeno fino al tempo di Geremia.[12] Tuttavia, il Primo Libro dei Re afferma che non c'era già più prima di Geremia, durante il regno di Salomone nel X secolo p.e.v.[61] I critici delle forme attribuiscono la citazione dell'urna alla tradizione Sacerdotale (P), concludendo che l'urna esisteva (ancora) agli inizi del VI secolo p.e.v.[53]

Riferimenti culturali successivi[modifica | modifica wikitesto]

Per estensione, il termine "manna" è usato per riferirsi a qualsiasi nutrimento divino o spirituale.

Da molti anni, i cattolici annualmente raccolgono un liquido trasparente dalla tomba di San Nicola di Bari;[62] la leggenda asserisce che il profumo di questo liquido protegga dal male e viene venduto ai pellegrini quale "Manna di San Nicola".[63] Il liquido fuoriesce dalla tomba del Santo nella cripta della Basilica di Bari, ma non è chiaro se venga emesso dal corpo nella tomba o dal marmo della tomba stessa; poiché la città di Bari è un porto e la tomba si trova sotto il livello del mare, esistono diverse spiegazioni del fluido di manna, tra cui il trasferimento di acqua marina nella tomba per azione capillare.[64]

Nel XVII secolo, una donna mise in vendita come cosmetico un prodotto trasparente ed insapore, chiamandolo "la Manna di San Nicola di Bari". Dopo la morte di circa 600 uomini, le autorità italiane scoprirono che il presunto cosmetico era una preparazione di arsenico, usato dalle loro mogli.[65]

In un contesto botanico moderno, la "manna" è spesso usata per indicare le secrezioni di varie piante, in particolare di alcuni arbusti e alberi, nonché gli zuccheri ottenuti facendo evaporare la linfa del Fraxinus ornus (Frassino da manna), estratta facendo piccoli tagli nella corteccia.[66] Il Frassino da manna, originario dell'Europa meridionale e Asia sudoccidentale, produce una linfa verde-blu, che ha caratteristiche medicinali quale blando lassativo,[67] demulcente ed espettorante.[65]

I nomi sia dello zucchero mannosio e del suo alcol idrogenato, il mannitolo, sono derivati della manna.[68]

Robert Nozick fece notoriamente riferimento alla "manna dal cielo" durante un esperimento filosofico sulla "giustizia distributiva".[69]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • James Arthur, Mushrooms and Mankind: The Impact of Mushrooms on Human Consciousness and Religion, Book Tree, 2000, ISBN 1-58509-151-0.
  • Bibbia ebraica, Firenze, La Giuntina, 2006
  • Esodo Shemot - Khumash, Milano, Mamash, 2010
  • El'azar da Worms, Il segreto dell'Opera della Creazione. Genova, ECIG, 2002
  • Clark Heinrich, Magic Mushrooms in Religion and Alchemy, Park Street Press, 2002, ISBN 0-89281-997-9.
  • Dan Merkur, The Mystery of Manna: The Psychedelic Sacrament of the Bible, Park Street Press, 2000, ISBN 0-89281-772-0.
  • Terence McKenna, Food of the Gods: The Search for the Original Tree of Knowledge, A Radical History of Plants, Drugs, and Human Evolution, Bantam Books, 1993, ISBN 0-553-37130-4.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cfr Maimonide e Nachmanide
  2. ^ El'azar da Worms racconta come questo pane degli angeli derivasse direttamente dal Regno celeste e spirituale e fosse prodotto dagli angeli dell'ordine delle Chayyot, usando per questo significato la metafora del sudore delle Chayyot e di una produzione effettuata da Dio, sempre con gli angeli, avvenuta attraverso delle macine celesti. Secondo la tradizione fu per merito di Mosè che la manna scese dal Cielo per il popolo d'Israele. Cfr. El'azar da Worms, Il segreto dell'Opera della Creazione, Genova, ECIG, 2002.
  3. ^ a b Esodo 16:14
  4. ^ Numeri 11:9
  5. ^ Esodo 16:21
  6. ^ a b Esodo 16:31
  7. ^ Numeri 11:7
  8. ^ Numeri 11:8
  9. ^ a b Esodo 16:20
  10. ^ Hadith 23:5084 (EN) ; 23.-"Libro di bevande Kitab Al-Ashriba".
  11. ^ George Ebers, Durch Gosen zum Sinai, W. Engelmann, 1881, p. 236.
  12. ^ a b c d e f g h Jewish Encyclopedia, s.v. "Manna".
  13. ^ a b Thomas Kelly Cheyne &, John Sutherland Black, Encyclopædia Biblica: A Critical Dictionary of the Literary, Political and Religious History, the Archæology, Geography, and Natural History of the Bible, A. and C. Black, 1903.
  14. ^ a b c d e f g h i j Peake's commentary on the Bible, T. Nelson, 1962.
  15. ^ Esodo 16:15
  16. ^ a b "Manna Sinai"
  17. ^ "Tamarisk manna scale" su Encyclopaedia Britannica.
  18. ^ "Manna from Heaven", su Carpe Scriptura.
  19. ^ "Manna From Heaven" di Steve Kubby.
  20. ^ Roland R. Griffiths, Mystical-type experiences occasioned by psilocybin mediate the attribution of personal meaning and spiritual significance 14 months later.
  21. ^ First Safety, FACTS about DRUGS: PSILOCYBIN.
  22. ^ Terence McKenna, Food of the Gods, New York, Harper Collins, p. 84.
  23. ^ Steve Kubby, Psychedelic Illuminations, Volume 1, VII.
  24. ^ "Joe Rogan Graham Hancock and Terence Mckenna - The stoned ape theory of human evolution", video su YouTube.
  25. ^ "Mushroom Symbolism in Pre-Columbian Art" di Carl de Borhegyi (2010).
  26. ^ "Pancakes or Locusts?" di Gott.URL consultato 16/03/2014
  27. ^ Alhagi mannifera, su Encyclopaedia Iranica.
  28. ^ Peake's commentary on the Bible (1962) di Matthew Black, Harold Henry Rowley, e Arthur Samuel Peake - Thomas Nelson (publ.)
  29. ^ Jewish Encyclopedia, ss.vv. "Book of Exodus", "Book of Numbers".
  30. ^ Yoma (Talmud) 75b
  31. ^ Salmi 78:24-25, Salmi 105:40, Giovanni 6:31
  32. ^ Pirkei Avot 5:9
  33. ^ Mekhilta, Beshalah, Wayassa, 3.
  34. ^ Numeri 21:5 - Il popolo quindi parlò contro Dio e contro Mosè, dicendo: «Perché ci avete fatti uscire dall'Egitto per farci morire in questo deserto? Poiché qui non c'è né pane né acqua e siamo nauseati di questo miserabile cibo».
  35. ^ a b Sifre (dei Numeri) 87-89.
  36. ^ Jean Soler, "The Semiotics of Food in the Bible", in Food and Culture: A Reader, curato da Carole Counihan & Penny Van Esterik, Psychology Press, 1997, pp. 55-66.
  37. ^ Numeri 11:4-11:35
  38. ^ Si vedano le informazioni sul mannosio e mannitolo - cfr. anche Manna in Tesauro del Nuovo Soggettario, BNCF, marzo 2013.
  39. ^ Esodo 16:16
  40. ^ Esodo 16:17-18
  41. ^ Tanhuma, Beshalah 22
  42. ^ a b c Yoma (Talmud) 75a
  43. ^ Midrash Abkir (su Esodo) 258
  44. ^ Midrash Tanhuma
  45. ^ Yoma 76a
  46. ^ Si veda per es. Rabbi Immanuel Chai Riki.
  47. ^ a b Esodo 16:23
  48. ^ Esodo 16:5, Esodo 16:22, Esodo 16:26-27
  49. ^ Esodo 16:24
  50. ^ Esodo 16:27-29
  51. ^ Esodo 16:30
  52. ^ Avraham
  53. ^ a b c d Jewish Encyclopedia, s.v. "Book of Exodus"
  54. ^ Esodo 16:1-4
  55. ^ Esodo 16:35
  56. ^ Giosuè 5:10-12
  57. ^ Jewish Encyclopedia, s.v. "Manna".
  58. ^ Esodo 16:34
  59. ^ Esodo 16:32-33 - "Mosè disse quindi ad Aronne: «Prendi un'urna e mettici un omer completo di manna; deponila davanti al Signore e conservala per i vostri discendenti»".
  60. ^ Ebrei 9:4
  61. ^ 1 Re 8:9
  62. ^ "Devozione ed uso della Manna di San Nicola", su Centro Studi Nicolaiani di Bari.
  63. ^ Rory Carroll, "Bones of contention", su The Guardian 22/12/2000.
  64. ^ Richard Girling, "Talking Point: Now do you believe in Santa Claus?", su The Times 12/12/2004.
  65. ^ a b "Manna", su Time magazine 29/08/1927.
  66. ^ K. Rushforth, Trees of Britain and Europe, Collins, 1999. ISBN 0-00-220013-9
  67. ^ M. Grieve, "Ash, Manna"
  68. ^ Cooley's Cyclopaedia of Practical Receipts, 6ª ed. (1880).
  69. ^ "Robert Nozick", su Internet Encyclopedia of Philosophy

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]