Gentili

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il significato negli scrittori Cristiani, vedi Paganesimo#Etimologia.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Gentili (disambigua).

Con il termine Gentili si traduce in lingua italiana il plurale del latino gentēs con il significato di "pagani, non-cristiani"[1].

Quindi indica nel «linguaggio neotestamentario, chi non appartiene alla religione ebraica o chi, nel mondo greco romano, non era convertito al cristianesimo»[2]. Un «appellativo, per lo più usato al plurale, con cui, nei primi secoli del cristianesimo, furono designate le genti non giudaiche (e quindi pagane) partecipi dei costumi e della cultura greca nel mondo romano»[3]

Il latino gentēs è la traduzione del greco ecclesiastico éthnē, (ἔθνη, "le nazioni", "i popoli", "le genti"), a sua volta traduzione dell'ebraico gōyīm (ἔθνη è già presente, infatti, nella traduzione in lingua greca della Bibbia ebraica), qui inteso in particolare come i non Ebrei.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cfr. "Gente" in Alberto Nocentini (con la collaborazione di Alessandro Parenti), l'Etimologico, Le Monnier, Firenze, versione elettronica.
  2. ^ "Gentile" in Devoto-Oli, Vocabolario della lingua italiana, edizione elettronica 2012.
  3. ^ Vocabolario Treccani.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]