Psilocybe cubensis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero non essere legalmente accurati, corretti, aggiornati o potrebbero essere illegali in alcuni paesi. Le informazioni hanno solo fine illustrativo. Wikipedia non dà consigli legali: leggi le avvertenze.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Psilocybe cubensis
Cubensis2.jpg
Psilocybe cubensis
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Phylum Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Agaricales
Famiglia Strophariaceae
Genere Psilocybe
Specie P. cubensis
Nomenclatura binomiale
Psilocybe cubensis
(Ear.) Sing., 1941
Sinonimi

Stropharia cubensis
Ear., 1904

Caratteristiche morfologiche
Psilocybe cubensis
Cappello semisferico disegno.png
Cappello semisferico
Gills icon.png
Imenio lamelle
Free gills icon2.svg
Lamelle libere
Black spore print icon.png
Sporata nera
Ring stipe icon.png
Velo anello
Virante icona.svg
Carne virante
Saprotrophic ecology icon.png
Saprofita
Velenoso icona.png
Velenoso

Psilocybe cubensis (Ear.) Sing., 1941.

La Psilocybe cubensis è un fungo psichedelico che contiene psilocibina. Questo fungo, noto anche con il sinonimo scientifico di Stropharia cubensis, era conosciuto dalle popolazioni native americane del Messico come San Isidro.

Esemplari essiccati

Descrizione della specie[modifica | modifica sorgente]

È composto per il 92% di acqua e per l'8% di materia asciutta. Il contenuto degli alcaloidi è tra lo 0,5 e l'1,3% del peso a secco. Il micelio contiene meno psilocibina dei frutti. Il cappello ne contiene più del gambo. La concentrazione maggiore si trova nei funghetti immaturi (primordia).

Cappello[modifica | modifica sorgente]

  • Diametro: da 1 a 10 cm.
  • Colore: marrone-dorato, marrone rossastro e traslucido quando bagnato.
  • Sviluppo: appare come una punta scura. A metà della crescita è chiusa e spesso sferica; dopo si apre e diventa piatta.
  • Carne: solida e bianca. Diventa blu quando è ammaccata, rivelando la presenza di psilocibina.

Gambo[modifica | modifica sorgente]

  • Diametro: da 0,5 a 2 cm.
  • Lunghezza: dai 5 ai 30 cm.
  • Colore: bianco, a volte con macchie blu.
  • Aspetto: dipende dal substrato e dalla varietà, a volte con un anello di colore scuro, con le spore.
  • Carne: ha consistenza simile al raso ed è spesso striato.

Spore[modifica | modifica sorgente]

  • Colore: dal viola scuro al nero.
  • Dimensione: 12-17 x 8-12 x 7-9 micrometri.
  • Forma: liscia, ellittica, con un piccolo incavo sul lato opposto alle lamelle, il poro del germoglio.

Commestibilità[modifica | modifica sorgente]

Nuvola apps important.svg
Velenoso.
Possiede spiccate proprietà psichedeliche. Può causare ilarità, distorsione della percezione della realtà e del tempo, amplificazione dei sensi, sinestesie. In particolar modo contiene psilocibina e psilocina (probabile causa della colorazione blu), due potenti alcaloidi. La colorazione blu (detta bluificazione) avviene dopo l'estirpazione per reazione chimica interna a seguito del contatto con le mani di chi raccoglie il fungo.

Micelio[modifica | modifica sorgente]

  • Aspetto: rizomorfo.
  • Colore: biancastro.

Nomi comuni[modifica | modifica sorgente]

  • Funghetto
  • San Isidro

Divieto di coltivazione, vendita e consumo[modifica | modifica sorgente]

In Italia la normativa vigente vieta la coltivazione, la vendita, e il consumo di specie appartenenti ai generi Psilocybe e Stropharia, equiparando il loro uso a quello di una qualsiasi droga (es. cannabis o LSD), con quello che ne consegue a livello penale. Non sono vietati invece il possesso e la vendita di spore, ad uso di ricerca o per collezionismo privato. La P. cubensis var. mexicana, in particolar modo, è oggetto di intensive coltivazioni e commercio illegale; non dando dipendenza e avendo un livello di tossicità molto basso[1], fa parte delle cosiddette "droghe leggere" (anche se con l'entrata in vigore della legge Fini-Giovanardi non esiste più nell'ordinamento giuridico italiano differenza fra "droga leggera" e "droga pesante").

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.economist.com/blogs/dailychart/2010/11/drugs_cause_most_harm

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

micologia Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia