Viceré di Napoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nei primi anni del XVI secolo, a causa delle Guerre d'Italia (1494-1557), il Regno di Napoli perse la sua indipendenza e fu sottoposto, fino al 1734, a diverse potenze straniere che ne affidavano il governo ad un viceré.

Viceré francesi (1501-1504)[modifica | modifica sorgente]

Durante il regno di Federico I il regno fu invaso da Luigi XII di Francia. Il sovrano francese, che rivendicava il trono di Napoli in qualità di discendente degli Angioini, adottò nel 1501 il titolo di Rex Neapolis.

I generali che re Luigi nominò suoi viceré furono:

Viceré Immagine Italianizzazione Titolo Nascita Morte
Louis d'Armagnac
(1501 - 28 aprile 1503)
Louis d'Armagnac, Duc de Nemours.jpg Luigi d'Armagnac Duca di Nemours 1472 Cerignola,
28 aprile 1503
Ludovico II del Vasto
(1503 - 1504)
Carmagnola Cavallotto 1475 75001304.jpg - Marchese di Saluzzo Saluzzo,
23 marzo 1438
Genova,
27 gennaio 1504

Viceré spagnoli (1503-1707)[modifica | modifica sorgente]

Ferdinando II d'Aragona detto il Cattolico, imparentato con Federico I[1], invase a sua volta il regno. La guerra tra le due potenze si concluse nel 1503 con la vittoria spagnola nella Battaglia del Garigliano. Gonzalo Fernández de Córdoba, comandante delle forze spagnole, entrò a Napoli il 14 maggio e fu il primo viceré spagnolo della città. Da questo momento il Regno di Napoli entrò a far parte dei possedimenti della Corona d'Aragona.

Il viceré veniva nominato dal Consiglio di Stato, presieduto dal Re, su proposta del Supremo Consiglio d'Italia (fino al 1556 del Supremo e Reale Consiglio di Aragona). Nel periodo in cui era impegnato in campagne militari, in affari diplomatici, o in altri importanti uffici di Stato, il viceré veniva sostituito da un luogotenente generale da lui stesso nominato.

Sono evidenziati in giallo i luogotenenti generali ed i viceré nominati ad interim.

Viceré nominati da Ferdinando II d'Aragona e III di Napoli (1503-1516)[modifica | modifica sorgente]

Viceré Immagine Italianizzazione Titolo Nascita Morte
Gonzalo Fernández
de Córdoba y Aguilar

(14 maggio 1503 - 11 maggio 1507)
MonGranCapitan01.jpg Consalvo di Cordova Duca di Sessa
e di Terranova
Montilla,
1º settembre 1453
Granada,
2 dicembre 1515
Juana de Aragón[2]
(giugno 1507 - novembre 1507)
Giovanna d'Aragona
(Giovanna di Napoli)
ex-Regina consorte
di Napoli
Napoli,
1478
Napoli,
28 agosto 1518
Juan II de Ribagorza
(Juan de Aragón)
(novembre 1507 - 8 ottobre 1509)
Giovanni di Ripacorsa
(Giovanni d'Aragona)
Conte di Ripacorsa Benabarre,
1457
Monzón,
5 luglio 1528
Antonio de Guevara
(8 ottobre 1509 - 23 ottobre 1509)
Antonio di Guevara[3] Conte di Potenza  ?  ?
Ramón Folc III
de Cardona-Anglesola

(24 ottobre 1509 - 10 marzo 1522)
Raimondo di Cardona[4] Conte di Alvito Bellpuig,
1467
Napoli,
10 marzo 1522
Francisco de Remolins
(1511 - 3 maggio 1512)
(27 maggio 1512 - 23 febbraio 1513)
Francesco Romolino Cardinale Lérida,
1462
Roma,
5 febbraio 1518
Bernardo Villamarino
(5 febbraio 1518 - 13 novembre 1515)
- Conte di Capaccio  ?  ?

Viceré nominati da Carlo I di Spagna e IV di Napoli (1516-1554)[modifica | modifica sorgente]

Viceré Immagine Italianizzazione Titolo Nascita Morte
Charles de Lannoy
(16 luglio 1522 - 20 ottobre 1523)
Carlo di Lannoi[5] o
Carlo della Noia[6]
Signore di Mingoval Valenciennes,
1487 ca.
Gaeta,
23 settembre 1527
Andrea Carafa
(20 ottobre 1523 - giugno 1526)
Artista napoletano, andrea caraffa conte di sanseverino, 1500 ca.JPG - Conte di
Santa Severina
 ? giugno 1526
Ludovico Montalto
(1526 - settembre 1527)
- Patrizio napoletano  ?  ?
Hugo de Moncada
(settembre 1527 - 28 aprile 1528
Hugo de Moncada.jpg Ugo di Moncada Cavaliere dell'Ordine
di San Giovanni
Chiva,
1476
Golfo di Salerno,
28 maggio 1528
Filiberto de Chalôns
(1528 - 3 agosto 1530)
Philibert de Chalon.jpg Filiberto di Chalons Principe d'Orange Nozeroy,
18 marzo 1502
Gavinana,
3 agosto 1530
Pompeo Colonna
(3 agosto 1530 - 28 giugno 1532)
Pompeo Colonna.jpg - Cardinale Roma,
14 dicembre 1479
Napoli,
28 giugno 1532
Pedro Álvarez
de Toledo y Zúñiga

(4 settembre 1532 - 22 febbraio 1553)
Pedro Álvarez de Toledo, Viceroy of Naples.jpg Pietro di Toledo Marchese di Villafranca Salamanca,
13 luglio 1484
Firenze,
22 febbraio 1553
Luis Álvarez
de Toledo y Osorio

(22 febbraio 1553 - 3 giugno 1553)
Luigi di Toledo  ?  ?
Pedro Pacheco
Ladrón de Guevara

(3 giugno 1553 - 23 marzo 1556)
Pietro Pacecco Cardinale La Puebla
de Montalbán
,
29 giugno 1488
Roma,
5 marzo 1560
Bernardino de Mendoza[7]
(23 marzo 1555 - febbraio 1556)
Bernardino di Mendozza[8] - 1501 Saint-Quentin,
1577

Viceré nominati da Filippo II di Spagna e I di Napoli (1554-1598)[modifica | modifica sorgente]

Viceré Immagine Italianizzazione Titolo Nascita Morte
Fernando Álvarez
de Toledo y Pimentel

(febbraio 1556 - 5 giugno 1558)
Anthonis Mor 020.jpg Ferdinando di Toledo[9] Duca d'Alba Piedrahíta,
29 ottobre 1507
Lisbona,
11 dicembre 1582
Fadrique Álvarez de Toledo
y Enríquez de Guzmán
[10]
(settembre 1556 - dicembre 1556)
Fadrique Alvarez de Toledo Duque de Alba.jpg Federico di Toledo Nessuno
(poi Duca d'Alba)
1537 Lisbona,
11 dicembre 1583
Juan Manrique de Lara
(6 giugno 1558 - 10 ottobre 1558)
Giovanni Manriquez di Lara[11] -  ?  ?
Bartolomé de la Cueva
de Albuquerque

(ottobre 1558 - 12 giugno 1559)
BartolomeCuevaCuellar.jpg Bartolomeo della Cueva[12] Cardinale Cuéllar,
23 aprile 1499
Roma,
29 giugno 1562
Pedro Afán Enríquez
de Ribera y Portocarrero

(12 giugno 1559 - 2 aprile 1571)
Pietro Afan di Ribera[13] Duca d'Alcalà Tarifa,
1509
Napoli,
2 aprile 1571
Antoine Perrenot de Granvelle
(19 aprile 1571 - 18 luglio 1575)
Anthonis Mor 006.png Antonio Perenotto di Granvela[14] Cardinale Besançon,
20 agosto 1517
Madrid,
21 settembre 1586
Íñigo López de Hurtado
de Mendoza

(10 luglio 1575 - 8 novembre 1579)
Innico Urtado di Mendozza[15] Marchese di Mondéjar 1512 Mondéjar, 21 aprile 1580
Juan de Zúñiga y Requeséns
(11 novembre 1579 - 11 novembre 1582)
Giovanni (di) Zunica Principe di Pietraperzia Valladolid,
1539
Madrid,
17 novembre 1586
Pedro Téllez-Girón y de la Cueva
(28 novembre 1582 - novembre 1586)
Pietro Giron Duca di Osuna Osuna,
29 luglio 1537
Madrid,
13 settembre 1590
Juan de Zúñiga y Avellaneda
(novembre 1586 - novembre 1595)
Giovanni (di) Zunica Conte di Miranda Peñaranda de Duero,
1541
Peñaranda de Duero,
4 settembre 1608
Enrique de Guzmán
(27 novembre 1595 - 19 luglio 1599)
Errico di Gusman Conte di Olivares Madrid,
1º marzo 1540
Madrid,
1607

Viceré nominati da Filippo III di Spagna e II di Napoli (1598-1621)[modifica | modifica sorgente]

Viceré Immagine Italianizzazione Titolo Nascita Morte
Fernando Domingo Ruiz
de Castro Andrade y Portugal

(luglio 1599 - 19 ottobre 1601)
Ferdinando Ruiz di Castro[16] Conte di Lemos Cuéllar,
14 dicembre 1548
Napoli,
19 ottobre 1601
Francisco Ruiz de Castro y Portugal
(20 ottobre 1601 - 5 aprile 1603)
- Conte di Lemos Madrid,
1579
Sahagún,
1637
Juan Alonso Pimentel
de Herrera

(6 aprile 1603- 11 luglio 1610)
Giovanni Alfonso Pimentel d'Errera[17] Conte di Benavente  ?  ?
Pedro Fernández de Castro
Andrade y Portugal

(giugno 1610 - 8 luglio 1616)
Pedro Fernandez de Castro, VII Count of Lemos.jpg - Conte di Lemos Monforte de Lemos,
1560
Madrid,
1634
Pedro Téllez-Girón
y Velasco Guzmán y Tovar

(21 agosto 1616 - 4 giugno 1620)
Pedro Téllez-Girón y Velasco.jpg Pietro Giron Duca di Osuna Osuna,
17 dicembre 1574
Madrid,
24 settembre 1624
Gaspar de Borja y Velasco
(4 giugno 1620 - 14 dicembre 1620)
Cardenal Gaspar de Borja y Velasco.JPG Gaspare Borgia Cardinale Villalpando,
26 giugno 1580
Madrid,
28 dicembre 1645
Antonio Zapata y Cisneros
(12 dicembre 1620 - 24 dicembre 1622)
Antonio Zapata Cardinale Madrid,
8 ottobre 1550
Madrid,
27 aprile 1635

Viceré nominati da Filippo IV di Spagna e III di Napoli (1621-1665)[modifica | modifica sorgente]

Viceré Immagine Italianizzazione Titolo Nascita Morte
Antonio Álvarez de Toledo
y Beaumont de Navarra

(14 dicembre 1622 - 16 agosto 1629)
Don Antonio Alvarez di Toledo Duca d'Alba 1568 29 gennaio 1639
Fernando Afán de Ribera
y Enríquez

(17 aprile 1629 - 13 maggio 1631)
Fernando Enriquez de Ribera, III Duque de Alcala.jpg Ferrante Afan di Rivera[18] Duca d'Alcalá Siviglia,
10 maggio 1583
Villach,
4 aprile 1637
Manuel de Acevedo y Zúñiga
(14 maggio 1631 - 12 novembre 1637)
Emanuele Zunica e Fonseca[19] Conte di Monterrey Villalpando,
1586
Madrid, 12 novembre 1653
Ramiro Núñez de Guzmán
(13 novembre 1637 - 6 marzo 1644)
Duque de Medina de las Torres.JPG - Duca di
Medina de las Torres
circa 1600 1668
Juan Alfonso Enríquez
de Cabrera

(14 maggio 1644 - 11 febbraio 1646)
Giovanni Alfonso
Enriquez di Cabrera[20]
Almirante di Castiglia
e Conte di Modica
Modica,
3 marzo 1597
Madrid,
6 febbraio 1647
Rodrigo Ponce de León
(11 febbraio 1646 - 26 gennaio 1648)
Rodrigo Ponz di Leon[21] Duca d'Arcos 1602 1658
Juan José de Austria
(26 gennaio 1648 - 1º marzo 1648)
Juan Jose de Austria.jpg Giovanni d'Austria Nessuno[22] Madrid,
7 aprile 1629
Madrid,
17 settembre 1679
Iñigo Vélez de Guevara
(2 marzo 1648 - 10 novembre 1653)
- Conte d'Oñate
e di Villamediana
Madrid,
1597
1658
García de Avellaneda y Haro
(10 novembre 1653 - 11 gennaio 1659)
Garzia de Avellana e Haro Conte di Castrillo 1588 1670
Gaspar de Bracamonte y Guzmán
Pacheco de Mendoza

(29 dicembre 1658 - 9 settembre 1664)
Condedepeñaranda.jpg - Conte di Peñaranda Peñaranda de Bracamonte,
1595
Madrid,
14 dicembre 1676
Pascual de Aragón
(8 settembre 1664 - 11 aprile 1666)
Pasquale d'Aragona Cardinale 1626 Madrid,
1677

Viceré nominati da Carlo II di Spagna e IV di Napoli (1665-1700)[modifica | modifica sorgente]

Viceré Immagine Italianizzazione Titolo Nascita Morte
Pedro Antonio de Aragón
(8 aprile 1666 - 3 gennaio 1671)
Pedro Antonio de Aragón.jpg Pietro Antonio d'Aragona Duca di Segorbe
e di Cardona
Lucena,
1611
Madrid,
1690
Fadrique Álvarez
de Toledo y Ponce de León

(2 gennaio 1671)
- Marchese di Villafranca Madrid,
27 febbraio 1635
Madrid,
9 giugno 1705
Antonio Pedro Sancho Dávila y Osorio
(14 febbraio 1672 - 9 settembre 1675)
2008-02-23 Viceroy 1.jpg - Marchese di Astorga c. 1615 Madrid,
27 febbraio 1689
Fernando Joaquín Fajardo-Zúñiga-
Requeses y Álvarez de Toledo

(9 settembre 1675 - 9 gennaio 1683)
Fernando Joaquin Fajardo.jpg - Marchese di
Los Vélez
Saragozza,
1635
Madrid,
2 novembre 1693
Gaspar Méndez de Haro
(16 gennaio 1683 - 16 novembre 1687)
Marquesdelcarpio.jpg Gaspare di Haro[23] Marchese di El Carpio 1629 Napoli,
16 novembre 1687
Francisco de Benavides
(31 gennaio 1687 - 5 febbraio 1696)
Francesco Benavides[24] IX Conte di Santisteban Madrid,
1º novembre 1645
1716
Luis Francisco
de la Cerda y Aragón

(27 marzo 1696 - 28 febbraio 1702)
Medinacelli.jpg Luigi della Zerda[25] Duca di Medinaceli El Puerto de Santa María,
2 agosto 1660
Pamplona,
26 gennaio 1711

Viceré nominati da Filippo V di Spagna e II di Napoli (1700-1707)[modifica | modifica sorgente]

Viceré Immagine Italianizzazione Titolo Nascita Morte
Juan Manuel Fernández
Pacheco y Zúñiga

(15 febbraio 1702 - 6 luglio 1707)[26]
Juan Manuel Fernández Pacheco.jpg Giovanni Emanuele Pacecco[27] Duca d'Escalona
e Marchese di Villena
Marcilla,
8 settembre 1650
Madrid,
29 giugno 1725

Viceré austriaci (1707-1734)[modifica | modifica sorgente]

Nel 1707, durante la guerra di successione spagnola, la città fu occupata dalle truppe austriache. Il Regno di Napoli divenne però ufficialmente parte dei domini asburgici solo con il Trattato di Utrecht che pose fine alla guerra nel 1713, quando l'imperatore del Sacro Romano Impero, Carlo VI d'Asburgo, assunse il titolo di Re di Napoli.

Il passaggio della città dal viceregno spagnolo a quello austriaco avvenne come un semplice avvicendamento: il 7 luglio 1707 Georg Adam von Martinitz, primo viceré austriaco venuto al seguito dell'esercito imperiale, prese possesso del Palazzo Reale, sede del governo, che fino al giorno prima aveva ospitato l'ultimo viceré spagnolo.

I viceré austriaci furono:

Viceré Immagine Italianizzazione Titolo Nascita Morte
Georg Adam von Martinitz
(7 luglio 1707 - 31 ottobre 1707)
Giorgio Adamo
di Martiniz[28][29]
Conte di Martinitz 1650 1714
Wirich Philipp von Daun
(primo mandato)
(1º novembre 1707 - 30 giugno 1708)
Wirich Philipp von Daun.jpg Virico Filippo Daun Principe di Teano Vienna,
19 ottobre 1669
Vienna,
30 luglio 1741
Vincenzo Grimani
(1º luglio 1708 - 27 settembre 1710)
VincenzoGrimani.JPG Cardinale 1655 Napoli,
26 settembre 1710
Carlo Borromeo Arese
(27 settembre 1710 - 20 maggio 1713)
Carlo IV Borromeo Arese, conte di Angera 2.jpg - Conte di Arona 28 aprile 1657 3 luglio 1734
Wirich Philipp von Daun
(secondo mandato)
(20 maggio 1713 - 4 luglio 1719)
Wirich Philipp von Daun.jpg Virico Filippo Daun Principe di Teano Vienna,
19 ottobre 1669
Vienna,
30 luglio 1741
Johann Wenzel von Gallas
(4 luglio 1719 - 25 luglio 1719)
Gallas, Johann Wenzel (1669-1719).jpg Giovanni Venceslao Gallas[30] Duca di Lucera Königgrätz,
23 maggio 1669
Napoli,
25 luglio 1719
Wolfgang Hannibal
von Schrattenbach

(25 luglio 1719 - 1721)
Wolfgang Hannibal von Schrattenbach.jpg Volfango Annibale di Schrattenbach[31] Cardinale Burg Lemberg,
12 settembre 1660
Brünn,
22 luglio 1738
Marcantonio Borghese
(1721 - 1722)
- Principe di Sulmona 20 maggio 1660 1729
Michael Friedrich von Althann
(19 maggio 1722 - 31 luglio 1728)
Michael Friedrich von Althann viceroy of Neaples.jpg Michele Federico Althann Cardinale
e Vescovo-conte
di Vác
Glatz,
20 luglio 1682
Vác,
18 giugno 1734
Joaquín Fernández
de Portocarrero y Mendoza

(31 luglio 1728 - 9 dicembre 1728)
Cardenal-portocarrero.jpg Gioacchino Portocarrero[32] Cardinale
e Marchese di Almahara
Madrid,
27 marzo 1681
22 giugno 1760
Aloys Thomas Raimund von Harrach
(9 dicembre 1728 - 12 giugno 1733)
Johann Gottfried Auerbach 003.JPG Luigi Tommaso Raimondo di Harrach[33] Conte di Harrach 7 marzo 1669 Vienna,
7 novembre 1742
Giulio Borromeo Visconti
(12 giugno 1733 - 1º giugno 1734)
- Conte della
Pieve di Brebbia
1664 20 dicembre 1750

Viceré nominati da Carlo di Borbone (1735 e 1744)[modifica | modifica sorgente]

Il vicereame austriaco terminò nel 1734 a causa della guerra di successione polacca, quando don Carlo di Borbone, figlio di Filippo V di Spagna e di Elisabetta Farnese, conquistò il regno e gli restituì l'originaria indipendenza, fondando la dinastia dei Borbone di Napoli.

Carlo nominò dei viceré in due occasioni:

Viceré Immagine Italianizzazione Titolo Note
Manuel d'Orléans
(3 gennaio 1735 - 12 luglio 1735)
Emanuele d'Orleans Conte di Charny Durante il viaggio del sovrano in Sicilia per l'incoronazione a re delle Due Sicilie, avvenuta a Palermo il 3 luglio 1735
Michele Reggio
(25 marzo 1744 - 13 novembre 1744)
- - Durante la partenza del re per la battaglia di Velletri e la successiva permanenza a Roma

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Federico era nipote di Alfonso V d'Aragona, mentre Ferdinando il Cattolico era figlio del fratello minore di Alfonso, Giovanni II.
  2. ^ Figlia di Ferdinando I, nel 1496 era stata per un breve periodo la regina consorte di Napoli in quanto moglie di Ferdinando II (Ferrandino), morto nello stesso anno. Ferdinando il Cattolico era suo zio materno.
  3. ^ Istoria delle leggi e magistrati del regno di Napoli di Gregorio Grimaldi, Napoli 1767, Vol. 5 - Pag. 340
  4. ^ In Descrizione del ducato d'Alvito nel regno di Napoli in Campagna Felice di Giovanni Paolo Mattia Castrucci, Napoli 1863, pag. 70
  5. ^ In Opere inedite di F. Guicciardini, pubblicato per cura dei conti Piero e Luigi Guicciardini da "Barbera, Bianchi e Comp." in Firenze nel 1857, pagg. 327, 351 e 357
  6. ^ In Notizie del bello dell'antico e del curioso della città di Napoli di Carlo Celano, Vol. IV e pag. 734, Napoli 1870
  7. ^ Sostituì il cardinale Pedro Pacheco Ladrón de Guevara durante la partecipazione di quest'ultimo al conclave del 1555.
  8. ^ Istoria civile del regno di Napoli di Pietro Giannone, Vol. VIII - Lib. XXXII - pag. 196
  9. ^ Elogi degli uomini illustri di Paolo Giovio, pag. 968
  10. ^ Sostituì suo padre, il duca d'Alba, nei periodi in cui era impegnato nell'ottava guerra d'Italia.
  11. ^ I viceré spagnoli di Napoli di Giuseppe Coniglio, Napoli 1967, pag. 96
  12. ^ I viceré spagnoli di Napoli di Giuseppe Coniglio, Napoli 1967, pag. 98
  13. ^ Teatro eroìco e polìtico de' govermi de Viceré del regno di Napoli di Domenico Antonio Parrino, Napoli 1770, pag. 168
  14. ^ Istoria civile del regno di Napoli di Pietro Giannone, Vol. IV - Lib. XXXIV - Cap. I, pag. 251
  15. ^ Storia civile del Regno di Napoli di Pietro Giannone, Pag. 453
  16. ^ Preponderanza spagnuola, 1559-1700 di Romolo Quazza, F. Vallardi editore, Milano 1950, Pag. 197
  17. ^ Vedi Lib XXXV, Cap. I, pag. 341 della Istoria civile del regno di Napoli di Pietro Giannone, edito a Napoli nel 1821
  18. ^ Istoria civile del regno di Napoli di Pietro Giannone, Vol. X, Lib. XXXVI, Cap. II, Pag. 424
  19. ^ Notizie del bello dell'antico e del curioso della città di Napoli, di Carlo Celano, Volume IV, pag. 512
  20. ^ Teatro eroico e politico de' governi de' viceré del Regno di Napoli di Domenico Antonio Parrino, Napoli 1770, pag. 305
  21. ^ Istoria civile del regno di Napoli, con accrescimento di note di Pietro Giannone, Vol. VIII, Lib. XXXVII, Cap. I, pag. 40
  22. ^ Era figlio naturale di Filippo IV.
  23. ^ Storia civile del regno di Napoli di Pietro Giannone, pag. 442
  24. ^ Istoria civile del regno di Napoli di Pietro Giannone, Vol. 14, Lib. XL, Cap. II, pag. 484
  25. ^ Istoria civile del regno di Napoli di Pietro Giannone, Vol. 14, Lib. XL, Cap. III, pag. 488
  26. ^ Rimase ufficialmente in carica fino al 30 settembre 1707.
  27. ^ Il Mezzogiorno d'Italia di fronte a Vienna e a Roma e altri studi di storia di Lino Marini, Bologna 1970, pag. 146
  28. ^ Annali d'Italia dal principio dell'era volgare sino all'anno 1750 di Ludovico Antonio Muratori, Volume XXXI, pag. 252 di Romolo Quazza, F. Vallardi editore, Milano 1950, Pag. 554
  29. ^ Il giurisdizionalismo pregiannoniano nel regno di Napoli. Problema di Agostino Lauro, Edizioni di Storia e Letteratura, Roma 1974, pag. 287
  30. ^ Il Regno di Napoli: il Mezzogiorno angioino e aragonese, di Giuseppe Galasso, pag. 924
  31. ^ Compendio di storia patria ovvero fatti principali della storia del regno di Napoli di Giacomo Bugni, Napoli 1854, Pagina 94
  32. ^ Memorie delle famiglie nobili delle province meridionali d'Italia di Berardo Candida-Gonzaga, Vol. 5, pag. 211
  33. ^ Rivista storica italiana, Vol. 81/1969, num. 3-4, Pag, 783

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]