Harrach

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Blasone

La famiglia Harrach[1] è una famiglia nobile boema e austro tedesca. I conti (Grafs) von Harrach sono stati tra le più importanti famiglie dell'Impero Asburgico. Un ramo della famiglia Harrach (von Harrach zu Rohrau und Tannhausen) dall'Austria passò nel Napoletano durante il periodo vicereale austriaco.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Castello di Rohrau

I due principali rami della famiglia (dai due figli di Carlo von Harrach) sono di Rohrau (fino al 1886) e di Jilemnice. I due rami esistenti sono nati dai nipoti di Federico Augusto: Ernest Christopher Joseph († 1838) e Ferdinand Joseph († 1841)[2]

  • 1195 — Primo documento inerente alla famiglia nel monastero di Ranshofen.
  • XIV secolo — proprietari di terre in Austria, Carinzia and Stiria
  • 1524 — Leonhard acquista il castello di Rohrau, residenza principale fino ad oggi.
  • 4 gennaio 1552 — Leonhard von Harrach riceve il titolo di barone dall'imperatore Carlo V.
  • 6 novembre 1627 — Karl von Harrach, nipote di Leonhard, riceve il titolo di conte dall'imperatore Federico II.
  • 1701 — Ferdinand Bonaventura I acquisisce le terre di Jilemnice.
  • 1708 — Aloys Thomas Raimund sposa Cecilia von Thannhausen e le attribuisce il suo cognome.

Manieri[modifica | modifica wikitesto]

Schloss Prugg
Chateau Hrádek u Nechanic

Di proprietà della famiglia:

Membri[modifica | modifica wikitesto]

Aloys Thomas Raimund von Harrach
Auguste von Harrach

La maggior parte dei membri della famiglia ebbero il titolo di conti e contesse. I membri della famiglia sono:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Probabilmente dalla parola ceca hrách. Primo membro conosciuto della famiglia possedeva un nome salvo Przibislaus.
  2. ^ Silesian gentry and aristocracy
  3. ^ The Collection Of Count Von Harrach
  4. ^ A Brief Introduction to Harrach Glass

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Reichenberger, Arnold G., The Counts Harrach and the Spanish Theater

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]