Vincenzo Grimani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vincenzo Grimani
cardinale di Santa Romana Chiesa
VincenzoGrimani.JPG
Ritratto del cardinale Grimani
CardinalnobishopCOAPioM.svg
Incarichi ricoperti Cardinale diacono di Sant'Eustachio
Nato 26 maggio 1653 a Mantova
Creato cardinale 22 luglio 1697
Deceduto 26 settembre 1710

Vincenzo Grimani (Mantova, 26 maggio 1653Roma, 26 settembre 1710) è stato un cardinale, diplomatico e librettista italiano.

Stemma dei Grimani.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Mantova[1], Vincenzo era figlio di Antonio Grimani e di Elena Gonzaga, figlia di Ludovico Francesco Gonzaga, quarto marchese di Palazzolo. Apparteneva per parte di padre ad una delle più nobili famiglie veneziane, mentre da parte di madre discendeva dai duchi di Mantova.

Teatro di San Giovanni Grisostomo nel XVIII secolo.

Nel 1678 con il fratello maggiore Giovanni Carlo fondò il nuovo teatro San Giovanni Grisostomo, che risultò fra i più importanti d'Europa. In questo modo continuava la tradizione familiare dei Grimani di Santa Maria Formosa, che già da tempo avevano dimostrato grande interesse per i teatro: il padre e lo zio di Vincenzo avevano inaugurarono il teatro dei santi Giovanni e Paolo e nel 1639 e nel 1656 quello di San Samuele.

Morte[modifica | modifica sorgente]

Morì improvvisamente a Napoli per una infezione alla vescica, a soli cinquantacinque anni. In punto di morte Vincenzo Grimani, assistito dal cardinale Francesco Pignatelli, inviò una missiva al papa per chiedergli perdono; il papa rispose con freddezza, chiedendo un riconoscimento pubblico degli errori commessi dal cardinale. La lettera comunque arrivò a destinazione dopo che il Grimani era già trapassato.

Il cardinale venne provvisoriamente sepolto nella chiesa del Carmine a Napoli, per poi essere trasportato e sepolto nella chiesa di San Francesco della Vigna a Venezia, come da sue ultime volontà.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ L'Enciclopedia Treccani riporta Mantova come luogo e il 1655 quale anno di nascita, mentre il sito Miranda riporta Venezia e il 1653.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Cardinale diacono di Sant'Eustachio Successore CardinalCoA PioM.svg
Domenico Maria Corsi 16 maggio 1698 - 26 settembre 1710 Annibale Albani

Controllo di autorità VIAF: 89065442 LCCN: n90670321