Raimondo de Cardona (generale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tomba di Raimondo de Cardona di Giovanni da Nola

Raimondo Folch de Cardona, Barone di Bellpuig, Conte di Alvito e Duca di Somma (in catalano Ramon Folc III de Cardona-Anglesola; Bellpuig, 1467Napoli, 10 marzo 1522), è stato un generale spagnolo delle truppe della Lega Santa e viceré di Napoli dal 1509 al 1522.

La vita[modifica | modifica wikitesto]

Raimondo de Cardona o Folch de Cardona fu Barone di Bellpuig, conte di Alvito, Viceré di Sicilia dal 1507 al 1509 e Viceré di Napoli dal 1509 al 1522. Figlio di Antonio de Cardona e Castellana de Requenses, erede di una delle più prestigiose famiglie catalane. Raimondo de Cardona partecipò col grado di ammiraglio alla presa di Mers-el-Kébir (1505).

Di lui è stato anche detto che fosse figlio naturale dello stesso re Ferdinando II d'Aragona, almeno secondo lo storico Ballesteiros Gaibros nel volume Ramon de Cardona, colaborador del Rey Catolico en Italia (Madrid 1953), voce riportata dallo storico Jerónimo Zurita y Castro contemporaneo di Raimondo.

Nominato Viceré di Sicilia sotto Ferdinando II detto il Cattolico, il primo re della Spagna riunita sotto la sua corona con il suo matrimonio con Isabella I di Castiglia, Raimondo lo seguì a Napoli, dopo la morte di quest'ultima, per il matrimonio di Ferdinando con la nipote del re francese Luigi XII Germana de Foix nel 1506. Con questo secondo matrimonio Ferdinando II acquisì anche il Regno di Napoli e nominò Raimondo de Cardona viceré di Napoli nel 1509. Dal 1515, per volere dello stesso sovrano, visto il tradimento di Pietro Navarro, acquisì anche il titolo di conte di Alvito.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Contea di Alvito.

Viceré a Napoli[modifica | modifica wikitesto]

Nominato viceré dopo il breve periodo di reggenza di un luogotenente generale, fu contornato dal sovrano da nobili a lui fedeli mentre al governo del Regno fu affiancato da un Consiglio Collaterale; inoltre il re gli impartì precise disposizioni cui attenersi sia in politica interna che in politica estera, in particolare per ciò che riguardava i rapporti con la Repubblica di Venezia.

Nel 1510 la decisione di introdurre l'Inquisizione Spagnola a Napoli, rivelatasi assai impopolare scatenò la rivolta della popolazione che portò all'annullamento della decisione mediante una risoluzione del sovrano; poco dopo una risoluzione fu attuata invece contro gli ebrei ai quali veniva richiesto il pagamento di un tributo per evitare l'espulsione.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Battaglia di Ravenna.

Nel 1511 partì per il Nord Italia per impegnarsi nella spedizione che portò alla Battaglia di Ravenna e il governo del Regno fu lasciato nelle mani della consorte Isabella che animò brillantemente la vita di corte.

Generale della Lega Santa[modifica | modifica wikitesto]

Battaglia di Ravenna, Morte di Gastone de Foix

Grazie alle sue doti di militare combatté nella Lega di Cambrai, e fu in seguito nominato capo dell'esercito della Lega Santa, che riunì nel 1511 le truppe di papa Giulio II, la Repubblica di Venezia, la Spagna e l'Inghilterra contro la politica d'espansionismo del re di Francia nell'Italia del nord. Diretto in Emilia per sedare la ribellione di Bologna contro il papa, Raimondo de Cardona fu sconfitto dalle truppe francesi di Gastone de Foix, fratello della regina di Spagna, nella Battaglia di Ravenna dell'11 aprile 1512, una delle più sanguinose del periodo rinascimentale in Italia, dove i Francesi, nonostante la vittoria, fuorono costretti a ripiegare in Lombardia seguiti dalle truppe della Lega Santa che arrivarono fino a Milano dove Raimondo dopo la vittoria sui francesi a Novara entrò trionfalmente a capo delle sue truppe. Come racconta anche Piero Vettori nel Sommario della Istoria d'Italia (1511-1527)

« Poiché l'essercito di Luigi XII, re di Francia, che avea per capitano monsignor di Foes, ebbe rotto e fugato presso alle mura di Ravenna l'essercito di Ferrando re di Spagna e di papa Iulio II, guidato da don Ramondo di Cardona viceré di Napoli, parve che la fortuna, come instabile, subito si mutasse. Et essendo morto nella giornata combattendo arditamente monsignor di Foes, e rimanendo lo essercito a essere guidato da più capi, de' quali erano alcuni italiani che subito, come è il costume loro, furono in discordia, e quando era a proposito seguitare la vittoria e constrignere il Papa a pigliare le condizioni dal vincitore o fuggirsi di Roma, essi, consumando il tempo in dissensioni e dispute, perderono la occasione e lui, rassicurato, prese animo et in pochi giorni fece scendere i monti a ventimila fanti svizzeri »

Al servizio dei Medici[modifica | modifica wikitesto]

Raimondo si trovò in Toscana nel 1512 per favorire il ritorno dei Medici a Firenze e con le sue truppe assediò Prato, che fu, in seguito, orribilmente saccheggiata per 21 giorni. Le truppe imperiali di Raimondo si trovarono nel 1513 a fronteggiare Venezia, uscita prontamente dall'alleanza con il papa e la Spagna, dove sconfisse le truppe veneziane di Bartolomeo d'Alviano nella Battaglia de La Motta (7 ottobre 1513) in seguito bombardarono la laguna ma dopo la morte di Giulio II (1513) e con l'arrivo del potente esercito francese di Francesco I, Raimondo de Cardona fu richiamato a Napoli.

Dopo anche la morte di Ferdinando II, con il suo successore Carlo V d'Asburgo, che riunì sotto il suo Impero: Spagna, Germania, Napoli e Sicilia, Raimondo de Cardona mantenne l'incarico di Viceré di Napoli e fu nominato nel 1519, da Carlo V, grande ammiraglio del Regno di Napoli fino alla sua morte nel 1522.

Con il matrimonio con Isabella de Requesens acquisì il titolo di conte consorte di Palamós, di Trivento e d'Avellino nonché quello di barone di Calonge.

Dopo la sua morte il corpo di Raimondo de Cardona fu traslato da Napoli nella città natale di Bellpuig la sua tomba, opera di Giovanni da Nola, è uno degli esempi più importanti di arte rinascimentale di tutta la Catalogna.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Raimondo e Isabella ebbero due figli:

  • Fernando Folch de Cardona, Duca di Somma che sposò Beatriz Fernández de Córdova, Duchessa di Sessa.
  • Catalina de Cardona, nata c. 1480 che sposò Fernando di Aragona, Duca di Montalto

Una sua figlia illegittima Caterina de Cardona, divenne una famosa eremita carmelitana, amica intima di Teresa d'Avila, dopo la morte fu proclamata venerabile dalla Chiesa cattolica.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Viceré di Sicilia Successore Blason Sicile Insulaire.png
Giovanni La Nuza 1507-1509 Ugo de Moncada
Predecessore Viceré di Napoli Successore Image-Blason Sicile Péninsulaire.svg
Juan de Aragón 15091522 Francisco de Remolins


Controllo di autorità VIAF: 87248583 LCCN: no2009146729