Viceré di Sicilia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Re di Sicilia e Storia della Sicilia spagnola.

I Viceré di Sicilia erano i reggenti del governo del Regno di Sicilia in luogo dei re spagnoli dal 1412 al 1759. Il borbone Ferdinando III di Sicilia abolì la carica istituendo quelle di luogotenente e capitano generale.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Dopo la morte del re Martino il Vecchio si aprirono alcuni anni di interregno e la Sicilia fu gestita dalla regina Bianca (seconda moglie di Martino il Giovane a sua volte re consorte della regina Maria di Sicilia) sotto la tutela dei sovrani aragonesi: a causa del compromesso di Caspe la Sicilia, infatti, non fu più un regno indipendente ma venne inglobato direttamente nella corona d'Aragona. Massima istituzione, in luogo del re, era pertanto il viceré, nominato dal consiglio di Stato, presieduto dal re, su proposta del Supremo Consiglio d'Italia.

I viceré erano spesso spagnoli o comunque non siciliani, anche se non mancarono nel corso dei secoli anche viceré nativi dell'isola.

Essi a loro volta potevano nominare, probabilmente sentiti il re e i vertici delle magistrature siciliane, un presidente del regno, cioè un proprio vicario facente funzioni viceregie in caso di impedimento, prolungata assenza o malattia. I presidenti furono generalmente siciliani ed erano scelti tra i più prestigiosi personaggi ecclesiastici o nobili.

Dinastia Trastamara (1412 - 1479)[modifica | modifica sorgente]

Viceré di Ferdinando I di Aragona (1412-1416)[modifica | modifica sorgente]

Viceré di Alfonso I d'Aragona il Magnanimo (1416-1458)[modifica | modifica sorgente]

  • 1416 - Domenico Ram, vescovo di Lerida, e Antonio Cardona
  • 1419 - Antonio Cardona, Martino de Turribus e Ferdinando Velasquez
Niccolò Castagna (poi sostituito da Ferdinando Velasquez nel 1422)
  • 1421 - Arnaldo Ruggero de Pallas e Giovanni Podio
  • 1423-1429 - Niccolò Speciale (subordinato a Pietro d'Aragona)
  • 1423 ottobre 2 - 1438 gennaio 5 - Pietro d'Aragona, infante d'Aragona e Sicilia, duca di Noto, fratello del re, come viceré e luogotenente generale
  • 1429-1430 - Guglielmo Montagnans e Niccolò Speciale (subordinati all'infante e viceré Pietro d'Aragona )
  • 1430 aprile 4 - 1431 settembre 26 - Guglielmo Montagnans, Niccolò Speciale (subordinati al viceré Giovanni I Ventimiglia)
  • 1431 settembre 27 - 1432 luglio 31 - Giovanni I Ventimiglia, conte di Geraci e grande ammiraglio[1]
  • 1432 agosto 1 - 1432 novembre 28 - "regio consiglio" formato da sette alti magistrati
  • 1432 novembre 29 - 1435 giugno 8 - Pietro Felice e Adamo Asmundo, presidenti con funzioni di viceré
  • 1435-1439 - Ruggero Paruta
  • 1439 - Bernardo Requesens
  • 1440 - Giliberto Centelles e Battista Platamone
  • 1441 - Raimondo Perellos
  • 1445 - 1459 - Lope III Ximénez de Urrea y de Bardaixi

Presidenti del regno:

  • 1432 - Pietro Felice e Adamo Asmundo
  • 1435 - Battista Platamone
  • 1446 - Antonio Rosso conte di Sclafani
  • 1449 - Adamo Asmundo, Pietro Speciale, Pietro Gaetani, Calcerano de Corbera, Gutierez Paternò e Giovanni Abatellis
  • 1452 - Antonio Rosso, conte di Sclafani
  • 1453 - Simone Beccadelli di Bologna, arcivescovo di Palermo
  • 1456 - Antonio Rosso, conte di Sclafani

Viceré di Giovanni I di Aragona (1458-1479)[modifica | modifica sorgente]

Corona di Spagna (1479-1713)[modifica | modifica sorgente]

Viceré di Ferdinando II di Aragona (1479-1516)[modifica | modifica sorgente]

  • 1479 - Gaspare de Spes
  • 1489-94 - Ferdinando de Acuña
  • 1495 - Giovanni La Nuza
  • 1506-1509 - Raimondo Cardona
  • 1509 - Ugo Moncada

Presidenti del Regno:

  • 1483 - Raimondo Santapau e Giovanni Valguarnera, barone di Asaro
  • 1487 - Raimondo Santapau e Giuseppe Centelles
  • 1494 - Giovan Tommaso Moncada, conte di Adernò
  • 1495 - Giovanni La Nuza
  • 1506 - Giovanni Paternò, arcivescovo di Palermo
  • 1509 - Giovan Tommaso Paternò e Guglielmo Raimondo Moncada
  • 1512 - Bernardo Bologna, arcivescovo di Messina
  • 1516 - presidenti del regno provvisori - Simone Ventimiglia, marchese di Geraci e Matteo Santapau, marchese di Licodia
  • 1516 - Giovan Vincenzo de Luna, conte di Caltabellotta e di Sclafani, barone di Bivona

Viceré di Carlo V di Sicilia (1516-1556)[modifica | modifica sorgente]

Presidenti del Regno:

  • 1522 - Camillo Pignatelli di Borrello e Giovanni Alliata, barone di Castellammare
  • 1526 - Enrico Cardona, arcivescovo di Monreale
  • 1535 - Simone Ventimiglia, marchese di Geraci
  • 1536 - Giovanni Moncada, conte di Aidone
  • 1538 - Arnaldo Albertino, vescovo di Patti
  • 1539 - Giovanni Aragona Tagliavia, marchese di Terranova
  • 1540 - Ponzio Santapau, marchese di Licodia
  • 1541 - Simone Ventimiglia, marchese di Geraci
  • 1542 - Alfonso Cardona, conte di Chiusa e di Giuliana
  • 1544 - Giovanni Aragona Tagliavia, marchese di Terranova
  • 1546 - Ambrogio Santapau, marchese di Licodia
  • 1550 - Ferdinando de Vega

Viceré di Filippo I di Sicilia (1556-1598)[modifica | modifica sorgente]

Presidenti del Regno:

  • 1557 - Cardinal Pietro Aragona Tagliavia, arcivescovo di Palermo
  • 1558 - Niccolò Caracciolo, vescovo di Catania
  • 1559 - Ferdinando Silva, marchese della Favara
  • 1565 - Bartolomeo Sebastiano, vescovo di Patti
  • 1565 - Antonio Doria, marchese di Santo Stefano
  • 1566 - Bartolomeo Sebastiano, vescovo di Patti
  • 1566 - Carlo d'Aragona Tagliavia, principe di Castelvetrano
  • 1571 - Francesco Landriano
  • 1571 - Carlo d'Aragona Tagliavia, principe di Castelvetrano
  • 1582 - Fabrizio Ruffo, principe di Scilla
  • 1584 - Giovanni Alfonso Bisdal, conte di Briatico
  • 1595 - 1598 Giovanni Ventimiglia, marchese di Geraci, principe di Castelbuono

Viceré di Filippo II di Sicilia (1598-1621)[modifica | modifica sorgente]

  • 1598 - 1601 Bernardino Cardenas, duca di Maqueda
  • 1602 - Lorenzo Suarez Figueroa, duca di Feria
  • 1606 - 1610 Juan Fernandez Paceco, marchese di Vigliena, duca d’Escalona[3]
  • 1611 - 1616 Pedro Téllez-Girón, III duca di Osuna
  • 1616 - 1621 Francesco di Castro, duca di Taurisano e conte di Castro

Presidenti del regno:

  • 1601 - Giorgio Cardenas, marchese di Elci
  • 1606 - Giovanni Ventimiglia, principe di Castelbuono
  • 1610 - Luogotenente del re, cardinale Giannettino Doria, arcivescovo di Palermo
  • 1616 - Luogotenente del re cardinale Giannettino Doria, arcivescovo di Palermo

Viceré di Filippo III di Sicilia (1621-1665)[modifica | modifica sorgente]

Presidenti del regno:

  • 1627 - Enrico Pimentel, conte di Villada
  • 1635 - Luigi Guglielmo Moncada V principe di Paternò, VII di duca di Montalto, conte di Collesano e cardinale a Madrid
  • 1644 - Giovanni Torresiglia, arcivescovo di Monreale
  • 1647 - Vincenzo di Montallegro
  • 1647 - Cardinale Teodoro Trivulzio
  • 1651 - Antonio Brìcel Ronchiglio
  • 1651 - Martín de León Cárdenas, arcivescovo di Palermo
  • 1656 - Francesco Gisulfo e Osorio, vescovo di Cefalù
  • 1657 - Presidente del regno provvisorio G. B. Ortiz de Espinosa, giudice del tribunale della monarchia
  • 1657 - Pietro Martino Rubeo, arcivescovo di Palermo

Viceré di Carlo III di Sicilia (1665-1700)[modifica | modifica sorgente]

Viceré di Filippo IV di Sicilia (1700-1713)[modifica | modifica sorgente]

  • 1701 - Giovanni Emanuele Fernandez Pacecho de Acuna, duca di Escalona
  • 1702 - Cardinale Francesco del Giudice
  • 1705 - Isidoro de La Cueva y Bonavides, marchese di Bedmar
  • 1707 - 1713 Carlo Antonio Spinola, marchese de los Balbases e duca di Sesto[4]

Savoia (1713-1720)[modifica | modifica sorgente]

Viceré di Vittorio Amedeo II di Savoia (1713-1720)[modifica | modifica sorgente]

Spagna (1718-1720)[modifica | modifica sorgente]

Viceré di Filippo V di Spagna (1718-1719)[modifica | modifica sorgente]

Asburgo (1720-1734)[modifica | modifica sorgente]

Viceré di Carlo IV di Sicilia (1720-1734)[modifica | modifica sorgente]

Borbone (1734-1860)[modifica | modifica sorgente]

Viceré di Carlo III di Borbone (1734-1759)[modifica | modifica sorgente]

Presidenti del Regno:

Viceré di Ferdinando III di Sicilia (1759-1816) / Ferdinando I delle Due Sicilie (1816-1825)[modifica | modifica sorgente]

Presidenti del Regno:

  • 1768 - Egidio Pietrasanta, principe di San Pietro; (in assenza del viceré Fogliani)
  • 1774 - Presidente del regno Serafino Filangieri, arcivescovo di Palermo
  • 1778 - Antonio de Cordada y Brù; (in assenza del viceré Colonna)
  • 1784 - Francesco Ferdinando Sanseverino, arcivescovo di Palermo e di Monreale; (in assenza del Viceré Caracciolo)
  • 1786 - Gioacchino Fons de Viela, Generale delle armi in Sicilia
  • 1794/95 - Presidente del regno e capitan generale Filippo Lopez y Rojo, arcivescovo di Palermo e di Monreale
  • 1802 - Presidente del regno e capitan generale cardinale Domenico Pignatelli, arcivescovo di Palermo e di Monreale
  • 1803 - G. B. Asmundo Paternò
  • 1806 - Luogotenente e capitan generale Alessandro Filangieri, principe di Cutò
  • 1812 e 1814 - Vicario generale il principe ereditario Francesco di Borbone, duca di Calabria
  • 1816 - Luogotenente Generale Niccolò Filangieri Principe di Cutò

Viceré di Francesco I delle Due Sicilie (1825-1830)[modifica | modifica sorgente]

  • 1825/30 - Luogotenente generale in Sicilia, Pietro Ugo marchese delle Favare

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Caldarella, p. 23 - 30.
  2. ^ Di Blasi, p. 88.
  3. ^ Entra in carica l'11 dicembre 1606, mentre il principe di Castelbuono inizia la sua presidenza l'8 settembre 1606 e termina il suo mandato il 9 dicembre 1606: Di Blasi, pp. 274-275.
  4. ^ Entra in carica il 23 aprile 1707, terminando il mandato l'11 ottobre 1713, con l'ingresso dei Savoia in Palermo: Di Blasi, p. 475.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Antonino Caldarella, Il governo di Pietro d'Aragona in Sicilia, "Atti dell'Accademia di scienze, lettere e arti di Palermo", 13 (1952 - 1953), s. 4., 2., p. 5 - 79.
  • Giovanni E. Di Blasi, Storia cronologica dei viceré, luogotenenti e presidenti del Regno di Sicilia, Palermo : Stamperia Oretea, 1842.
  • Romualdo Giuffrida, Nel Palazzo dei Normanni di Palermo: ritratti di vicerè, presidenti del regno e luogotenenti generali di Sicilia (1747-1840), Accademia nazionale di scienze, lettere e arti, 1985