Gilberto di Borbone-Montpensier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gilberto di Borbone, o Gilberto di Montpensier (1443Pozzuoli, 15 ottobre 1496), fu conte di Montpensier, delfino d'Alvernia, conte di Clermont-en-Auvergne e viceré di Napoli.

Gilberto di Borbone-Montpensier.
Contea di Montpensier e Delfinato d'Alvernia
Borbone-Montpensier
Blason comte fr Montpensier (Bourbon2).svg

Luigi I
Figli
Gilberto
Luigi II
Carlo III
Figli
Modifica

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gilberto era figlio di Luigi I di Montpensier e di Gabrielle de la Tour d'Auvergne. Mentre suo padre era in vita, Gilberto detenne i titolo di comte-dauphin (conte-delfino).

Nel 1471 e nel 1475 visse le prime esperienze di guerra contro Carlo il Temerario. Rimase fedele alla reggente Anna di Beaujeu anche durante la Guerra Folle e combatté, nel 1487, contro Francesco II di Bretagna. Due anni dopo, si impegnò nel Rossiglione contro gli aragonesi di Ferdinando II.

Infine, accompagnò il re di Francia Carlo VIII nella prima delle Guerre Italiane del Rinascimento, e restò a Napoli come viceré. Combatté ancora Ferdinando d'Aragona, ma morì della stessa febbre che aveva decimato il suo esercito.

Famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Sposò il 24 febbraio 1482 a Mantova Chiara Gonzaga, figlia di Federico I Gonzaga e di Margherita di Baviera. Da lei Gilberto ebbe:

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Conte di Montpensier e Delfino d'Alvernia Successore
Luigi I 1486-1496 Luigi II