Julio Cortázar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Julio Cortázar

Julio Cortázar, all'anagrafe Julio Florencio Cortázar Descotte (Bruxelles, 26 agosto 1914Parigi, 12 febbraio 1984), è stato uno scrittore, poeta, critico letterario, saggista e drammaturgo argentino naturalizzato francese, particolarmente attivo nei generi del fantastico, della metafisica, del mistero. Stimato da Borges, è stato spesso paragonato a Čechov e Edgar Allan Poe. I suoi racconti non seguono sempre una linearità temporale ed i personaggi esprimono una psicologia profonda.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Bruxelles da genitori argentini, passerà la vita tra Francia e Argentina. Il suo capolavoro è Rayuela (Il gioco del mondo), iperromanzo (o antiromanzo) in cui l'esperienza parigina e argentina si giustappongono e completano a vicenda. Il libro è composto da oltre 300 paragrafi che possono essere letti nell'ordine specificato dall'autore all'inizio del romanzo o in ordine di comparizione.

Questa scelta soggettiva del lettore segna il punto di maggior originalità del romanzo che è inoltre caratterizzato da momenti di vita quotidiana intrecciati ad un'analisi filosofica della vita.

Si tratta di sicuro del romanzo più importante dello scrittore argentino, che morirà a Parigi il 12 febbraio 1984. È sepolto nel Cimitero di Montparnasse.

Cortázar ha anche tradotto in spagnolo le Memorie di Adriano di Marguerite Yourcenar.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

Miscellanee[modifica | modifica wikitesto]

  • El perseguidor, 1959 [da Las armas secretas]
  • Historias de cronopios y de famas, 1962
  • Reunión, 1966 [da Todos los fuegos el fuego]
  • La vuelta al día en ochenta mundos, 1967
    • trad. Eleonora Mogavero, Il giro del giorno in ottanta mondi, Padova, Alet, 2006 ISBN 88-7520-016-5
  • Último round, 1969
    • a cura di Assunta Mariottini, Ultimo round e altri scritti politici 1966-83, introduzione di Ernesto Franco, Milano, Linea d'ombra, 1992 ISBN 88-09-00786-7
    • trad. Eleonora Mogavero, Ultimo round, Padova, Alet, 2007 ISBN 978-88-7520-032-9
  • La casilla de los Morelli, 1973
  • Los autonautas de la cosmopista, viaje atemporal París-Marsella, 1982 (con Carol Dunlop)
    • trad. Paola Tomasinelli, Gli astronauti della cosmostrada, ovvero Un viaggio atemporale Parigi-Marsiglia, Torino, Einaudi, 2012 ISBN 978-88-06-14947-5
  • Textos politicos, 1985
  • Discurso del oso, 2008
  • Papeles inesperados, 2009
  • Animalia, a cura di Aurora Bernárde, prefazione di Alberto Manguel
    • trad. Irene Buonafalce, Cesare Greppi, Vittoria Martinetto, Flaviarosa Nicoletti Rossini, Cecilia Rizzotti, Animalia, Torino: Einaudi, 2013 ISBN 978-88-06-21495-1

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Los reyes, 1949 [con lo pseudonimo Julio Denis]
  • Nada a Pehuajo, 1984 [atto unico]
  • Adiós Robinson y otras piezas breves, 1984 [testi radiofonici]

Poesie[modifica | modifica wikitesto]

  • Presencia, 1938 [con lo speudonimo Julio Denis]
  • Pameos y Meopas, 1971
  • Salvo el crepúsculo, 1984
  • Veredas de Buenos Aires y otros poemas, 1995
  • trad. Gianni Toti, Le ragioni della collera, prefazione di Rosalba Campra, Roma, Fahrenheit 451, 1995 ISBN 88-86095-08-2 [antologia]

Corrispondenze[modifica | modifica wikitesto]

  • Correspondencia Cortázar-Dunlop-Monrós, 2009
  • Cartas a los Jonquières, 2010
  • Cartas, 5 volumi (1937-54; 1955-64; 1965-68; 1969-76; 1977-84), a cura di Aurora Bernárdez e Carles Álvarez Garriga, 2012
  • Carta carbone. Lettere ad amici scrittori, a cura di Giulia Zavagna, Roma, Sur, 2013 ISBN 978-88-97505-24-2

Altro[modifica | modifica wikitesto]

  • Rimbaud, 1941 [articolo, con lo pseudonimo Julio Denis]
  • La urna griega en la poesía de John Keats, 1946 [articolo]
  • Teoría del túnel. Notas para una ubicación del surrealismo y el existencialismo, 1947
    • trad. e cura di Marilù Parisi, Teoria del tunnel. Nota per una collocazione del surrealismo e dell’esistenzialismo, Napoli, Cronopio, 2003 ISBN 88-85414-85-0
  • Muerte de Antonin Artaud, 1948 [articolo]
  • Para una poética, 1954
    • trad. e cura di Bruno Arpaia, Per una poetica, in Julio Cortázar, Del racconto e dintorni, Parma, Guanda, 2008 ISBN 978-88-6088-039-0
  • Vida de Edgar Allan Poe, 1956
    • trad. e cura di Claudio Cinti, Vita di Edgar Allan Poe, Firenze, Le Lettere, 2004 ISBN 88-7166-806-5
  • Algunos aspectos del cuento, 1962
    • trad. Ernesto Franco, Alcuni aspetti del racconto, in Julio Cortázar, I racconti, cit.
  • On déplore la, 1966 [racconto]
  • Para llegar a Lezama Lima, 1966
  • Buenos Aires Buenos Aires, 1968 [con fotografie di Sara Facio e Alicia d’Amico]
  • La bande (sculptée à Reinhoud, vue par Julio Cortázar), 1968
  • Les Discours du Prince-Gueule, 1970 [su litografie di Julio Silva]
  • Viaje alrededor de una mesa, 1970 [articolo]
  • Literatura en la revolución y revolución en la literatura, 1970 [articolo]
  • Aloys Zötl, 1972
    • trad. Flaviarosa Nicoletti Rossini, Aloys Zötl, introduzione di Vincent Bounoure, presentazione di André Breton, Parma, Franco Maria Ricci, 1972
  • Prosa del observatorio, 1972 [reportage, con fotografie dell'autore e di Antonio Gálvez]
  • La fosse de Babel, 1975 [con André Balthasar, Italo Calvino e Joyce Mansour, su litografie di Reinhoud]
  • Silvalandia, 1975
    • trad. Laura Richichi, Silvalandia, postfazione di Rosalba Campra, Roma, Vertigo, 2007 ISBN 978-88-6206-001-1
  • Estrictamente no profesional. Humanitario, 1976 [su fotografie di Sara Facio e Alicia d'Amico]
  • Le bestiaire d'Aloys Zötl (1803-87), 1976
    • Il bestiario di Aloys Zotl, introduzione di Giovanni Mariotti, Milano, Franco Mara Ricci, 1984 ISBN 88-216-6003-6
  • Territorios, 1978 [libro-collage di prose saggistiche]
  • Tendre parcours, 1978 [su fotografie di Frédéric Barzilay]
  • Conversaciones con Cortázar, a cura di Ernesto Gonzáles Bermejo, 1978
  • Un elogio del tres, 1980 [su dipinti di Luis Tomasello]
  • Monsieur Lautrec, 1980 [su disegni di Hermenegildo Sabat]
  • París: Ritmos de una ciudad, 1981 [su fotografie di Alecio de Andrade]
  • Nicaragua, tan violentamente dulce, 1983
  • Negro el diez, 1983 [su serigrafie di Luis Tomasello]
  • Alto el Perú, 1984 [su fotografie di Manja Offerhaus]
  • Argentina, años de alambradas culturales, a cura di Saul Yurkievich, 1984
  • La fascinación de las palabras, intervista con Omar Prego, 1984
  • Donatella Ucchino, Alguien que anda por ahi di Julio Cortazar. Arte e artificio della narrazione, Messina, Lippolis, 1995 [saggio]
  • Julio Cortazar a fondo, intervista a cura di Joaquín Soler Serrano, 1998
  • Las paradas de De Sanctis, 2012
  • Clases de literatura; Berkeley 1980, a cura di Carles Álvarez Garriga, 2013

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rosalba Campra, La realtà e il suo anagramma. Il modello narrativo nei racconti di Julio Cortázar, Giardini, 1978
  • Rocco Carbone, Finzione e realtà. El perseguidor di Julio Cortazar fra interpretazione e lettura, Rubbettino, 2001
  • Antonella De Laurentiis, Julio Cortázar: il tempo e la sua rappresentazione, Aracne, 2005
  • Silvia M. Blakely, Julio Cortázar. Le dinamiche del doppio nei territori del fantastico, Centro Studi Tindari Patti, 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 12306822 LCCN: n79038532