Severo Sarduy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Severo Sarduy (Camagüey, 25 febbraio 1937Parigi, 8 giugno 1993) è stato un poeta, scrittore, drammaturgo e critico d'arte cubano naturalizzato francese.

Trasferitosi nel 1961 in Francia in esilio, ha ottenuto successivamente la cittadinanza francese. Era inoltre un conosciuto collezionista di opere d'Arte; tra i suoi artisti preferiti si annoverano: Victor Vasarely, Wifredo Lam, Arcimboldo, Borromini e Robert Delaunay. Ha collaborato spesso con importanti riviste quali la Nueva rivista cubana, la Lunes de la rivolución (a Cuba) e la Tel-quel (in Francia). È noto però soprattutto per aver vinto il Prix Médicis nel 1972 per il romanzo Cobra, scritto in Spagnolo.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Gestos (1963) - La bomba dell'Avana, tr. di A. Gonzalez-Palacios, Milano 1964
  • De donde son los cantantes (1967).
  • Escrito sobre un cuerpo (1969)
  • La playa (1971)
  • La caída (1971)
  • Relato (1971)
  • Los matadores de Hormigas (1971)
  • Flamenco (1971)
  • Mood Indigo (1971)
  • Cobra (1972) - Cobra, tr. di Renzo Guidieri, Torino 1976
  • Barroco (1974) - Barocco, tr. di Fulvio Papi, Milano 1980 - Barroco, a cura di Salvatore Grassia, tr. di Lorenzo Magnani, Palermo 2014
  • Big Bang (1974)
  • Para la voz (1977)
  • Maitreya (1978) - Maitreya, il Buddha che deve venire, tr. di Piero Verni, Milano 1982
  • Daiquiri (1980)
  • Colibrí (1984)
  • Cocuyo (1990)
  • Pájaros de la playa (1993)

Libri scritti su Sarduy[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 110081114 LCCN: n79054850