Antonio Muñoz Molina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando lo storico dell'arte ed architetto italiano, vedi Antonio Muñoz.

Antonio Muñoz Molina (Úbeda, 10 gennaio 1956) è uno scrittore e saggista spagnolo.

Dall'8 giugno 1995 è un membro della Real Academia Española. Attualmente vive a New York, dove dirige la sede locale dell'Instituto Cervantes. È marito della scrittrice Elvira Lindo.

Ha studiato giornalismo a Madrid ed ha vissuto alcuni anni a Granada, dove ha insegnato storia dell'arte presso l'università. Diventò scrittore negli anni ottanta. Il suo primo libro, El Robinsón urbano, una collezione di suoi lavori giornalistici, fu pubblicato nel 1984. I suoi articoli furono regolarmente pubblicati su El País and Die Welt.

Il suo primo romanzo, Beatus ille, fu pubblicato nel 1986. Egli caratterizza l'immaginaria città di Mágina - una ri-creazione di Úbeda, la sua città natale andalusa - che riappare in alcuni suoi lavori successivi.

Nel 1987 Muñoz Molina ricevette il Premio Nazionale di Narrativa Spagnola per El invierno en Lisboa (tradotto come Inverno a Lisbona), un omaggio ai film noir e alla musica jazz. Il suo El jinete polaco ricevette il Premio Planeta nel 1991 e di nuovo il Premio Nazionale di Narrativa nel 1992. Tra gli altri suoi romanzi si ricorda Beltenebros (1989), una storia di intrighi d'amore e di politica nel periodo dopo la Guerra Civile di Madrid, Los misterios de Madrid (1992), e El dueño del secreto (1994), Sefarad (2001).

La traduttrice in inglese di quest'ultimo romanzo, Margaret Sayers Peden, vinse il PEN/Book-of-the-Month Club Translation Prize nel 2004.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Narrativa[modifica | modifica sorgente]

Saggistica[modifica | modifica sorgente]

Altro[modifica | modifica sorgente]

Premi e Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

  • 1986: Premio Ícaro di Letteratura per Beatus Ille.
  • 1988: El invierno en Lisboa:
    • Premio Nazionale di Narrativa
    • Premio de la Crítica
  • 1991: Premio Planeta por El jinete polaco.
  • 1992: Premio Nazionale di Narrativa per El jinete polaco.
  • 1995: Eletto membro della Real Academia Española.
  • 1997: Premio Euskadi de Plata.
  • 1998: Plenilunio:
    • Premio Femina Etranger per il miglior libro straniero pubblicato in Francia.
    • Premio Elle.
    • Premio Crisol.
  • 2003:
    • Premio Mariano de Cavia per il suo articolo Lecciones de septiembre.
    • Premio González-Ruano per il suo articolo Los herederos.
  • 2007:
    • Dottore Honoris Causa presso l'Università di Jaén.

Citazione[modifica | modifica sorgente]

Leer es el único acto soberano que nos queda. ("La lettura è l'unico atto sovrano che ci rimane.")

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Premio Principe delle Asturie per la letteratura - nastrino per uniforme ordinaria Premio Principe delle Asturie per la letteratura
— 2013

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 37100540 LCCN: n/85/262844