Lídia Jorge

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lídia Jorge

Lídia Jorge (Boliqueime, 1946) è una scrittrice portoghese.

Lídia Jorge è considerata una delle voci di spicco della narrativa portoghese contemporanea. Nata a Boliqueime, in Algarve, nel 1946, dopo aver conseguito la laurea in Filologia Romanza si è dedicata all’insegnamento prima a Lisbona e poi in Africa, dove ha vissuto in prima persona, in Angola dal 1970 al 1972 e in Mozambico nei due anni successivi, il dramma della guerra coloniale. Rientrata in Portogallo, esordisce con il romanzo O Dia dos Prodígios (1980), cui seguono le opere O Cais das Merendas (1982) e Notícias da Cidade Silvestre (1984), che hanno ricevuto entrambi il Prémio Literário Cidade de Lisboa, e A Costa dos Murmúrios (1988), ispirata all’esperienza africana. Si dedica all’insegnamento alla Facoltà di Lettere di Lisbona fino al 1990, quando riceve l’incarico di membro dell’Alta Autorità per la Comunicazione Sociale. Autrice prolifica e intellettuale di prima grandezza, ha ricevuto prestigiosi premi e le sue opere sono state tradotte nelle principali lingue europee.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Teatro

  • A Maçon (1997)

Libri per l’infanzia

  • O Grande Voo do Pardal (2007)

Racconti e raccoltlte di racconti

  • O Conto do Nadador (1992)
  • A Instrumentalina (1992)
  • Marido e Outros Contos (1997)
  • A Instrumentalina e Outros Contos (2002)
  • O Belo Adormecido (2003)
  • Praça de Londres (2008)

Romanzi

  • O Dia dos Prodígios (1980)
  • O Cais das Merendas (1982)
  • Notícia da Cidade Silvestre (1984)
  • A Costa dos Murmúrios (1988)
  • A Última Dona (1992)
  • O Jardim sem Limites (1995)
  • O Vale da Paixão (1998)
  • O Vento Assobiando nas Gruas (2002)
  • Combateremos a Sombra (2007)
  • Contrato Sentimental (2009)

Premi[modifica | modifica sorgente]

  • Premio Máxima de Literatura, 1999
  • Grande Prémio SPA Millennium BCP, 2007
  • Premio Ricardo Malheiros dell’Accademia delle Scienze di Lisbona, 1980 (O Dia dos Prodígios)
  • Premio Letterario Cidade de Lisboa (Narrativa ex aequo), 1982 (O Cais das Merendas)
  • Premio Letterario Cidade de Lisboa (Narrativa), 1984 (Notícia da Cidade Silvestre)
  • Premio Letterario Bordallo della Casa da Imprensa, 1995 (O Jardim sem Limites)
  • Premio Letterario Bordallo della Casa da Imprensa, 1998 (O Vale da Paixão)
  • Premio Dom Dinis della Fondazione Casa de Mateus, 1998 (O Vale da Paixão)
  • Premio P.E.N. Clube Português de Ficção, 1998 (O Vale da Paixão)
  • Prix Jean Monnet de Littérature Européenne (Premio per la Letteratura Europea Jean Monnet), 2000 (O Vale da Paixão)
  • Grande Prémio de Romance e Novela (Grande Premio del Romanzo e del Racconto) dell’Associazione Portoghese degli Scrittori, 2002 (O Vento Assobiando nas Gruas)
  • Premio Correntes d’Escritas, Póvoa de Varzim (Portogallo), 2004 (O Vento Assobiando nas Gruas)
  • Premio Letterario Prix du Salon Polar & Co, Cognac (Francia), 2005 (O Vento Assobiando nas Gruas)
  • Premio Letterario Albatros della Fondazione Günter Grass, Brema(Germania), 2006 (O Vento Assobiando nas Gruas)
  • Premio Charles Brisset dell’Association française de Psychiatrie (Associazione Francese di Psichiatria), 2008 (Combateremos a Sombra)

Traduzioni italiane[modifica | modifica sorgente]

  • La costa dei sussurri, Bompiani, Milano 1997.
  • La strumentalina, Edizioni dell'Urogallo, Perugia 2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 84492779 LCCN: n83042904