Carmen Martín Gaite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Carmen Martín Gaite (Salamanca, 8 dicembre 1925Madrid, 22 luglio 2000) è stata una scrittrice, attrice teatrale e giornalista spagnola, rappresentante della cosiddetta generazione del '50.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studiò Filosofia e Letteratura presso l'Università di Salamanca. Durante il periodo universitario a Salamanca conobbe Ignacio Aldecoa e Agustín García Calvo. Iniziò a collaborare con varie riviste e debuttò anche come attrice di teatro in alcune opere.

Nel 1950 si trasferì a Madrid, dove si laureò. Qua conobbe intellettuali e scrittori del calibro di Josefina Aldecoa, Alfonso Sastre e soprattutto Juan Benet e Rafael Sánchez Ferlosio, con il quale si sposò nel 1954.

Iniziò a scrivere già dalla tenera età di 8 anni, ma la sua prima opera ad essere pubblicata fu il racconto Un día de libertad, scritto dall'autrice all'età di 29 anni. Nel 1957 scrisse il suo primo romanzo, Entre Visillos, che ottenne il prestigioso premio Nadal.

Negli anni sessanta e settanta continuò la sua intensa attività letteraria, dando alle stampe romanzi come Retahílas (1974, una delle sue opere migliori), poesie, saggi. Fu anche redattrice del quotidiano Diario 16, a quell'epoca il secondo giornale per tiratura, dopo El País.

Le sue opere hanno spesso come tema l'analisi delle relazioni tra individuo e collettività, vista da un'ottica di introspezione psicologica, spesso pervasa da elementi fantastici. Molti dei suoi racconti e romanzi sono fiabe, scritte per lettori di ogni età.

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

  • Entre visillos, 1957, premio Nadal.
  • Ritmo lento, 1963.
  • Retahílas, 1974.
  • Fragmentos de interior, 1976.
  • El cuarto de atrás, 1978. Pubblicato in Italia col titolo La stanza dei giochi, La Tartaruga, 1995
  • Nubosidad variable, 1992. Pubblicato in Italia col titolo Nuvolosità Variabile, Giunti, 1995.
  • La Reina de las Nieves, 1994. Pubblicato in Italia col titolo La regina delle nevi, Giunti, 1996
  • Lo raro es vivir, 1996. Pubblicato in Italia col titolo Lo strano è vivere, Giunti, 1998
  • Irse de casa, 1998. Pubblicato in Italia col titolo Via da casa, Giunti, 2000
  • Los parentescos, 2001, postuma e incompleta.

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

  • El balneario, 1954.
  • Las ataduras, 1960.
  • Cuentos completos, 1978.

Racconti per bambini[modifica | modifica wikitesto]

  • El pastel del diablo, 1985. Pubblicato in Italia col titolo La torta del diavolo, Arnoldo Mondadori Editore, 1993
  • Caperucita en Manhattan, 1990. Pubblicato in Italia col titolo Cappuccetto Rosso a Manhattan, Arnoldo Mondadori Editore, 1999

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

  • El proceso de Macanaz, 1969.
  • Usos amorosos del dieciocho en España, 1972.
  • La búsqueda de interlocutor y otras búsquedas, 1973.
  • El cuento de nunca acabar, 1983.
  • Usos amorosos de la postguerra española, 1987.
  • Desde la ventana, 1987.
  • Agua pasada, 1992.
  • Cuadernos de todo, 2002.

Raccolte di Poesie[modifica | modifica wikitesto]

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Carmen Martín Gaite è una delle scrittrice spagnole più premiate ed apprezzate, sia in patria che all'estero. Fra i premi e i riconoscimenti ricevuti occorre ricordare il Premio Nazionale per la letteratura, ottenuto nel 1978 con il romanzo El cuarto de atrás, il prestigioso Premio Principe delle Asturie (1988) e di nuovo il Premio Nazionale della letteratura per la sua opera completa, ricevuto nel 1994.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Premio Principe delle Asturie per la letteratura - nastrino per uniforme ordinaria Premio Principe delle Asturie per la letteratura
— 1988

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 4943901 LCCN: n80053270