Silente (famiglia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Personaggi di Harry Potter.

La famiglia Silente è una famiglia di maghi della serie Harry Potter, scritta dall'autrice britannica J. K. Rowling.

Membri della famiglia[modifica | modifica sorgente]

Percival Silente[modifica | modifica sorgente]

Menzionato per la prima volta in Harry Potter e i Doni della Morte, Percival Silente è stato l'ultimo patriarca della famiglia Silente. Fu condannato alla prigionia in Azkaban per aver attaccato tre giovani babbani che avevano arrecato danno a sua figlia Ariana e alla sua salute psichica di maga. Rimase con la fama di assassino nel mondo magico, poiché, per evitare alla figlia l'internamento al San Mungo, non aveva mai rivelato a nessuno al di fuori della sua famiglia le ragioni dei suoi atti. Morì nella prigione di Azkaban.

Kendra Peverell[modifica | modifica sorgente]

Apparsa per la prima volta in Harry Potter e i Doni della Morte, quando Harry vede la sua foto, Kendra Peverell era la moglie di Percival e la madre di Ariana, Albus e Aberforth e, per quanto rivelato da Muriel Prewett, Kendra era figlia di babbani. È descritta come una donna dai "tratti indiani". Tenne segreti i problemi di Ariana per non rischiare che la figlia fosse mandata al San Mungo per il resto della vita. Fu uccisa accidentalmente dalla stessa Ariana. Morì quando Silente, circa diciassettenne, aveva appena terminato i suoi studi ad Hogwarts.

Albus Silente[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Albus Silente.

Figlio primogenito di Percival e Kendra Silente.

Aberforth Silente[modifica | modifica sorgente]

Aberforth Silente
Aberforth in Harry Potter e i Doni della Morte - Parte 2
Aberforth in Harry Potter e i Doni della Morte - Parte 2
Universo Harry Potter
Nome orig. Aberforth Silente (Aberforth Dumbledore)
Autore J. K. Rowling
1ª app. in Harry Potter e l'Ordine della Fenice
Ultima app. in Harry Potter e i Doni della Morte
Interpretato da
Voce italiana Stefano De Sando
Sesso Maschio
Data di nascita 1884
Professione Barista
Affiliazione Grifondoro
Parenti

Aberforth Silente è il secondo figlio dei Silente, barista nel pub "Testa di Porco" ("Hog's head") nel villaggio di Hogsmeade. Questa informazione non compare nei primi libri (anche se si può intuire da alcuni indizi), ma viene fornita solo nel settimo libro[1].

Viene menzionato per la prima volta nel quarto libro, nominato da suo fratello a causa di un processo che Aberforth ha avuto per aver "condotto esperimenti illegali su di una capra". A detta di molte persone che lo conoscono superficialmente, è un po' "strano".

Per quanto riguarda il sesto libro, lo si ritrova in due punti: prima in compagnia di Mundungus Fletcher e poi al funerale del fratello Albus nel giugno 1997 dopo il presunto tradimento di Severus Piton. Lo stesso Silente afferma in un ricordo mostrato a Harry nel Pensatoio di aver utilizzato il fratello come fonte di informazioni.

Nel settimo libro Aberforth ha notevole importanza, in quanto si rivela la travagliata storia della famiglia Silente, e in particolare la lite tra Albus, Aberforth e il mago Gellert Grindelwald circa la loro povera sorella Ariana Silente, che morirà tragicamente[1]. Per questo motivo Aberforth non perdonerà mai del tutto Albus.

Questo personaggio veglia su Harry grazie ad uno degli specchi gemelli di Sirius che ha acquistato da Mundungus: sarà lui infatti ad inviare Dobby in soccorso dei ragazzi prigionieri nel castello di Lucius Malfoy. Il barista salva Harry, Ron ed Hermione da Dissennatori e Mangiamorte quando i tre si materializzano ad Hogsmeade, dimostrando la sua grande abilità negli incantesimi riuscendo ad evocare anche un potente Patronus che sembrerebbe prendere le sembianze di una capra. Aberforth riuscirà a creare un passaggio segreto attraverso un ritratto di Ariana che collegherà il pub con la Stanza delle Necessità, il trio infatti, guidato da Neville riuscirà a penetrare ad Hogwarts.

Inoltre per la stessa via (con qualche disappunto del nostro) vengono fatti evacuare dalla scuola tutti gli studenti più giovani. Aberforth si unisce poi alla lotta all'interno del castello.

Nel film Harry Potter e l'Ordine della Fenice il personaggio di Aberforth è apparso in un breve cameo, in cui è stato interpretato da Jim McManus[2]. Invece in Harry Potter e i Doni della Morte - Parte 2 appare come personaggio più rilevante ed è interpretato da Ciarán Hinds.

Ariana Silente[modifica | modifica sorgente]

Ariana Silente è la terza e ultima figlia di Percival e Kendra, e compare soltanto nel settimo e ultimo libro della serie, Harry Potter e i Doni della Morte. Qui viene rivelato che era stata attaccata, quando era ancora piccola, da tre giovani Babbani, spaventati dalle sue magie involontarie. Questa aggressione aveva avuto un effetto devastante sulla psiche della bambina, che non aveva mai imparato a controllare la magia, e occasionalmente era preda di attacchi improvvisi di rabbia in cui scatenava tutte le sue capacità, e solo suo fratello Aberforth, e in misura minore sua madre, erano in grado di calmarla. In uno di questi attacchi uccise involontariamente sua madre, e durante un altro si intromise nella lotta tra i suoi fratelli e Gellert Grindelwald, venendo uccisa da un incantesimo lanciato da uno dei tre. L'ossessione di averla uccisa perseguita Albus, tanto che il suo molliccio è il cadavere di Ariana e quindi l'ossessione di poter essere il responsabile della sua morte.[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Capitolo 28 - Lo specchio mancante in Harry Potter e i Doni della Morte, 2007.
  2. ^ Filmografia di Jim McManus
  3. ^ Chat live su Bloomsbury.com il 30 luglio 2007.
Harry Potter Portale Harry Potter: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Harry Potter