Rubeus Hagrid

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rubeus Hagrid
Rubeus Hagrid.jpg
Rubeus Hagrid (Robbie Coltrane) nel primo film
UniversoHarry Potter
AutoreJ. K. Rowling
1ª app. inHarry Potter e la pietra filosofale
Ultima app. inHarry Potter e i Doni della Morte
Interpretato da
Voci italiane
SpecieMezzogigante
SessoMaschio
Data di nascita6 dicembre 1928[1]

Rubeus Hagrid, spesso chiamato semplicemente Hagrid, è un personaggio della serie di romanzi di Harry Potter, scritta e ideata da J. K. Rowling.

Hagrid è un mezzogigante guardiacaccia e Custode delle Chiavi e dei Luoghi ad Hogwarts. È colui che rivela la verità sulla sua natura e sull'esistenza del Mondo Magico ad Harry Potter, con cui in seguito instaura un profondo legame di amicizia.

Compare in tutti gli adattamenti cinematografici della serie, dove è interpretato dall'attore scozzese Robbie Coltrane; in italiano è doppiato da Francesco Pannofino[2].

Creazione e sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Hagrid è tra i personaggi che l'autrice ha affermato di aver creato "il primissimo giorno"[3]. Ha spiegato che l'origine del suo cognome è "una vecchia parola dialettale inglese, che significa che stai avendo una nottataccia[N 1]. Hagrid è un gran bevitore – ha un sacco di nottatacce"[4]. Il suo nome, Rubeus, deriva dalla parola latina rubeus (lett. "rosso") per riflettere l'alchimia e il suo contrasto con Albus Silente: la sua "passionalità" contro l'"ascetismo" del Preside[5]. In un suo articolo Rosemary Goring indica che la Foresta di Dean ha influenzato il lavoro della Rowling, e che Hagrid è l'unico personaggio "che nasce direttamente dalla foresta". Secondo la Goring, le "parole troncate [di Hagrid] sono una specialità di Chepstow". Afferma inoltre che Hagrid è fisicamente "modellato sulla parentesi gallese degli Hells Angels, enormi montagne di pelle e capelli che si avventano sulla città e depredano il bar".[6]

Discutendo sulla morte dei personaggi nei suoi libri, la Rowling ha detto di essere sempre stata a conoscenza di star "giungendo al punto in cui Hagrid trasporta un Harry vivo - ma ritenuto morto - fuori dalla foresta". Ha detto che aveva pianificato sin dal principio che Harry sarebbe stato accompagnato verso la morte da dei "fantasmi" e che sarebbe "tornato tra le braccia di Hagrid", affermando inoltre che "è per questo che ha sempre fatto sopravvivere Hagrid". Ha affermato infatti che "sarebbe stato semplice far morire Hagrid in qualche modo", ma che l'immagine che aveva di quel momento – un grande e paterno Hagrid che porta il corpo di Harry tra le braccia – era così forte da decidere il suo destino. Ha inoltre fatto notare il collegamento tra l'Hagrid che porta Harry nel mondo all'inizio della saga e quello che lo porta indietro dalla morte al termine.[7]

Nella nota alla traduzione presente nelle prime edizioni pubblicate dalla Salani, viene affermato che nell'originale inglese Hagrid si esprime in un inglese piuttosto sgrammaticato, e che nella resa italiana quindi "si è pensato di rendere questa sua caratterizzazione con un italiano altrettanto sgrammaticato".

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Hagrid è il figlio di un mago e della gigantessa Fridwulfa[1], che li abbandona subito dopo la sua nascita. Nonostante questa sua natura da Mezzogigante, viene ammesso ad Hogwarts su permesso di Silente, verso il quale nutrirà da qui in avanti un profondo rispetto e una grande ammirazione. Tuttavia la sua carriera scolastica si interrompe bruscamente quando Tom Riddle lo accusa di aver aperto la camera dei segreti ed aver utilizzato il mostro contenuto in essa per causare la morte di una studentessa, approfittando del fatto che Hagrid stesse effettivamente allevando una pericolosa creatura: un'acromantula di nome Aragog, giunta in possesso di Hagrid per vie illegali. Hagrid viene così espulso ma, poiché suo padre era morto l'anno prima, Silente gli permette di restare al castello come guardiacaccia e Custode delle Chiavi, avendo intuito che dietro la faccenda ci fosse in realtà Riddle stesso; inoltre, consente ad Aragog di vivere nella Foresta Proibita[8]. Nel corso degli anni Hagrid fa la conoscenza di molti studenti, tra i quali Lily e James Potter con cui stringe una buona amicizia. Durante l'ascesa di Voldemort si unisce all'Ordine della Fenice. Dopo la caduta del Signore Oscuro e la morte dei Potter, si occupa di recuperare Harry e di portarlo a Privet Drive dai Dursley, unici parenti del piccolo rimasti in vita, grazie ad una motocicletta volante donatagli da Sirius Black[9].

Dieci anni dopo viene incaricato da Silente di recuperare Harry, poiché i Dursley si rifiutavano sia di rivelargli la sua vera natura che di consegnargli le lettere di ammissione ad Hogwarts: Hagrid rivela quindi al ragazzo l'esistenza del Mondo Magico e la verità sulla morte dei suoi genitori, iniziando a stabilire con il ragazzo un solido rapporto d'amicizia[10]. L'anno dopo la camera dei segreti viene riaperta, e Hagrid viene nuovamente accusato dell'accaduto, arrestato e condotto ad Azkaban: scoperto che la camera è stata in realtà riaperta da Ginny Weasley sotto l'influsso del diario di Riddle viene liberato ma l'esperienza lo segna profondamente, tanto da rifiutarsi di parlarne anche ad anni di distanza[11]. In seguito viene nominato professore di Cura delle Creature Magiche con grande scorno dei Serpeverde, ed in particolare di Draco Malfoy, che cercheranno costantemente di farlo licenziare: a causa di un incidente avvenuto durante la sua prima lezione, infatti, Malfoy resta ferito dopo aver provocato un ippogrifo, Fierobecco. Nonostante Hagrid riesca a dimostrare la sua innocenza la creatura viene condannata a morte perché ritenuta pericolosa, venendo però salvata da Harry e Hermione[12]. L'anno seguente Hagrid fa la conoscenza di Olympe Maxime, preside dell'istituto magico di Beauxbatons in visita ad Hogwarts per il Torneo Tremaghi anch'essa mezzogigante. Hagrid le rivela la sua natura, ma viene udito dalla subdola giornalista Rita Skeeter, che pubblica un articolo sulla Gazzetta del Profeta nel tentativo di screditare Silente, includendovi anche alcune false interviste ottenute dai Serpeverde: Hagrid, vergognandosi moltissimo, attraversa un periodo di depressione, uscendone grazie all'aiuto di Harry, Ron, Hermione e Silente stesso[13]. Dopo il ritorno di Voldemort, Hagrid viene mandato in missione da Silente presso i giganti, nella speranza di convincerli a non unirsi alla causa del mago oscuro. La missione è un insuccesso, ma Hagrid fa la conoscenza di Grop, il suo fratellastro: decide così di portarlo ad Hogwarts nascondendolo nella Foresta Proibita e tentando di educarlo e di insegnargli a parlare, con scarsi risultati. Al suo ritorno, inoltre, viene posto in verifica da Dolores Umbridge, dipendente del Ministero della Magia nominata docente di Difesa contro le Arti Oscure e Inquisitore Supremo dal Ministro Cornelius Caramell: volendolo cacciare, lo attacca durante la notte assieme a degli Auror, ma Hagrid riesce a fuggire, tornando dopo il licenziamento della Umbridge[14]. L'anno successivo Aragog muore, e durante il suo funerale Harry riesce ad ottenere il ricordo riguardante gli Horcrux da Horace Lumacorno[15]. Hagrid partecipa al trasferimento di Harry da Privet Drive alla Tana, accompagnandolo con la moto volante di Sirius. Tornato ad Hogwarts, viene costretto a fuggire assieme a Grop a causa del suo sostegno verso Harry. Durante l'assalto al castello, Hagrid viene catturato nella Foresta Proibita e costretto a portare al castello il corpo di Harry, apparentemente ucciso da Voldemort: durante la battaglia finale neutralizza il Mangiamorte Walden Macnair, festeggiando poi la caduta di Voldemort per mano di Harry[16].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Aspetto fisico[modifica | modifica wikitesto]

Hagrid è descritto come un uomo alto e imponente, con una folta criniera di capelli scuri ed arruffati, occhi neri e lucidi, costantemente vestito con un pesante pastrano dotato di un gran numero di tasche nelle quali conserva gli oggetti più disparati[17].

Carattere e personalità[modifica | modifica wikitesto]

Hagrid rappresenta il classico stereotipo del gigante gentile: bonario, affabile, un buon amico sempre pronto a sostenere e difendere coloro in cui crede[18]. È molto leale verso Albus Silente, da lui ritenuto il più grande mago mai esistito, non tollerando che si parli male di lui o lo si oltraggi in qualsiasi maniera[17]. Non dà alcuna importanza alla purezza di sangue, essendo lui stesso un mezzogigante, e reputa la famiglia e i legami di amicizia come qualcosa di indissolubile[19]. Tende a vedere il buono in ogni situazione, tanto quando cerca di allevare creature pericolose quanto in situazioni peggiori come il ritorno di Voldemort[18].

Hagrid è un grande amante degli animali, riuscendo a prendersi cura di molte creature differenti; ha tuttavia una certa predilezione verso le creature più pericolose, da lui ritenute "interessanti": il suo sogno, infatti, è di riuscire ad addomesticare un drago. Le sue conoscenze in materia gli consentono di ottenere la cattedra di Cura delle Creature Magiche nel terzo libro.

Dopo essere stato espulso da Hogwarts al terzo anno il preside di allora, Armando Dippet, fu convinto da Silente (ai tempi insegnante di Trasfigurazione) a consentire ad Hagrid di rimanere come guardiacaccia. Durante il periodo in cui Harry frequenta la scuola, Hagrid è anche il Custode delle Chiavi e dei Luoghi ad Hogwarts: questo titolo, secondo la Rowling, significa che "[Hagrid] può decidere chi entra e chi esce da Hogwarts"[20]. Parte del suo lavoro include condurre gli studenti del primo anno appena arrivati attraverso il lago.

Poteri e oggetti magici[modifica | modifica wikitesto]

Essendo un mezzogigante Hagrid è dotato di una forza e una resistenza superiori alla norma, ed è praticamente immune alla maggior parte degli incantesimi[1]. Di contro, le sue abilità in campo magico sono piuttosto scarse, limitandosi alla conoscenza ed esecuzione di incantesimi semplici, spesso resi complicati dall'avere la bacchetta spezzata e mascherata da ombrello[21].

Bacchetta[modifica | modifica wikitesto]

La bacchetta di Hagrid è in quercia: secondo la Rowling, in Inghilterra questo albero è considerato il re della foresta, rendendolo il più adatto ad una personalità come quella di Hagrid[22]. La bacchetta gli venne spezzata quando venne espulso: egli conserva tuttavia le due metà in un ombrello rosa che porta sempre con sé con il quale può fare piccole magie, sebbene non sempre vadano a buon fine[23].

Apparizioni in altri media[modifica | modifica wikitesto]

Adattamenti cinematografici[modifica | modifica wikitesto]

Hagrid è stato interpretato in tutti gli adattamenti cinematografici della serie dall'attore scozzese Robbie Coltrane.[24] Robin Williams era interessato al ruolo e fece quindi richiesta a Chris Columbus, regista dei primi due film, di partecipare al progetto, ma questi lo rifiutò a causa della politica che prevedeva solo attori britannici e irlandesi.[25][26] La Rowling aveva pensato sin dall'inizio a Robbie Coltrane per il ruolo di Hagrid[25], rispondendo "RobbieColtraneforHagrid" tutto d'un fiato quando le venne chiesto chi fosse in cima alla sua lista di scelte per il cast[27][28].

Coltrane era già un fan dei libri[29] e ha commentato che essere parte del franchise di Harry Potter era "una cosa fantastica"[30]. La Rowling ha discusso del passato e del futuro di Hagrid con Coltrane, assistendolo nella preparazione per il ruolo.[29][31] Ha inoltre affermato che "Robbie è semplicemente perfetto per Hagrid perché questi è un personaggio veramente amabile, piacevole, comico [...] ma deve avere – bisogna veramente percepirla – una certa durezza [...] e credo che Robbie la renda alla perfezione."[28]

L'Ex rugbysta Martin Bayfield interpreta Hagrid nelle scene di stunt a causa della sua enorme stazza, per enfatizzare l'altezza di Hagrid[32]. Bayfield interpreta anche il giovane Hagrid nel secondo film.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

IGN ha classificato Hagrid come il tredicesimo miglior personaggio di Harry Potter, dicendo che Hagrid è diventato un surrogato per il pubblico e che la breve scena in Harry Potter e il calice di fuoco dove ricorda dei momenti memorabili con Harry, Hermione e Ron ha lasciato loro un "piacevole ricordo"[33]. Joe Utichi, sempre di IGN, ha descritto Hagrid come il suo settimo personaggio preferito di Harry Potter[34].

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Hagrid è apparso in molte parodie di Harry Potter. È presente in uno scketch del programma statunitense Saturday Night Live, interpretato da Horatio Sanz, nello stesso episodio in cui Lindsay Lohan interpreta Hermione; Bobby Moynihan inoltre ha interpretato Hagrid nel 2012, quando Daniel Radcliffe ha ospitato lo show[35]. Nello show Big Impression di Alistair McGowan, Hagrid è apparso in uno sketch intitolato Louis Potter and the Philosopher’s Scone, dove è stato interpretato dallo stesso Robbie Coltrane.[36] Hagrid è stato inoltre parodiato in in Harry Potter and the Secret Chamberpot of Azerbaijan, un racconto pubblicato da Comic Relief nel 2003, ed è stato interpretato da Ronnie Corbett.[37][38]. Hagrid compare inoltre nella parodia teatrale Harry Potter and the Obnoxious Voice, interagendo con Draco Malfoy e un dissennatore[39]. In un episodio della seconda serie del Tracey Ullman's State of the Union, Tracey Ullman parodizza la Rowling come prepotente e interessata a mantenere le sue creazioni sotto copyright, credendo che un vagabondo stia impersonando Hagrid.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Annotazioni
  1. ^ Da to be hagrid, letteralmente "essere tormentato dagli incubi"
Fonti
  1. ^ a b c Rubeus Hagrid
  2. ^ Francesco Pannofino, su antoniogenna.net. URL consultato il 18 maggio 2019.
  3. ^ (EN) What Jo says about...Rubeus Hagrid, su Accio Quote. URL consultato il 18 maggio 2019.
  4. ^ (EN) Cristopher Lydon, Lydon, Christopher. J.K. Rowling interview transcript, The Connection (WBUR Radio), 12 October, 1999, su Accio Quote, The Connection. URL consultato il 18 maggio 2019.
  5. ^ (EN) Colours, su Pottermore. URL consultato il 18 maggio 2019.
  6. ^ (EN) Rosemary Goring, Harry’s Fame, Scotland on Sunday, 17 gennaio 1999. URL consultato il 18 maggio 2019.
  7. ^ (EN) A Conversation with J.K.Rowling and Daniel Radcliffe, su YouTube, Warner Bros. Entertainment Inc.. URL consultato il 18 maggio 2019.
  8. ^ Harry Potter e la camera dei segreti
  9. ^ Harry Potter e la pietra filosofale, capitolo 1 "Il Bambino Che È Sopravvissuto".
  10. ^ Harry Potter e la pietra filosofale
  11. ^ Harry Potter e la camera dei segreti
  12. ^ Harry Potter e il prigioniero di Azkaban
  13. ^ Harry Potter e il calice di fuoco
  14. ^ Harry Potter e l'Ordine della Fenice
  15. ^ Harry Potter e il principe mezzosangue
  16. ^ Harry Potter e i Doni della Morte
  17. ^ a b Harry Potter e la pietra filosofale, capitolo 4 "Il Custode delle Chiavi".
  18. ^ a b (EN) 9 times Rubeus Hagrid saw the best in things, su Wizarding World. URL consultato il 18 maggio 2019.
  19. ^ (EN) What we learned from Rubeus Hagrid, su Wizarding World. URL consultato il 18 maggio 2019.
  20. ^ (EN) Melissa Anelli e Emerson Spartz, The Leaky Cauldron and MuggleNet interview Joanne Kathleen Rowling: Part Three, su The Leaky Cauldron, 16 luglio 2005. URL consultato il 18 maggio 2019.
  21. ^ Beatrice Manganelli, Joanne K. Rowling risponde ai lettori, su Fantasymagazine.it, 8 marzo 2004. URL consultato il 7 agosto 2019.
  22. ^ (EN) Section: Extra Stuff Wands, su jkrowling.com. URL consultato il 15 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 24 luglio 2007).
  23. ^ (EN) Rubeus Hagrid and the case of the pink, flowery umbrella, su Wizarding World. URL consultato il 18 maggio 2019.
  24. ^ (EN) Casting Is Complete on Harry Potter and the Half-Blood Prince, su PR Newswire, Warner Bros., 16 novembre 2007. URL consultato il 17 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 14 ottobre 2018).
  25. ^ a b (EN) Bill Bradley, The Hilarious Reason Daniel Radcliffe Was Cast As Harry Potter, in The Huffington Post, 31 dicembre 2016. URL consultato il 17 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 12 giugnio 2018).
  26. ^ (EN) Robin Williams turned down for Potter, in The Guardian (Media Limited), 15 novembre 2001. URL consultato il 17 maggio 2019.
  27. ^ (EN) Movie Trivia: Harry Potter and the Sorcerer’s Stone, su Neatorama, 17 luglio 2007. URL consultato il 19 maggio 2019.
  28. ^ a b (EN) Andrew Alderson, 'They really do look as I'd imagined they would inside my head', in The Telegraph, 4 novembre 2001. URL consultato il 17 maggio 2019.
  29. ^ a b (EN) Jeff Jensen e Daniel Fierman, Harry potter comes alive, in Entertainment Weekly, 14 settembre 2001. URL consultato il 17 maggio 2019.
  30. ^ (EN) Ian Wylie, Harry Potter And The Personal Demons, in Manchester Evening News, 24 settembre 2006. URL consultato il 17 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 29 agosto 2009).
  31. ^ (EN) Lizo Mzimba, JK Rowling interview in full, CBBC, 2 novembre 2001. URL consultato il 17 maggio 2019.
  32. ^ Roberto Vanazzi, Martin Bayfield: il gigante buono, su rugbymeet.com, 12 gennaio 2014. URL consultato il 17 maggio 2019.
  33. ^ (EN) Brian Linder, Phil Pirrello, Eric Goldman e Matt Fowler, Top 25 Harry Potter Characters, IGN, 14 luglio 2009. URL consultato il 15 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 19marzo 2016).
  34. ^ (EN) Joe Utichi, The Top 10 Harry Potter Characters, IGN, 3 novembre 2010. URL consultato il 15 maggio 2019.
  35. ^ (EN) Joe Kelly, Hogwart's Academy, Saturday Night Live Transcripts. URL consultato il 16 maggio 2019.
  36. ^ (EN) BBC One press release (PDF), BBC One, 2001. URL consultato il 16 maggio 2019.
  37. ^ (EN) Harry Potter and the Secret Chamberpot of Azerbaijan, su tv.com, 14 marzo 2003. URL consultato il 16 maggio 2019.
  38. ^ Harry Potter and the Secret Chamberpot of Azerbaijan, Comic Relief. URL consultato il 16 maggio 2019.
  39. ^ (EN) Jeannette Jaquish, Harry Potter and the Obnoxious Voice, su Angelfire. URL consultato il 16 maggio 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Rubeus Hagrid, su Wizarding World. URL consultato il 18 maggio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Fantasy Portale Fantasy: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fantasy