Potter (famiglia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Lily Evans)

La famiglia Potter è una famiglia creata dalla scrittrice britannica J. K. Rowling nella serie letteraria Harry Potter.

Harry Potter (al centro) vede nello Specchio delle Brame la madre Lily Evans e il padre James Potter

James Potter[modifica | modifica wikitesto]

James Potter
Universo Harry Potter
Autore J. K. Rowling
1ª app. in Harry Potter e la pietra filosofale
Ultima app. in Harry Potter e i Doni della Morte
Interpretato da
Voce italiana Gaetano Varcasia
Sesso Maschio
Data di nascita 27 marzo 1960
Professione Auror
Abilità
  • Animagus
Affiliazione

L'infanzia[modifica | modifica wikitesto]

James è nato il 27 marzo 1960[1] da Charlus Potter e Dorea Black in Potter.[2].

Fisicamente è alto, magro, con capelli nero corvino sempre scompigliati, e ha gli occhi color nocciola. Il figlio Harry è identico al padre, tranne per gli occhi (che prende dalla madre Lily), e per il naso leggermente più corto.

Da giovane frequenta la scuola di magia e stregoneria di Hogwarts nella casa di Grifondoro. Gioca nella squadra di Quidditch della sua Casa, ricoprendo il ruolo di Cercatore. È anche uno scapestrato, prepotente ed irrispettoso delle regole della scuola, e con i suoi migliori amici Sirius Black, Remus Lupin e Peter Minus, finisce spesso in punizione. I quattro assieme si denominano i Malandrini. James e Sirius sono i più legati e i più brillanti della compagnia, paragonabili a Fred e George Weasley[3].

Dal 2º anno decide di diventare un animagus (riuscendoci solo durante il 5°) insieme a Sirius Black e Peter Minus, in modo da poter tenere compagnia a Remus Lupin durante le notti di luna piena, nelle quali avvenivano le sue trasformazioni in lupo mannaro. I tre amici si trasformano in un cervo (James), un grosso cane nero (Sirius) e un topo grigio (Minus). Grazie alle loro fughe occasionali da scuola, i quattro amici scoprono molti dei segreti di Hogwarts, e così hanno l'idea di disegnare la Mappa del Malandrino, firmandola con i loro soprannomi: Lunastorta (Lupin), Codaliscia (Minus), Felpato (Sirius) e Ramoso (James). Ma durante la loro permanenza nella scuola, questa viene requisita da Gazza.

A scuola, James si mostra uno studente brillante e anche un capace giocatore di Quidditch, ma anche molto viziato (dalle interviste all'autrice risulta che i genitori, essendo già molto anziani alla nascita di lui, gli permettevano tutto, considerandolo un "dono speciale") e con un comportamento borioso e prepotente, per cui, a detta di Lily Evans e Severus Piton, si vanta frequentemente del suo talento con la scopa e bullizza e umilia molti suoi compagni di scuola, tanto per mostrare le sue capacità. Una vittima frequente delle loro angherie del gruppo è Severus Piton, per il fatto che quest'ultimo simpatizza per la Casa di Serpeverde (malvista perché molti suoi membri nel corso del tempo erano diventati streghe e maghi cattivi), in cui Piton poi viene smistato, e per il crescente interesse di Piton nelle Arti Oscure. Compagno di bullismo di James è frequentemente l'amico Sirius Black, mentre Peter Minus li ammirava e si univa a loro, e Remus Lupin, pur non apprezzando le loro angherie, difficilmente li fermava. Joanne Rowling, nelle interviste, riferisce che Piton stesso, nello sperimentare le Arti Oscure, aggrediva i Maladrini spesso e questo aumentava l'acredine reciproca, nonché che James intuiva l'amore crescente di Piton per Lily e la gelosia portava James a umiliare ancora di più Piton.[4]

Un esempio dell'arroganza e della mancanza di rispetto di James si può notare da un avvenimento che si verifica al suo 5º anno, durante il periodo dei G.U.F.O (a cui assiste anche Harry, caduto nel Pensatoio, mentre questo conteneva un ricordo di Piton). Infatti, in questo ricordo si vede chiaramente come James e Sirius scaglino incantesimi sul malcapitato Piton, fino a minacciare di denudarlo, davanti a buona parte della scuola, al solo scopo di divertirsi a umiliarlo poiché Piton era la vittima preferita dei loro atti di bullismo, adducendo la giustificazione che Sirius si annoia e che "Piton esiste".

James, per il suo comportamento libertino ed arrogante, viene disprezzato appunto da Piton, ma anche da Lily Evans, per la quale ha un debole. All'ultimo anno James e Lily si mettono assieme, grazie al fatto che quest'ultimo smette, almeno in presenza di Lily, di comportarsi da sbruffone e di scagliare incantesimi sugli altri solo per divertimento: nel quinto libro, quando Harry domanda a Sirius e Lupin come si sia evoluto il rapporto fra James e Lily, effettivamente i due amici ammettono che James rispondeva alle provocazioni di Piton, più che altro James non portava certo Piton agli appuntamenti con Lily e non gli dava addosso davanti a lei. Quindi non è chiaro se James abbia imparato a rispondere solo se provocato e in modo non esagerato, se abbia capito l'errore proprio verso Piton, cessando di fare il bullo per divertimento, e quindi se il senso di rispetto per il prossimo e i preconcetti di James verso Piton siano cambiati da quel periodo alla sua morte.

Dopo la scuola[modifica | modifica wikitesto]

Terminata la scuola, James entra, assieme a Lily, Sirius, Lupin e Minus, nell'organizzazione segreta dell'Ordine della Fenice, e partecipa attivamente alla lotta contro Voldemort. Inoltre diventa un Auror.

Si sposa con Lily Evans appena terminata la scuola. Sirius Black è loro testimone di nozze, nonché padrino di Harry.

Quando Voldemort interpreta la Profezia, e decide di uccidere il neonato Harry, i Potter, per nascondersi, sotto consiglio di Silente si trasferiscono a Godric's Hollow, imponendo sulla loro casa l'Incanto Fidelius. Il Custode Segreto avrebbe dovuto essere Sirius, ma questo convince i suoi amici a scegliere invece Peter Minus senza informare nessuno, in modo da ingannare Voldemort.

I Potter risiedono a Godric's Hollow per alcuni mesi, durante i quali ricevono spesso visite da parte della loro vicina Bathilda Bath, e dello stesso Minus.

La morte[modifica | modifica wikitesto]

Ma la fiducia riposta dai Potter e da Sirius in Peter Minus si scopre essere mal riposta: quest'ultimo, che in realtà era diventato un Mangiamorte, rivela al Signore Oscuro la posizione della dimora dei Potter.

Così, la sera del 31 ottobre 1981, quando Harry ha poco più di un anno, Voldemort si reca a casa loro. James muore cercando di rallentare il mago oscuro, pur essendo lui disarmato, per dare alla moglie il tempo di scappare con il figlio.

Nei libri[modifica | modifica wikitesto]

Nei libri James Potter appare o viene nominato diverse volte.

Durante il primo libro, Harry lo vede assieme a Lily nello Specchio delle Brame. I due coniugi continuano a salutarlo con la mano, poi Lily si mette a piangere e James le cinge un braccio attorno alle spalle. Alla fine del libro Hagrid regala a Harry un album contenenti foto animate dei suoi genitori.

Durante il terzo libro Harry viene in possesso della Mappa del Malandrino, disegnata dal padre. Inoltre, Harry scopre che il suo padrino Sirius Black, il suo professore Remus Lupin e Peter Minus erano i migliori amici di suo padre e i tre, insieme a James Potter stesso, erano animagi. Nello stesso anno Harry impara a produrre un patronus corporeo che assume la forma di un cervo, ovvero l'animale in cui si trasformava il padre. Utilizza questo incantesimo per scacciare i dissennatori, che gli fanno rivivere il momento in cui i suoi genitori sono morti.

Nel quarto libro James e Lily vengono evocati dalla bacchetta di Lord Voldemort (che li aveva uccisi), per effetto del Prior Incantatio generato dai nuclei gemelli delle bacchette di Voldemort e di Harry. Questi incitano il figlio a resistere e ostacolano Voldemort per dargli il tempo di scappare.

Prima che Harry inizi il suo quinto anno, Sirius regala a Harry due specchi gemelli che lui e James utilizzavano a scuola per parlarsi mentre si trovavano in punizione. Nel quinto libro, durante l'ultima lezione di occlumanzia con Piton, Harry si addentra in un ricordo di quest'ultimo, dove vede l'arroganza del padre da giovane.

Nel settimo libro, durante la notte di Natale del 1997, Harry assiste alla morte dei genitori dal punto di vista di Voldemort, penetrando nei suoi pensieri. Inoltre, quando a maggio Harry decide di consegnarsi a Voldemort per salvare i propri amici, questi riesce a richiamare James insieme a Lily, Sirius e Remus utilizzando la Pietra della Resurrezione. Questi lo incitano ad andare avanti, e lo incoraggiano.

Lily Evans[modifica | modifica wikitesto]

Lily Evans
Universo Harry Potter
Autore J. K. Rowling
1ª app. in Harry Potter e la pietra filosofale
Ultima app. in Harry Potter e i Doni della Morte
Interpretata da
Voce italiana Michela Alborghetti
Sesso Femmina
Data di nascita 30 gennaio 1960
Professione Auror
Affiliazione

Lily Evans è la madre di Harry Potter e la moglie di James. Lily Evans è una strega nata babbana, ovvero in una famiglia di solo babbani.

L'infanzia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce il 30 gennaio 1960[1] da genitori babbani. Ha gli occhi verdi e i capelli rosso scuro. È sorella di Petunia Dursley, con cui nei primi anni è molto legata.

Come Harry scoprirà nel settimo libro, le sorelle Evans vivono nella stessa città di Severus Piton. Con questo Lily stringe amicizia quando scopre i suoi poteri magici. Il giovane Piton infatti si innamora a prima vista di Lily e passa molte giornate a guardarla da lontano senza avvicinarlesi, ma un giorno ne trova il coraggio, le rivela che è una strega molto dotata, e si offre di condividere con lei tutte le sue informazioni sul mondo magico. I due diventano amici ma a questa crescente intimità si oppone la sorella Petunia, che è gelosa perché Lily e Severus sono dotati di poteri magici, e perciò litiga spesso con il nuovo amico della sorella. Piton talvolta non riesce a controllare l'astio che prova nei confronti di Petunia e fa accadere piccoli incidenti di magia (a 10-11 anni infatti non si è in grado di controllare appieno i propri poteri) per allontanarla, ferendo Lily, che però continua ad essergli amica.

Hogwarts[modifica | modifica wikitesto]

Lily frequentava la Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts, e viene assegnata alla casa del Grifondoro. Come afferma più volte il professore Horace Lumacorno nel sesto libro, Lily è stata una delle sue migliori allieve in pozioni, non essendo da meno in tutte le altre materie.

In questi anni l'amicizia con Piton inizia ad incrinarsi, a partire dal primo giorno in cui i due vengono smistati in due case differenti. Negli anni Piton inizia a frequentare amici Serpeverde come Avery junior e Mulciber, che sono attratti dalle Arti Oscure, e vogliono unirsi a Voldemort. Le amicizie di Lily, all'opposto, sono principalmente due: Mary Macdonald ed Emmeline, che sono invece vittime degli scherzi dei Serpeverde amici di Piton. Questo, unito al crescente disprezzo di Piton nei confronti dei Mezzosangue, determinano la rottura dell'amicizia fra i due che avviene nel loro quinto anno. In occasione dei GUFO, James Potter e Sirius Black, in cerca di distrazione, iniziano a tormentare Piton, mettendolo a mezz'aria a testa in giù e minacciando di denudarlo davanti alla scuola. Lily corre in soccorso dell'amico di infanzia e impone a James, che da sempre ha una cotta per lei, di liberare Piton. James si lascia convincere ma gli fa notare che, se non ci fosse stata Lily, non gli sarebbe andata così bene. Severus, a quel punto, arrabbiato e umiliato, dice davanti ad un nutrito gruppo di studenti accorsi per assistere alla scena di non aver bisogno dell'aiuto di una sporca Mezzosangue. Lily, profondamente offesa per l'insulto, troncherà immediatamente l'antica amicizia, sottraendosi a tutti i tentativi di scusarsi di Severus, che mai perdonerà.

Nonostante questa rottura dell'amicizia, Piton resterà sempre, come lo era da bambino, innamorato di Lily Evans, tanto da proteggere, dopo la sua morte, il suo unico figlio da Voldemort.

A scuola Lily conosce il suo futuro marito, James Potter; lo odia fino al sesto anno perché lo ritiene arrogante, presuntuoso e pieno di sé, anche a causa della sua abitudine di fare perfidi scherzi a Severus, umiliandolo pubblicamente, e ad altri studenti. Inizia ad uscire con lui solo al settimo anno, quando smette, almeno davanti a Lily, di assumere certi atteggiamenti presuntuosi. Diventa così in questi anni amica anche di Remus Lupin, Sirius Black e Peter Minus.

Dopo la scuola[modifica | modifica wikitesto]

Terminata la scuola, Lily entra, assieme a James, Sirius, Lupin e Minus, nell'organizzazione segreta dell'Ordine della Fenice, e partecipa attivamente alla lotta contro Voldemort. Inoltre diventa un Auror.

James e Lily si sposano appena usciti da Hogwarts. Sirius Black è loro testimone di nozze, nonché padrino di Harry.

Quando Voldemort interpreta la Profezia, e decide di uccidere il neonato Harry, i Potter, per nascondersi, sotto consiglio di Silente (a sua volta ispirato da Piton) si trasferiscono a Godric's Hollow, imponendo sulla loro casa l'Incanto Fidelius. Il Custode Segreto avrebbe dovuto essere Sirius, ma lui convince i suoi amici a scegliere invece Peter Minus senza informare nessuno, in modo da ingannare Voldemort.

Qui risiedono per alcuni mesi, durante i quali ricevono spesso visite da parte della loro vicina Bathilda Bath, e dello stesso Minus.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Ma la fiducia riposta che i Potter e Sirius nutrivano per Peter Minus si scopre essere mal riposta: quest'ultimo, che in realtà era diventato un Mangiamorte, rivela al Signore Oscuro la posizione della dimora dei Potter.

Così la sera del 31 ottobre 1981, quando Harry ha poco più di un anno, Voldemort si reca a casa loro. Morto James, Lily viene raggiunta da Voldemort. Questo le dice di togliersi e lasciare che lui uccida il bambino. Lei si rifiuta, e viene perciò uccisa a sangue freddo. Contro le previsioni di Voldemort, il sacrificio (Amore) di Lily impone su Harry una protezione talmente potente da difenderlo dall'Anatema che Uccide di Voldemort, che rimbalza contro lo stregone e lo sconfigge. La protezione perdurerà anche negli anni a venire, difendendo Harry da Voldemort, e giocando un ruolo cruciale nella sconfitta di quest'ultimo, e viene meno solo tredici anni dopo, alla fine del Torneo Tremaghi, perché Codaliscia preleva del sangue da Harry per risuscitare Voldemort.

Nei libri[modifica | modifica wikitesto]

Nel primo libro Harry vede la madre nello Specchio delle Brame dove compare con il padre. Inoltre Rubeus Hagrid gli regala un album di foto animate.

Nel terzo libro Harry conosce la voce di Lily, che viene evocata dai dissennatori; questi, infatti, gli fanno rivivere il momento della morte dei suoi genitori.

Nel settimo libro, durante la notte di Natale del 1997 Harry rivive la morte dei genitori attraverso la mente di Voldemort che, preso dalla rabbia perché Harry gli è sfuggito ancora una volta, sta ricordando la prima volta che è successo.

Inoltre, Harry decide di chiamare l'unica figlia che ha con Ginny col nome della madre: Lily Luna.

Carattere, natura e aspetto fisico[modifica | modifica wikitesto]

Lily Evans nella sua giovinezza è descritta come molto bella, con lunghi capelli lisci rosso scuro e occhi verdi. Di carattere e natura Lily si dimostra subito una ragazza gentile, ma anche sicura di sé, con una personalità forte e sempre pronta a difendere la giustizia, capace di riconoscere i meriti della gente ma senza sorvolare sulle loro colpe; ha anche una mente molto acuta e intelligente (molto simile sia a Hermione Granger che a Ginny Weasley).

Harry James Potter[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Harry Potter (personaggio).

Harry Potter è l'unico figlio di James e Lily Potter. È il personaggio principale di tutti i libri e i film della saga.
Nasce il 31 luglio 1980, e inizia a frequentare Hogwarts il 1º settembre 1991. In questi anni i suoi migliori amici diventano Ron Weasley e Hermione Granger. Termina la scuola nel 1997. Infine nel 1998, aiutato dai due amici, sconfigge Lord Voldemort, ponendo fine al suo regno di terrore.

Successivamente Harry si sposa con Ginny Weasley, con cui ha tre figli:

  • James Sirius (in onore di suo padre James Potter e del suo padrino Sirius Black),
  • Albus Severus (in onore dei due presidi di Hogwarts Silente e Piton),
  • Lily Luna (in onore della madre di Harry, Lily Evans, e dell'amico dei suoi genitori, nonché suo insegnante a Hogwarts, morto durante la battaglia tenutasi il 2 maggio 1998 contro Voldemort, Remus Lupin, ricordato attraverso il simbolo della luna poiché era un lupo mannaro).

Ginevra Molly "Ginny" Weasley Potter[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Ginny Weasley.

Ginevra Molly Weasley Potter è un personaggio immaginario della serie letteraria Harry Potter, della scrittrice britannica J. K. Rowling.

Sin dal loro primo incontro, Ginny si innamora di Harry, anche se solo nel sesto libro, divenuta un'affascinante ragazza risoluta e matura, riuscirà finalmente ad attirare l'attenzione del protagonista. La relazione di Ginny e Harry sfocerà nel matrimonio, come raccontato nell'epilogo dell'ultimo volume della saga. Negli adattamenti cinematografici il personaggio di Ginny è interpretato dall'attrice inglese Bonnie Wright. È nata l'11 agosto del 1981, ed è la settima figlia di Arthur Weasley e Molly Prewett Weasley, nonché unica donna nata nella famiglia Weasley da generazioni. È la migliore amica di Hermione Granger e Luna Lovegood, ma è anche molto amica di Neville Paciock. Fisicamente viene descritta come una bella ragazza, di piccola statura, con occhi castani, il volto spruzzato di lentiggini e una folta zazzera di danzanti capelli di un rosso fiamma. Ginny frequenta la Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts, e viene smistata nella valorosa casa di Grifondoro. Al suo smistamento non assistono né suo fratello Ron, né Harry, poiché, dopo aver perso l'Espresso per Hogwarts, arrivano a scuola in ritardo sulla Ford Anglia stregata di Arthur. Nel quinto film il Patronus di Ginny ha le sembianze di un cavallo.

James Sirius Potter[modifica | modifica wikitesto]

James Sirius Potter è il primogenito di Harry Potter e Ginny Weasley. Dalle informazioni date dai libri si può dedurre che abbia 12 anni. I suoi fratelli minori sono Albus Severus, più giovane di un anno, e Lily Luna, nata quattro anni dopo di lui. Il nome James lo ha preso dal nonno mentre il nome Sirius deriva dal padrino del padre. I suoi zii materni Ron Weasley e Hermione Granger sono i suoi padrino e madrina. In un'intervista J.K. Rowling ci fa sapere che James Sirius riesce a procurarsi la mappa del malandrino rubandola dallo studio del padre, come gli zii Fred e George l'avevano rubata dall'ufficio di Gazza. Dalla descrizione fisica somiglia molto al nonno, ed anche per quanto riguarda l'aspetto caratteriale possiamo notare che è molto simile ai suoi omonimi. Inconsciamente nell'epilogo si comporta come uno dei personaggi principali da giovani: in questo caso, come Ron faceva con Ginny, s'intromette nella vita sentimentale di Teddy Lupin, fidanzato con la cugina Victoire Weasley. Nel 2015, tramite un Twitter, l'autrice J. K. Rowling ha dichiarato che James è stato smistato in Grifondoro come il padre e la madre prima di lui.

Albus Severus Potter[modifica | modifica wikitesto]

Albus Severus Potter, detto Al, è il secondogenito di Harry Potter e Ginny Weasley. Dalle informazioni date dai libri si può dedurre che abbia 11 anni. I suoi fratelli sono James Sirius, di un anno più grande, e Lily Luna, più giovane di tre anni.

Tra i tre fratelli Potter è quello che assomiglia di più al padre, da cui ha ereditato gli occhi verdi della nonna, Lily Evans.

Come suo padre alla sua età, Al è terrorizzato dall'idea di essere smistato tra i Serpeverde. Harry lo rassicura dicendogli che lui e Ginny gli avrebbero ugualmente voluto bene, in qualunque casa fosse stato smistato, e raccontandogli le origini dei suoi nomi, che derivano da due grandi presidi di Hogwarts, Albus Silente e Severus Piton, e di come quest'ultimo fosse stato l'uomo più coraggioso che lui avesse mai conosciuto, nonostante fosse stato un Serpeverde. Harry gli racconta anche di quando, al momento dello smistamento, il Cappello Parlante avesse considerato di smistarlo tra i Serpeverde ma che aveva tenuto in conto la sua richiesta di non esserci smistato, con grande stupore di Albus Severus Potter. Ha un carattere pacato e buono. Verrà comunque smistato in Serpeverde, facendo amicizia con Scorpius Malfoy, il figlio di Draco ed Astoria. Insieme allo stesso Scorpius è protagonista dello spettacolo teatrale e libro Harry Potter and the Cursed Child.

Nell'epilogo è interpretato da Arthur Bowen. In The Cursed Child da Sam Clemmet.

Lily Luna Potter[modifica | modifica wikitesto]

Lily Luna Potter è la terza figlia di Harry Potter e Ginny Weasley. Dalle informazioni date dai libri può dire che abbia 9 anni. I suoi fratelli maggiori sono James Sirius, più grande di quattro anni, e Albus Severus, più grande di lei di tre anni. È coetanea del cugino Hugo, figlio di Ron Weasley e Hermione Granger. Viene presentata nell'ultimo capitolo del settimo libro, dove fa i capricci, come aveva fatto sua madre Ginny 26 anni prima, poiché non può ancora frequentare Hogwarts.

Il suo nome deriva da quello della nonna (Lily Evans) e da quello dell'amica di Harry e Ginny (Luna Lovegood) (c'è chi dice che invece sia dedicato a Remus Lupin, data la sua condizione di lupo mannaro).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Joanne Kathleen Rowling, Godric's Hollow, in Harry Potter e i Doni della Morte, Salani, gennaio 2008, p. 304, ISBN 978-88-8451-878-1.
  2. ^ Pottermore - The Potter Family, su Pottermore. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  3. ^ Harry Potter e il prigioniero di Azkaban, Cap. 10
  4. ^ J.K. Rowling Web Chat Transcript, su The-Leaky-Cauldron.org, 30 luglio 2007. URL consultato il 25 maggio 2017.
Harry Potter Portale Harry Potter: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Harry Potter