Purezza di sangue in Harry Potter

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La purezza di sangue (blood purity) è un concetto nella serie di romanzi di Harry Potter. È una forma di pregiudizio e di classismo, e ha analogie con il razzismo.

I maghi del mondo magico spesso ritengono che i Babbani (le persone comuni) siano svantaggiati rispetto ai maghi in quanto non sono capaci di usare la magia. Gli estremisti ritengono che i Babbani siano inferiori e che i matrimoni tra Babbani e maghi peggiorino la razza magica.

Suddivisione[modifica | modifica wikitesto]

Benché di estrema importanza nel Mondo Magico, legalmente (agli occhi del Ministero della Magia, quindi) un mago è tale qualunque sia il suo Stato di Sangue (termine che fa la sua comparsa nel settimo libro), o almeno ciò è vero fino a quando non sale al potere Pius O'Tusoe che, grazie alla Maledizione Imperius, non è altro che un burattino nelle mani di Voldemort.

Purosangue[modifica | modifica wikitesto]

I Purosangue (Pure-blood) sono quei maghi le cui famiglie non presentano e non hanno mai presentato alcun Babbano nel loro albero genealogico. Questo termine viene menzionato per la prima volta nel secondo libro in un battibecco fra Hermione Granger e Draco Malfoy quando quest'ultimo la insulta chiamandola "sangue marcio" per avere preso le parti dei giocatori di Grifondoro durante un allenamento di Quidditch. I credenti della "purezza" del sangue usano la loro purezza come misura delle abilità magiche rispetto ai Mezzosangue. Tuttavia vi sono personaggi come Hermione Granger, Nata-Babbana, sono altamente abili. I fanatici credono anche che i Babbani siano feccia rispetto ai maghi, non avendo magia in loro, e considerano i Nati-Babbani persino inferiori ai Babbani.

Nel corso della saga scopriamo varie famiglie Purosangue come ad esempio i Black, i Crouch, i Lestrange, i Weasley, i Malfoy, i Potter, i Paciock e i Prewett. Le prime due però si sono estinte: la prima con la morte di Sirius Black, padrino di Harry e ultimo suo membro maschio, la seconda con l'assassinio di Bartemius Crouch e il bacio di un Dissennatore sul figlio (in realtà, sarebbe più corretto, almeno per i Black, parlare di estinzione della linea maschile).

La famiglia Potter è stata purosangue fino a quando il purosangue James Potter ha sposato Lily Evans, una Nata Babbana. Con tale unione si è avuto un discendente Mezzosangue (Half-blood): Harry Potter.

Secondo Sirius Black, le famiglie Purosangue sono tutte imparentate tra loro (Weasley-Prewett, Black-Lestrange, Black-Malfoy, Black-Weasley, Gaunt-Potter, Black-Potter) e molte di queste, per mantenere la purezza del sangue, si incrociano con i propri parenti, essendo il numero di Purosangue sempre più sparuto.

Traditore del sangue[modifica | modifica wikitesto]

Vengono chiamati Traditori del sangue (Blood traitors) quei maghi Purosangue che non ritengono negativa la differenza tra Babbani e maghi. Nella saga questo termine compare la prima volta quando Orvoloson Gaunt accusa la figlia Merope di esserlo quando scopre che era innamorata di un Babbano, Tom Riddle Senior (padre di Lord Voldemort). Prima ancora lo si può trovare nel quinto libro, nominato dal ritratto della madre di Sirius Black e dall'elfo domestico di casa Black Kreacher; ambedue si riferiscono naturalmente alla famiglia Weasley. Una famiglia che fornisce un perfetto esempio di traditori di sangue è la famiglia Weasley. Nella seconda guerra contro Voldemort essi verranno perseguitati come i Nati Babbani, e con una parte di Mezzosangue, in disaccordo con i Mangiamorte. Lord Voldemort (discendente di Salazar Serpeverde) è un sostenitore della purezza del sangue, eppure la sua genealogia non è pura, infatti suo padre era un Babbano ed è quindi un Mezzosangue.

Mezzosangue[modifica | modifica wikitesto]

Mezzosangue (Half-Blood) è un termine usato per indicare le persone che hanno almeno un antenato Babbano nel loro albero genealogico. Questo tipo di mago è quello più comune all'interno del mondo magico, perché molto probabilmente se non fossero stati effettuati matrimoni misti la razza magica si sarebbe presto estinta. Tra i Mezzosangue ci sono i maghi più importanti della serie: Voldemort, Silente, Piton e Harry Potter ad esempio (dato che i genitori di sua madre Lily Evans, ossia i suoi nonni materni, erano entrambi Babbani).

La scrittrice dei libri di Harry Potter dà al sesto libro il titolo che rappresenta questo termine ovvero Harry Potter e il principe mezzosangue.

Nati-Babbani o Sanguemarcio[modifica | modifica wikitesto]

I figli di Babbani, detti Nati Babbani oppure Babbani di nascita sono maghi che hanno entrambi i genitori Babbani. Questi maghi vengono chiamati, in senso molto dispregiativo, "Mudblood", termine sbrigativamente ed erratamente tradotto in italiano allo stesso modo di Half-blood, cioè "Mezzosangue", che nella traduzione più recente è stato corretto con sanguemarcio poiché i mezzosangue propriamente detti, a differenza dei nati babbani, hanno almeno un genitore mago o strega. Nella versione italiana di Harry Potter e i Doni della Morte si adotta l'uso del nuovo termine "Nati-Babbani", che connota un significato neutro (al contrario dell'originale) ed è la traduzione letterale del termine inglese con cui si indica comunemente i figli di babbani, "Muggle-Born".

I Nati-Babbani verranno perseguitati dal Ministero della Magia quando salirà al potere Pius O'Tusoe, burattino di Voldemort controllato dalla Maledizione Imperius. Con O'Tusoe vedrà la luce anche la Commissione per il Censimento dei Nati-Babbani, di cui è direttrice Dolores Umbridge, come si vede in un capitolo nel settimo libro. I Nati-Babbani, accusati di aver rubato segreti magici invece di esserne naturalmente dotati (le recenti ricerche in merito hanno dimostrato che la magia può essere ricevuta solo per via riproduttiva), vengono quindi spediti ad Azkaban se non in grado di testimoniare la presenza di almeno un ascendente mago nel loro albero genealogico. Si possono definire i nati-babbani il contrario perfetto dei maghinò, nati da genitori maghi, ma senza alcuna presenza di poteri magici.

L'ambiguità del termine Mezzosangue[modifica | modifica wikitesto]

Nelle prime edizioni italiane vi è stato un errore di traduzione che ha reso ambigua una parte importante dell'opera: mentre in inglese vi è una forte differenza fra i termini Half-blood e Mudblood, in italiano entrambi i termini sono stati inizialmente tradotti con la parola "mezzosangue". Le definizioni possono essere spiegate così:

  • Half-blood (letteralmente "mezzosangue") indica i maghi nati da unioni miste tra maghi e Babbani, oppure, per i Puristi, i maghi il cui albero genealogico ha incluso Babbani; ha una valenza leggermente dispregiativa quasi esclusivamente in quelle famiglie (più spesso Serpeverde) in cui la purezza del sangue viene presa in grandissima considerazione.
  • Mudblood (letteralmente "sangue di fango") indica invece le persone nate da famiglie interamente Babbane, ed è un termine razzista usato da alcuni maghi purosangue: tra la gente civile si utilizza infatti l'espressione Nati-Babbani o Babbano di nascita, che tradurrebbe l'inglese Muggle-born.

Tuttavia, Mudblood e Half-blood sono, come descritto sopra, due termini completamente diversi. Severus Piton è fiero infatti di essere il Principe Mezzosangue (Half-blood Prince), eppure non esita a insultare Lily Potter, nata Evans, chiamandola in italiano "schifosa mezzosangue" (Harry Potter e l'Ordine della Fenice, capitolo "Il Peggior Ricordo di Piton"). Si tratta di una traduzione che porta confusione poiché lo stesso Piton è un mezzosangue. Nella versione inglese, Piton attacca la madre di Harry Potter chiamandola "filthy mudblood" (letteralmente "lurida sangue di fango"). Il caso dello stesso termine per indicare le due categorie così diverse per tipo e considerazione ha sparso non poca confusione tra i lettori, tant'è che non si capisce come in Harry Potter e la camera dei segreti, la mezzosangue Hermione sia in pericolo ma non il protagonista (Harry Potter), definito anch'esso mezzosangue, e perché non lo sia neanche Seamus Finnigan, che nel primo libro dichiara di essere un mezzosangue perché sua madre è una strega e suo padre un Babbano. Solo la versione originale non lascia dubbi al riguardo, e quindi che i Nati-Babbani, spregevolmente chiamati Mudblood (Sanguemarcio, come Hermione), sono i perseguitati e non gli Half-blood (i veri mezzosangue come Harry).[1] La versione italiana porta erroneamente il lettore a pensare che Voldemort perseguiti e disprezzi una generazione uguale alla sua: è descritto infatti come mezzosangue (essendo nato da una strega e un babbano) che perseguita i mezzosangue (cioè i Nati-Babbani, i Sanguemarcio). Ma il suo disdegno è esclusivamente verso questi ultimi (i Figli di Babbani), e non anche per i mezzosangue come lui stesso e Harry.[2] Si può immaginare allora la reazione dei lettori alla pubblicazione di Harry Potter e i Doni della Morte, dove la differenza tra il comune Mezzosangue (Half-blood) e lo sporco Mezzosangue (Mudblood) era fondamentale (portando così, nella versione italiana, alcuni Nati-Babbani a dichiararsi paradossalmente Mezzosangue, e quindi a accusare se stessi, quando invece nell'originale cercavano di non essere incarcerati o uccisi professandosi Half-blood).[3]. Nell'edizione tascabile del romanzo (con la traduzione riveduta e corretta da Stefano Bartezzaghi) il problema è stato risolto traducendo la parola Mudblood con Sanguemarcio.

Tra i due mondi[modifica | modifica wikitesto]

Maghinò[modifica | modifica wikitesto]

Un Magonò (Squib) è una persona di discendenza magica che non è capace, o lo è solo in parte, di usare la magia; come Ron Weasley spiega, sono praticamente l'opposto dei maghi figli di Babbani, ossia sono non-maghi con genitori entrambi maghi. In quanto tale, spesso è visto con disprezzo o vergogna, in particolare nelle famiglie Purosangue. D'altra parte, in genere i Maghinò provano invidia verso i maghi e le streghe. I Maghinò hanno molto in comune con i Babbani; tuttavia conoscono e capiscono il mondo magico.

I Maghinò di cui si parla all'interno della serie sono: Argus Gazza, custode di Hogwarts e Arabella Figg, anziana vicina di casa di Harry, nonché membro dell'Ordine della Fenice. Inoltre Merope Gaunt (la madre di Lord Voldemort) viene insultata da suo padre Orvoloson Gaunt con il dispregiativo di Maganò, anche se non era in realtà tale, in quanto la sua scarsezza con gli incantesimi era dovuta al terrore che provava nei suoi confronti. Nella biografia "Vita e menzogne di Albus Silente", Rita Skeeter insinua che Ariana Silente, la sorella minore di Albus, fosse stata una maganò, notizia poi rivelatasi falsa.

Ibridi[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni maghi sono il prodotto di un'unione tra esseri umani e creature magiche non umane ma di intelligenza quasi umana. Nel linguaggio dei maghi, ogni creatura in possesso di intelligenza umana è chiamato "essere". "Esseri" in grado di riprodursi con esseri umani sono: i Folletti o Goblin, Giganti, Vampiri, Veela, Lupi Mannari, Centauri e Maridi. La madre di Fleur Delacour può essere definita ibrido in quanto, come afferma Fleur stessa, sua nonna era una Veela, anche Hagrid ed il professor Vitious sono ibridi.

Babbani a conoscenza dell'esistenza del mondo magico[modifica | modifica wikitesto]

Un gruppo ristretto di Babbani è a conoscenza dell'esistenza del mondo magico. Fanno parte di questo gruppo i Babbani che hanno parenti maghi e il Primo Ministro inglese, molto probabilmente anche i governanti delle nazioni in cui risiedono delle comunità magiche sono a conoscenza dell'esistenza della magia (supposizione non confermata da J. K. Rowling).

Intolleranza[modifica | modifica wikitesto]

Lord Voldemort, seguendo le orme intolleranti di Salazar Serpeverde, ha creato un gruppo, i Mangiamorte, formato per la maggior parte da gente Purosangue. In nome della superiorità della razza magica, hanno commesso numerosi assassinii durante il regno totalitario di terrore di Voldemort. L'estremismo dei Mangiamorte è comparabile all'ideologia nazista durante la seconda guerra mondiale.[4]

Famiglie purosangue[modifica | modifica wikitesto]

Tra le più importanti ricordiamo i Black, i Malfoy, i Lestrange, i Crouch, i Potter e i Weasley.

Le famiglie purosangue sono, principalmente, tutte imparentate tra loro per mantenere l'ingente patrimonio e il sangue puro. Ecco alcuni esempi:

  • I Black sono imparentati con i Rosier tramite il matrimonio di Cygnus Black III con Druella Rosier.
  • I Malfoy sono imparentati con i Black tramite il matrimonio di Lucius Malfoy con Narcissa Black.
  • I Lestrange sono imparentati con i Black tramite il matrimonio di Rodolphus Lestrange con Bellatrix Black.
  • I Malfoy sono imparentati con i Greengrass tramite il matrimonio di Draco Malfoy con Astoria Greengrass.
  • I Potter sono imparentati con i Black tramite il matrimonio di Charlus Potter con Dorea Black.
  • I Weasley sono imparentati con i Black tramite il matrimonio di Septimus Weasley con Cedrella Black.
  • I Black sono imparentati con i Crabbe tramite il matrimonio di Pollux Black con Irma Crabbe.
  • I Black sono imparentati con i Yaxley tramite il matrimonio di Arcturus Black II con Lysandra Yaxley.
  • I Prewett sono imparentati con i Black tramite il matrimonio di Ignatius Prewett con Lucretia Black.
  • I Weasley sono imparentati con i Prewett tramite il matrimonio di Arthur Weasley con Molly Prewett.
  • I Longbottom sono imparentati con i Black tramite il matrimonio di Harfang Longbottom con Callidora Black.
  • I Crouch sono imparentati con i Black tramite il matrimonio di Caspar Crouch con Charis Black.
  • I Black sono imparentati con i Bulstrode tramite il matrimonio di Cygnus Black II con Violetta Bulstrode.
  • I Black sono imparentati con i Flint tramite il matrimonio di Phineas Nigellus Black con Ursula Flint.
  • I Black sono imparentati con i Macmillan tramite il matrimonio di Arcturus Black III con Melania Macmillan.
  • I Black sono imparentati con i Gamp tramite il matrimonio di Sirius Black II con Hesper Gamp.
  • I Blishwick sono imparentati con i Black tramite il matrimonio di Jimbo Blishwick con Misapinoa Black.
  • I Black sono imparentati con i Max tramite il matrimonio di Cygnus Black I con Ella Max.
  • I Black sono imparentati con i Tripe tramite il matrimonio di Licorus Black con Magenta Tripe.
  • I Burke sono imparentati con i Black tramite il matrimonio di Herbert Burke con Belvina Black.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Capitolo Mezzosangue e mezze voci, in Harry Potter e la camera dei segreti.
  2. ^ Capitolo Villa Malfoy, in Harry Potter e i Doni della Morte.
  3. ^ Capitolo La commissione per il Censimento dei Nati-Babbani, in Harry Potter e i Doni della Morte.
  4. ^ Sul suo vecchio sito, J.K Rowling dichiarò di essersi resa conto, dopo una visita al Museo dell'Olocausto di Washington, che i nazisti usavano, nella determinazione della purezza del sangue "la stessa logica distorta dei mangiamorte".
Harry Potter Portale Harry Potter: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Harry Potter