Harry Potter e il prigioniero di Azkaban (videogioco)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Harry Potter e il prigioniero di Azkaban
videogioco
Harry potter 3 videogioco.JPG
Harry, Hermione e Ron in una scena del gioco
PiattaformaMicrosoft Windows, Game Boy Advance, Xbox, GameCube, PlayStation 2
Data di pubblicazione2 giugno 2004
GenereAvventura dinamica
TemaHarry Potter
OrigineRegno Unito, Stati Uniti
SviluppoKnowWonder Digital Mediaworks, Electronic Arts
PubblicazioneEA Games
Modalità di giocoSolitario
Periferiche di inputDualshock 2, tastiera, mouse
SupportoCD-ROM
Requisiti di sistema256 Mb RAM
600 MHz
Fascia di etàCERO: Libero · ESRBE · PEGI: 3 · USK: 6
Preceduto daHarry Potter e la camera dei segreti
Seguito daHarry Potter e il calice di fuoco

Harry Potter e il prigioniero di Akzaban (Harry Potter and the Prisoner of Azkaban) è un videogioco pubblicato nel 2004 in concomitanza con l'uscita del film. Terzo capitolo della serie, è basato sul romanzo di J. K. Rowling Harry Potter e il prigioniero di Azkaban, terzo nella serie di Harry Potter. Esistono versioni del gioco per PC, GBA, Xbox, GameCube e PS2.

Per gli esperti, il terzo capitolo videoludico della saga di Harry Potter ha rappresentato un notevole balzo in avanti, sia per quanto riguarda la parte tecnica (grafica e giocabilità) che dal punto di vista della sceneggiatura. Il gioco sfrutta, per la parte grafica, il motore grafico utilizzato per gli effetti speciali del film.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Harry Potter e il prigioniero di Azkaban.

Harry viene a sapere che un uomo estremamente pericoloso, Sirius Black, è scappato dalla prigione di maghi, Azkaban, e lo sta cercando. Coi suoi amici Ron Weasley ed Hermione Granger, Harry impara gli incantesimi necessari per affrontare Black. Black non è però ciò che sembra: fu accusato dell'assassinio di 13 persone tredici anni prima, ma il vero assassino è Peter Minus che si nasconde sotto le spoglie del topo di Ron, Crosta. Insieme al professor Remus Lupin ed a Black, Harry, Ron, ed Hermione smascherano Minus, ma se lo lasciano sfuggire quando il professor Lupin si trasforma in un Lupo Mannaro. Usando la giratempo, Harry ed Hermione tornano indietro nel tempo, salvano Fierobecco, e lo usano per soccorrere Sirius.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Per la prima volta nella serie, i giocatori sono in grado di controllare personaggi diversi da Harry, ovvero Hermione e Ron. Sono inoltre presenti nuovi personaggi e missioni secondarie. Le parti più innovative sono il volo sull'Ippogrifo, la sfida dei gufi (che si tiene vicino alla capanna di Hagrid) in quanto ci sarà una gara di gufi fra Harry Ron e Hermione e la possibilità di scontrarsi in un combattimento di magia fra due personaggi. Rispetto ai precedenti il gioco risulta rivolto, grazie alle atmosfere più oscure, a un pubblico più adolescenziale; inoltre nella versione per PC è stato rimosso l'obiettivo di far guadagnare punti alla casa dei Grifondoro per vincere la Coppa delle case alla fine dell'anno, cioè alla fine del gioco. Nelle altre versioni è ancora presente ma basta solo raccogliere gli scudi di Grifondoro sparsi in tutto il gioco per ottenerli (tale caratteristica rimarrà assente anche nei titoli successivi).

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Sito ufficiale, su harrypotter.ea.com. URL consultato il 9 marzo 2006 (archiviato dall'url originale il 19 marzo 2007).