Emma Watson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Emma Charlotte Duerre Watson (Parigi, 15 aprile 1990) è un'attrice e attivista britannica.

Ha raggiunto la fama mondiale dopo aver interpretato il personaggio di Hermione Granger nella serie cinematografica di Harry Potter, dal 2001 al 2011. Nel 2013 per l'interpretazione di Sam in Noi siamo infinito vince il premio alla miglior attrice assegnato ai San Diego Film Critics Society Awards e un People's Choice Award alla miglior attrice in un film drammatico. Nel corso dello stesso anno è stata premiata agli MTV Movie Awards con l'MTV Trailblazer Award, assegnato a "un attore di giovane età che è riuscito a ispirare gli altri con un portafoglio diversificato di lavoro e una reputazione trascendente agli occhi del pubblico".

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È nata il 15 aprile 1990 a Parigi, dove ha vissuto fino all'età di cinque anni, figlia di Jacqueline Luesby e Chris Watson[1]. In seguito al divorzio dei genitori, i figli si stabilirono con la madre nell'Oxfordshire, trascorrendo però alcune settimane presso la casa del padre a Londra[2]. Ha frequentato i primi due anni all'Università Brown di Rhode Island[3], studiando Storia, per poi spostarsi all'Università di Oxford, presso il Worcester College[4]. Per l'ultimo anno di studi ritorna all'Università Brown[5], per poi laurearsi, il 25 maggio 2014, in letteratura inglese[6].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

L'esordio con Harry Potter[modifica | modifica wikitesto]

L'interesse di Emma Watson per la recitazione inizia durante gli anni scolastici a Oxford, dove partecipa a molti drammi (in Arthur the Young Years interpreta il ruolo della Fata Morgana e recita in una rappresentazione de Il principe felice). Il ruolo di Hermione Granger è stata la sua prima recitazione importante[2].

Nel 1999 iniziano le audizioni per i personaggi di Harry Potter. Gli agenti del cast hanno assunto Emma per fare dei provini e dopo otto audizioni il produttore David Heyman le ha annunciato che aveva ottenuto il ruolo di Hermione Granger, che la giovane Watson ha interpretato nel film Harry Potter e la pietra filosofale (2001) e nei successivi film della saga Harry Potter e la camera dei segreti (2002), Harry Potter e il prigioniero di Azkaban (2004) e Harry Potter e il calice di fuoco (2005), prima di ricevere il suo primo incarico da attrice in un film esterno quando le viene chiesto di partecipare, nel ruolo di Pauline, alle riprese del film TV Ballet Shoes, uscito il 26 dicembre 2007 sulle reti inglesi.

Il successo internazionale[modifica | modifica wikitesto]

Il 9 luglio 2007 Emma prende parte con Daniel Radcliffe e Rupert Grint alla cerimonia chiamata "Hands, Feet and Wands Ceremony" avvenuta davanti al Grauman's Chinese Theatre di Hollywood.

Continua ad interpretare il personaggio di Hermione sino alla fine della saga di Harry Potter, comparendo negli ultimi capitoli Harry Potter e l'Ordine della Fenice (2007), Harry Potter e il principe mezzosangue (2009), Harry Potter e i Doni della Morte - Parte 1 (2010) e Harry Potter e i Doni della Morte - Parte 2 (2011), acquisendo notevole successo mediatico al crescere della popolarità della serie di film.

In un'intervista del Times Magazine del 2009 spiega[7]:

« Con Columbus c'era il lato molto comico: Hermione era saccente e arrogante, una piccola Signora. Dopo Alfonso ha portato fuori l'elemento girl-power in lei, e la cosa mi si addiceva perché stavo diventando adolescente. Dopo Mike Newell ha tirato fuori la sua parte sensibile, da ragazzina vulnerabile e insicura. »

(Emma Watson)

Intanto, nel dicembre del 2008 viene distribuito Le avventure del topino Despereaux, un film d'animazione ispirato dal romanzo di Kate DiCamillo, dove la Watson dà la voce alla Principessa Pea. Interpreta anche Irina, nel marzo 2010, nello spettacolo teatrale Tre sorelle di Čechov allestito dalla sua Università, la Brown.

Nel 2009 viene coinvolta come consulente creativo per People Tree, un marchio di moda equo-solidale. L'attrice crea poi una linea di abbigliamento primavera/estate 2010 e continua ad essere partecipe a questo progetto con la realizzazione della collezione primavera/estate 2011. Nel marzo 2011 è uscita una nuova linea di moda etica che si ispira agli anni sessanta/settanta, ideata da Emma e da Alberta Ferretti. Emma ha rappresentato il volto di Burberry per la campagna autunno/inverno 2009 e primavera/estate 2010 accanto a suo fratello Alex Watson, al musicista George Craig e a Douglas Booth.

Nel 2010 la Watson compare nel video musicale Say You Don't Want It dei One Night Only, pubblicato il 25 giugno 2010 e girato a Brooklyn. In questo video Emma interpreta la parte di un cane "chic" (nel video però appare sempre come una persona, tranne nella parte finale) che si perde e, disorientato, viene accompagnato per le strade di New York da un altro cane, randagio, impersonato dal frontman del gruppo George Craig. I due ragazzi, in seguito a un'intervista concessa, hanno dichiarato che la storia si ispira al film Disney Lilli e il vagabondo[8].

Nel 2010 Emma Watson, insieme ai colleghi Daniel Radcliffe e Rupert Grint, partecipa alla campagna dell'Associazione Librari Americani, denominata READ. Sempre nel 2010 viene ingaggiata per il ruolo di Lucy in Marilyn, le cui riprese sono terminate nel novembre dello stesso anno. Nel 2011 viene annunciato che Emma sarà il nuovo volto della casa cosmetica francese Lancome e, sempre nello stesso anno, viene nominata "Viso più bello del 2011" alla 22ª edizione dell'Independent Critics List of the 100 Most Beautiful Faces[9].

I progetti successivi[modifica | modifica wikitesto]

Durante l'estate del 2011 entra a far parte del cast di Noi siamo infinito (The Perks of Being a Wallflower), pellicola basata sull'omonimo romanzo di Stephen Chbosky e uscita nelle sale americane nel 2012. Agli MTV Movie Awards 2012 la Watson e i suoi colleghi Logan Lerman e Ezra Miller presentano il trailer del film in anteprima[10]. Per questo film, la Watson riceve 12 candidature per diversi riconoscimenti grazie alla sua performance.

Nel marzo seguente partecipa alle riprese del film di Sofia Coppola Bling Ring, uscito il 14 giugno 2013 negli Stati Uniti[11] e in concorso al Festival di Cannes 2013 nella sezione Un Certain Regard. Nello stesso anno interpreta sé stessa nella commedia del 2013 Facciamola finita[12][13]. Nel marzo 2013 presso il museo delle cere Madame Tussauds di Londra, è stata inaugurata la statua di cera dell'attrice.

Interpreta Ila nel kolossal biblico del 2014 Noah di Darren Aronofsky, con Russell Crowe, Anthony Hopkins e Logan Lerman, e prende inoltre parte al thriller Regression, diretto dal regista premio Oscar Alejandro Amenábar e in uscita il 3 dicembre del 2015 in Italia. Sempre nel 2015 ha preso parte al film Colonia Dignidad sotto la direzione del regista Florian Gallenbergercon Daniel Brühl, presentato al Toronto International Film Festival 2015 dello stesso anno e in uscita nei primi mesi del 2016.

Emma Watson il 7 marzo 2017 insieme a Stephen Chbosky e Todd Lieberman durante la première europea de La bella e la bestia.

Nel gennaio 2015 viene scelta per interpretare il personaggio di Belle nel remake in live action del film Disney La bella e la bestia, diretto dal regista Bill Condon[14]. Nel film la Watson ha interpretato anche delle canzoni, un nuovo e diverso cimento, per il quale si è preparata seriamente con lezioni di canto[15]. Nel giugno 2015 viene confermato il suo ruolo insieme a Tom Hanks nel film The Circle, tratto dal romanzo Il cerchio di Dave Eggers e diretto da James Ponsoldt[16]; le riprese sono iniziate a settembre in California. Entrambi i film escono nel 2017 e La bella e la bestia diventa uno dei film più visti dell'anno, superando il miliardo di euro al box office internazionale.[17] Nell'agosto dello stesso anno viene inserita, dalla rivista Forbes, al sesto posto fra le attrici più pagate, con un guadagno di 14 milioni di dollari.[18]

Nel mese di febbraio 2016 la Watson ha annunciato di voler prendere un anno di pausa dalle scene per dedicarsi agli impegni sociali e politici riguardo ai diritti delle donne sul lavoro.[19]

Impegno sociale e politico[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 luglio 2014 Emma Watson viene nominata Goodwill Ambassador, ambasciatrice di buona volontà, dall'UN Women, l'organizzazione delle Nazioni Unite che si occupa della parità di genere e il pari ruolo delle donne nel mondo. Phumzile Mlambo-Ngcuka, direttrice esecutiva e sottosegretario generale dell'agenzia, ha dichiarato come "l'intelligenza e la passione" dell'attrice consentiranno di far giungere ai suoi coetanei il messaggio di uguaglianza di UN Women[20]. In questo ruolo istituzionale pronuncia presso l'ONU il discorso per il lancio della campagna #HeforShe evidenziando il ruolo degli uomini nella promozione della parità di genere e dichiarandosi femminista[21]. Tra le varie iniziative per la campagna, Emma Watson ha lanciato "Our Shared Shelf", un book club virtuale e femminista, sulla piattaforma Goodreads.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Premi e candidature[modifica | modifica wikitesto]

Elenco dei premi vinti e delle candidature dell'attrice[22]:

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Emma Watson è stata doppiata da Letizia Ciampa (che la sostituisce anche ne Le avventure del topino Despereaux) e nelle parti cantate de La bella e la bestia da Ilaria De Rosa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Sarah Tieck, Emma Watson: Harry Potter Star, pag 8, ABDO, 2010, ISBN 978-1-60453-974-5.
  2. ^ a b (EN) Life & Emma, Emmawatson.com. URL consultato il 9 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 21 aprile 2010).
  3. ^ (EN) Emma Watson, su Internet Movie Database, IMDb.com. Modifica su Wikidata
  4. ^ (EN) Emma Watson confirms Oxford rumours, Cherwell.org, 30 luglio 2011. URL consultato il 23 marzo 2012.
  5. ^ (EN) Emma Watson: I'll Return to Brown Next Year, ABC, 18 luglio 2011. URL consultato il 1º marzo 2012.
  6. ^ (EN) Emma Watson Graduates from Brown University, ABC News, 25 maggio 2014. URL consultato il 26 maggio 2014.
  7. ^ Moviebabe: Harry Potter's girls - Speciale, Everyeye.it, 30 luglio 2011. URL consultato il 17 luglio 2012.
  8. ^ (EN) Emma Watson music video debut in One Night Only's 'Say You Don't Want It', Glamourvanity.com. URL consultato il 17 luglio 2012.
  9. ^ (EN) Most Beautiful Faces 2011, Tccandler.com, 22 dicembre 2011. URL consultato il 17 giugno 2012.
  10. ^ Emma Watson: trailer di The Perks Of Being a Wallflower, Bambini.eu, 4 giugno 2012. URL consultato il 17 giugno 2012.
  11. ^ Emma Watson protagonista di The Bling Ring di Sofia Coppola, Voto10.it. URL consultato il 17 giugno 2012.
  12. ^ Emma Watson e Rihanna sul set di The End Of The World, Bambini.eu, 1º giugno 2012. URL consultato il 17 giugno 2012.
  13. ^ This Is The End - Worldwide Release Dates, Sony Pictures Entertainment. URL consultato il 21 dicembre 2012.
  14. ^ Emma Watson sarà Belle nel film Disney "La bella e la bestia", Panorama, 27 gennaio 2015. URL consultato il 28 gennaio 2015.
  15. ^ La Bella e la Bestia, data di uscita e cast completo del live-action Disney, Movie for Kids, 18 marzo 2015. URL consultato il 26 marzo 2015.
  16. ^ (EN) Emma Watson to Star With Tom Hanks in The Circle, TIME, 24 giugno 2015. URL consultato il 15 luglio 2015.
  17. ^ Box Office, La Bella e la Bestia abbatte il muro del miliardo worldwide, su cineblog.it, 12 aprile 2017. URL consultato il 18 agosto 2017.
  18. ^ Emma Stone è l'attrice più pagata al mondo. Ecco la classifica di Forbes, su d.repubblica.it, 17 agosto 2017. URL consultato il 18 agosto 2017.
  19. ^ (EN) In Conversation with Bell Hooks and Emma Watson, PAPER, 18 febbraio 2016. URL consultato il 18 giugno 2016.
  20. ^ Hermione Granger farà magie per l'Onu: Emma Watson ambasciatrice per la parità di genere, Rai News. URL consultato l'8 luglio 2014.
  21. ^ Emma Watson at the HeForShe Campaign 2014 - Official UN Video
  22. ^ (EN) Awards, Emmawatson.com. URL consultato il 17 gennaio 2011.
  23. ^ a b (EN) Emma Watson's Movie Awards 'Perks' Three Nominations!, MTV.
  24. ^ (EN) Mtv Trailblazer Award, MTV.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN59289665 · ISNI: (EN0000 0001 1445 3711 · LCCN: (ENno2002045826 · GND: (DE131379097 · BNF: (FRcb140714773 (data) · NLA: (EN42512663