Timothée Chalamet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Timothée Chalamet al Festival di Berlino 2017

Timothée Hal Chalamet (New York, 27 dicembre 1995) è un attore statunitense.

Dopo aver recitato piccoli ruoli in numerose serie televisive di successo come Law & Order - I due volti della giustizia e Homeland - Caccia alla spia, Chalamet ha esordito sul grande schermo con la commedia Men, Women & Children (2014), Interstellar (2014) e in seguito con il western Hostiles - Ostili (2017) e l'acclamata commedia drammatica Lady Bird (2017).

Il successo arriva con il ruolo di Elio Perlman nel film Chiamami col tuo nome di Luca Guadagnino (2017). La sua performance ha ottenuto il plauso universale e la sua prima candidatura ai Golden Globe, al Premio BAFTA, agli Screen Actors Guild Awards e al Premio Oscar nella sezione miglior attore protagonista a soli 22 anni, il terzo attore più giovane della categoria e il più giovane dagli anni '30.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato e cresciuto nel quartiere di Hell's Kitchen a Manhattan,[2] è figlio di Nicole Flender e Marc Chalamet. Suo padre è francese mentre la madre è statunitense. Ha una sorella maggiore, Pauline, attrice. Suo zio è il regista Rodman Flender.

Si è diplomato alla Fiorello H. LaGuardia High School of Music & Art and Performing Arts a New York[2] e si è subito iscritto alla Columbia University.[3][4] Ha poi deciso di trasferirsi alla Gallatin School of Individualized Study-NYU, sempre a New York, che ha infine abbandonato per poter concentrarsi sulla recitazione.[5]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Esordisce come attore nel 2008, all'età di tredici anni, prendendo parte a due cortometraggi. Nel 2012 partecipa ad alcuni episodi della serie televisiva Royal Pains e ha il ruolo secondario di Finn Walden nella seconda stagione di Homeland - Caccia alla spia. Il suo primo ruolo cinematografico è in Men, Women & Children di Jason Reitman nel 2014. Lo stesso anno, interpreta il ruolo del giovane Tom, interpretato in età adulta da Casey Affleck, in Interstellar di Christopher Nolan.[6]

Nel 2015 recita nella commedia Natale all'improvviso. Nel 2016 recita nel teatro dell'Off Broadway nel dramma del drammaturgo Premio Pulitzer John Patrick Shanley Prodigal Son[2][7] e per la sua performance viene candidato al Drama League Award al miglior attore protagonista[8] e vince il Lucille Lortel Award al miglior attore.[9]

Nel 2017 torna al cinema con quattro pellicole: Hostiles - Ostili, diretto da Scott Cooper, a fianco di Christian Bale e Rosamund Pike,[6] Lady Bird, diretto da Greta Gerwig, accanto a Saoirse Ronan,[10] e Hot Summer Nights, presentato al South by Southwest Film Festival.[11] E' attore protagonista nell'adattamento cinematografico del romanzo Chiamami col tuo nome, per la regia di Luca Guadagnino.[12][13] Per la sua interpretazione nel ruolo di Elio vince l'Hollywood Film Award al miglior attore emergente[14] e riceve una candidatura come miglior attore in un film drammatico ai Golden Globe[15], come miglior attore cinematografico agli SAG Awards[16], come miglior attore protagonista e miglior stella emergente ai BAFTA[17][18] e come miglior attore protagonista ai Premi Oscar 2018.[19]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Parla francese, avendo passato diverse estati durante l'infanzia in Francia. Ha imparato anche un po' di italiano durante il soggiorno in Italia per le riprese del film "Chiamami col tuo nome".[4]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • The Talls, nel ruolo di Nicholas Clarke (2011)
  • Prodigal Son, nel ruolo di Jim Quinn (2016)

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Timothée Chalamet è stato doppiato da:

  • Alex Polidori in Homeland - Caccia alla spia, Chiamami col tuo nome, Lady Bird
  • Andrea Di Maggio in Interstellar
  • Daniele Giuliani in Hostiles - Ostili

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Marcus James Dixon, 2018 Oscar predictions: Timothee Chalamet (‘Call Me By Your Name’) on track to be 3rd youngest Best Actor nominee ever, in GoldDerby, 23 gennaio 2018. URL consultato il 24 gennaio 2018.
  2. ^ a b c (EN) Prodigal Son Playwright John Patrick Shanley & Star Timothee Chalamet on the Pain, Poetry & Pride of Revisiting 15, in Broadway.com, 7 marzo 2016. URL consultato il 06 novembre 2017.
  3. ^ (EN) PeopleHop: Timothée Chalamet, in Bwog, 19 settembre 2013. URL consultato il 06 novembre 2017.
  4. ^ a b (EN) Timothée Chalamet, in Interview Magazine, 02 giugno 2017. URL consultato il 06 novembre 2017.
  5. ^ (EN) Post di Instagram di NYU Gallatin, su Instagram, 11 marzo 2016. URL consultato il 06 novembre 2017.
  6. ^ a b (EN) 'Interstellar' Actor Timothee Chalamet Joins Scott Cooper's 'Hostiles' (Exclusive), in The Hollywood Reporter. URL consultato il 06 novembre 2017.
  7. ^ (EN) Ben Brantley, Review: ‘Prodigal Son,’ John Patrick Shanley’s Exploration of the Student He Once Was, in The New York Times, 09 febbraio 2016. URL consultato il 06 novembre 2017.
  8. ^ (EN) Gordon Cox, Drama League Awards Nominations: Jessica Lange, Lupita Nyong’o, Jesse Tyler Ferguson and Lots More, in Variety, 20 aprile 2016. URL consultato il 06 novembre 2017.
  9. ^ (EN) Lucille Lortel Awards: The Complete Winners List, in The Hollywood Reporter, 1 maggio 2016. URL consultato il 06 novembre 2017.
  10. ^ Marlen Vazzoler, Lady Bird - Saoirse Ronan protagonista dell'opera prima di Greta Gerwig, trailer, in ScreenWEEK.it, 05 settembre 2017. URL consultato il 06 novembre 2017.
  11. ^ (EN) Brent Lang, A24, DirecTV Nab Worldwide Rights to Timothée Chalamet’s ‘Hot Summer Nights’, in Variety, 08 settembre 2017. URL consultato il 06 novembre 2017.
  12. ^ Beatrice Pagan, Call Me By Your Name: Armie Hammer nel cast del film di Guadagnino, movieplayer.it, 31 maggio 2016. URL consultato il 1 giugno 2016.
  13. ^ Chiamami Col Tuo Nome (Call Me by Your Name) di Luca Guadagnino al cinema da febbraio, in BadTaste.it, 17 ottobre 2017. URL consultato il 06 novembre 2017.
  14. ^ (EN) Mary J. Blige, Timothee Chalamet, 'I, Tonya' Cast to be Honored at Hollywood Film Awards, in The Hollywood Reporter, 11 ottobre 2017. URL consultato il 06 novembre 2017.
  15. ^ a b Golden Globe 2018, tutte le nomination, in Il Post, 11 dicembre 2017. URL consultato l'11 dicembre 2017.
  16. ^ a b (EN) 2018 Screen Actors Guild Awards: Complete list of nominations, in Los Angeles Times, 13 dicembre 2017. URL consultato il 13 dicembre 2017.
  17. ^ a b (EN) Alex Ritman, BAFTA Awards: 'Shape of Water,' 'Three Billboards,' 'Darkest Hour' Lead Pack of Nominations, in The Hollywood Reporter, 8 gennaio 2018. URL consultato il 09 gennaio 2018.
  18. ^ a b (EN) BAFTAs 2018: Daniel Kaluuya, Florence Pugh, and Timothée Chalamet among Rising Star nominees, in The Independent, 4 gennaio 2018. URL consultato il 09 gennaio 2018.
  19. ^ a b Paolo Armelli, Oscar 2018, ecco tutte le nomination, in Wired, 23 gennaio 2018. URL consultato il 24 gennaio 2018.
  20. ^ (EN) 'Call Me By Your Name,' 'Shape of Water' lead Chicago Film Critics nominations, Chicago Daily Herald, 10 dicembre 2017. URL consultato l'11 dicembre 2017.
  21. ^ (EN) "Lady Bird," "Call Me By Your Name" win big for Chicago film critics — Chicago Film Critics Association, su chicagofilmcritics.org, 13 dicembre 2017. URL consultato il 13 dicembre 2017 (archiviato dall'url originale il 13 dicembre 2017).
  22. ^ (EN) 2017 FFCC WINNERS, floridafilmcritics.com. URL consultato il 24 dicembre 2017.
  23. ^ (EN) ‘Call Me by Your Name’ Wins Best Feature at Gotham Awards, su Variety, 27 novembre 2017. URL consultato il 28 novembre 2017.
  24. ^ (EN) 2017 Honorees | Hollywood Film Awards, in Hollywood Film Awards. URL consultato il 06 novembre 2017.
  25. ^ (EN) William Earl, 2017 LA Film Critics Awards: Call Me by Your Name Wins Best Picture, su IndieWire, 3 dicembre 2017. URL consultato il 4 dicembre 2017.
  26. ^ Andrea Francesco Berni, The Post di Steven Spielberg è il miglior film dell’anno secondo la National Board of Review, Badtaste.it, 28 novembre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  27. ^ (EN) New York Film Critics 2017 Winners: ‘Lady Bird’ Named Best Picture, in thewrap.com. URL consultato il 1 dicembre 2017.
  28. ^ (EN) ‘Get Out’ Named Best Picture By Online Film Critics Society, deadline.com. URL consultato il 29 dicembre 2017.
  29. ^ (EN) 2017 San Diego Film Critics Society’s Award Nominations, San Diego Film Critics Society, 9 dicembre 2017. URL consultato il 10 dicembre 2017.
  30. ^ (EN) 2017 San Diego Film Critics Society Award Winners, in San Diego Film Critics Society, 11 dicembre 2017. URL consultato il 12 dicembre 2017.
  31. ^ (EN) 2017 San Francisco Film Critics Circle Awards, variety.com. URL consultato il 24 dicembre 2017.
  32. ^ (EN) Australian Academy Announces Nominees for AACTA International Awards, in The Hollywood Reporter, 12 dicembre 2017. URL consultato il 13 dicembre 2017.
  33. ^ (EN) Critics’ Choice Awards Nominations: ‘The Shape Of Water’ Leads With 14; Netflix Tops TV Contenders, deadline.com, 6 dicembre 2017. URL consultato il 6 dicembre 2017.
  34. ^ (EN) Drumroll. And the 2018 Film Independent Spirit Award Nominees are…, in Film Independent, 21 novembre 2017. URL consultato il 21 novembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN250146094367500332964 · LCCN (ENno2016041218