Foro di Traiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 41°53′44″N 12°29′09″E / 41.895556°N 12.485833°E41.895556; 12.485833

Foro di Traiano
Modellino del grande Foro di Traiano
Modellino del grande Foro di Traiano
Civiltà romana
Stile traianeo
Epoca traianea e adrianea
Localizzazione
Stato Italia Italia
Comune Roma
Dimensioni
Superficie 55.000
Amministrazione
Ente Sovrintendenza capitolina
Responsabile Umberto Broccoli
sito web

Il Foro di Traiano, ricordato anche come Forum Ulpium in alcune fonti[1], è il più esteso e monumentale dei Fori Imperiali di Roma, l'ultimo in ordine cronologico.

Costruito dall'imperatore Traiano con il bottino di guerra ricavato dalla conquista della Dacia[2], e inaugurato, secondo i Fasti Ostiensi[3], nel 112, il foro si disponeva parallelamente al Foro di Cesare e perpendicolarmente a quello di Augusto. Il progetto della struttura è attribuito all'architetto Apollodoro di Damasco[4].

Il complesso, che misurava 300 m di lunghezza e 185 di larghezza[5], comprende la piazza forense, la Basilica Ulpia, un cortile porticato con la Colonna Traiana[6] e due biblioteche. La presenza del tempio del Divo Traiano e di Plotina, aggiunto da Adriano, sembra essere stata accertata, dopo varie proposte alternative rivelatesi infondate, al di sotto di Palazzo Valentini, dove era tradizionalmente collocato[7].

Storia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Età traianea e adrianea.

Edificazione[modifica | modifica sorgente]

Ricostruzione del Foro di Traiano nel plastico di Roma antica di Italo Gismondi, Museo della Civiltà Romana.

La conquista della Dacia (101-106) fruttò a Traiano una enorme ricchezza, stimata in cinque milioni di libbre d'oro (pari a circa 163,6 t) e nel doppio di libbre d'argento[8], e una straordinaria quantità di altro bottino, oltre a mezzo milione di prigionieri di guerra. Si trattava del favoloso tesoro di Decebalo, che lo stesso re avrebbe nascosto nell'alveo di un piccolo fiume (il Sargetia) nei pressi della capitale, Sarmizegetusa Regia[9].

Al ritorno dalla campagna fu tributato a Traiano un grandioso trionfo, con spettacoli gladiatorii (ludi) e corse dei carri nel Circo Massimo; si dispose, quindi, la costruzione di un nuovo foro che comprendesse anche la presenza di una colonna celebrativa. Qualcuno ha pensato che questi numeri strabilianti fossero frutto di un errore di trascrizione e che la cifra reale dovesse essere divisa per dieci ma, anche se così fosse, il risultato rimarrebbe di eccezionale rilievo[10]. In effetti Traiano sembra abbia ottenuto da questo immenso tesoro circa 2.700 milioni di sesterzi, cifra nettamente più alta di quella sborsata da Augusto per la costruzione del suo foro, come attestano le Res gestae[11]. Oltre a ciò, la conquista contribuì a un aumento permanente delle entrate nelle casse dell'erario grazie alle miniere della Dacia occidentale, che furono riaperte sotto la sorveglianza dei funzionari imperiali[12].

L'impianto del nuovo complesso monumentale, voluto ex manubiis[2] dallo stesso Traiano per celebrare la conquista della Dacia, rese necessario un ampio lavoro di sbancamento, comportante l'eliminazione della sella montuosa che congiungeva il Campidoglio al Quirinale e chiudeva la valle dei Fori Imperiali verso il Campo Marzio[13]. La sella fu in realtà già parzialmente intaccata sotto Domiziano[14], come dimostrano il muro in laterizio sul limite sud-occidentale del Foro di Cesare e le fondazioni della Terrazza domizianea (domus Sexti), su cui attualmente insiste la Casa dei Cavalieri di Rodi[15].

Per realizzare il nuovo foro vennero anche demoliti l'Atrium Libertatis[16], le cui funzioni passarono a una delle absidi della Basilica Ulpia[17], e un tratto delle Mura serviane, entrambi collocati probabilmente sulla sella eliminata[18].

Contemporaneamente al foro, anche per contenere il taglio delle pendici del Quirinale, vennero innalzati i Mercati di Traiano, un complesso di edifici con funzioni prevalentemente amministrative e di archivio, collegato alle attività che si svolgevano nel foro; fu inoltre rimaneggiato il Foro di Cesare, dove si eresse la Basilica Argentaria, e si ricostruì il tempio di Venere Genitrice[19].

Il progetto del nuovo complesso è attribuito nelle fonti antiche ad Apollodoro di Damasco[4], che aveva accompagnato Traiano nelle campagne daciche mettendo a servizio dell'imperatore le sue competenze di architetto nelle attività di supporto tecnico alle operazioni militari (come il ponte di Traiano sul Danubio). I Fasti Ostiensi ci informano che il foro venne inaugurato nel 112 e la Colonna di Traiano nel 113.[3]

Significato del foro nella propaganda imperiale[modifica | modifica sorgente]

Un'interpretazione del foro vedeva in esso una trascrizione monumentale della pianta tipica dei principia, ovvero la piazza principale degli accampamenti militari[20], quale preciso segnale della politica traianea incentrata sulla componente bellica. Sebbene questa interpretazione sia stata poi superata[21], poiché oggi si ritiene che la pianta riproponga quella dell'Atrium Libertatis di Gaio Asinio Pollione[22], la decorazione del complesso è una celebrazione dell'esercito vittorioso e soprattutto delle virtù del suo comandante, lo stesso imperatore, protagonista delle scene di guerra rappresentate nei rilievi scultorei e raffigurato nelle statue, quella posta in cima alla Colonna Traiana (sostituita nel 1588 da quella di san Pietro) e quella equestre più grande del vero collocata al centro della piazza. Anche alcuni indizi epigrafici[23] suggeriscono una glorificazione di Traiano legata al suo ruolo di vittorioso generale. Vi sono tuttavia anche elementi che sottolineano più la pacificazione ottenuta con la vittoria (pax romana) che la pura e semplice gloria militare (virtus).

Alla glorificazione e futura apoteosi dell'imperatore, determinata dalle sue virtù, alludono anche i diversi fregi figurati degli edifici del complesso, con grifoni, sfingi, vittorie e amorini[24]. La sepoltura di Traiano nel basamento della colonna onoraria rappresenta il culmine di questo intento celebrativo.

Funzioni[modifica | modifica sorgente]

Il complesso veniva utilizzato per varie funzioni: un procurator Fori Divi Traiani, ricordato in un'iscrizione rinvenuta nei Mercati[25], doveva amministrare le varie attività che vi si svolgevano. Sappiamo dalla Forma Urbis Severiana che una delle absidi della Basilica Ulpia aveva ereditato le funzioni dell'Atrium Libertatis, dove si dovevano svolgere le cerimonie di manomissione degli schiavi[24]. Certamente fu sede di cerimonie pubbliche di vario genere:

« Dopo aver prosciugato il tesoro per questa guerra, ormai, non potendo più richiedere alcuna nuova imposta straordinaria sui provinciali, tenne una vendita pubblica nel Foro del divo Traiano di molti degli arredi imperiali, e vendette i calici d'oro, cristallo e murrina, caraffe fatte per i re, le vesti di sua moglie di seta ricamate in oro, e anche i gioielli che aveva trovato in numero considerevole in un armadio sacro di Adriano. Questa vendita andò avanti per due mesi, tanto che fu realizzata una grande quantità di oro, in modo tale da poter condurre a termine la guerra contro i Marcomanni in piena conformità con i suoi piani. Diede inoltre la possibilità agli acquirenti di sapere che, qualora qualcuno di loro avesse voluto restituire il suo acquisto e recuperare i suoi soldi, avrebbe potuto farlo. Né si rese poco gentile con chi preferì non restituire ciò che aveva comprato »
(Historia Augusta, Vita Marci Antonini philosophi, XVII, 4-5)

Marco Aurelio dispose, inoltre, che nel Foro di Traiano fossero innalzate statue in ricordo dei generali che per lui combatterono durante le guerre contro le popolazioni del nord[30], mentre Commodo, che era solito farvi apparizioni in pubblico, vi distribuì almeno un congiarium[31].

Le basiliche erano tradizionalmente sede dei tribunali e dell'attività giudiziaria[24], e a questo scopo potevano servire le absidi, spazi separati e raccolti rispetto alla navata centrale[32]. Inoltre, in epoca tarda, si tenevano nel foro lezioni e attività culturali (forse con sale di lettura e scuole), presumibilmente nelle esedre dei portici[33].

La Historia Augusta ricorda, infine, che l'imperatore Aureliano, allo scopo di aumentare il senso di sicurezza dei cittadini, ordinò che i registri dei debiti dovuti allo Stato fossero bruciati, una volta per tutte, proprio nel Foro di Traiano[34].

Storia successiva[modifica | modifica sorgente]

Il confronto tra ricostruzione ipotetica della colossale statua equestre di Traiano (conservatasi solo attraverso le raffigurazioni numismatiche) e quella di Marco Aurelio, oggi nel Palazzo dei Conservatori a Roma.
Traiano: Denario[35]
TRAIANUS RIC II 291 732081.jpg
IMP Traiano AVG GER DAC P M TR P COS VI P P, testa laureata a destra; S P Q R OPTIMO PRINCIPI, statua equestre di Traiano verso sinistra, lancia e spada in mano (o una piccola vittoria).
19 mm; 3,35 g; 7h; coniato nel 112/114/115.

La piazza del foro era perfettamente conservata nel IV secolo, come testimonia la meraviglia di Costanzo II in visita a Roma nel 357. In particolare egli fu colpito dalla colossale statua equestre di Traiano[36]:

« [...] quando giunse al Foro di Traiano, che crediamo costruzione unica al mondo, stupefatto anche per il consenso degli Dei, si fermò attonito, rimirandosi tutto intorno tra le costruzioni imponenti, difficili da descrivere e non più imitabili dai mortali. E così messa da parte la speranza di impegnarsi nella costruzione di opere similari, diceva di voler e potere imitare solo il cavallo di Traiano, collocato in mezzo all'atrio, che portava l'imperatore »
(Ammiano Marcellino, Res gestae, XV, 10, 15)

Ancora nel V secolo la piazza era uno spazio pubblico, nel quale si erigevano statue a personalità illustri della vita culturale del Tardo impero, come quelle dei poeti Merobaude[37] e Sidonio Apollinare[38].

Nel VI secolo il complesso conservava tutto il suo splendore, come testimonia Cassiodoro[39], ed ancora agli inizi del VII le fonti ci rendono noto di come nelle biblioteche si tenessero recite pubbliche[40].

Nel 663 l'imperatore bizantino Costante II "il Barba" fece asportare dal foro alcune statue ed altri arredi[41]; l'iscrizione della colonna onoraria rimase, ad ogni modo, ben visibile fino alla metà dell'VIII secolo[42].

Nell'VIII secolo il complesso forense suscitava ancora l'ammirazione dei contemporanei[43], ma probabilmente non sopravvisse al tremendo terremoto dell'801, che ne fece crollare gran parte delle strutture segnandone la fine[44].

Intorno alla metà del IX secolo le lastre della pavimentazione marmorea della piazza furono sistematicamente sottratte per essere riutilizzate. L'intervento, piuttosto impegnativo, fu probabilmente condotto ancora in ambito pubblico e i marmi ricavati dovettero essere utilizzati per farne calce di ottima qualità per qualche opera dell'epoca; lo spazio mantenne tuttavia una funzione pubblica e fu ripristinata una pavimentazione in acciottolato, mentre una parte del complesso cominciò a essere occupata da vigne e orti[45].

I problemi d'impantanamento di tutta l'area, causati dall'intasamento delle fognature romane, portarono a una serie di rialzamenti progressivi del terreno e, nel X secolo, a una prima occupazione con abitazioni sparse tra gli elevati degli edifici del foro, che dovevano essere ancora in gran parte conservati. Nell’XI secolo il complesso fu trasformato in fortilizio dalla potente famiglia romana dei Frangipane.

La zona ospitò anche alcuni complessi religiosi: le chiese di San Lorenzo ai Monti, di Santa Maria in Campo Carleo e di San Niccolò de Columna. Quest'ultima, menzionata a partire dal 1032, fu costruita, come ricorda il nome, in addosso alla Colonna di Traiano, utilizzata come campanile[46].

La Basilica Ulpia e le due biblioteche rimasero in piedi fino al XV secolo, in parte scoperchiate e depredate di molte decorazioni[47], mentre all'interno del foro cominciarono a insediarsi diverse abitazioni private e un mercato (Macellum Corvorum)[45].

Il lato meridionale del foro rimase in parte integro, almeno fino alla metà del XVI secolo, sebbene già dal 1263 si fossero ad esso addossate prima la chiesa di Sant'Urbano e, dal 1432, quella di Santa Maria, totalmente restaurata.

Fra il XII e il XIV secolo i Mercati di Traiano furono trasformati in struttura difensiva, nota con il nome di Castellum Miliciae, culminante nella Torre delle Milizie con funzione di mastio della struttura militare. A sud della colonna venne realizzato nel 1432 il Monastero dello Spirito Santo, mentre nel 1536 la chiesa addossata alla colonna fu abbattuta da papa Paolo III e la colonna privata della campana.

Il complesso forense fu oggetto per decenni di un'accanita attività di spoliazione da parte dei costruttori privati allo scopo di recuperare materiale edilizio da reimpiegare, in particolare marmi e "tegolozza"[48].

Tra il 1567 ed il 1570 un consistente rialzamento del terreno a scopo di bonifica dovuto al cardinale Michele Bonelli permise la costruzione del quartiere detto Alessandrino, i cui edifici si impiantarono su quelli più antichi, utilizzati come cantine. L'icnografia di questo quartiere restò praticamente immutata sino alle demolizioni mussoliniane per l'apertura di via dei Fori Imperiali[49].

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Arte traianea.

Il foro (300 x 185 metri) si disponeva parallelamente al Foro di Cesare (a nord-ovest di questo) e perpendicolarmente a quello di Augusto, con la basilica sopraelevata di alcuni gradini[5]. Tutti gli edifici del Foro di Traiano erano ricoperti di marmi e stucchi, nonché adorni di sculture e pitture parietali[50].

Il complesso comprende, nell'ordine:

Nelle ricostruzioni ottocentesche, poi riproposte per tutto il XX secolo, chiudeva il complesso il tempio del Divo Traiano e di Plotina, incorniciato da un portico ricurvo nel lato terminale, secondo le fonti[54] edificato da Adriano dopo il 121. I sondaggi archeologici del 1998-2000, però, non ne hanno trovato traccia e la sua reale collocazione è tornata ad essere un problema aperto; di questo tempio sappiamo veramente pochissimo poiché, a parte l'iscrizione dedicatoria, rimangono i resti di un solo capitello (alto ben 2,12 metri), che possono dare l'idea di quanto grandioso fosse l'edificio, con colonne alte probabilmente attorno ai 20 metri[33]. L'elemento più originale della pianta era la presenza della basilica al posto del consueto tempio a chiudere il lato principale della piazza[22].

La piazza e i portici[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Statua equestre di Traiano.

Il foro vero e proprio era costituito da una vasta piazza rettangolare con portici sui due lati, chiusa sul fondo dalla Basilica Ulpia e ornata dalla colossale statua equestre di Traiano. La piazza era pavimentata con circa tremila lastre rettangolari di marmo bianco[22].

Lato sud-orientale[modifica | modifica sorgente]

Traiano: Aureo[55]
TRAJAN RIC II 255 - 859421.jpg
IMP Traiano AVG GER DAC P M TR P COS VI P P, busto laureato con drappeggio e corazza verso destra; Arco di Traiano, entrata trionfale del Foro di Traiano: facciata di un edificio esastilo, sormontato da statue e un carro trionfale a sei cavalli con tre figure verso sinistra e destra (due soldati e al centro un trofeo dei Daci); quattro statue negli archi sottostanti; FORVM TRAIAN[I] in esergo.
19 mm; 7,13 g; 7 h; coniato nel 112/115.
I resti del cortile meridionale, vista da nord
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Arco di Traiano (Roma).

Sul lato del Foro di Augusto la piazza era chiusa da un muro in blocchi di peperino ad andamento spezzato, leggermente convesso verso l'esterno, con un tratto centrale e due "ali" oblique[52], decorato da colonne aggettanti con fusti in marmo giallo antico e cipollino del diametro di 1,5 m circa[56].

Questo lato, rivestito internamente di marmi, era inoltre ritmato da un ordine di lesene che rispecchiavano le colonne corinzie della facciata. Il colonnato recava una trabeazione sporgente sulle colonne con il noto fregio con amorini sorgenti da cespi d'acanto che versano da bere a grifoni[57].

È possibile che questa monumentale facciata scenografica, facente sfondo alla statua equestre dell'imperatore, fosse sormontata da un attico con prigionieri daci, molto simile a quello della basilica sul lato opposto della piazza: a questo attico potrebbero appartenere le due statue acefale e la testa di dace in marmo bianco ritrovate negli scavi.

Manca invece ogni traccia dell'arco trionfale, ipotizzato sulla base di alcune raffigurazioni monetali[55], che secondo Cassio Dione[58] fu decretato dal Senato come onore postumo all'imperatore per le sue vittorie in Oriente. L'arco era stato immaginato al centro di questo lato della piazza, quale ingresso monumentale al foro, e sul suo attico erano posti una quadriga trionfale (al centro), trofei e vittorie (ai lati)[59].

Alle spalle di questa facciata colonnata sul lato meridionale della piazza, si apre inoltre una vasta sala che ne segue l'andamento trisegmentato e, nel settore centrale rettilineo, permette di accedere a un cortile, circondato almeno su tre lati da portici rialzati su podio, con fusti lisci in marmo cipollino. I portici sono pavimentati con lastre rettangolari in marmo cipollino e marmo portasanta. Qui si sono rinvenuti i frammenti di un'iscrizione con il nome dell'imperatore al nominativo[60]. La funzione di questo cortile è tuttora incerta. L'edificio occupa lo spazio che risulta a ridosso dell'esedra settentrionale del Foro di Augusto[45].

Portici laterali ed esedre[modifica | modifica sorgente]

Resti del portico orientale con la retrostante esedra del Foro di Traiano.
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Mercati di Traiano.

I portici laterali, rialzati da due gradini rispetto alla quota della piazza, avevano una considerevole ampiezza[61]. Vi si aprivano due ampie esedre semicircolari coperte[62], che riprendono la pianta del Foro di Augusto, separate dai portici da un diaframma costituito da una fila di pilastri che avevano il medesimo spessore del muro di fondo dei portici e dunque erano rettangolari, ossia più profondi che larghi.

La pavimentazione era costituita da un disegno di quadrati in cui si iscrivevano alternativamente quadrati più piccoli o cerchi, in marmo giallo antico e pavonazzetto. Anche nelle esedre il muro di fondo presentava delle lesene, disposte su due ordini; al centro di questo si apriva una nicchia, inquadrata da colonne in granito del Foro[51].

Probabilmente, come nel vicino Foro di Augusto, anche nelle esedre traianee erano collocate opere d'arte, come testimonia il rinvenimento di tre statue acefale nel pregiato marmo di Taso, leggermente più grandi del vero: un loricato (in corazza o lorica, attualmente esposto nel Museo dei Fori Imperiali), un togato e un altro personaggio seduto, che dovevano probabilmente raffigurare personaggi di rango imperiale[63][64].

Sulla facciata verso la piazza, sopraelevata con due gradini, le colonne del portico erano in ordine corinzio, con fusti rudentati in marmo pavonazzetto. Al di sopra dell'ordine colonnato si innalzava un attico con sculture di prigionieri daci (su due differenti livelli)[22], probabilmente in pavonazzetto della Frigia, alte circa 2,5-3 metri, alternate a clipei ornati da teste ritratto. Tra queste ci sono giunte quella di Agrippina Minore[65] e quella di Nerva (o del padre naturale di Traiano, anch'egli con lo stesso nome del figlio)[66] Ai ritratti dei clipei appartiene anche un busto con corazza ornata da una testa di Gorgone[67]: il motivo riprendeva abbastanza da vicino il modello dell'attico dei portici del Foro di Augusto e la galleria di ritratti probabilmente proseguiva idealmente la serie degli uomini illustri della storia romana rappresentati nelle statue dei portici di quel complesso[51][68].

Negli intercolumni dei portici, e forse qua e là nella piazza, Traiano ed i suoi successori sistemarono numerose statue di uomini di stato e generali che si erano particolarmente distinti nella vita pubblica o militare[69], tra le quali sono ricordate dagli autori antichi quelle di Gaio Mario Vittorino[70] e dell'imperatore Aureliano[71]. Un gran numero di iscrizioni delle statue sono state ritrovate all'interno del recinto del foro, e molte di esse recano l'indicazione del loro posizionamento in foro Traiani, come ad esempio quelle di Marco Claudio Frontone[72], Marco Basseo Rufo[73], del poeta Claudiano[74], di Flavio Eugenio[75] e Flavio Peregrino Saturnino[76], mentre le altre omettono questa specificazione[77].

Una parte del Foro era denominata Porticus porphyretica, probabilmente perché vi erano state collocate colonne o statue di porfido[78].

La Basilica Ulpia[modifica | modifica sorgente]

Traiano: Aureo[79]
TRAIANUS RIC II 247-681131.jpg
IMP Traiano AVG GER DAC P M TR P COS VI P P, busto laureato con drappeggio e corazza verso destra; La facciata della Basilica Ulpia con tre corpi separati "in avanti", ognuno con base a due colonne; sopra l'epistilio centrale, una quadriga trionfale; sopra gli epistili laterali, due bighe; un paio di aquile legionarie nella parte più esterna; BASILICA VLPIA in esergo.
7,24 g; 8 h (zecca di Roma); coniato nel 112.
Disegno ricostruttivo della Basilica Ulpia di J. Guadet.
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Basilica Ulpia.

La Basilica Ulpia, il cui nome deriva dal gentilizio dell'imperatore, chiudeva il lato nord-occidentale della piazza con il suo lato lungo, rialzato per mezzo di tre gradini. Si trattava della più grande basilica mai costruita a Roma. Misurava 170 metri lungo l'asse maggiore e quasi 60 lungo quello minore[24]. La facciata era articolata da tre avancorpi sporgenti, come mostra bene la monetazione di quegli anni[80], ed era sormontata anch'essa da un attico con sculture di prigionieri daci in marmo bianco lunense (alte circa 2,5 metri, con retro poco lavorato per essere ancorate alla parete), che in questo caso si alternavano a pannelli decorati in rilievo con cataste di armi[24][81].

Il coronamento sporgente sopra i Daci recava iscrizioni in onore delle legioni dell'esercito che avevano preso parte, anche solo con vexillationes, alla conquista della Dacia[24]. Si tratterebbe quindi delle seguenti legioni coinvolte:

All'interno la basilica era divisa in cinque navate, fra le quali la più ampia risultava quella centrale, circondata sui quattro lati dalle navate laterali, separate per mezzo di colonne con fusti in granito[24]. Della ricca decorazione del fregio restano solo dei frammenti, su cui sono rappresentate Vittorie che sacrificano tori o che adornano candelabri con ghirlande[24]. La navata centrale presentava un secondo piano, con un colonnato, e forse anche un terzo simile, con fusti lisci in marmo cipollino. Sui lati corti, dietro lo schermo di una terza fila di colonne, si aprivano due absidi[62].

Le biblioteche e la colonna[modifica | modifica sorgente]

Traiano: denario[84]
Traianus Denarius 114 90020186.jpg
IMP Traiano AUG GER DAC P M TR P COS VI P P, testa laureata a destra con drappeggio su spalla. S P Q R OPTIMO PRINCIPI S C, la Colonna di Traiano al centro, sulla cima la statua dell'imperatore, alla base due aquile e la porta d'accesso al monumento.
3,34 g; coniato nel 114 al termine della costruzione della Colonna di Traiano.
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Colonna di Traiano, rilievi della colonna Traiana e conquista della Dacia.

Alle spalle della Basilica Ulpia si trovavano due ambienti disposti simmetricamente ai lati del cortile in cui sorge la Colonna Traiana; si tratta di due ampie sale con pareti ornate da due ordini di colonne, nelle quali si aprivano nicchie accessibili mediante alcuni gradini, mentre sul lato di fondo il colonnato formava un'edicola con frontone che doveva ospitare una statua. Gli ambienti erano pavimentati con grandi lastre in granito grigio, riquadrate da fasce in marmo giallo antico[85].

La presenza delle nicchie sulle pareti ha fatto interpretare gli ambienti come biblioteche[86]; si tratterebbe della Biblioteca Ulpia, citata dalle fonti, nella quale si conservavano all'epoca di Aureliano i libri lintei[87], e che doveva forse custodire i decreti dei pretori[88].

Nello stretto cortile tra le due biblioteche, chiuso dal muro di fondo della basilica e fiancheggiato dai portici con fusti in marmo pavonazzetto che precedevano la facciata dei due ambienti, si trovava la Colonna Traiana, l'unico elemento giunto pressoché intatto del complesso del foro. Questa colonna onoraria, monumento funerario[89] e celebrativo delle imprese militari dell'optimus princeps, è un'opera di rara bellezza e originalità sulla quale, sotto la guida del grande architetto Apollodoro di Damasco[4], numerosi scultori lavorarono a 155 scene e 2.500 figure[90], fino al giorno dell'inaugurazione (avvenuta il 12 maggio del 113). Nel fregio figurato della colonna, che è alta cento piedi romani (29,78 metri), furono scolpite le imprese militari dell'imperatore e dei suoi generali[91], forse prendendo spunto dagli stessi Commentarii di Traiano, scritti ad imitazione di quelli di Cesare. La "narrazione in pietra più perfetta che si conosca" (Italo Calvino) si sviluppava sul fusto similmente ad un rotolo di papiro (volumen) e per questo la colonna fu significativamente posta fra le due biblioteche del foro, la latina e la greca[92].

Resti archeologici[modifica | modifica sorgente]

Vista da Nord della Colonna di Traiano.
L'area della piazza del Foro di Traiano e resti di abitazioni medioevali, viste da nord-ovest
Interno della Basilica di San Pietro a Roma, dove sono conservate alcune colonne in marmo cipollino provenienti dalla Basilica Ulpia[94]

L'area del Forum Traiani fu scavata per la prima volta in maniera sistematica nel 1811 durante il periodo dell'occupazione napoleonica[95]. I lavori, affidati a Pietro Bianchi, comportarono la demolizione del Monastero dello Spirito Santo e del Convento di Santa Eufemia che insistevano sulle rovine del foro, giudicati "senza interesse per le arti"[96]. In questa occasione furono riportati alla luce il settore centrale della Basilica Ulpia, il peristilio attorno alla Colonna di Traiano, una parte dell'area forense e numerosi elementi architettonici finemente lavorati[97].

Scavi successivi verificarono alcuni particolari dell'articolazione planimetrica del complesso e portarono alla luce altri frammenti di decorazione architettonica[98].

Nel 1906 Giacomo Boni effettuò dei saggi di scavo nel peristilio attorno alla Colonna traiana, sulle fondazioni della Basilica Ulpia, presso l'angolo settentrionale del cortile tra le due biblioteche e nei Mercati[99].

A partire dal 1928 Mussolini autorizzò, in connessione con l'apertura di via dei Fori Imperiali, scavi su larga scala presso il Foro ed i Mercati di Traiano, che furono completati nel biennio 1930-1931 sotto la direzione di Corrado Ricci e Antonio Muñoz[100]. Venne, dunque, indagato il settore centrale della basilica, i cui fusti in granito grigio della navata centrale furono rialzati in loco, e ancora l'area circostante la Colonna di Traiano (unico elemento architettonico giunto fino ai nostri giorni pressoché intatto), con il cortile e le fondazioni dei portici laterali antistanti le due biblioteche. Tre fusti di colonna in marmo cipollino, rialzati fuori posto lungo il perimetro del moderno recinto, devono essere attribuiti al secondo ordine della navata centrale della basilica. Sempre nello stesso periodo si scavò anche il settore del portico e dell'esedra orientali, ai piedi dei Mercati di Traiano, da cui il foro è separato per mezzo di una via basolata: sono visibili, in parte ricostruiti, i gradini della facciata del portico, con alcuni fusti rialzati in posto, alcuni filari in blocchi di peperino del muro di fondo dei portici e delle esedre e ampi lacerti della loro pavimentazione, con lastre originali oppure di restauro e traccia dell'impronta delle lastre mancanti sullo strato di preparazione.

Contemporaneamente il vecchio scavo ottocentesco venne allargato verso sud-ovest e si rimisero in luce una parte più consistente dell'estremità della basilica, con tracce di pavimentazione, e i resti della cosiddetta biblioteca occidentale[101], lasciati visibili al di sotto di una soletta in cemento armato che attualmente sostiene i giardini lungo via dei Fori Imperiali[102]. La biblioteca occidentale è oggi utilizzata quale deposito dei frammenti architettonici del foro[103].

Infine, il grande scavo giubilare condotto nel 1998-2000 ed i successivi degli anni 2004-2007 hanno permesso di riportare alla luce un settore consistente della piazza, in parte coperto dagli edifici che s'impiantarono in epoche successive sui resti del complesso monumentale. Tra questi resta visibile la fossa di fondazione per la grande statua equestre dell'imperatore, che è risultata spostata verso sud rispetto al centro della piazza, in corrispondenza del centro delle esedre dei portici[45].

Le indagini, condotte dalla Sovraintendenza capitolina, hanno rivoluzionato la tradizionale ricostruzione del complesso monumentale, in particolare per quanto riguarda le due estremità: verso il Foro di Augusto il muro di recinzione meridionale del complesso traianeo mostra una pianta trisegmentata, con un settore rettilineo centrale affiancato da due settori obliqui, invece che curvilinea e leggermente concava dal lato interno. Si ignorava, inoltre, l'esistenza del cortile meridionale[45].

Sul lato opposto settentrionale, in direzione del Campo Marzio, le indagini condotte nei sotterranei di Palazzo Valentini (sede della Provincia di Roma) e della contigua chiesa del Santissimo Nome di Maria, non avrebbero rivelato traccia in questa zona del tempio dedicato da Adriano a Traiano e all'imperatrice Plotina, suoi genitori adottivi, divinizzati dopo la morte[33][45]. Le fonti ricordano che si tratta dell'unico edificio eretto da Adriano sul quale volle iscritto il proprio nome come dedicante, ma non ne precisano la collocazione o l'aspetto. Sotto il palazzo e la chiesa sono invece presenti resti di strutture in laterizio, ancora da indagare, ma che non sembrano pertinenti al complesso forense[33]. I colossali fusti in granito grigio che tradizionalmente si attribuivano alla facciata del tempio sono stati quindi interpretati come facenti tradizionalmente parte di un monumentale propileo di accesso al Foro di Traiano per chi proveniva dal Campo Marzio e la questione della collocazione del tempio è rimasta insoluta. Nel 2011 altre indagini hanno nuovamente riproposto l'esistenza del tempio nella sua collocazione tradizionale[104].

Nel luglio 2005 è stata rinvenuta nella parte meridionale del foro una testa in marmo dell'imperatore Costantino, che doveva appartenere a una statua colossale eretta nel foro a circa due secoli dalla sua inaugurazione. La testa fu riadattata da una scultura precedente, riscolpendo i tratti di Costantino al posto del personaggio precedentemente raffigurato. Dopo la scavo la testa è stata prima temporaneamente esposta nei Musei Capitolini e in seguito collocata nel Museo dei Fori Imperiali dopo la sua inaugurazione.

Nel 2009, durante gli scavi preliminari condotti per la realizzazione della linea C della Metropolitana nell'area adiacente alla chiesa di Santa Maria di Loreto, sono stati rinvenuti resti interpretati come l'Ateneo, un complesso edificato dall'imperatore Adriano nel 135 per ospitare conferenze e letture[105].

Decorazione scultorea e "grande fregio di Traiano"[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Grande fregio di Traiano, Arco di Costantino e Museo della Civiltà Romana.

La decorazione del complesso forense era incentrata sulla celebrazione della vittoria ottenuta in Dacia. Di essa facevano parte le numerose statue di Daci, i rilievi con armi, le iscrizioni in onore delle legioni sul coronamento dell'attico della Basilica Ulpia e i basamenti che dovevano sorreggere insegne, di incerta collocazione, con iscrizione in onore di altri corpi militari, lo stesso fregio della Colonna Traiana e, probabilmente, il cosiddetto grande fregio di Traiano, reimpiegato sull'Arco di Costantino.

Il "grande fregio" era formato dai quattro grandi pannelli reimpiegati sull'Arco di Costantino, due nel passaggio del fornice centrale e due in alto sull'attico, che combaciano perfettamente per un'altezza di 3 metri sviluppandosi per circa 18 di lunghezza[107]. Il fregio raffigurava le gesta dell'imperatore Traiano al termine della conquista della Dacia (101-107), che culminava con un trionfo, quale continuazione del fregio coclide[108].

Il fregio storico, dove i Daci sono ben riconoscibili nei loro costumi, è stato confrontato coi rilievi della Colonna Traiana, ipotizzando la presenza della stessa mano d'artista nelle due opere, a causa della forte similitudine di alcune scene (scena LI: Traiano riceve le teste di due capi daci e le scene di cavalleria alla carica), sebbene nel fregio manchino gli intenti di fedele ricostruzione storica degli avvenimenti e della sequenza temporale propri della colonna. L'artista, denominato "Maestro delle imprese di Traiano", è stato congetturalmente identificato con l'architetto stesso del foro, Apollodoro di Damasco[109]. Se si tratta della stessa mano, almeno nei disegni e nella concezione dell'opera, siamo comunque di fronte a due contenuti sensibilmente diversi, narrativo-cronistico l'uno e celebrativo-simbolico l'altro, espressi con linguaggi differenti, nonostante alcuni inconfondibili tratti comuni come il solco di contorno per le figure, alcuni schemi compositivi e il ritratto dei barbari vinti quali onorevoli avversari. La presenza della scena dell'adventus ("ritorno"), non presente nella colonna, forma una sorta di prosecuzione del racconto delle imprese di Traiano, anche se con intenti più glorificatorii.

Ricostruzione fotografica del grande fregio di Traiano. Un miglior assemblaggio dei quattro fregi contenuti nell'arco di Costantino si può osservare presso il Museo della Civiltà Romana.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • All'interno dell'area del foro vive una popolazione di granchi di fiume (Potamon fluviatile), una specie presente in Italia centro-meridionale, oggetto di studi di mappaggio genetico da parte della comunità scientifica. Si tratta di una comunità isolata, che manifesta caratteristiche di gigantismo e sembra ambientata da lungo tempo nel sistema fognario del complesso monumentale.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Historia Augusta, Vita Marci Antonini philosophi XXII, 7; CIL VI, 1724 e CIL VI, 1749; cfr. Sidonio Apollinare, Carmina II, 544
  2. ^ a b Aulo Gellio (Noctes Atticae XII, 25) ricorda che nel Foro di Traiano le statue presenti sui fastigi avevano sottoposta l'iscrizione ex manubiis, a significare che erano state fuse con il tesoro sottratto ai Daci; cfr. anche Bennett 2001, op. cit., p. 155.
  3. ^ a b CIL XIV, 4543 = Ladislav Vidman, Fasti ostienses, Praga, Academia, 1982, 48, pl. 12.
  4. ^ a b c Cassio Dione, LXIX, 4, 1; Procopio di Cesarea, De aedificiis, IV, 6, 13; Bianchi Bandinelli 2005, op. cit., p. 261; Coarelli 2008, op. cit., p. 145.
  5. ^ a b Foro di Traiano, Mercatiditraiano.it. URL consultato il 13 dicembre 2011.
  6. ^ a b Cassio Dione, LXVIII, 16, 3.
  7. ^ CIL VI, 966=31215=ILS 306. Il tempio fu inserito nel complesso del foro in un periodo che si ritiene compreso fra il 128 e il 135 (Amanda Claridge [1993]. Hadrian's Column of Trajan. Journal of Roman Archaeology 6: pp. 20-22; Meneghini et al. 1995, op. cit., p. 11). Il tempio è stato ipotizzato in questa posizione anche in alcune ricostruzioni ottocentesche: Canina 1841, op. cit..
  8. ^ De magistratibus, II 28: cfr. Ioan I. Russu [1972]. Getica lui Statilius Crito. Studii Clasice 14: pp. 117 ss. (Statilio Critone, medico di Traiano).
  9. ^ Cassio Dione, LXVIII, 14, 4-5; Plinio il Giovane, Epistulae, VIII, 4, 2. Vedi anche Coarelli 1999, op. cit., pp. 208-209, tavv. 164-165 (CI-CII/CXXXVII-CXL).
  10. ^ Propende per l'esagerazione Roberto Paribeni (1925). L'ordinamento della conquista di Traiano. Dacia 2: p. 1; in generale sul ricchissimo bottino si veda Jérôme Carcopino (1924). Le ricchesses des Daces. Dacia 1: pp. 34 ss.
  11. ^ CIL III, p 0774.
  12. ^ Grigore Arbore Popescu, Le strade di Traiano in G.A. Popescu, Traiano ai confini dell'Impero, Milano 1998, pp. 187-190: 190. ISBN 88-435-6676-8.
  13. ^ A questa sella montuosa è stato generalmente riferito il termine mons menzionato nell'iscrizione sul basamento della Colonna Traiana (CIL VI, 960). L'iscrizione ricorda come l'altezza della colonna onoraria sia pari a quella della sella sbancata nel corso dei lavori di costruzione del complesso forense (ad declarandum quantae altidudinis mons et locus tantis operibus / viribus sit egestus). La questione dell'esistenza e della conformazione di questo mons è un argomento tuttora dibattuto dagli studiosi; per un riassunto delle differenti posizioni vedi: Bianca Maria Tummarello, Foro Traiano. Preesistenze. Il problema del mons in Pensabene et al. 1989, pp. 121 ss. e Roberto Meneghini, Foro di Traiano. Scoperte nell’area attigua al Foro di Augusto in Archeologia Laziale XI (Quaderni di archeologia etrusco-italica 21), 1993, p. 50.
  14. ^ Aurelio Vittore, De Caesaribus, XIII, 5.
  15. ^ Edoardo Tortorici (1993). La "Terrazza domizianea", l'aqua Marcia e il taglio della sella tra Campidoglio e Quirinale. Bullettino della Commissione archeologica comunale di Roma 92 (2): pp. 181-193; Cecamore 1999, op. cit., p. 359.
  16. ^ Cicerone, Epistulae ad Atticum, IV, 17, 7.
  17. ^ Nella Forma Urbis Severiana l'abside reca l'iscrizione LIBERTATIS.
  18. ^ Romolo A. Staccioli, Guida di Roma antica, Milano, Rizzoli, 1994, p. 246.
  19. ^ CIL XIV, 4543; Coarelli 2008, op. cit., p. 125.
  20. ^ Zanker 1970, op. cit., pp. 499 ss.; Markus Trunk (1993). Eine "steinernes Heerlager" in der Stadt?. Archäologischer Anzeiger: pp. 285-291. ISSN: 0003-8105; Meneghini et al. 1995, op. cit., p. 18.
  21. ^ Milella 1995, op. cit., p. 101.
  22. ^ a b c d Coarelli 2008, op. cit., p. 140.
  23. ^ CIL VI, 3493 e CIL VI, 3290.
  24. ^ a b c d e f g h Coarelli 2008, op. cit., p. 141.
  25. ^ CIL VI, 41285a (qui e qui la foto dell'iscrizione originale)]
  26. ^ Platner-Ashby 1929, op. cit., p. 240; Giuseppe Lugli et al., Fontes ad topographiam veteris urbis Romae pertinentes, 8 voll., Roma 1952-1960, pp. 73-78: Codex theodosianus, XIV.2.1; Leges Novellae Valentiniani III XIX.4, XXI.1.7, XXI.2.6, XXIII.9, XXVII.8, XXXXI.7 M
  27. ^ Si veda il rilievo dell'arco di Costantino, su cui, in origine, l'imperatore Marco Aurelio distribuiva alcuni congiaria al popolo di Roma forse davanti alla Basilica Ulpia (Coarelli 2008, op. cit., p. 146).
  28. ^ Historia Augusta, Vita Hadriani, VII, 6; CIL VI, 967.
  29. ^ Historia Augusta, Vita Marci Antonini philosophi, XVII, 4-5; XXI, 9; Eutropio, Breviarium ab Urbe condita, VIII, 13; Aurelio Vittore, De Caesaribus, XVI, 9.
  30. ^ Historia Augusta, Vita Marci Antonini philosophi, XXII, 7-8.
  31. ^ Historia Augusta, Vita Commodi Antonini, II, 1; Sidonio Apollinare, Carmina, II, 254-255.
  32. ^ Aulo Gellio, Noctes Atticae XIII, 25, 2.
  33. ^ a b c d Coarelli 2008, op. cit., p. 146.
  34. ^ Historia Augusta, Vita Divi Aureliani, XXXIX, 3; cfr. Cassio Dione LXXI, 32, 2.
  35. ^ RIC II, 291 var. (drappeggio); BMC III, 445; RSC II, 497a.
  36. ^ Ammiano Marcellino, Res gestae, XV, 10, 15-16. Il reimpiego nell'arco di Costantino di alcune statue di Daci provenienti dal Foro di Traiano e del cosiddetto Grande fregio traianeo, per il quale si è ipotizzata la medesima collocazione, hanno fatto nascere tuttavia la supposizione che qualche parte del complesso fosse stata abbandonata già agli inizi del secolo.
  37. ^ Sidonio Apollinare, Carmina IX, 301 e CIL VI, 1724.
  38. ^ Sidonio Apollinare, Carmina VIII, 8 e Epistulae IX, 16, 25‑28.
  39. ^ Cassiodoro, Variae, VII, 6, 1.
  40. ^ Antonio Nibby, Roma nell'anno 1838, vol. II, Roma 1839, p. 210; Maria Elena Bertoldi, Ricerche sulla decorazione architettonica del Foro Traiano, Roma, L'Erma di Bretschneider, 1962, p. 4.
  41. ^ Nibby 1839, pp. 211-212; Rodolfo Lanciani, La distruzione di Roma antica, Milano 1971, pp. 123-125.
  42. ^ Carlo Cecchelli, Studi e documenti sulla Roma sacra I, Roma 1938, p. 109; Christian Hülsen (1906-1907). La pianta di Roma dell'Anonimo Einsiedlense. Dissertazioni della Pontificia Accademia romana di archeologia 9 (s. II): p. 10.
  43. ^ Mombritius, Sanctuarium seu Vitae sanctorum, Paris, ed. 1910, 594, 596, 604; Itinerario di Einsiedeln 194, 195 Valentini-Zucchetti II.
  44. ^ Ferdinand Gregorovius, Storia della città di Roma nel Medioevo, Roma, Aequa, 1938-1943, p. 11; Emanuela Guidoboni, I terremoti prima del Mille in Italia e nell'area mediterranea. Storia, archeologia, sismologia, Bologna, ING-SGA, 1989, pp. 197, 202.
  45. ^ a b c d e f Archeo 271, op. cit., pp. 42-61.
  46. ^ Christian Hülsen, Le chiese di Roma nel Medio Evo, cataloghi e appunti, Firenze, L. S. Olschki 1927, p. 395.
  47. ^ Meneghini et al. 1995, op. cit., p. 12.
  48. ^ Rodolfo Lanciani, Storia degli scavi di Roma e notizie intorno alle collezioni di antichità I, pp. 143, 170; II, pp. 69, 122-125, 127-129, 134-135, 153; III, pp. 183, 189, 223, 228; IV, p. 189.
  49. ^ Meneghini et al. 1995, op. cit., p. 14.
  50. ^ Bianchi Bandinelli 2005, op. cit., p. 266.
  51. ^ a b c Archeo 312, op. cit., pp. 77-81.
  52. ^ a b Coarelli 2008, op. cit., p. 139.
  53. ^ Bianchi Bandinelli 2005, op. cit., p. 261.
  54. ^ Historia Augusta, Vita Hadriani, XIX, 9; CIL VI, 966=31215=ILS 306.
  55. ^ a b RIC II, 255 variante (busto senza drappeggio o corazza); Calicó I, 1030.
  56. ^ Gli scavi del 1998-2000 hanno confutato la tradizionale pianta curva convessa del lato principale del Foro. Tuttavia il lato convesso e il tempio del Divo Traiano e Plotina, a chiusura del lato nord-occidentale, compaiono in tutte le piante tradizionali dei Fori Imperiali e nel plastico di Italo Gismondi al Museo della Civiltà Romana.
  57. ^ Il fregio si è conservato in due lastre ritagliate dai blocchi originari, conservate nei Musei Vaticani. Ranuccio Bianchi Bandinelli li ha definiti tra i più belli dell'arte decorativa flavio-traianea, assieme a quello traianeo del Foro di Cesare (Bianchi Bandinelli 1976, op. cit., Arte Romana scheda 104; vedi anche Meneghini et al. 1995, op. cit., pp. 27-33).
  58. ^ Cassio Dione, LXVIII, 29.
  59. ^ Meneghini et al. 1995, op. cit., p. 18.
  60. ^ Meneghini 2001, op. cit., p. 263, fig.13.
  61. ^ James E. Packer, Rendering ricostruttivo del portico laterale della grande piazza del Foro di Traiano. URL consultato il 14 dicembre 2011.
  62. ^ a b John Burge & James E. Packer, Disegno ricostruttivo delle esedre laterali del Forum e della Basilica Ulpia. URL consultato il 14 dicembre 2011.
  63. ^ Marilda De Nuccio, Lucrezia Ungaro (a cura di), I marmi colorati della Roma imperiale, catalogo della Mostra (Roma, Mercati di Traiano, 27 settembre 2002 - 19 gennaio 2003), Venezia, Marsilio, 2002, schede nn° 42-44.
  64. ^ Lungo questa facciata, furono inoltre scoperti nel corso degli scavi archeologici degli anni 1926-1933 numerosi elementi scultorei, tra cui un grande frammento del fregio con grifoni (Foto e ricostruzione della posizione: il fregio doveva essere collocato sulle colonne che inquadravano la nicchia al centro del lato di fondo dell'esedra), frammenti di alcune imagines clipeatae dell'attico dei portici e di raffigurazioni di armi e trofei dell'attico della facciata della Basilica Ulpia. Meneghini et al. 1995, op. cit., p. 37.
  65. ^ Foto della testa femminile, tradizionalmente identificata come Agrippina.
  66. ^ Foto della testa maschile.
  67. ^ [http://foto.museiincomuneroma.it/details.php?gid=100&pid=1173 Fotografia del busto con corazza pertinente ai clipei)
  68. ^ Cecamore 1999, op. cit., p. 360.
  69. ^ Historia Augusta, Vita Marci Antonini philosophi XX, 7; Vita Alexandri Severi XXVI, 4: statuas summorum virorum in foro Traiani conlocavit undique translatas.
  70. ^ San Girolamo, Eusebii Chronicon ad a. Abr. p195 (Sch.) e Agostino d'Ippona, Confessiones VIII, 2.
  71. ^ Historia Augusta, Vita Taciti IX, 2.
  72. ^ CIL VI, 31640.
  73. ^ CIL VI, 1599.
  74. ^ CIL VI, 1710.
  75. ^ CIL VI, 1721.
  76. ^ CIL VI, 1727.
  77. ^ CIL VI, 959, CIL VI, 967, CIL VI, 996, CIL VI, 1497, CIL VI, 1540, CIL VI, 1549, CIL VI, 1566, CIL VI, 1653, CIL VI, p2401683, CIL VI, 1725, CIL VI, 1729, CIL VI, 1736, CIL VI, 1764, CIL VI, 1783, CIL VI, 1789, CIL VI, 3559=32989, probabilmente anche CIL VI, 997.
  78. ^ Historia Augusta, Vita Probi 2; CIL XV, 7191; contra vedi SHA 1916, 7.A, 9; 1918, 13.A, 46. Vedi anche Emanuele Papi, s.v. Forum Traiani: Porticus Porphyretica in LTUR II, p. 356, ove il portico è ipotizzato presso le biblioteche.
  79. ^ RIC II, 247; Strack 202b; BMC III, 492; Calicó I, 988; cfr. Cohen II, 42-43.
  80. ^ Vedi nota precedente e RIC II, 616 var. (non drappeggiata); Banti 36.
  81. ^ James E. Packer, Ricostruzione ipotetica della facciata della Basilica Ulpia sul grande Foro di Traiano.
  82. ^ E. Mary Smallwood, Documents illustrating the principates of Nerva, Trajan and Hadrianus, Cambridge, Cambridge University Press, 1966, n° 214. ISBN 0521128943.
  83. ^ Julio Rodriguez González, Historia de las Legiones Romanas, Madrid, Almena Ediciones 2003, p. 726. ISBN 978-8493120788
  84. ^ RIC II, 292; Bauten 50; BMC III, 452; BN 746; Cohen II, 558; Hill 618.
  85. ^ Milella 1995, op. cit., p. 99.
  86. ^ James E. Packer, Disegno ricostruttivo dell'interno delle due biblioteche, a fianco della Basilica Ulpia e della Colonna. URL consultato il 14 dicembre 2011.
  87. ^ Historia Augusta, Vita Divi Aureliani, I, 7.
  88. ^ Historia Augusta, Vita Divi Aureliani, VIII, 1 e XXIV, 7; Vita Taciti, VIII, 1.
  89. ^ Alla base della colonna vennero poste le ceneri degli Augusti Traiano e Plotina in due urne d'oro (Cassio Dione LXIX, 2, 3; Aurelio Vittore, De Caesaribus, XIII, 11; Eutropio, Breviarium ab Urbe condita, VIII, 5, 2; San Girolamo, Eusebii Chronicon ad a. Abr. 2132; Cassiodoro, Chronica, 141).
  90. ^ Bennett 2001, op. cit., p. 90; Cichorius 1896-1900, op. cit.
  91. ^ Il fregio coclide (a chiocciola), lungo 200 metri, si avvolge a spirale attorno al fusto della colonna per ben ventitré volte (Bianchi Bandinelli 2005, op. cit., p. 269). Un calco in gesso dell'intera narrazione è esposto al Museo della Civiltà Romana.
  92. ^ Coarelli 2008, op. cit., p. 144.
  93. ^ Calcani e Abdulkarim 2003, op. cit., p. 55.
  94. ^ Packer 2001, op. cit., p. 155, fig. 139.
  95. ^ Fea 1813, op. cit. e Fea 1829, op. cit., p. 36.
  96. ^ Camille De Tournon, Études Statistiques sur Rome et la partie occidentale des Etats Romains, vol. II, Paris, Treuttel et Würtz, 1831, p. 253; Attilio La Padula, Roma, 1809-1814: contributo alla storia dell'urbanistica, Roma, Palombi, 1958, p. 66.
  97. ^ Antonio Nibby e Famiano Nardini, Roma antica riscontrata, ed accresciuta delle ultime scoperte, con note ed osservazioni critico antiquarie, Roma 1818, pp. 348-358; Carlo Fea, Frammenti di Fasti consolari e trionfali ultimamente scoperti nel Foro Romano e altrove, Roma 1820, XLV; Appendice alla ristampa della Colonna Traiana disegnata et intagliata da Pietro Santi Bartoli, Roma 1825 (?), pp. 3-6; Angelo Uggeri, Edifices de Rome antique deblayés et reparés par S.S. le pape Pie 7 depuis l'an 1804 jusqu' au 1816, Roma 1817 (Journées pittoresques des édifices de Rome ancienne 23), pp. 30-43; C. Bunsen (1829). Specchio cronologico. Bullettino dell'Istituto di corrispondenza archeologica: pp. 32-33; Nibby 1839, pp. 183-221; De Tournon 1831, pp. 253-254, 258, pls. 28-29; Angelo Uggeri, Della Basilica Ulpia nel Foro Trajano: istoria e ristaurazione agli amanti delle antichità romane, Roma 1840, pp. 12-16; Jean Baptiste Cicéron Lesueur, La basilique Ulpienne (Rome) Restauration exécutée en 1823, Paris, Firmin-Didot, 1877, tav. 1; Bertoldi 1962, pp. 7-8; La Padula 1958, pp. 5-10, 65-69; Giorgio Simoncini, Gli scavi del Foro e della piazza Traiana in La Colonna Traiana e gli artisti francesi da Luigi XIV a Napoleone I, catalogo della mostra (Villa Medici, 12 aprile-12 giugno 1988), Roma, Carte Segrete, 1988; Catherine Virlouvet, Il Foro di Traiano in AA.VV. Roma Antiqua. L’area archeologica centrale: "envois" degli architetti francesi (1788-1924), catalogo della mostra (Villa Medici, 29 marzo-27 maggio 1985), Roma, Académie de France à Rome, École franc̜aise de Rome & École nationale supérieure des Beaux-Arts, 1985, pp. 152-207. ISBN 02-7283-010-0.
  98. ^ Ferdinando Albertolli, Fregi trovati negli scavi Foro Trajano con altri esistenti in Roma ed in diverse altre città, Milano, Bettoni, 1824, tav. 4; Luigi Cardinali, Memorie romane di antichità e di belle arti, Roma, Tip. Ceracchi, 1825, p. 24; Carlo Fea (1829). BdI: pp. 36-37; Uggeri 1817, tav. 7; Carlo Fea (1830). BdI: pp. 121-122; G. Hensen (1849). BdI: p. 131, Luigi Canina (1849). BdI: pp. 177-178; Id. (1851). AdI: pp. 131-135; Id., Gli edifizi di Roma antica, vol. II, Roma 1848, tavv. 120, 120A; Rodolfo Lanciani (1869). BdI: p. 237; A. Pellegrini (1870). BdI: pp. 170-171; Lesueur 1877, tavv. 4-5; Rodolfo Lanciani (1886). Notizie degli Scavi di Antichità, pp. 158-159.
  99. ^ Boni 1907, op. cit., pp. 361-427.
  100. ^ Antonio Muñoz (1933). Emporium 78: p. 244; Antonio Maria Colini (1933). Bullettino della Commissione archeologica comunale di Roma: pp. 265-266; Albert W. Van Buren (1937). American Journal of Archaeology 37: p. 499; Giuseppe Lugli (1929-1930). I Mercati Traianei. Dedalo 10: pp. 527-551; Corrado Ricci, Il Mercato di Traiano, Roma, E. Calzone, 1929; Id. (1931). BCAR: pp. 118-221; Henri-Irénée Marrou (1933). REL 10: pp. 469-472; Werner Technau (1932). Archaologische Funden in Italien. Archäologischer Anzeiger 47: pp. 484-486; Rudolf Horn (1932). Die neuesten. Grabungen zur Freilegung der Kaiserfora und der Curia Julia. Gnomon 8: pp. 283-285.
  101. ^ Si tratta di un ambiente rettangolare munito di nicchie, ove si ritiene fossero posti gli armadi che contenevano i rotuli.
  102. ^ Coarelli 2008, op. cit., p. 141.
  103. ^ Coarelli 2008, op. cit., p. 143.
  104. ^ Andrea Carandini, Identificato il tempio di Traiano e Plotina in Il Corriere della Sera, 2 settembre 2011. URL consultato il 14 dicembre 2011.
  105. ^ Carlo Alberto Bucci, Roma, riaffiora l'ateneo di Adriano. Ritrovata la scuola dei filosofi in La Repubblica, 9 ottobre 2009. URL consultato il 14 dicembre 2011.
  106. ^ Meneghini et al. 1995, op. cit., p. 36.
  107. ^ Bianchi Bandinelli 2003, op. cit., p. 48; Bianchi Bandinelli 2005, op. cit., p. 259, fig. 201.
  108. ^ Bianchi Bandinelli 2005, op. cit., p. 258.
  109. ^ Coarelli 2008, op. cit., p. 145; Bianchi Bandinelli 2005, op. cit., p. 261.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Fonti antiche
Corpora e florilegi epigrafici
Monografie, opere collettive e dizionari
  • Carla Maria Amici, Foro di Traiano: Basilica Ulpia e Biblioteche, Roma, Spoleto, Panetto & Petrelli, 1982.
  • Ranuccio Bianchi Bandinelli, Mario Torelli, L'arte dell'antichità classica, Etruria-Roma, Torino, Utet, 1976, ISBN 88-6008-053-3.
  • Ranuccio Bianchi Bandinelli, Il maestro delle imprese di Traiano, Roma, Mondadori Electa, 2003, ISBN 978-8837026677.
  • Ranuccio Bianchi Bandinelli, Roma. L'arte al centro del potere (dalle origini al II secolo d.C.), vol. 1, RCS Corriere della Sera, Milano, RCS, 2005, ISSN: 112908500.
  • Julian Bennett, Trajan, Optimus Princeps: A Life and Times, Bloomington, Indiana University Press, 2001, ISBN 02-5321-435-1.
  • Giuliana Calcani, Maamoun Abdulkarim, Apollodorus of Damascus and Trajan's Column: From Tradition to Project, Roma, L'Erma di Bretschneider, 2003, ISBN 88-8265-233-5.
  • Luigi Canina, Indicazione topografica di Roma antica, Roma, Dai Tipi dello Stesso Canina, 1841.
  • Luisa Cardilli (a cura di), Gli anni del Governatorato (1926-1944). Interventi urbanistici, scoperte archeologiche, arredo urbano, restauri, Collana Quaderni dei monumenti, Roma, Edizioni Kappa, 1995, ISBN 88-7890-181-4.
  • Claudia Cecamore, Foro di Traiano, in Riscoperta di Roma antica, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, 1999, pp. 359-360.
  • Conrad Cichorius, Die Reliefs der Trajanssäule, Berlin, 1896-1900.
  • Filippo Coarelli, La colonna Traiana, Roma, Colombo, 1999, ISBN 88-86359-34-9.
  • Filippo Coarelli, Roma (guida archeologica), Bari-Roma, Laterza, 2008, ISBN 978-8842085898.
  • Giuseppe De Spirito, s.v. Forum Traiani (Età tarda) in Eva Margareta Steinby (a cura di), Lexicon Topographicum Urbis Romae (LTUR), vol. II, Roma, Quasar, 1995, p. 356. ISBN 88-7140-073-9
  • Carlo Fea, Notizie degli scavi nell'Anfiteatro Flavio e nel Foro Traiano, Roma, 1813.
  • Christoph F. Leon, Die Bauornamentik des Trajansforums und ihre Stellung in der früh-und mittelkaiserzeitlichen Architekturdekoraion Roms, Wien-Köln-Graz, H. Bohlaus, 1971.
  • Roberto Meneghini, Luigi Messa, Lucrezia Ungaro, Il Foro di Traiano, Roma, Palombi Editori, 1995, ISBN 88-8651-201-5.
  • Roberto Meneghini, Il Foro di Traiano in Roberto Meneghini e Riccardo Santangeli Valenzani (a cura di), I Fori Imperiali. Gli scavi del Comune di Roma (1991-2007), Roma, Viviani editore, 2007, pp. 83-114. ISBN 88-7993-125-3
  • Marina Milella, La decorazione architettonica del Foro Traiano a Roma in Sebastian Ramallo Asensio (a cura di), La decoración arquitectónica en las ciudades romanas de occidente, atti del convegno internazionale, Cartagena (8-10 ottobre 2003), Murcia 2004, pp. 55-71. ISBN 84-8371-498-1
  • Marina Milella, Il Foro di Traiano in Lucrezia Ungaro (a cura di), Il Museo dei Fori Imperiali nei Mercati di Traiano, Milano, Mondadori Electa, 2007, pp. 192-211. ISBN 88-3705-158-1
  • James E. Packer, s.v. Forum Traiani in LTUR, vol. II, Roma 1995, pp. 341-356, figg. 116, 170-177.
  • James E. Packer, The Forum of Trajan in Rome: A Study of the Monuments, 3 voll., Berkeley, University of California Press, 1997. ISBN 05-2007-493-9
  • James E. Packer, Il Foro di Traiano a Roma. Breve studio dei monumenti, Roma, Quasar, 2001, ISBN 05-2007-493-9.
  • Samuel Ball Platner, s.v. Forum Traiani in S.B. Platner e Thomas Ashby, A Topographical Dictionary of Ancient Rome, London, Oxford University Press, 1929, pp. 237-245.
  • Riccardo Santangeli Valenzani, Il Foro di Traiano in Maria Stella Arena, Paolo Delogu, Lidia Paroli, Marco Ricci, Lucia Saguì e Laura Vendittelli (a cura di), Roma. Dall'antichità al medioevo. Archeologia e storia nel Museo nazionale romano, Crypta Balbi, Milano, Electa, 2001, pp. 606-607. ISBN 88-4357-930-4
  • Lucrezia Ungaro, Il Foro di Traiano: decorazione architettonico-scultorea e programma decorativo in AA.VV., La ciudad en el mundo romano 2, Actes du XIVe Congrés International d'Arqueologia Classica (Tarragona, 5-11 sett. 1993), Tarragona, Institut d'estudis catalans, 1994, pp. 410-413. ISBN 84-8888-208-4
  • Valter Vannelli, Roma, Architettura. La città tra memoria e progetto, Roma, Edizioni Kappa, 1998, pp. 227-266, ISBN 88-7890-299-3.
  • Lucrezia Ungaro, Scoprimento dell'emiciclo del Foro di Traiano (1926-1934) in Luisa Cardilli (a cura di), Gli anni del Governatorato (1926-1944). Interventi urbanistici, scoperte archeologiche, arredo urbano, restauri, Collana Quaderni dei monumenti, Edizioni Kappa, 1995, pp. 39-46, ISBN 88-7890-181-4.
Cataloghi di mostra
  • Marina Milella, Il Foro di Traiano in Eugenio La Rocca in Lucrezia Ungaro, Roberto Meneghini (a cura di), I luoghi del consenso imperiale. Foro di Augusto. Foro di Traiano. Introduzione storico topografica, catalogo della mostra, Roma, Progetti museali, 1995, pp. 91-101, ISBN 88-8651-202-3.
  • Antonella Corsaro, L'architettura e la topografia del Foro di Traiano alla luce dei recenti scavi archeologici (1998-2006) in Paul Damian (a cura di), Dacia Augusti provincia, catalogo della mostra, Muzeul National de Istorie a Romaniei, Bucuresti, Editura Cetatea de Scaun, 2006, pp. 35-50. ISBN 97-3792-595-5
Cataloghi e raccolte numismatiche (abbreviazioni)
  • Banti = Alberto Banti, I Grandi Bronzi Imperiali, vol. II.1 (Nerva, Traianvs), Firenze, 1983.
  • Bauten = Harald Küthmann et al., Bauten Roms auf Münzen und Medaillen: Ausstellung der Staatlichen Münzsammlung München vom 16. Okt. bis 2. Dez. 1973 in den Ausstellungsräumen des Bayerischen Hauptstaatsarchivs München, München, E. Beckenbauer, 1973.
  • BMC = Harold Mattingly et al., Coins of the Roman Empire in the British Museum, London, British Museum, 1923-1963, 6 voll. (vol. III: Harold Mattingly, Robert Andrew Glendinning Carson & Philip V. Hill, Nerva to Hadrian, London, 1936).
  • BN = Département des Monnaies, Médailles et Antiques de la Bibliothèque Nationale de France.
  • Calicó = Xavier F. Calicó, The Roman Aurei, Barcellona, 2003, 2 voll. (vol. I: From the Republic to Pertinax, 196 B.C.-193 A.D).
  • Cohen = Henry Cohen, Description historique des Monnaies frappées sous l'Empire romain, communément appelées Médailles impériales, Paris, 1880-18922, 8 voll. (vol. II: De Nerva à Antonin, 96 à 161 après J.-C.).
  • Hill = George Francis Hill, Historical Roman coins, Chicago, Ares, 1976.
  • MIR = Moneta Imperii Romani, Wien, OAW, 1984-, 14 voll. (vol. XIV: Bernhard Woytek, Die Reichsprägung des Kaisers Traianus, 98-117, Wien, 2010).
  • RIC = Harold Mattingly et al., Roman Imperial Coinage, London, 1923-1994, 10 voll. (vol. II: Harold Mattingly, Edward Allen Sydenham, Vespasian to Hadrian, London, Spink & Son, 1926).
  • RSC = Roman Silver Coins, 5 voll., London 1978-1987 (vol. II: Herbert A. Seaby, Tiberius to Commodus, London 19793).
  • Strack = Paul L. Strack, Die Reichspragungen Zeit des Hadrian, Stuttgart, 1933.
Periodici e riviste
  • Lorenz E. Baumer, Tonio Hölscher, Lorenz Winkler (1991). Narrative Systematik und politisches Konzept in den Reliefs der Traianssäule, Drei Fallstudien. Jahrbuch des Deutschen Archäologischen Instituts 106: pp. 261-295.
  • Elisabetta Bianchi e Roberto Meneghini (2002). Il cantiere costruttivo del Foro di Traiano. Römische Mitteilungen 109: pp. 395-417.
  • Giacomo Boni, Esplorazioni del Forum Ulpium in Notizie degli Scavi di Antichità, vol. 7, 1907, pp. pp. 361-427.
  • Luigi Canina, Scavi del Foro di Traiano in Bullettino dell'Istituto di corrispondenza archeologica, vol. 12, 1849.
  • Luigi Canina, Sulle recenti scoperte del Foro Traiano e della Basilica Ulpia in Annali dell'Istituto di corrispondenza archeologica, vol. 23, 1851.
  • Carlo Fea, Scavi nel Foro Traiano in Bullettino dell'Istituto archeologico germanico in Roma, 1829, pp. p. 36.
  • Burkhard Feher (1985-1986). Das Militär als Leitbild. Politische Funktion und gruppenspezifische Wahrnehmung des Traiansforums und der Traianssäule. Hephaistos 7-8: pp. 39-60.
  • Cairoli Fulvio Giuliani (1983-87). “Mercati” e Foro di Traiano: un fatto di attribuzione. Quaderni della Facoltà di Architettura 1-10: pp. 25-28.
  • Pierre Gros (2005). Les enjeux historiques du débat sur l’ordonnance du Forum de Trajan. Comptes-rendus des séances de l'Académie des Inscriptions et Belles-Lettres 149 (1): pp. 173-197. ISSN: 0065-0536
  • Eugenio La Rocca (1998). Il Foro di Traiano e i fori tripartiti. Römische Mitteilungen 105: pp. 149-173.
  • Eugenio La Rocca (2001). La nuova immagine dei Fori Imperiali. Appunti in margine agli scavi. Römische Mitteilungen 108: pp. 171-213.
  • Eugenio La Rocca (2004). Templum Traiani et columna cochlis. Römische Mitteilungen 111: pp. 193-238.
  • Eugenio La Rocca, Silvana Rizzo, Roberto Meneghini e Riccardo Santangeli Valenzani, Fori Imperiali relazione preliminare degli scavi eseguiti in occasione del Grande Giubileo del Duemila in Römische Mitteilungen, vol. 108, 2001, pp. pp. 171-285, ISBN 38-0533-244-0.
  • Giuseppe Lugli (1965). La date de la fondation du Forum de Trajan. Comptes-rendus des séances de l'Académie des Inscriptions et Belles-Lettres 109: pp. 233-238.
  • Roberto Meneghini (1989). Ricerche nel Foro di Traiano. Basilica Ulpia: un esempio di sopravvivenza di strutture antiche in età medievale. Archeologia medievale 16: pp. 553 e ss.
  • Roberto Meneghini (1993). Nuovi dati sulle biblioteche e il templum divi traiani nel foro di Traiano. Bollettino di Archeologia 19-21: pp. 13-21. ISSN: 1120-2742
  • Roberto Meneghini (1992). Ricerche nel Foro di Traiano. Archeologia medievale 19: pp. 409-436.
  • Roberto Meneghini (1993). Il Foro ed i Mercati di Traiano nel Medioevo attraverso le fonti storiche e d'archivio. Archeologia medievale 20: pp. 79-120.
  • Roberto Meneghini (1998). L'architettura del Foro di Traiano attraverso i ritrovamenti archeologici più recenti. Römische Mitteilungen 105: pp. 127-148.
  • Roberto Meneghini (1998). Roma. Nuovi dati sul medioevo al Foro e ai Mercati di Traiano. Archeologia medievale 25: pp. 127-141.
  • Roberto Meneghini (2001). Il Foro di Traiano. Ricostruzione architettonica e analisi strutturale. Römische Mitteilungen 108: pp. 245-266.
  • Roberto Meneghini (2002). Nuovi dati sulla funzione e le fasi costruttive delle “biblioteche” del Foro di Traiano. Mélanges de l'École française de Rome: antiquité 114 (2): pp. 655-692. ISSN: 1724-2134
  • Roberto Meneghini (2006). I Fori Imperiali: ipotesi ricostruttive ed evidenza archeologica in Lothar Haselberger, John Humphrey, D. Abernathy (a cura di), Imaging Ancient Rome: Documentation-Visualization-Imagination. Proceedings of the Third Williams Symposium on Classical Architecture, held at the American Academy in Rome, the British School at Rome, and the Deutsches Archäologisches Institut, Rome, on May 20-23, 2004. Journal of Roman Archaeology Suppl. Series 61: pp. 145-161. ISBN 18-8782-961-X
  • Roberto Meneghini e Riccardo Santangeli Valenziani, Fori Imperiali in Archeo. Attualità del passato, vol. 271, settembre 2007, pp. pp. 42-61, ISSN: 1120-4559.
  • James E. Packer, Kevin Lee Sarring e Rose Mary Sheldon (april 1983). A New Excavation in Trajan's Forum. American Journal of Archaeology 87 (2): pp. 165-172.
  • James E. Packer (1986). The Southeast Façade of the Basilica Ulpia in Trajan's Forum: the Evidence from the Northeast Colonnade. American Journal of Archaeology 90: pp. 189-190.
  • James E. Packer (1991). Forum Traiani Restitutum: new reconstructions of the excavated buildings in Trajan's forum. American Journal of Archaeology 95: pp. 320-321.
  • James E. Packer (1994). Trajan's Forum again: the Column and the Temple of Trajan in the master plan attributed at Apollodorus (?). Journal of Roman Archaeology 7: pp. 163-182. ISSN: 1047-7594
  • James E. Packer (1991). Trajan's Forum in 1989 (recensione a Pensabene et al. 1989). American Journal of Archaeology 96 (1): pp. 151-162. ISSN: 0002-9114
  • James E. Packer (1998). Trajan's Glorious Forum. Archaeology 51 (1): pp. 32-41 (estratto). ISSN: 0003-8113
  • James E. Packer (2003). Templum Divi Traiani parthici et Plotinae: a debate with R. Meneghini. Journal of Roman Archaeology 16: pp. 109-136. ISSN: 1047-7594
  • Patrizio Pensabene et al. (1989). Foro di Traiano. Contributi per una ricostruzione storica e architettonica. Archeologia classica 41: pp. 27-208. ISSN: 0391-8165
  • Hugh Plommer (1974). Trajan's Forum. Antiquity 48: pp. 126-130.
  • Hugh Plommer (1960). Trajan's Forum. A plea. Proceedings of the Cambridge Philological Society (6): pp. 54-62.
  • Hugh Plommer (1960). The Wall surrounding the Forum of Trajan. Proceedings of the Cambridge Philological Society (186): pp. 57-65.
  • Lawrence Richardson, Jr. (1977). The architecture of the Forum of Trajan. Archaeological News (6): pp. 101-107. ISSN: 0194-3413
  • Sandro Stucchi (1989). Tantis viribus. L'area della colonna nella concezione generale del Foro di Traiano. Archeologia classica 41: pp. 237-292. ISSN: 0391-8165
  • Lucrezia Ungaro, Foro di Traiano: i recenti restauri e le decorazione architettonico-scultorea con particolare riferimento ai portici della piazza in Stefania Quilici Gigli (a cura di), Archeologia Laziale XI.1 (= Quaderni del Centro di Studio per l'Archeologia Etrusco-Italica 23), Roma, CNR, 1995: pp. 151-158.
  • Lucrezia Ungaro, In onore dell'optimus princeps in Archeo. Attualità del passato, vol. 312, febbraio 2011, pp. pp. 77-81, ISSN: 1120-4559.
  • Mark Waelkens (1985). From a Phrygian quarry. The provenance of the statues of the Dacian prisoners in Trajan's forum at Rome. American Journal of Archaeology 89 (4): pp. 641-653. ISSN: 0002-9114
  • Paul Zanker, Das Trajansforum als Monument imperialer Selbstdarstellung in Archäologischer Anzeiger, vol. 85, 1970, pp. pp. 499-544.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Questa è una voce di qualità. Clicca qui per maggiori informazioni
Wikimedaglia
Questa è una voce di qualità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 25 giugno 2012vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti altri suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Criteri di ammissione  ·  Segnalazioni  ·  Voci di qualità in altre lingue