Propileo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un propileo (dal greco προπύλαια, composto di πρό e πύλη, "posto davanti alla porta") è un porticato antistante le porte di un tempio, di un palazzo o di una città.

In ambito ellenico il più antico esempio conservato di propileo monumentale è l'ingresso al temenos del santuario di Afaia (Aφαία) ad Egina, una struttura bifronte in antis, con due colonne doriche su ciascuna faccia. Anche in questo caso come più tardi ad Atene la costruzione serve anche a dissimulare la forte pendenza della via di accesso, attrezzata con scale monumentali. L'opera sarebbe contemporanea alla ricostruzione del recinto sacro da datarsi intorno al 500 a.C. Resti di un precedente ingresso monumentale, evidenziati dagli scavi sono stati datati intorno al 570 a.C.

I Propilei più celebri sono quelli dell'acropoli di Atene.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
Fonti secondarie
  • J. A. Bundgaard, Mnesikles: a Greek architect at work, Copenhagen, 1876.
  • P. Hellström, The planned function of the Mnesiklean Propylaia, Opuscula Atheniensia, 17, pp. 107-21, 1988.
  • L. B. Holland, Erechtheum papers, I, II, III. American Journal of Archaeology, 28, pp. 1-23, 142-69, 402-25, 1924.
  • Ernst-Ludwig Schwandner, Der ältere Porostempel der Aphaia auf Aegina, Berlino, W. de Gruyter, 1985.
  • C. Tiberi, Mnesicle, l'architetto dei Propilei, Roma, Officina edizioni, 1964.
  • T. B. L. Webster, The Temple of Aphaia at Aegina, Journal of Hellenic Studies, 51, no2 pp. 179-183, 1931.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]