Cassio Dione Cocceiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il console e prefetto dell'Urbe, vedi Cassio Dione (console 291).

Lucio Cassio Dione (Cocceiano?)[1] (in latino: Lucius Claudius Cassius Dio (Cocceianus?); Nicea, 155[2]235[3][4]) è stato uno storico e senatore romano di lingua greca, noto principalmente come Cassio Dione o Dione Cassio.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio di Cassio Aproniano, un senatore romano, nacque a Nicea in Bitinia. Stando a fonti epigrafiche, il suo praenomen sarebbe stato Lucius. Il suo nome gentilizio era Cassio, e assunse gli altri due nomi (cognomen e agnomen) in onore del nonno materno Dione Crisostomo, che per primo aveva portato il cognome di Cocceiano dal suo prottettore Cocceio Nerva.[5]Quindi, benché fosse da parte di madre di discendenza greca e benché, nei suoi scritti, abbia adottato in prevalenza la lingua greca della sua provincia natale, deve essere considerato come un romano, in quanto cittadino romano e senatore.[6] Altre fonti epigrafiche aggiungono il nomen "Claudio".[7] Secondo un'altra interpretazione,[8] "Claudio" sarebbe il praenomen, mentre l'agnomen "Cocceiano" deriverebbe da una errata tradizione bizantina che lo confondeva con lo zio. La questione sul suo nome rimane controversa, e gli unici punti saldi sono i nomi Cassio e Dione.

Cassio Dione ha passato la maggior parte della sua vita nel servizio pubblico. Fu senatore sotto Commodo e governatore di Smirne dopo la morte di Settimio Severo. In seguito fu console suffetto verso il 205, e proconsole in Africa e in Pannonia. Alessandro Severo lo tenne in grande stima e lo fece eleggere console per la seconda volta, nel 229 insieme a lui, benché la Guardia pretoriana, irritata contro di lui per la sua severità, avesse richiesto la sua testa. Dopo il suo secondo consolato, essendo avanti con gli anni, si ritirò nel suo paese natale, dove morì.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia romana (Cassio Dione).

Cassio Dione pubblicò una Storia romana in ottanta libri, scritti in lingua greca, frutto delle sue ricerche e del lavoro di ventidue anni. Abbracciava un periodo di 983 anni, dall'arrivo di Enea in Italia e la successiva fondazione di Roma fino al 229. Fino al periodo di Giulio Cesare, egli dà solo un resoconto degli eventi. Dopo, invece, entra più nei particolari, e a partire dal periodo di Commodo è molto più attento e accurato.

Ci sono rimasti frammenti dei primi trentasei libri: ma c'è una parte considerevole del trentacinquesimo libro, sulla guerra di Lucullo contro Mitridate e del trentaseiesimo, sulla guerra contro i pirati e la spedizione di Pompeo Magno contro il re del Ponto. I libri che seguono, fino al LIV compreso, sono quasi tutti completi: riguardano il periodo dal 65 a.C. al 12 a.C., o dalla campagna orientale di Pompeo e la morte di Mitridate alla morte di Marco Vipsanio Agrippa. Il libro LV presenta una considerevole lacuna. Dal cinquantasei al sessanta, entrambi inclusi, che comprendono il periodo dal 9 al 54, sono completi e contengono gli eventi dalla sconfitta di Varo in Germania alla morte di Claudio. Dei seguenti venti libri abbiamo soltanto frammenti ed un magro compendio di Giovanni Xifilino, un monaco dell'XI secolo. L'ottantesimo ed ultimo libro comprende il periodo da 222 al 229, durante il principato di Alessandro Severo. Il compendio di Xifilino conservato comincia con il trentacinquesimo e continua alla fine dell'ottantesimo libro. È molto mediocre e fu composto per ordine dell'imperatore Michele VII Parapinace.

I frammenti dei primi trentasei libri, come sono ora raccolti, sono di quattro generi:

  1. Fragmenta Valesiana, come erano dispersi tra vari scrittori, scoliasti, grammatici e lessicografi, ecc. e che sono stati raccolti da Henri de Valois.
  2. Fragmenta Peiresciana, contenente grandi estratti, trovati nella sezione intitolata "Delle virtù e dei vizi," nella grande raccolta o biblioteca portatile compilata per ordine di Costantino VII Porfirogenito. Il manoscritto è appartenuto a Nicolas-Claude Fabri de Peiresc, uno studioso del XVII secolo.
  3. Frammenti dei primi del 34 libri, conservati nella seconda sezione dello stesso lavoro di Costantino, intitolati "Delle ambasciate." Questi sono conosciuti con il nome di Fragmenta Ursiniana, perché il manoscritto che le contiene fu trovato in Sicilia da Fulvio Orsini.
  4. Excerpta Vaticana, raccolti da Angelo Mai, che contengono frammenti dei libri dall'uno al trentacinque e dal sessantuno all'ottanta. A questi sono aggiunti i frammenti di un continuatore sconosciuto di Dione, che arriva fino al periodo di Costantino I. Altri frammenti di Dione, che appartengono principalmente ai primi trentacinque libri, sono stati trovati da Mai in due MSS Vaticani e contengono l'antologia di Planude. Gli annali di Giovanni Zonara contengono inoltre numerosi estratti da Cassio Dione.

Lo stile[modifica | modifica sorgente]

Cassio Dione ha preso Tucidide a suo modello, ma l'imitatore non è paragonabile con l'originale nella disposizione e nella distribuzione dei materiali o nella solidità della visione e nel ragionamento accurato. Il suo stile è generalmente chiaro, almeno dove non sembra che ci sia corruzione del testo, tuttavia pieno di latinismi. La sua diligenza è fuor di dubbio e grazie alle sue opportunità è ben informato delle circostanze dell'impero durante il periodo in cui è un contemporaneo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ AE 1971, 00430 = Κλ΄ Κάσσιος Δίων. Roman Military Diplomas, Roxan, 133 = L. Cassius Dio, citata da Alain M. Gowing, Dio's Name, Classical Philology, Vol. 85, No. 1 (Jan., 1990), pp. 49-54, The University of Chicago Press.
  2. ^ Secondo Fergus Millar Cassio Dione sarebbe nato verso il 163-164. Cfr. Fergus Millar, Estudy of Cassius Dio, p. 5 e seg. Il rif. è tratto da Cassio Dione, Storia romana (Libri XXXVI-XXXVIII), introduzione, traduzione e note di Giuseppe Norcio, Milano, R.C.S. Libri e Grandi Opere, 1995, p. 12. ISBN 88-17-17032-1
  3. ^ Prof. Cary's Introduction at LacusCurtius
  4. ^ F. Millar, A study of Cassius Dio, Oxford 1966, p. 13
  5. ^ vid. Enciclopedia Treccani, voce "Dione Cassio Cocceiano", Roma, edizione 1949..
  6. ^ La dizione Dione Cassio segue un uso greco; ma, in quanto cittadino romano, è più corretto usare l'ordine dei tria nomina latini.
  7. ^ Bulletin Épigraphique 1971, 454 N. 400.
  8. ^ Alain Gowing, "Dio's Name," Classical Philology 85.1 (1990), pp. 49-54.

Fonti[modifica | modifica sorgente]

La versione originale inglese di questa voce era inizialmente basata sul Harpers Dictionary of Classical Antiquities di H. T. Peck (1898).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Cassius Dio, Roemische Geschichte, trad. Otto Veh, introd. Hans Juergen Hillen, Band I-V [Artemis & Winkler], Düsseldorf, 2009.
  • Cassio Dione, Storia romana, a cura di Alessandro Stroppa, 5 volumi, BUR, Milano, 1995 sgg.
  • Der Kleine Pauly s.v. Cassius III 4, vol.1, 1076-7.
  • The Cambridge History of Classical Literatures, vol. 1; trad. it. La letteratura greca, Mondadori, Milano 1990, vol. 2, pagg. 522-6 e 699-701.
  • U.Ph. Boissevain, Cassii Dionis Cocceiani Historiarum Romanarum quae supersunt, I-V, Berlino 1895-1931 [=1955].
  • Guido Migliorati, Cassio Dione e l'Impero romano da Nerva ad Antonino Pio - alla luce dei nuovi documenti, Milano 2003.
  • G. Urso, Cassio Dione e i Sovversivi. La Crisi della Repubblica nei Frammenti della Storia Romana (XXI-XXX), LED Edizioni Universitarie, Milano 2013, ISBN 978-88-7916-627-0

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Predecessore
Quinto Aiacio Modesto Crescenziano II,
Marco Pomponio Mecio Probo
Console romano
229
con Imperatore Cesare Marco Aurelio Severo Alessandro Augusto III
Successore
Lucio Virio Agricola,
Sesto Cazio Clementino Priscilliano

Controllo di autorità VIAF: 95167625 LCCN: n79084710