Appiano di Alessandria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Appiano di Alessandria (in greco antico Αππιανός, traslitterato in Appianòs; Alessandria d'Egitto, 95 circa - 165 circa) fu uno storico e filosofo greco vissuto durante i regni di Traiano, Adriano e Antonino Pio.

Visse in Egitto e a Roma, fu avvocato ed ottenne la carica di procuratore nella provincia d'Alessandria e Egitto.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Non sono molte le notizie relative alla vita di Appiano, perché la sua nota autobiografia, menzionata alla fine della prefazione della sua opera, è andata perduta. Sempre dalla prefazione, sappiano che Appiano era un uomo di una certa importanza ad Alessandria e che poi si trasferì a Roma per essere impiegato alla corte degli imperatori.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Storia romana[modifica | modifica sorgente]

L'opera principale di Appiano, nonché l'unica conservatasi, è la Storia Romana (Ρωμαικά), in 24 libri, conclusa intorno al 160 d.C. In essa, che è più un insieme di scritti monografici che un'opera unitaria, egli espone la storia di Roma dalle origini alla morte dell'imperatore Traiano (98-117).

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia romana (Appiano).

Note[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]