Ellanico di Lesbo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
P. Oxy. VIII 1084 contenente un frammento dell'Atlantide di Ellanico.

Ellanico (Mitilene, 490 a.C. circa – Atene, 405 a.C. circa) è stato uno storico greco antico, ricordato tra i logografi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ellanico, figlio di Scamone [1], nacque a Mitilene, nell'isola di Lesbo. Sempre dal lessico Suda viene ritenuto contemporaneo di Euripide e Sofocle, quindi vissuto, grosso modo, tra il 480 e il 406 a.C. Si stabilì ad Atene, divenendone un importante cittadino, e rimanendovi fino alla morte. Le sue opere, o quantomeno la storia di Atene, vennero pubblicate all'epoca di Tucidide, che ebbe, infatti, a servirsene e criticarne l'impostazione cronologica [2].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

La varietà dei titoli citati per Ellanico (di cui restano circa 200 frammenti) è riconducibile essenzialmente alla storia genealogica [3], con opere come Asopide , Atlantide, Foronide, Deucalionea, Le denominazioni delle stirpi (ὲθνῶν ὀνομασίαι), Storia delle regioni greche (Aiolikà, Thessalikà, Lesbiakà, Argolikà, Boiotikà), Atthis (Ἀτθίς) - storia dell'Attica in due libri. Alle genealogie mitiche e asiatiche riconducono opere come I fatti di Troia, La fondazione di Chio (Χίου κτίσις), Βαρβαρικὰ νόμιμα (Barbarikà nòmima, sui costumi delle stirpi non greche, comprendente Kypriakà, Lydiakà, Persikà, Skythikà, Aigyptiakà.

Il logografo lesbio, che scrisse in dialetto ionico [4], diversamente dal contemporaneo Erodoto il quale intese documentare con l'esperienza diretta i fatti narrati, si limitò a sviluppare le origini mitiche delle vicende descritte: così, nell'Asopide, trattava del mito di Asopo, nei due libri della Foronide si occupava dell'eroe Foroneo, considerato il capostipite degli abitanti del Peloponneso e nei due libri de I fatti di Troia trattava della leggenda della fondazione della città fino al viaggio di Enea in Italia.

Un elenco di genealogie erano sostanzialmente la Fondazione di Chio e Le denominazioni delle stirpi. Le sacerdotesse di Hera (Ἱέρειαι τῆς Ἥρας) erano una lista, compilata secondo un presunto ordine cronologico, delle sacerdotesse della dea Hera; opera di cronologia è anche quella dal titolo Vincitori delle Carnee (Καρνειονῖκαι).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tra i tre nomi proposti da Suda, l'ultimo sembra il più probabile, visto che, da altre fonti, risulta che il nome del figlio di Ellanico fosse Scamone.
  2. ^ I 97. Si presume che l'Atthis fosse scritta dopo il 407, ma prima di questa sezione dell'opera tucididea: S. Mazzarino, Il pensiero storico classico, Bari 1973, vol. I, p. 203.
  3. ^ J. Marincola, Greek Historians, Cambridge 2001, pp. 17-18.
  4. ^ Come rilevato nei frammenti testuali pervenutici già da F. W. Sturz, Hellanici Lesbii fragmenta, Lipsiae 1826, pp. 1-30.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • D. Ambaglio e L. Troiani, L'opera storiografica di Ellanico di Lesbo. Gli ebrei e lo Stato pagano in Filone e in Giuseppe, Pisa 1980 ISBN 8842709638
  • G. Ottone, L'Attike xyngraphe di Ellanico di Lesbo. Una Lokalgeschichte in prospettiva eccentrica. In C. Bearzot - F. Landucci (a cura di), Storie di Atene, storia dei Greci. Studi e ricerche di attidografia, Milano 2010, pp. 53-111 ISBN 978-88-343-1950-5.
  • M. Berti, Hellanikos von Lesbos (FGrHist 4; 323a; 601a; 608a; 645a; 687a), in Brill's New Jacoby

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 37079831 · LCCN: n81119914 · GND: 101004001 · BNF: cb135431248 (data)