Archemaco di Eubea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Archemaco di Eubea (in greco antico Ἀρχέμαχoς) fu un antico scrittore greco le cui opere sono costituite di almeno tre libri [1] che trattano della sua isola nativa (Eubea). È incerto se questo Archemaco sia stato l'autore dell'opera grammaticale Hai Metonymiai (Aι Μετωνυμιαι), [2].

Archemaco era anche il nome, nella mitologia greca, del figlio di Eracle e Patro, figlia di Tespio e Megamede.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Strabone, Geografia, x.; Ateneo, Deipnosofiste, vi.; Clemente di Alessandria, Stromata, i.; Arpocrazione, Lexicon, s. v. "kotylaion oros"; Plutarco, Moralia, "De Iside et Osiride", 27
  2. ^ Scolio ad Apollonio di Rodi, le Argonautiche, iv. 262.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]