Diocle di Pepareto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Diocle di Pepareto (Pepareto, III secolo a.C. – ...) è stato uno storico greco antico.

Abbiamo poche notizie su questo storico e anche poche fonti ne parlano. Stando a Plutarco, sarebbe l'autore di una storia antichissima di Roma, il primo a narrare delle vicende di Romolo e Remo e delle loro origini leggendarie.

Nel libro delle Vite parallele dedicato a Romolo, Diocle di Pepareto viene citato come fonte primaria di queste vicende, da cui avrebbero poi attinto Fabio Pittore e altri storici. Nei capitoli 3 e 8, all'inizio e alla fine delle vicende leggendarie legate alla loro nascita, lo storico è menzionato quasi a suggellarne la paternità del racconto tramandato.

Purtroppo la lacuna sulla vita di questo storico non consente di tracciarne un deciso profilo come narratore e scrittore.

Fonti[modifica | modifica sorgente]

(GRC)
« Τού δέ πίστιν έχοντος λόγου μάλιστα καί πλείστους μάρτυρας τά μέν κυριώτατα πρώτος εις τούς Έλληνας εξέδωκε Διοκλής Πεπαρήθιος, ώ καί Φάβιος ο Πίκτωρ εν τοίς πλείστοις επηκολούθηκε. »
(IT)
« Ma il primo a diffondere fra i Greci la versione più attendibile sulle origini di Roma, la più degna di fede e la più documentata, fu Diocle di Pepareto, con il quale concordò su moltissimi particolari Fabio Pittore. »
(Plutarco, Vite Parallele: Romolo (3,1), traduzione di Gabriella Vanotti)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Plutarco, Vite Parallele: Teseo e Romolo, note e traduzioni di M.Bettalli e G.Vanotti, BUR collana Classici Latini e Greci