Arco di Traiano (Ancona)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
veduta col Duomo
L'Arco di Traiano di Ancona

L'arco di Traiano di Ancona rappresenta certamente una delle testimonianze monumentali più preziose delle Marche romane.

Elegantissimo, venne eretto dal Senato e dal popolo di Roma nel 100-116 d.C. ad opera dell'architetto siriano Apollodoro di Damasco in marmo turco (proveniente dalle cave dell'isola di Marmara) in onore dell'imperatore che aveva fatto ampliare, a proprie spese, il porto della città migliorando le banchine e le fortificazioni. Da qui lo stesso Traiano partì per la vittoriosa guerra contro i Daci, episodio riportato sui bassorilievi della colonna omonima a Roma.

Sull'attico era, secondo la lunga e costante tradizione, la statua equestre di Traiano. Alla destra di Traiano la statua di Plotina, sua moglie; alla sinistra quella di Ulpia Marciana, sua sorella. Le iscrizioni, che tuttora si leggono, erano in bronzo dorato e così i fregi e le statue di cui si impadronirono i saraceni nel 848. A ridosso dell'arco e dalla parte dei Cantieri sorse, nel 950 circa, l'alta torre di Gamba, demolita per utilizzare il materiale nella costruzione della Cittadella (1532). Nel 1859 fu costruita la scalinata; i cancelli qualche anno appresso.

Tuttavia l'opera mantiene ancora oggi lo slancio e l'eleganza di un tempo ed è stata recentemente restaurata, resa pienamente fruibile con l'eliminazione dei sopracitati cancelli, e sottoposta ad interventi di illuminazione che ne hanno esaltato il profilo e valorizzato la particolare posizione rispetto al nucleo storico della città e al colle Guasco ove si erge il Duomo di Ancona. Di questo arco onorario snello, armonioso, evanescente, che è il meglio conservato dei tanti che esistono ed il più elegante, può riferirsi ciò che Plutarco scriveva del Partenone, e cioè che il tempo non lo ha toccato, ma un'aura di freschezza alita ancora intorno ad esso, come se in lui fosse stata infusa una vita eternamente fiorente, e un'anima che giammai s'invecchia.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]