Imetto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Imetto
Hymettus.JPG
Monte Imetto, visto da Est
Stato Grecia Grecia
Periferia Attica
Altezza 1026 m s.l.m.
Coordinate 37°57′46.8″N 23°49′00.01″E / 37.963°N 23.81667°E37.963; 23.81667Coordinate: 37°57′46.8″N 23°49′00.01″E / 37.963°N 23.81667°E37.963; 23.81667
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Grecia
Imetto

L'Imetto (in lingua greca: Υμηττός) è un massiccio montuoso della Grecia, nell'Attica, a sudest di Atene. È conosciuta anche col nome di "Τρελλός" o di "Τρελοβούνι" (la montagna pazza), toponimo che probabilmente deriva dal francese "Très long".

Il massiccio è esteso in lunghezza per 16 km: il punto più alto, il monte Evzonas, è a quota 1026 m. È pertanto la terza cima dell'Attica, in ordine decrescente di altezza, dopo il Parnete (Πάρνηθα, anticamente Πάρνης), e il Pentelico (Πεντέλη; anticamente Πεντελικός).

L'Imetto era famoso nell'antichità per le cave di marmo e, soprattutto, per la bontà del suo miele di timo, tanto che espressioni quali "le api dell'Imetto" o il "miele dell'Imetto" son diventate proverbiali. Anticamente l'Imetto era sacro ad Apollo e a a Zeus (Zeus Imezio). Le api dell'Imetto avevano nutrito il piccolo Zeus e il dio, per ricompensa, avrebbe concesso loro il dono di fare il miele migliore.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ André de Claustre, Dizionario mitologico ovvero della favola, poetico, storico, ec. in cui esattamente si spiega l'origine degli dei, de' semidei, e degli eroi dell'antico gentilesimo, i misteri, i dogmi, il culto, i sacrifizi, i giuochi, le feste e tutto ciò che appartiene alla religione de' gentili, opera del sig. abate de Claustre tradotta dal francese. In Venezia, per Agostino Savioli, 1786. Tomo III, p. 220 [1]
mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca