Inscriptiones Latinae Selectae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Inscriptiones Latinae Selectae (normalmente indicato o abbreviato con ILS) è una raccolta di iscrizioni in lingua latina pubblicata dal'epigrafista Hermann Dessau in cinque parti (tre volumi) tra il 1892 e il 1916. I riferimenti a questo corpus epigrafico latino sono fatti a volte con l'indicazione Dessau o D.

La raccolta comprende circa 10.000 iscrizioni, selezionate tra quelle note e maggiormente significative, ordinate in capitoli in base al loro contenuto.

Le iscrizioni sono identificate da un numero. Tavole di concordanza con il Corpus Inscriptionum Latinarum sono state pubblicate nel 1950 a Roma e nel 1955 a Berlino.

Per ciascuna iscrizione sono riportate la descrizione del supporto e note, in lingua latina.

Elenco dei capitoli[modifica | modifica sorgente]

  • Volume I (1892)[1]
      • capitolo I: monumenti storici repubblicani (Monumenta historia liberar rei publicae)
      • capitolo II: iscrizioni degli imperatori e della famiglia imperiale (Tituli imperatorum domusque imperatoriae)
      • capitolo III: iscrizioni di re e principi stranieri (Titutli rerum et principum nationum exterarum)
      • capitolo IV: iscrizioni di personaggi della classe senatoria (Tituli virorum et mulierum ordinis senatori)
      • capitolo V: iscrizioni di cavalieri (Tituli virorum dignitatis equestri)
      • capitolo VI: iscrizioni di procuratori e ministri imperiali liberti o schiavi (Tituli procuratorum et ministrorum domus Augustae condicionis libertinae et servilis)
      • capitolo VII: iscrizioni di apparitori e schiavi pubblici (Tituli apparitorum et servorum publicorum)
      • capitolo VIII: alcune iscrizioni riguardanti il diritto della città (Tituli nonnulla ius civitatis illustrantes)
      • capitolo IX: iscrizioni militari (Tituli militares)
      • capitolo X: iscrizioni di alcuni illustri uomini di lettere (Tituli virorum nonnullorum in litteris clarorum)
  • Volume II
    • parte 1 (1902)[2]
      • capitolo XI: iscrizioni sacre e di sacerdoti (Tituli sacri et sacerdotum)
      • capitolo XII: iscrizioni riguardanti i giochi (Tituli pertinente ad ludos)
      • capitolo XIII: iscrizioni di opere e luoghi pubblici, cippi di confine, iscrizioni di alcuni edifici privati (Tituli operum locorumque publicorum. Termini. Tituli nonnulla aedificiorum privatorum)
      • capitolo XIV: iscrizioni municipali (Tituli municipales)
    • parte 2 (1906)[3]
      • capitolo XV: iscrizioni di collegi (Tituli collegiorum)
      • capitolo XVI: iscrizioni di mestieri (Tituli ministrorum vitae privatae, opificum, artificum)
      • capitolo XVII: iscrizioni sepolcrali (Tituli sepulcrales)
      • capitolo XVIII: iscrizioni su suppellettili domestiche (Tituli instrumenti domestici)
      • Capitolo XIX: iscrizioni varie (Analecta varia)
      • Appendice con iscrizioni greche (Appendix titolorum Graecorum)

Il volume III (suddiviso nella parte 1, del 1914, e nella parte 2, del 1916)[4]) raccoglie gli indici, alcune nuove iscrizioni e correzioni alle iscrizioni già edite.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Volume I on-line sul sito Archive.org.
  2. ^ Volume II.1 on-line sul sito Archive.org.
  3. ^ Volume II.2 on-line sul sito Archive.org.
  4. ^ Volume III.2 on-line sul sito Archive.org.