Legio I Italica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Legio I Italica
Stempel Leg I Ital.jpg
Impronta di una tegula recante l'iscrizione della legio I Italica
Descrizione generale
Attiva dal 66/67 al V secolo;
Tipo legione imperiale
fortezza legionaria Novae
Comandanti
Comandanti degni di nota legati legionis:

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La Legio I Italica ("dell'Italia") fu una legione romana costituita da Nerone[1] il 20 settembre 66 o 67 e attiva fino al V secolo. I suoi emblemi erano il cinghiale e talvolta il toro.[2]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Fondazione e anno dei quattro imperatori[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Guerra civile romana (68-69).

La legione fu arruolata da Nerone[1] e ricevette le aquile il 20 settembre[3] 66[4] in previsione di una spedizione in oriente;[5] fu costituita da reclute nate in Italia e alte almeno sei piedi romani (1,77 metri circa, poiché un piede corrispondeva a 29,65 cm), che l'imperatore chiamava la "Falange di Alessandro Magno".[6] Ricevette il nome di Italica e fu acquartierata in Mesia inferiore.[7]

A causa della ribellione di Giulio Vindice, Nerone fu costretto ad annullare la sua campagna e ad inviare la legione, assieme ad altre truppe, in Gallia (marzo/aprile 68), probabilmente troppo tardi per essere coinvolta negli scontri, in quanto la rivolta era stata soppressa da Lucio Verginio Rufo, governatore della Germania superiore; la legione probabilmente rimase in Gallia sotto il comando di Petronio Turpiliano e Rubrio Gallo[8]. Nel giugno di quell'anno, però, il Senato romano riconobbe imperatore Galba e Nerone si suicidò. Era evidente che l'esercito del Reno di Verginio (composto dalle legioni XXI Rapax, IIII Macedonica e XXII Primigenia) aveva fatto la scelta sbagliata. Galba, durante il suo viaggio attraverso la Gallia, fece acquartierare la I Italica a Lugdunum (Lione), forse per controllare meglio l'esercito del Reno.

Nel gennaio del 69, l'anno dei quattro imperatori, mentre la I Italica era ancora a Lugdunum sotto il comando del legato Manlio Valente,[9] il governatore della Germania inferiore Vitellio si proclamò imperatore e la I Italica passò dalla sua parte, discendendo col suo esercito in Italia ad affrontare il pretendente Otone, succeduto a Galba. Dopo un primo scontro avvenuto il 14 aprile, l'esercito di Vitellio (composto da V Alaudae, I Italica e XXI Rapax) sconfisse quello di Otone (formato dalla guardia imperiale, dalla XIII Gemina e dalla I Adiutrix) nella prima battaglia di Bedriaco. La I Italica fu la più coraggiosa di tutte le unità presenti sul campo di battaglia,[10] tanto che all'ingresso di Vitellio a Roma la sua aquila fu una delle quattuor legionum aquilae a partecipare alla sfilata per le strade cittadine[11].

Intanto un nuovo pretendente al trono imperiale si era fatto avanti, il comandante delle legioni orientali Tito Flavio Vespasiano, che ottenne anche il sostegno delle legioni danubiane. Quando l'esercito di Vitellio lasciò Roma per andare incontro al nemico, alla fine della colonna erano la I Italica, la XXI Rapax e le vessillazioni delle legioni britanniche,[12] inviate in anticipo a Cremona da Cecina.[13] Senza comandante, a seguito di un fortunato scontro della loro cavalleria, le legioni britanniche uscirono dalla città, ma furono sconfitte dalle truppe di Vespasiano guidate da Vipsanio Messala e costrette a tornare entro le mura cittadine.[14] Nel frattempo sopraggiunsero la I Italica e la XXI Rapax, che si gettarono nottetempo nella mischia per aiutare i loro camerati; nella confusione e nell'oscurità persero di coesione, furono sconfitte e deposero le armi (seconda battaglia di Bedriaco, 24 ottobre).[15]

Subito dopo la vittoria, Vespasiano disperse per tutto l'impero le legioni di Vitellio;[16] la I Italica fu mandata in Mesia, dove il nuovo governatore, Gaio Fonteio Agrippa, la tenne impegnata in una guerra assieme ad altre legioni di Vitellio di dubbia lealtà a Vespasiano.[17] L'esercito mesico subì una cocente sconfitta nell'inverno 69/70 per mano dei Sarmati che avevano invaso la provincia, e Agrippa fu ucciso in questa occasione.[18] Dopo che il nuovo governatore Rubrio Gallo riuscì a scacciare i Sarmati dalla Mesia, le truppe, sia legioni che ausiliari, furono riorganizzate, e la I Italica fu spostata (o rimase) a Novae (Svishtov, Bulgaria).[19]

Da Vespasiano a Settimio Severo[modifica | modifica sorgente]

Denario di Settimio Severo, coniato per celebrare la I Italica, una delle legioni che sostennero la sua lotta per il trono.

La legione rimase a Novae per secoli,[19] come attestato anche dall'Itinerarium Antonini (221.4), dalla Geographia Ravennatis (187.7 e 189.10) e dalla Notitia dignitatum (orientalis xl.30 e 31); basata a Novae, la legione presidiava diversi piccoli presidi sparsi per la provincia le città di Almus (Lom, Bulgaria) e Troesmis (Romania). Poche sono le tegole col marchio legionario, mentre sono numerosi i mattoni con lo stesso marchio e le epigrafe (vedi INSCRIPTIONS LATINES DE NOVAE edito dall'Università Adam Mickiewicz di Poznan in Polonia 1992)[20] Un altare dedicato alla divinità Bonus Eventus ("Riuscita positiva" della legione), proveniente probabilmente dal tempio delle insegne legionarie, fu eretto dal primimpilo della legione nel 182;[21] un altro altare a Liber Pater, sempre dallo stesso tempio, fu dedicato da un altro primimpilo;[22] un terzo primimpilo dedicò ancora un altro altare ai dis militaribus genio virtuti aquiliae sanct(ae) signisque ("Agli dei militari, allo spirito di coraggio e alle sacra aquila e stendardi") il 20 settembre 224, l'anniversario della creazione della legione.[23]

La legione combatté su quei confini nelle guerre di Domiziano e, con Traiano, partecipò alla conquista della Dacia.[24] Per Marco Aurelio difese i confini contro Quadi e Marcomanni e con Settimio Severo si spostò in oriente per battersi con i Parti, ricevendo anche il titolo di Severiana.[23]

Durante il III secolo, e in particolare durante la secondà metà del periodo, il personale della I Italica era promosso al praetorium alquanto frequentemente;[25]

Dalla crisi del III secolo alla Notitia Dignitatum[modifica | modifica sorgente]

Scudo della Prima Italica, derivato dallo schema contenuto nella Notitia dignitatum
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Crisi del III secolo e Notitia Dignitatum.

Questo trattamento preferenziale della legione sarebbe dovuto all'origine delle reclute, per lo più Traci, ben noti all'epoca per la loro ferocia in battaglia; per questo motivo un distaccamento della legione, assieme alla legione gemella XI Claudia entrò poi a far parte del comitatus in epoca dioclezianea, mentre all'epoca di Costantino I furono incorporate tra le truppe di palazzo, le legione palatinae. I Primani della Notitia Dignitatum (orientalis vi.5 = 45) e gli Undecimani, le vecchie I Italica e XI Claudia, furono le uniche unità provenienti dall'antico esercito danubiano. È possibile che la primanorum legio nell'esercito di Giuliano nel 357 vada identificata con la I Italica.[26]

La Notitia dignitatum indica che all'inizio del V secolo la I Italica faceva la guardia ad entrambe le sponde del Danubio, con fortezze a Novae e dall'altra parte del fiume a Sexagintaprista, per il tratto della Mesia inferiore.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Cassio Dione Cocceiano, Storia romana, LV, 24.
  2. ^ Attestati dalle monete e dalla tomba CIL III, 6230.
  3. ^ CIL III, 7591
  4. ^ Anno indicato da CIL III, 14387
  5. ^ Alle Portas Caspias, attuale passo di Chawar, fra i monti delle antiche regioni dell'Armenia e della Media.
  6. ^ Svetonio, Nerone, xix.
  7. ^ Cassio Dione, lv.24.2.
  8. ^ Cassio Dione, lxiii.27.1.
  9. ^ Tacito, Hist., i.59, 64 e 74.
  10. ^ Tacito, Hist., ii.41.
  11. ^ Tacito, Hist., ii.89.
  12. ^ Tacito, Hist., ii.100.
  13. ^ Tacito, Hist., iii.14.
  14. ^ Tacito, Hist., iii.18.
  15. ^ Tacito, Hist., iii.22.
  16. ^ Tacito, Hist., iii.35.
  17. ^ Tacito, Hist., iii.46.
  18. ^ Flavio Giuseppe, Guerra giudaica, vii.4.3.
  19. ^ a b AE 1965, 134; AE 1965, 135a; AE 1966, 345; AE 1972, 528; AE 1973, 480a-b; AE 1975, 754a; AE 1987, 866b; AE 1995, 1334; AE 1996, 1340a; AE 1998, 1130; AE 1998, 1132; AE 1998, 1133; AE 2004, 1243; CIL III, 750 (p 992, 1338); CIL III, 6239a; CIL III, 7438; CIL III, 7441; CIL III, 7617; AE 1999, 1333; AE 1987, 863; AE 1999, 1335; AE 1999, 1332; AE 1972, 526; AE 1937, 97; AE 1988, 984; AE 1932, 53; AE 1985, 735; AE 1982, 849; AE 1996, 1339; AE 1968, 454a; AE 1991, 1374; AE 1983, 878; AE 1993, 1364a; AE 1990, 863; AE 1944, 14; CIL III, 6232.
  20. ^ CIL III, 785, CIL III, 7617, CIL III, 12522
  21. ^ CIL III, 6223
  22. ^ CIL III, 750
  23. ^ a b CIL III, 6224
  24. ^ CIL VI, 3584 e CIL XI, 3100 sono iscrizioni di soldati della I Italica che ricevettero onorificenze nella guerra dacica di Traiano.
  25. ^ CIL VI, 2601, CIL VI, 2785, CIL VI, 2883; si veda anche CIL VI, 2759, in cui la Legio Moesiaca va probabilmente identificata con la I Italica.
  26. ^ Ammiano Marcellino, xvi.12.49.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Ritterling, Emil, "Legio I Italica", Realencyclopädie of Klassischen Altertumswissenschaft, 1407-1417.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]