Primus pilus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Primus pilus
Centurion 2 Boulogne Luc Viatour.jpg
Ricostruzione moderna dell'abbigliamento di un centurione, forse un primus pilus.
Descrizione generale
Attiva Età repubblicana - 476
Nazione Civiltà romana
Tipo ufficiale della legione romana
Guarnigione/QG Castrum
Decorazioni Dona militaria

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Primus Pilus[1] era il titolo detenuto nell'esercito romano dal primo Centurione della legione, ovvero il capo di tutti i centurioni.

Il primus pilus o primipilus era l'unico tra tutti i gradi interni alla legione che potesse essere equiparato al grado di ufficiale secondo il significato moderno ed era a capo della prima centuria della prima coorte.

Il primus pilus era normalmente l'ufficiale anziano che conquistava il suo ambitissimo status grazie ai meriti sul campo. Tuttavia, come per ogni cosa all'interno dell'esercito Romano, in alcuni periodi la carica poteva essere concessa d'autorità, ovvero senza meriti, ma come carriera politica prima ancora che militare.

Non si conoscono gli esatti ruoli del primus pilus, né i suoi effettivi poteri all'interno alla legione. Per la maggior parte degli studiosi il primus pilus era l'ultimo tra gli ufficiali (legati, prefetti e tribuni), e il suo ruolo diventava effettivo solamente in battaglia, comandando la prima centuria. Va tuttavia ricordato il ruolo che la prima coorte aveva in seno alla legione rappresentando la coorte fidata del comandante e quindi una sorta di guardia speciale.

Chi era stato primipilo veniva chiamato primipilare e veniva iscritto dopo il congedo all'ordine equestre e poteva aspirare alla pretura.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ La cinematografia ha tentato di tradurre in italiano in modo molto discutibile tale titolo con l'espressione prima lancia, mentre la tradizione accademica italiana lo ha tradotto con un più appropriato primipilo. Il termine pilus infatti non sottende il pilum o la lancia bensì la posizione all'interno degli schieramenti in battaglia
  2. ^ Tacito, 31 in Historiae, I, p. 52, ISBN 88-02-01848-0.
esercito romano Portale Esercito romano: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di esercito romano