Legio VII Gemina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Legio VII Gemina
LadrilloLVIIGFP.JPG
Tegola romana ritrovata a León (Spagna) e recante l'iscrizione L VII G GORD P F, Legio VII Gemina Gordiana Pia Felix
Descrizione generale
Attiva Galba[1] - V secolo
Tipo legione romana

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La legio VII Gemina ("gemella") nacque nell'Anno dei quattro imperatori (69), quando il governatore della Spagna Tarraconense, Galba, la arruolò per marciare su Roma.[1] Allora, però, si chiamava settima legione. Divenne Gemina dopo che nelle sue file furono inseriti i resti della I Germanica.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La VII si trovava ancora a León (Spagna) alla fine del IV secolo. Non si conosce il suo emblema. Tra i suoi comandanti Publio Cornelio Anullino (177) e Quinto Edio Lolliano Plauzio Avito (202-205).

Al tempo della Notitia dignitatum suoi distaccamenti (vexillationes) erano posti sotto il comando del Magister militum per Orientem.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Cassio Dione Cocceiano, Storia romana, LV, 24.
  2. ^ Not.Dign., in partibus Orientibus, VII.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]