Potamon fluviatile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Granchio di fiume
Potamon fluviatile02.jpg
Potamon fluviatile
Stato di conservazione
Status iucn3.1 NT it.svg
Prossimo alla minaccia (nt)[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Arthropoda
Subphylum Crustacea
Classe Malacostraca
Sottoclasse Eumalacostraca
Ordine Decapoda
Sottordine Pleocyemata
Infraordine Brachyura
Superfamiglia Potamoidea
Famiglia Potamidae
Genere Potamon
Specie P. fluviatile
Nomenclatura binomiale
Potamon fluviatile
(Herbst, 1785)
Sinonimi

Thelphusa fluviatilis
Latreille

Il granchio di fiume (Potamon fluviatile Herbst, 1785) è un crostaceo decapode di acqua dolce, appartenente alla famiglia dei Potamidi.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Ingrandimento degli occhi peduncolati e dell'apparato masticatorio


Il corpo, di colore marrone-grigio con striature giallastre, è diviso in tre segmenti: capo, torace e addome. I primi due (che formano il cefalotorace) sono ricoperti da un carapace chitinoso lungo 35–45 mm. Il capo è munito di un apparato boccale masticatore composto da due mandibole e due paia di mascelle. Gli occhi, sostenuti da un peduncolo, possono essere ritratti nelle cavità orbitali. L'addome è incurvato ventralmente; nelle femmine presenta una tasca addominale per l'incubazione delle uova e il trasporto dei piccoli. Il primo paio di arti è munito di robuste chele di color magenta-viola, utilizzate per la difesa e la predazione, mentre le altre quattro paia hanno funzione locomotoria. Nei maschi adulti si registra una spiccata eterochelia con una chela, solitamente la destra, di dimensioni nettamente superiori.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Vive in tane scavate lungo le sponde di torrenti e di pozze d'acqua dolce. A volte in aree ristrette convivono anche una decina di esemplari. È in grado di tollerare bassi tassi di umidità: ciò gli consente di lasciare il corso d'acqua e di addentrarsi per decine di metri nell'ambiente terrestre. Durante la stagione fredda è raro trovare esemplari al di fuori delle loro tane. La specie è attiva da primavera ad autunno; nei mesi estivi le fasi di attività si concentrano nelle ore dopo il tramonto. I suoi predatori sono ratti, volpi, donnole, uccelli, ed, in passato, anche l'uomo che era solito cibarsi della sua prelibata carne.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

In periodo riproduttivo i maschi ingaggiano tra loro lotte rituali per sancire il diritto all'accoppiamento, tuttavia ogni femmina può accoppiarsi anche con più partner. L'accoppiamento e la successiva ovodeposizione avvengono tra giugno e settembre. Il maschio rilascia alla femmina un sacchetto di sperma, che viene conservato, per un periodo variabile da qualche settimana fino un anno, all'interno di un apposito ricettacolo seminale. La fecondazione delle uova, prodotte dalla femmina all'interno di una tasca dell'addome, avviene successivamente. Lo sviluppo delle uova, circa 200 per ogni covata, è diretto; la schiusa avviene dopo una quarantina di giorni. I piccoli vengono trasportati e accuditi dalla madre per le prime due settimane, durante le quali vanno incontro a due successive mute; una volta rilasciati si riparano sotto i sassi o tra la vegetazione.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Onnivoro. Si ciba di insetti e delle loro larve, di lombrichi, piccoli pesci ed avannotti, di materiale vegetale come alghe e muschi.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Attuale areale della specie

Un tempo era presente in gran parte dei paesi del bacino del Mediterraneo, dal Nord Africa alla penisola Balcanica. Attualmente la sua presenza è confermata in Grecia, Albania, Croazia e Malta. In Italia è presente dalla Sicilia fino all'Appennino Ligure-Tosco-Emiliano nonché in Sardegna e nella Liguria orientale. Una popolazione di Potamon fluviatile è presente nel centro storico di Roma, all'interno dell'area del Foro di Traiano[2]. Tale specie è oggetto di studi di mappaggio genetico da parte della comunità scientifica. Si tratta di una comunità isolata, che manifesta caratteristiche di gigantismo e sembra ambientata da lungo tempo nel sistema fognario del complesso monumentale.

Vive negli ambienti di acqua dolce: torrenti, fossati, canali a moto lento, ambienti lacustri e risaie.

Stato di conservazione[modifica | modifica sorgente]

Negli ultimi anni le popolazioni del granchio di fiume stanno subendo una notevole riduzione in tutto l'areale e la specie è totalmente scomparsa da alcuni corsi d'acqua in cui era storicamente presente. Ciò è dovuto in massima parte all'impatto antropico responsabile di un'indiscriminata e illegale raccolta a scopo alimentare nonché dell'inquinamento dei corsi d'acqua, particolarmente in vicinanza dei centri abitati. Anche i cambiamenti climatici stanno contribuendo alla riduzione degli habitat della specie.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Potamon fluviatile in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ G. Mattias, Il granchio di acqua dolce in WWF Roma XI web site. URL consultato il 30.05.2007.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Herbst J.F.W. Versuch einer Naturgeschichte der Krabben und Krebse, nebst einer systematischen Beschreibung ihrer verschiedenen Arten. Berlin & Stralsund. 1782-1804. Vol. 1-3: 1-515 + pl. 1-62.
  • Bruno S. Pesci e Crostacei d'acqua dolce d'Italia. Giunti Ed., Firenze, 1987.
  • Froglia C. Decapodi (Crustacea Decapoda). In S. Ruffo (ed.) Guide per il riconoscimento delle specie animali delle acque interne italiane, vol. 4, AQ/1/9. Consiglio Nazionale delle Ricerche, Roma, 1978.
  • Gherardi F., Guidi S., Vannini M. Behavioural ecology of the freshwater crab, Potamon fluviatile. Preliminary observation. Investigation Pesquera 1987;51: 389-402.
  • Gherardi F., Micheli F., Monaci F., Tarducci F. 1988. Note sulla biologia ed ecologia del granchio di fiume, Potamon fluviatile. Bollettino del Museo di Storia Naturale della Lunigiana 6-7: 169-174.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi