Carlo Fea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo Fea

Carlo Domenico Francesco Ignazio Fea (Pigna, 2 febbraio 1753Roma, 18 marzo 1836) è stato un archeologo e collezionista d'arte italiano.

Originario di Buggio, frazione di Pigna (IM), si laureò in legge alla Sapienza, ma ben presto cominciò ad essere sempre più affascinato dall'archeologia: allo scopo di ottenere migliori opportunità per le sue ricerche, prese gli ordini sacri nel 1798; nei suoi scritti, tuttavia, non si qualificò mai come abate, ma sempre come avvocato.

A Roma, sull'Esquilino, nel 1781 Fea scoprì la statua del Discobolo, copia romana della celeberrima statua bronzea di Mirone, perduta. Curò l'edizione e il commento della traduzione italiana della Geschichte der Kunst di Johann Joachim Winckelmann, e di alcuni lavori postumi dell'erudito e antiquario Giovanni Lodovico Bianconi (Descrizione dei circhi, particolarmente di quello di Caracalla e dei giochi in esso celebrati, 1789). Tra le sue opere originali, Miscellanea filologica, critica, e antiquaria e Descrizione di Roma.

Per motivi politici dovette rifugiarsi a Firenze: di ritorno a Roma nel 1799, fu imprigionato con l'accusa di giacobinismo dall'esercito dei Borbone di Napoli, che aveva occupato Roma mettendo fine alla Repubblica. Sotto il dominio napoleonico venne subito liberato e nominato Commissario delle Antichità e bibliotecario presso il principe Chigi. Si occupò di razionalizzare la legislazione sul commercio in antichità e sugli scavi archeologici, e intraprese opere di scavo al Pantheon e al Foro Romano.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Vindiciae et observationes iuris: volumen primum, 1782
  • Descrizione Dei Circhi, Particolarmente Di Quello Di Caracalla E Dei Giuochi In Essi Celebrati: Opera Postuma Del Consigliere Gio. Lodovico Bianconi Ordinata E Pubblicata Con Note E Versione Francese Dall'Avvocato Carlo Fea E Corredata Di Tavole In Rame Rettificate E Compite Su La Faccia Del Luogo Dall'Architetto Angelo Uggeri Milanese, 1789
  • Miscellanea filologica critica e antiquaria, Tomo primo, 1790
  • Discorso intorno alle belle arti in Roma, 1797
  • Osservazioni sui monumenti delle belle arti che rappresentano Leda, 1802
  • Relazione di un viaggio ad Ostia e alla villa de Plinio detta Laurentino, 1802[1]
  • Dissertazioni epistolari di G. B. Visconti e Filippo Waquier de la Barthe sopra la statua del Discobolo scoperta nella villa Palombara; con le illustrazioni della medesima pubblicate da Carlo Fea e Giuseppe Ant. Guattani; e coll'aggiunta delle illustrazioni di altri due discoboli dissotterrati nella via Appia e nella villa Adriana, prodotte da Ennio Quirino Visconti; raccolte ed arricchite con note e con le bizarre iscrizioni della villa Palombara da Francesco Cancellieri, 1806
  • L' integrità del Panteon di M. Agrippa ora S. Maria ad Martyres rivendicata al principato..., 1807
  • Ragionamento sopra le Terme Tauriane, il Tempio di Venere e Roma il Foro di Domiziano e d'Augusto ec. con una tavola in rame, 1811[1]
  • Osservazioni intorno alla celebre statua detta di Pompeo: lette il 10. di settembre nell'Accademia Romana d'archeologia, 1812
  • Iscrizioni di monumenti pubblici trovate nelle attuali escavationi dei medesimi, 1813[1]
  • Ammonizioni critico-antiquarie a varii scrittori del giorno, 1813
  • Osservazioni sull Arena e sul Podio dell'Anfiteatro Flavio dopo gli scavi nel medesimo, 1813[1]
  • Nuove osservazioni intorno all'arena dell'anfiteatro Flavio e all'acqua, che ora la ricopre, 1814
  • Nuova descrizione de' monumenti antichi ed oggetti d'arte contenute nel Vaticano e nel Campidoglio, 1819
  • Novelle del Tevere: discorso particolarmente in difesa di S. Gregorio Magno, 1819
  • L' integrità del Panteon rivendicata a Marco Agrippa dall'avvocato Carlo Fea commissario delle antichità, 1820
  • Frammenti di Fasti Consolari e Trionfali Ultimatemente Scoperti nel Foro Romano e Altrove Ora Riuniti e Presentati alla Santità di N. S. Pio Papa Settimo, 1820[1]
  • Pius II. Pont. Max. a calumniis vindicatus. Ternis retractationibus eius quibus dicta et scripta contra Eugenium PP. IV. eiuravit, 1823
  • Varietà di notizie economiche, fisiche, antiquarie sopra Castel Gandolfo, Albano, Ariccia, Nemo loro laghi ed emissarii, sopra scavi recenti di antiquità in Roma e nei contorni etc, 1820[1]
  • La fossa Traiana, 1824
  • Considerazioni storiche fisiche geologiche idrauliche architettoniche economiche critiche dell'Avvocato Carlo Fea ... sul disastro accaduto in Tivoli il dì 16 novembre 1826 colle quali si illustrano anche la storia naturale del paese e varie antichità, 1827
  • Indicazione del Foro Romano e sue principali adiacenze relativa alla contemporanea tavola incisa in rame onde averne qualche idea per lo scavo ordinato nello stesso Foro dalla S. di NS Papa Leone XII nel settembre 1827 con tavola grande incisa in rame, 1827[1]
  • Nuove osservazioni sopra la Divina Commedia, 1830
  • Storia dei vasi fittili dipinti che da 4 anni si trovano nello Stato Ecclesiastico in quella parte che è nell'antica Etruria: colla relazione della colonia Lidia che li fece per più secoli prima del Dominio dei Romani ; Discorso dell'avv. D. Carlo Fea ... diretto all'Instituto di corrispondenza ..., 1832
  • I Reclami del Foro Trajano esposti al pubblico e giustificati, 1832
  • Supplemento allo scritto finora da molti sul celebre musaico scoperto nelle ruine di Pompei: Li 24. Ottobre 1831 dal avvocato Carlo Fea, 1833
  • Jos. Benetti Romani Diss. de Cursu Publico - Compendio storico delle poste specialmente romane antiche e moderne, 1834
  • Il diritto sovrano della santa sede sopra le valli di Comacchio e sopra la repubblica di San Marino difeso dall'avvocato Carlo Fea, 1834
  • Miscellanea filologica critica e antiquaria tomo II, 1836

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g Ripubblicato in Miscellanea II.

Controllo di autorità VIAF: 42054242 LCCN: n88138731 SBN: IT\ICCU\RAVV\078247